fbpx
Connect with us

Ancona

Confermato il caso della Zanzara West nile: Allerta e prevenzione dalla Regione

Pubblicato

il

Zanzara West nile (Il Martino - ilmartino.it -)

MACERATA – La scorsa settimana l’Agenzia Regionale Sanitaria ha comunicato al Ministero della Salute la notifica di un caso di West Nile probabile, che ha interessato una persona 81enne residente nel Comune di Potenza Picena. A seguito di approfondimenti, eseguiti dal Laboratorio di Riferimento Nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità, il caso di malattia è stato confermato. La persona è attualmente in cura ed è in fase di miglioramento.

La positività riscontrata segnala che anche nelle Marche, così come avviene da tempo in regioni del centro nord quali Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, esiste la possibilità che alcune malattie come la West Nile Disease possano essere trasmesse dalla zanzara all’uomo.

Per affrontare la situazione sono state attivate tutte le misure previste dal Piano nazionale integrato di prevenzione, sorveglianza e risposta ai Virus West Nile e Usutu.

In particolare, pur essendo ormai al termine della stagione di maggior attività delle zanzare, dalla scorsa settimana e per le prossime, fino al termine del mese di novembre, il Sistema regionale integrato di sorveglianza delle malattie trasmesse da vettori procederà ad implementare varie azioni preventive (informative per i medici di medicina generale e i pediatri, mappatura delle zone interessate, monitoraggi e controllo entomologico) volte a monitorare situazione e ridurre la possibilità che possano verificarsi ulteriori casi umani di malattia.

L’infezione da virus West Nile decorre nell’uomo in modo asintomatico nella maggior parte dei casi. Nel 20% dei casi possono verificarsi sintomi di lieve natura come febbricola, mal di testa, nausea, vomito. In una piccola percentuale di casi, in particolare nelle persone anziane e debilitate, si possono presentare febbre alta, debolezza muscolare e sintomi neurologici gravi (forma neuroinvasiva).

La malattia si contrae – sottolinea il comunicato della Regione Marche – solo tramite la puntura della zanzara infetta e non può essere trasmessa da uomo a uomo, se non tramite trasfusioni di sangue ed emocomponenti, organi e tessuti di persone con infezione.

Rispetto a questa ultima evenienza, esistono da tempo rigide procedure nazionali di prevenzione di tale rischio. Il genere di zanzara responsabile della Malattia West Nile è la cosiddetta ‘Zanzara Comune’ (Zanzara del tipo Culex), attiva dal tramonto all’alba. Per ridurre il rischio di trasmissione di West Nile la misura preventiva più efficace è quella di evitare la puntura di zanzare.

‘Sebbene ci stiamo allontanando dalla stagione estiva e il calo delle temperature ridurrà notevolmente la circolazione delle zanzaredichiara la PF Prevenzione e Promozione della Salute dell’Agenzia Regionale Sanitariai cittadini possono svolgere un ruolo importante per evitare le ultime punture stagionali di questo insetto’.

A questo proposito, le misure preventive che lo stesso Ministero della Salute raccomanda sono le seguenti:

  • all’aperto, utilizzare con moderazione repellenti cutanei per uso topico; è necessario, comunque, attenersi scrupolosamente alle norme indicate sui foglietti illustrativi dei prodotti repellenti, non utilizzarli sulle mucose o su regioni cutanee in presenza di lesioni e porre particolare attenzione al loro impiego sui bambini e donne in gravidanza e in allattamento;
  • all’aperto, indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo (camicie a maniche lunghe, pantaloni o gonne lunghi e calze);
  • alloggiare in stanze dotate di zanzariere alle finestre ed alle porte d’ingresso avendo cura di controllare che queste siano integre e ben chiuse;
  • nel solo caso di presenza di zanzare in ambienti interni, utilizzare spray a base di piretro o altri insetticidi per uso domestico, oppure utilizzare diffusori di insetticida elettrici, areando bene i locali prima di soggiornarvi.

Ancona

Lavori allo Stadio Carotti di Jesi

Pubblicato

il

jesina - valdichienti ponte 0 a 1

JESI – Con una spesa di circa 30 mila euro saranno effettuati importanti interventi di manutenzione straordinaria allo stadio Carotti e alla antistante fontana dei giardini pubblici. Lo ha deciso la Giunta affidando risorse e lavori a JesiServizi che dal mese scorso ha in gestione sia lo stadio che il parco.

I lavori riguardano l’installazione di reti finalizzate ad impedire la nidificazione e lo stazionamento dei piccioni sul tetto della tribuna centrale, problematica che impone settimanalmente la pulizia delle sedute.

Parallelamente saranno eliminate le infiltrazioni di umidità e la perdita d’acqua nella tribuna centrale che provocava allagamenti in alcuni dei locali di servizio sottostanti. Infine, relativamente alla fontana del parco, saranno effettuati interventi per eliminare le perdite e per installare una pompa di riciclo. I primi due interventi saranno completati entro l’anno, mentre dopo le festività natalizie si procederà ai lavori della fontana

Continua a leggere

Ancona

Funerali di Paola Ponzetti, in tanti per l’ultimo saluto alla giornalista e grafica

Pubblicato

il

paola ponzetti funerali

JESI – Si sono celebrato ieri giovedì 25 novembre,  presso la chiesa di San Giuseppe, i funerali di Paola Ponzetti, la giornalista e grafica deceduta martedì scorso a causa di un malore fulminante. La donna è stata ritrovata riversa nella sua abitazione quando oramai era troppo tardi dal fratello, preoccupatosi dopo numerose chiamate alle quali non aveva risposto.

Tanti gli amici, i parenti e i colleghi che hanno voluto dedicarle un ultimo saluto. «E pensare che sabato ci siamo incontrate mentre lei faceva la sua solita corsa» dice singhiozzando una conoscente. «Era gentile, sempre pronta e disponibile a darti una mano» ricorda un caro amico. In tanti, ancora incredul iper l’improvvisa scomparsa, la ricordano con affetto e la descrivono come una persona dall’animo cordiale, mite e gentile, dedita al lavoro, appassionata di camminate, escursioni e jogging e molto generosa. Il corpo di Paola verrà cremata lunedì 29 novembre alle ore 15,30 a Fano.

Pierpaolo Mascia

Continua a leggere

Ancona

Jesi, preoccupano le condizioni dei ponti San Carlo e San Gabriele

Pubblicato

il

jesi problemi strutturali per due ponti pericolanti San Carlo San Giuseppe

ANCONA –  Due importanti ponti di Jesi, per alcuni osservatori pressoché pericolanti, all’attenzione del Consigliere comunale del Partito Democratico Andrea Binci. Da tempo le due importanti strutture stanno denunciando il loro stato di pericolosità per la viabilità cittadina e la sicurezza pubblica, ma a tutt’oggi sono mancati interventi finalizzati al ripristino ed al restauro delle opere. I due ponti ai quali si riferiscono altrettante interpellanze sono: il ponte San Carlo e quello di via S. Giuseppe.

Per conoscere a che punto è la pratica relativa al ripristino della funzionalità di entrambi i viadotti Binci, nei giorni scorsi, ha inoltrato due interpellanze al Presidente del Consiglio Comunale per “conoscere quali sono gli interventi che l’Amministrazione Comunale ha intrapreso e cosa intende intraprendere, al fine di dare avvio ai lavori”, nel caso del ponte San Carlo, e “di mettere in sicurezza” – il ponte San Giuseppe.

Come ormai le due criticità sono da tempo a conoscenza di tutta la città il ponte San Carlo è da anni vietato al transito di automezzi di peso superiore alle 3,5 tonnellate mentre sull’altro è stato imposto un restringimento per limitare il peso delle troppe auto in transito che un tempo potevano procedere appaiate.

Secondo quanto scritto da Binci durante la sua interpellanza «l’intervento sul Ponte San Carlo deve rimanere prioritario tra gli interventi da svolgere da parte di questa Amministrazione Comunale»; questo perché, oltretutto, le limitazioni al traffico si stanno protraendo ormai da troppi anni con la conseguenza della crescita dell’investimento da fare. Più recente – al momento si tratta di mesi – la criticità strutturale emersa sul ponte di San Giuseppe.

Nel corso della prossima riunione del Consiglio Comunale i vertici del civico consesso dovranno dare risposte chiare e precise, non solo per rispetto dell’interpellante, ma delle migliaia di cittadini che quotidianamente utilizzano quei due ponti pericolanti a Jesi.

Sedulio Brazzini

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy