fbpx
Connect with us

Cronaca Sportiva

Il “Lombardia” nel nome di Gimondi

Avatar

Published

il


Nel nome di Gimondi. Il Lombardia NamedSport, vinto due volte dal Campione di Sedrina nel 1966 e nel 1973, gli renderà omaggio sabato 12 ottobre sul percorso che partirà da Bergamo per chiudersi sul Lungolago di Como. Al vincitore verrà consegnata una maglia celebrativa che ricorderà questa 113esima edizione molto speciale.

Partenza da Bergamo in direzione sud attraversando nei primi 40 km la pianura bergamasca per risalire la val Cavallina fino a Casazza dove si affronta la prima salita della corsa il Colle Gallo. Colle seguito da una discesa veloce fino a rientrare dalla val Seriana su Bergamo. Ci si immette quindi nuovamente in strade di pianura che conducono in Brianza. Passaggio breve per Colle Brianza e discesa su Pescate per puntare su Valmadrera e poi in direzione Oggiono e, infine, attraverso Pusiano, Asso e la discesa su Onno portarsi a Bellagio dove inizia la salita del Ghisallo. Salita con pendenze fino al 14% su strada ampia con diversi tornanti. La discesa, molto veloce, si svolge per lunghi rettilinei e si interrompe a Maglio dove immediatamente dopo la svolta a destra inizia la salita della Colma di Sormano. Alcuni km di media pendenza e quindi poche centinaia di metri dopo Sormano si imbocca a sinistra il Muro di Sormano (2 km al 15%) su strada stretta, molto ripida, in parte all’interno di un boschetto, con tornanti strettissimi e con pendenze che attorno ai 1000 m di percorrenza superano il 25% fino a sfiorare il 30%. Superata la Colma segue la discesa su Nesso dove si riprende la strada costiera per raggiungere Como. Si affronta la dura salita verso Civiglio (614 m) con pendenze praticamente sempre attorno al 10% per ridiscendere e riattraversando Como superare l’ultima salita di San Fermo della Battaglia (m 397). Sono presenti due rifornimenti fissi: il primo a San Sosimo (km 112-115) e il secondo a Onno (km 182-185).

Ultimi km
Ultimi 10 km che iniziano dentro l’abitato di Como, si seguono larghi vialoni fino al sottopasso ferroviario dove inizia la salita finale di San Fermo della Battaglia. La pendenza è attorno al 7% (max 10%). Si superano diversi tornanti fino allo scollinamento che avviene attorno ai 5 km dall’arrivo. La discesa su strada larga termina all’ultimo chilometro. 

Norma Gimondi, figlia di Felice, ha detto: “Questa corsa era una delle grandi classiche che papà amava di più, non solo perché l’ha vinta due volte e quindi gli piaceva sotto un profilo sportivo ma anche perché trovava i suoi amici e i suoi tifosi su queste strade. Oggi sono molto orgogliosa che Il Lombardia sia dedicato a lui ad un mese esatto dalla sua scomparsa. Volevo ringraziare tutti per i tanti messaggi di affetto che sono arrivati anche dopo la sua scomparsa. È la prova che è rimasto nel cuore di tutti”.

Abruzzo

Giulia Basket in campo domani contro il Civitanova

Avatar

Published

il

Neanche il tempo di godersi la bella vittoria contro Ancona che per il Giulia Basket Giulianova è già tempo di campionato, visto che mercoledì alle ore 20:30 sul parquet casalingo di Atri (TE), andrà in scena il recupero dell’ultima giornata del girone di andata. A far visita ai giallorossi di coach Zanchi, sarà la formazione della Rossella Virtus Civitanova, compagine appaiata in classifica, a quota sei punti, proprio al Giulia Basket.I marchigiani arrivano a questo match forti di buon momento di forma, visto che vengono da due vittorie nelle ultime tre uscite stagionali e tra le “vittime” dei ragazzi di coach Mazzalupi ci sono “scalpi” importanti come Roseto e Teramo, quest’ultima battuta all’ultimo tiro solo due giorni fa.Agli ordini di coach Mazzalupi è stato affidato un quintetto con tanti giocatori, come si suol dire, di “categoria”, come l’ex Giulianova Lorenzo Andreani, autore del canestro della vittoria contro Teramo, che in cabina di regia guida con sapienza e talento gli esterni Tommaso Milani e Marco Vallasciani, alla sua quarta stagione a Civitanova. Sotto canestro la coppia di lunghi composta da Riccardo Casagrande, un “califfo” per la categoria, e dai 205 centimetri di Marco Lusvarghi, lungo ex Porto S.Elpidio. Dalla panchina la qualità del “veterano” Francesco Amoroso e del giovane Simone Rocchi.
Le due squadre si sono già affrontate in SuperCoppa, con la vittoria casalinga di Civitanova, ma quella era, in quanto a roster in campo, decisamente un’altra Giulianova. Sempre alle prese con un roster “incerottato”, tra i casi Covid e il recupero di Epifani uscito malconcio dopo la gara contro Roseto, coach Andrea Zanchi, in queste poche sedute di allenamento prima della gara di domani, sta lavorando per tenere alta la concentrazione in vista di un match che, classifica alla mano, riveste una particolare importanza.
Appuntamento con la palla a due, mercoledì 27 gennaio alle ore 20:30, sul parquet del Palasport “Di Nardo, Di Maio e Pasquali” di Atri (TE); arbitrano i sigg. Vincenzo Agnese di Barano d’Ischia (NA) e Danilo Correale di Atripalda (AV)

Continua a leggere

Cronaca Sportiva

Grande Samb: è cinquina contro il Carpi

Luigi Tommolini

Published

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO  – Pioggia e vento al “Riviera delle Palme” ma per la Samb esce una splendida domenica di sole.

Battuto in rimonta il Carpi in maniera netta e incisiva.

La rete degli emiliani dopo dieci minuti è un brutto colpo per i rossoblu che pochi secondi prima avevano perso Shaka Mawuli per infortunio.

Il Carpi del neo allenatore Foschi scheggia anche la traversa ma la Samb colleziona angoli su angoli.

In uno di questi arriva il pareggio con Cristini al primo centro stagionale.

La Samb sfiora il vantaggio con la traversa scheggiata da Lescano che a tre minuti dal riposo segna il gol del sorpasso.

Nel secondo tempo la Samb dilaga.

A segno vanno Angiulli, Lescano e Masini che legittimano la supremazia sul Carpi che onestamente si rassegna a questa larga sconfitta.

Applausi per tutti i protagonisti rossoblu per una cinquina che, in casa, torna dopo cinque anni (6 dicembre 2015, Samb Agnonese 5-2, allenatore Ottavio Palladini) e in serie C dopo quasi 17 anni da quel 5-0 rifilato alla Fermana il 4 aprile 2004, allenatore Salvatore Vullo).

Ora la Samb è attesa da due trasferte: la prima a Gubbio sabato 30 gennaio, la seconda a Fermo mercoledì 3 febbraio.

CRONACA

Primo tempo

Luci artificiali accese

1 calcio d’inizio battuto dal Carpi.

5 Angiulli dalla distanza, parata del portiere avversario

7 infortunio a centrocampo di Shaka Mawuli

8 esce Shaka Mawuli entra De Ciancio

10 Carpi in vantaggio con Mastour che palla al piede in area dalla sinistra supera Nobile

15 ammonito Trillò

18 traversa del Carpi con De Cenco di testa posizione centrale area piccola

28 testa di De Ciancio sotto misura, deviazione in angolo

La Samb colleziona angoli a ripetizione, ne sono sei in questo istante, ma non riesce a sfruttarli

34 pareggio Samb: angolo dalla destra (ottavo della serie) respinta di pugni di Rossini. Nocciolini recupera la sfera, passaggio a Cristini che dai dieci metri supera Rossini. Samb 1 Carpi 1. Prima rete per il difensore rossoblu

38 Samb vicino al vantaggio: cross dalla sinistra di Trillò per la testa di Lescano che da pochi metri scheggia la traversa

39 ammonito Ghion per il Carpi

42 Samb in vantaggio con un gran tiro dai diciotto metri di Lescano che s’infila nell’angolo alto alla sinistra dell’estremo difensore emiliano. Samb 2 Carpi 1. Quinta rete per il giocatore rossoblu

44 ammonito Cristini per la Samb

45 due minuti di recupero

47 finisce il primo tempo con la Samb che ribalta il risultato. Buona la reazione dei rossoblu dopo il gol degli emiliani ad inizio gara

 

Secondo tempo

1 calcio d’inizio della Samb

8 ammonito Gozzi per il Carpi

9 terzo gol Samb con Federico Angiulli: calcio piazzato dai venti metri centrali, barriera e portiere superati con la sfera che s’insacca bassa a fil di palo alla sinistra di Rossini. Per il rossoblu è il quarto gol stagionale, sempre al “Riviera” dopo quelli contro Fermana, Matelica e Virtus Verona

11 Masini in semirovesciata in area. Rossini devia alla meglio e pallone che batte sul palo esterno

19 Quarto gol della Samb con Lescano alla doppietta personale di giornata, sesto gol stagionale

29 ancora Samb. Sulla corsia di sinistra Nocciolini entra in area e dai cinque metri e mezzo tira leggero in porta. Rossini respinge con il corpo

41 quinto gol rossoblu con Masini al suo secondo gol stagionale

43 ammonito Ceijas del Carpi

45 tre minuti di recupero

 

IL TABELLINO

San Benedetto del Tronto – Stadio “Riviera delle Palme”

Domenica 24 gennaio 2021 – ore 15:00

20a giornata (prima di Ritorno) – Serie C girone B

 

SAMB – CARPI  5 – 1 (pt 2 – 1)

Reti: 10pt Mastour, 34pt Cristini, 42pt Lescano; 9st Angiulli, 19st Lescano, 41st Masini.

SAMB (3-4-1-2) Nobile; Cristini(58’ Biondi) , D’Ambrosio, Enrici; Masini, Shaka Mawuli, Trillò(58’ Liporace); Angiulli(75’D’Angelo); Botta; Nocciolini(75’ Bacio Terracino), Lescano

Allenatore Zironelli

CARPI (3-4-1-2) Rossini; Sabotic, Gozzi, Ercolani; Marcellusi (57′ Bayeye), Fofana, Ghion, Lomolino (65′ Ceijas); Mastour (73′ Bellini); Giovannini (57′ Ferretti), De Cenco

Allenatore Foschi

ARBITRO: Michele GIORDANO della sezione di NOVARA.

Assistenti: Mattia MASSIMINO della sezione di CUNEO (Ass. 1) e Claudio GUALTIERI della sezione di ASTI (Ass. 2).

Quarto ufficiale: Davide MORICONI della sezione di ROMA 2.

Ammoniti:  15pt Trillò (S), 39pt Ghion (C), 44pt Cristini; 8st Gozzi, 43st Ceijas (C).

Espulsi:

Angoli: 12 – 3 (pt 9 – 1).

Recupero: 2pt, 3st.

NOTE: gara a “Porte Chiuse” causa CoViD19. Samb in maglia blu con inserto verticale centrale rosso, pantaloncini e calzettoni blu, portiere in Verde. Carpi in completo Rosso, portiere in Bianco. Terna Arbitrale in divisa “Giallo fluo”. Luci Artificiali accese. Calcio d’inizio Carpi che attacca da destra a sinistra rispetto la nostra postazione in Tribuna Stampa. Cielo coperto, pioggia, ventilazione scarsa con sporadiche raffiche da Nord. Temperatura circa 12°C. Terreno in buone condizioni.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Cronaca Sportiva

Samb-Carpi: il precedente e la sintesi filmata

Luigi Tommolini

Published

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In casa rossoblu Samb e Carpi si sono incontrate una sola volta, in serie C1 quasi 30 anni fa, il 20 settembre 1992.

Al “Riviera delle Palme” in quell’ultima domenica d’estate ci sono oltre 4500 spettatori e la giornata è veramente spettacolare e memorabile.

Quattro a zero il risultato finale per i rossoblu di mister Claudio Tobia che schiacciano anche nel gioco il Carpi del mister pesarese Giorgio Ciaschini.

Un meraviglioso gol di Peppe Manari sotto la Curva Nord apre le marcature alla mezzora del primo tempo.

Due minuti più tardi Marco Romiti fallisce il raddoppio servito ottimamente dal compianto Moreno Solfrini. L’attaccante rossoblu va a segno dopo cinque minuti della ripresa inzuccando la sfera di testa su perfetto cross dalla destra di Giorgio Eritreo.

A metà tempo Stefano Visi, poco più che ventenne, salva il risultato su Vincenzo Corrente nell’unico tiro in porta degli emiliani e festeggia la convocazione in Under-21dove in quella stagione collezionerà sette presenze incassando soltanto tre reti. L’anno seguente il portiere rossoblu di Pedaso giocherà anche una gara nell’Under-23.

Il finale è tutto di Pasqualino Minuti. Il laterale d’attacco mette a segno la sua personale doppietta segnando alla mezzora su passaggio di Nicolino Rosati e dieci minuti più tardi dribblando quasi tutta la difesa biancorossa, portiere compreso: è 4-0.

La Samb torna in testa alla classifica (4a giornata: 3 vittorie e un pareggio) e i tifosi sono in delirio. Quattro gol al Riviera non si vedevano da oltre sei anni, in serie B contro il Palermo 4-1 l’8 giugno 1986.

La Samb di Claudio Tobia, però, rallenterà la sua corsa e il tecnico rossoblù verrà sostituito a metà dicembre da Ivo Iaconi sostituito dopo due gare da Zbigniew Boniek. Quest’ultimo, a metà aprile, cederà il posto di nuovo a Ivo Iaconi che conquisterà la salvezza nelle ultime sette partite della stagione.

Gli emiliani, penultimi in classifica, retrocessi con Siena ed Arezzo in Serie C2, verranno successivamente riammessi con il Siena in Serie C1 in sostituzione di Ternana e Taranto escluse per inadempienze finanziarie.

Lo scorso 26 aprile Samb-Carpi non si è giocata per Emergenza CoViD19.

Luigi Tommolini

IL TABELLINO

Domenica 20 settembre 1992

Stadio “Riviera delle Palme”

4a giornata di Andata – Serie C girone A 

SAMB – CARPI  4 – 0 (pt 1 – 0)

Reti: 29pt Manari; 5st Romiti, 32st e 42st Minuti.

SAMB: Visi; Casimirri, Rosati; Piccioni, Grillo, De Simone; Eritreo, Solfrini, Romiti (37st De Martino), Manari (31st Grani), Minuti.

A disposizione: Coccia, Bignone, Di Giannatale.

All.: Claudio Tobia.

CARPI: Rovito; Papone, Paciscopi; Nannini, Golinelli, Cevoli; Protti (11st Rossini), Boron (14st Aselli), Corrente, Vessella, Di Matteo.

A disposizione: Martinelli, Tirelli, Casonato.

All.: Giorgio Ciaschini.

ARBITRO: Luciano MINOTTI della sezione di Frosinone.

NOTE: Spettatori paganti 4681 per un incasso complessivo di 65 milioni di Lire. Samb in maglia rossoblu, pantaloncini e calzettoni blu. Carpi in maglia bianca, pantaloncini e calzettoni rossi. Terna Arbitrale in completo Nero.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy