Femminicidio di Nereto, sdegno e condanna da parte delle CPO di Martinsicuro e Colonnella

femminicidio violenza sulle donne abusi

MARTINSICURO – Lo sconvolgente femminicidio di Nereto, avvenuto lo scorso mercoledì 9 ottobre, ha sconvolto l’intero territorio. In tanti hanno espresso solidarietà alla vittima dell’ennesima violenza sulle donne ed hanno fermamente condannato il brutale gesto. Tra essi i componenti delle Commissioni Pari Opportunità di Martinsicuro e Colonnella.

<<La terribile notizia dell’ennesimo femminicidio scoperto  nella vicina Nereto ci ha raggiunte proprio mentre eravamo riunite in Commissione Pari Opportunità per affrontare l’argomento violenza di genere e per organizzare azioni di sensibilizzazione e prevenzione di questo fenomeno sul nostro territorio – afferma Giorgia Di Biagio, Presidente della CPO di Martinsicuro, a nome dell’intera Commissione – ribadiamo la necessità, da parte di tutte le istituzioni del territorio, di implementare e mettere in atto azioni ed interventi di sensibilizzazione,  prevenzione e tutela della figura femminile e degli eventuali minori coinvolti, che, loro malgrado, sempre più spesso, si ritrovano ad essere vittime di tali atroci violenze>>. La nota della Di Biagio conclude: << Vogliamo rinnovare con forza e determinazione l’impegno a combattere ed arginare questo odioso fenomeno. In questo senso intendiamo attivare percorsi ed azioni che non vadano solo ad informare e far conoscere il nuovo istituto del “codice rosso” contro la violenza sulle donne, che prevede tempi più celeri, corsie preferenziali ed indagini più rapide per i casi di violenza contro le donne, ma anche a garantire un reale cambiamento a livello culturale nella nostra società. Azioni che consentano finalmente di far capire alle donne che non sono sole e agli uomini, che tali atti, sono un vero e proprio crimine contro l’umanità intera. E’ necessario lavorare affinché non ci sia più bisogno di proteggere le donne dagli uomini, bisogna adoperarsi per modificare il nucleo interno alla società da cui nascono tali efferatezze>>.

Dello stesso avviso la Presidente della CPO di Colonnella, Désirée Del Giovine, che afferma: <<esprimiamo tutto il nostro sgomento , davanti a questo ennesimo atto di violenza . Sembra impossibile ,che dopo anni e anni di tentavi di informazione , sensibilizzazione, con vari mezzi e strumenti, relativi a questi tragici accadimenti che colpiscono le donne e non solo, nei sentimenti più privati, facendone scempio, si continui a Morire! Ci sono le nuove norme attivate con il Codice Rosso, che scattano più velocemente a tutela delle donne che denunciano. Eppure la violenza non si ferma>>. Il commento  della Del Giovine prosegue affermando: <<questione di cultura, sottomissione del più debole, disagi economici, mancanza di empatia , di rispetto , incapacità di amare . Si potrebbe fare tanto e lo si cerca di fare anche nelle scuole , il primo passo è l’educazione all’affettività. In ogni caso evitiamo la facile retorica che scorre a fiumi in questi casi. Ci uniamo al dolore della famiglia di Mihaela, la vittima del femminicidio di Nereto, in particolare della sua piccola bimba di sei anni, vittima inconsapevole , di questo ennesimo orrore, orfana della mamma e pure del padre. Vogliamo lanciare un messaggio di speranza e amore>>.