Samb-Piacenza: tutti i precedenti

L'ultimo scontro in una Notte Magica. Tabelle, Numeri, Curiosità

14 ottobre 1973. Samb-Piacenza 2-0. "Faina"-Maurizio Simonato, seminascosto al centro dell'area avversaria sblocca il risultato.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Sono nove i precedenti in casa Samb contro il Piacenza, i primi 6 giocati sull’erba del vecchio “Fratelli Ballarin”, gli ultimi tre su quella del “Riviera delle Palme”.

I primi 5 in serie C (tutti vinti), poi 3 in serie B (tutti pareggiati a reti bianche, 0-0) e l’ultimo, vinto, agli ottavi di finale dei PlayOff di serie C.

Il primo scontro è datato 31 maggio 1953, ultima giornata del campionato di serie C a girone Unico.

La Samb di Valeriano Ottino batte 3-1 il Piacenza di Bruno Arcari (detto anche Arcari IV, fratello minore di Carlo, Angelo e Pietro).

I rossoblù passano in vantaggio al 6° minuto con Aldo Morsan che trasforma un calcio di rigore assegnato dall’Arbitro De Leo di Mestre.

Tre minuti dopo raddoppiano con Gigi Traini.

La rete del 3-0 è firmata da Ernesto Jacobitti ad inizio ripresa.

Pochi secondi dopo Piero Persico, guardiapali della Samb, para un calcio di rigore battuto da Dario Seratoni che, sul finire del match, realizza il gol della bandiera per la compagine emiliana.

Vittoria di misura, 1-0, nel giorno del 31° compleanno societario: è il 4 aprile 1954 e per la Samb dell’ungherese Zilizy va in gol di nuovo Morsan, ad un quarto d’ora dal termine; i biancorossi di mister Attilio Kossovel (detto Attila) sono battuti.

Sei mesi più tardi (3 ottobre 1954) è di nuovo 1-0 per i rossoblù allenati da Alfredo Notti.

Ci pensa l’attaccante friulano di Cormons, Luciano Padoan, a castigare il “Piace” di “Attila” con una rete a metà ripresa.

Un anno dopo (16 ottobre 1955) la Samb di Bruno Biagini (che a fine stagione verrà promossa per la prima volta in serie B) farà fatica a superare i biancorossi del cremonese Ercole Bodini (Bodini I, fratello maggiore di Renato): è 2-1 in rimonta.

All’autorete di Elio Rossi a metà primo tempo i rossoblù rispondono con i gol di Rino Di Fraia ad inizio ripresa e di Virginio Guidazzi al 90°.

Dalla grande Samb di Biagini&Roncarolo a quella targata Marino Bergamasco&Nicola D’Isidori: la mitica “SamBergamasco”.

E’ il 14 ottobre 1973, quinta giornata di campionato.

I rossoblù ricevono il forte Piacenza di mister Giancarlo Cella, ancora imbattuto.

Una grande “SamBergamasco”, con il suo gioco spumeggiante e “offensivamente spettacolare”, fa sua l’intera posta in palio con un gol per tempo.

Al 35° la sblocca “faina”-Maurizio Simonato: una discesa ubriacante sulla destra di Gregorio Basilico (spostato pochi minuti prima in quella posizione da mister Bergamasco) permette all’esterno d’attacco di seminare un paio di avversari e di crossare a centro area dove, nonostante un difensore avversario sfiorasse il cross di testa, si trova pronto Maurizio Simonato che, da cinico opportunista e con grande senso della posizione, colpisce la sfera al volo battendo Stefano Lazzara, estremo difensore ospite. CHAPEAU !!!

Il colpo del 2-0 lo mette a segno a cinque minuti dal termine la bionda mezzala di Villa Rosa Giuseppe (Peppe) Valà che dal limite dell’area emiliana lascia partire un tiro basso e teso che s’insacca alle spalle del portiere avversario.

Ci sarebbe anche il terzo gol (bellissimo) segnato ancora da Maurizio Simonato su azione di “Bomber” Francesco Chimenti ma l’Assistente dell’Arbitro Fiumara di Roma rimane fermo, con la bandierina alzata, per segnalare un dubbio fuorigioco.

Samb 2 Piacenza 0: CHE SAMB !!!!!

Seguono tre 0-0.

Quello del 4 gennaio 1976, primo scontro giocato in B e ultimo sul terreno del “Fratelli Ballarin”, del 13 dicembre 1987 della Samb di Angelo Domenghini, primo sull’erba del “Riviera delle Palme” e quello dell’8 gennaio 1989.

A distanza di quasi trent’anni ecco l’ultimo precedente, mercoledì 23 maggio 2018.

Una grande Samb, sorretta da oltre seimila Cuori Rossoblù strapazza il Piacenza imbattuto da due mesi, ribalta il risultato negativo dell’andata e vola, ancora testa di serie (per le concomitanti e sorprendenti eliminazioni delle altre terze, Pisa e Trapani) ai quarti di finali dei PlayOff.

Tre a uno è il risultato finale dopo l’1-2 dell’andata al “Garilli”.

Le reti tutte nel secondo tempo.

Al 2° minuto su calcio di rigore di Miracoli per un fallo in area di Pergreffi su Gelonese.

Al 15° un colpo di testa ravvicinato di Capitan Rapisarda porta i rossoblù sul 2-0.

A tre minuti dal 90° ancora dal dischetto Luca Miracoli per atterramento in area di Alessio Di Massimo, 3-0.

La rete della bandiera emiliana viene siglata da Franchi su calcio di punizione al primo minuto di recupero.

Luigi Tommolini


TUTTI I PRECEDENTI IN CASA SAMB



ARTICOLI CORRELATI

Samb-Piacenza: l’Arbitro arriva dalla Vallagarina