fbpx
Connect with us

Ancona

Sanità, Regione e università insieme per formare i Manager del domani

Pubblicato

il

ANCONA – Sottoscritta oggi, lunedì 7 ottobre a Palazzo Raffaello, tra la Regione Marche e le quattro Università marchigiane, una Convenzione per avviare un nuovo percorso che migliori le competenze del management del nostro sistema sanitario regionale al fine di una maggiore qualificazione dei servizi e delle risorse umane.

Con questo atto, valido per 5 anni, si attivano dunque i corsi per direzione di Azienda Sanitaria/ospedaliera e i corsi per direttori di struttura complessa in coerenza con il Piano Socio Sanitario regionale 2019-2021 che ha tra le direttrici di sviluppo il consolidamento dell’assetto istituzionale e la qualificazione scientifica e professionale delle risorse umane.

Luca Ceriscioli (Il Martino -ilmartino.it -)

Luca Ceriscioli

Un’iniziativa – ha sottolineato il presidente della Regione Marche Luca Cerisciolidedicata ai professionisti magari molto esperti in sanità e un po’ meno in gestione economica, organizzazione di risorse umane, normative e comunicazione, per dare loro gli strumenti che permettano di svolgere appieno il ruolo dirigenziale nel rispetto delle norme del lavoro e con la piena consapevolezza delle nuove tecnologie a servizio di una sanità di grande qualità, sempre più efficiente e rispondente alle esigenze dei cittadini.

L’Accordo che sottoscriviamo oggi con le quattro università permette di offrire ai marchigiani e a chi, fuori dalle Marche, vuole intraprendere un percorso importante nella carriera sanitaria, la miglior formazione possibile. Confermiamo con questo atto una collaborazione molto forte che si basa sul presupposto che la conoscenza e il sapere sono fondamentali per migliorare il nostro vivere’.

Massima condivisione è stata espressa dai rappresentanti dei quattro Atenei (il prof. Sauro Longhi per la Politecnica delle Marche, il prof. Paolo Pascucci per l’Università di Urbino, il prof. Graziano Leoni per l’Università degli Studi di Camerino, prof.ssa Barbara Malaisi per l’Università di Macerata) che già dal 2014 collaborano con la Regione in molti settori con ‘un modello di sistema‘ che nella giornata di oggi viene ulteriormente sviluppato.

Un sistema socio-sanitario che assicuri – si legge nel comunicato della Regione – una migliore e più efficace presa in carico dei bisogni di salute dei cittadini che cambiano infatti, deve necessariamente rivedere anche la formazione sanitaria, in grado di cogliere le nuove sfide ed allinearsi a nuovi bisogni, aspettative e paradigmi.

È essenziale tener conto del forte legame tra management e innovazione (tecnologica e organizzativa) e per questo assume primaria importanza qualificare la classe dirigente del sistema sanitario. Sono necessari manager che conoscano le regole del public management e che sappiano applicarle all’interno delle realtà sanitarie.

Per questo – continua il comunicato – la Regione Marche ha ritenuto importante rivedere l’intera governance regionale della formazione manageriale, capitalizzando l’esperienza maturata, anche alla luce del nuovo Accordo Stato Regioni del 16 maggio 2019 che ha ridefinito i contenuti dei corsi manageriali e la metodologia delle attività didattiche tali da assicurare un più elevato livello della formazione.

La formazione è quindi chiamata ad adeguare le competenze di un profilo di manager in grado di:

  1. programmare tenendo conto dei vincoli e dei limiti presenti, pianificare attraverso obiettivi specifici, implementare e valutare gli obiettivi raggiunti;
  2. dare risposte appropriate ai bisogni di salute del cittadino, efficaci ed efficienti, coerenti con la natura dei bisogni;
  3. guidare le Aziende sanitarie e ospedaliere attraverso una gestione consapevole delle risorse umane come “mezzi e fini” al tempo stesso;
  4. pensare al futuro in modo da garantire maggiore equità di accesso e sostenibilità complessiva del sistema sanitario.

Il lavoro svolto, in sinergia con le 4 Università marchigiane ha portato:

  • all’elaborazione delle prime linee di indirizzo regionali dei corsi di formazione manageriale per direzione di Azienda sanitaria/Ospedaliera e per direttori di struttura complessa, che disciplinano i corsi di formazione manageriale aggiornandoli e ricomprendendo la rivalidazione del certificato manageriale (che come stabilito dal D.P.R. n. 484/97 ha validità di 7 anni) e la formazione continua;
  • alla costituzione di un Comitato scientifico composto da rappresentanti regionali, delle Università marchigiane e degli Enti del SSR;
  • alla firma della Convenzione di oggi.

Ancona

Coldiretti Marche, carne di maiale sicura ma la peste suina penalizza il settore: “Interventi immediati”

Pubblicato

il

ANCONA – “La Peste suina africana può infettare gli animali ma non è trasmissibile agli essere umani senza contare che i controlli a cui sono sottoposti gli allevamenti sono ferrei in Italia a tutela della salute dei consumatori”. Così Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche, all’indomani del blocco dell’export della carne di maiale e derivati alle frontiere di Svizzera, Kuwait, Cina, Giappone e Taiwan come risposta ai casi di Psa sui cinghiali riscontrata in Piemonte e in Liguria. Un’ulteriore penalizzazione per il settore nelle Marche visto che parliamo di esportazioni di carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne per un valore di circa 200 milioni di euro nel 2020. “Siamo costretti ad affrontare questa emergenza perché è mancata l’azione di prevenzione e contenimento come abbiamo ripetutamente denunciato in piazza e nelle sedi istituzionali di fronte alla moltiplicazione dei cinghiali che invadono città e campagne da nord a sud dell’Italia dove si contano ormai più di 2,3 milioni di esemplari” dicono da Coldiretti. “Bene ha fatto la Regione Marche, con l’assessore Carloni, ad attivare un tavolo per prevenire focolai anche qui nelle Marche dove finalmente si vede un cambio di passo nell’affrontare la questione della fauna selvatica, in sovrannumero e causa di danni ingenti all’agricoltura e pericolosa per l’incolumità pubblica” aggiungono gli agricoltori.

Continua a leggere

Ancona

Screening per studenti scuole superiori: 15 postazioni attive nel weekend nelle Marche

Pubblicato

il

ANCONA – Come annunciato, si svolgerà questo fine settimana, tra sabato 15 e domenica 16, lo screening gratuito volontario per gli studenti delle scuole superiori delle Marche. Saranno 15 le postazioni individuate nelle 5 Aree Vaste nelle quali si potrà avere accesso senza prenotazione. Un grande sforzo organizzativo di Regione e Asur, impegnate assiduamente con le altre aziende sanitarie a portare avanti la campagna vaccinale, per mettere in campo questa iniziativa volta ad offrire agli studenti uno strumento in più per poter frequentare la scuola in sicurezza. Una risposta molto incoraggiante quella della fascia 14 – 18 anni, che supera il 90% di somministrazione di prime dosi e oltre l’81% dei casi ha ricevuto anche la seconda dose: lo screening ha comunque l’obiettivo di proseguire l’anno scolastico appena ripartito in sicurezza. Dove possibile il punto screening sarà organizzato in modalità Drive Through.

Questo il programma:

–              Area Vasta 1

sabato 15         PESARO                 14.30 – 19.30    in via Lombardia,7

domenica 16     FANO                    8 – 13                ex CODMA Via Tommaso Campanella, 1

                            URBINO                8 – 13                                  a Medicina Legale e del Lavoro in via Sasso 70

–              Area Vasta 2

Domenica 16   ANCONA               8 -20                    Palarossini in via Cameranense

                           FABRIANO           9-14                     Protezione Civile di via Fornaci 108

                           FALCONARA        14-18                   Pinacoteca Francescana in Piazza S.Antonio

                           JESI                         8.30 – 16.30      Zona Zipa in via Dell’Industria

                          OSIMO                   9-15                     Pala Baldinelli in via Striscioni 82

                          SENIGALLIA          8-13                      Stadio Bianchelli in via Montenegro 21

–              Area Vasta 3

Sabato 15           MATELICA          10 – 12.30           Protezione Civile presso Località Cavalieri

Domenica 16    CIVITANOVA M.   8.30-12.30       Piazzale antistante Covid Hospital in via San Costantino

                            MACERATA – PIEDIRIPA   8-14     Via Teresa Noce 22              

–              Area Vasta 4     

Domenica 16     FERMO             8-14                        Fermo Forum in via Giovanni Agnelli

–              Area Vasta 5

Domenica 16    ASCOLI PICENO     8-14      Ospedale in via degli Iris

                          SAN BENEDETTO    8-14       vicino al Palazzetto in Viale dello Sport

Continua a leggere

Ancona

Record di vaccini nelle Marche: in un giorno somministrate più di 19 mila dosi

Pubblicato

il

ANCONA – “L’11 gennaio abbiamo somministrato 19.012 dosi di vaccino, un vero record per le Marche”. Ad annunciarlo è l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini che prosegue: “Questo è stato possibile grazie al grande impegno del personale sanitario sempre in prima linea nonostante siano passati due anni dall’inizio della pandemia”.
Delle oltre 19 mila dosi, 1716 sono state prime dosi: “Molti non si vaccinano per paura – spiega l’assessore – hanno solo quindi bisogno di spiegazioni e di essere rassicurati”.
Scendendo nei particolari, 6805 dosi sono state somministrate in provincia di Ancona, 3118 nell’ascolano, 2115 nel fermano, 3238 nel maceratese e 3735 in provincia di Pesaro-Urbino.
La fascia di età che ha ricevuto più prime dosi è stata quella 0-16, con 732 somministrazioni, seguita dalla fascia 50-59 con 251 (dall’8 gennaio e fino al 15 giugno 2022 è stabilito l’obbligo vaccinale per tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto i 50 anni di età, e dal 15 febbraio tutti i lavoratori over 50 del settore pubblico e privato per accedere al luogo di lavoro saranno tenuti ad esibire il super green pass). Le terze dosi sono state invece 15.419.
Intanto stamattina sono già partiti 2.300 sms a tutti quei soggetti col ciclo vaccinale in scadenza, 60 mila persone circa, che avevano una prenotazione assegnata per febbraio e marzo. Verranno ricontattati tutti al ritmo di circa 2 mila al giorno, per dare risposta a tutti i marchigiani in questa situazione.
Proseguono anche gli open day nei finesettimana di gennaio. “La strada da seguire è però quella della prenotazione – conclude Saltamartini – nel mese di gennaio ci siamo posti l’obiettivo di vaccinare 420 mila cittadini”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy