fbpx
Connect with us

Editoriale

Il “senso” inutile del femminicidio

Published

il

femminicidio violenza sulle donne abusi

Femmincidio (o anche femicidio e femmicidio ) secondo l’Accademia della Crusca non è da intendersi solo come <<uccisione di una donna o di una ragazza>>, ma anche come <<qualsiasi forma di violenza esercitata sistematicamente sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne l’identità attraverso l’assoggettamento fisico o psicologico, fino alla schiavitù o alla morte>>.

NERETO – Ore 12:18 di martedì 9 ottobre. Dal telefono di Mihaela Roua non si visualizza più nessun accesso. La madre dalla Romania la chiama ripetutamente, la titolare dal posto di lavoro dopo aver scambiato una veloce videochiamata con lei, non ha più nessuna notizia. Sua figlia, in braccio ad una assistente del comune da dentro lo scuolabus, si chiede perché la mamma sia in ritardo. Non è mai in ritardo. Mihaela non risponde, Mihaela non può rispondere. È morta. L’ennesimo femminicidio.

Questa volta è accaduto a Nereto, ad una donna che abbiamo incrociato mille volte al supermercato, ad una festa di compleanno di qualche compagno di classe della figlia o in coda alle Poste per pagare una semplice bolletta.

Mihaela, bella, giovane, innamorata della vita, innamorata della sua bambina dolce, splendida come lei. E come lei un giorno crescerà e sarà donna, “femmina” e si ritroverà a leggere come la nostra edulcorata società del benessere, civilmente educata nel rispettare l’ambiente, gli animali, il diverso, non abbia alcun rispetto della vita stessa, tanto da dover rendersi conto di quanto sia realistica e non puramente astratta, la definizione redatta da una prestigiosa Accademia che descrive con disarmante concretezza, il “tipo” di omicidio del quale è stata vittima sua madre.

Sì, perché l’omicidio perpetrato nei confronti di una donna ha una sua classificazione, ha una sua ben distinta spiegazione e sembra uscire dal “contenitore omicidi” ed entrare in un altro, distinto e separato. Mi chiedo quindi il perché del nostro bisogno di dividere in categorie il crimine più efferato, quello più disumano: l’omicidio.

Nessuna persona può morire “ammazzata”. Se classificata in un contenitore speciale, la violenza contro le donne deve essere trattata fin dall’inizio come una dimensione diversa, come una realtà che si veste di una protezione speciale da parte dell’intera società, altrimenti resta omicidio e basta.

Uccidere una donna non è più grave che uccidere un uomo e se separiamo i crimini senza costruire un adeguato supporto alla richiesta d’aiuto che arriva dalle donne, non facciamo altro che dare alle donne stesse, solo un alone di inferiorità rispetto all’uomo.

<<Con la legge 11 gennaio 2018, n.4 la pena riservata alla persona che uccide il proprio coniuge, anche se separato, non è più quella prevista fra un minimo di 24 anni e un massimo di 30, bensì trova direttamente applicazione nell’ergastolo>>.

Si parla quindi di coniuge. Se il coniuge in questione è la donna, e pertanto parliamo di femminicidio, allora abbiamo il dovere morale e civico di far sì che non resti solo una definizione “speciale” sulla carta, nella spiegazione di un termine su un dizionario ma che porti con se una vera e propria azione di protezione sociale nei confronti di tutte le donne incapaci di reagire.

Parliamo di violenza “contro le donne” e di “femminicidio” come se fosse un qualcosa che riguarda solo le donne, come se appartenesse soltanto a noi ma riguarda tutti. Altrimenti resteremo fermi, bloccati nel tempo a pensare che solo dopo la sua morte una donna ha diritto ad un “trattamento privilegiato con la definizione –speciale- di femminicidio!”

Nel 1961 Oriana Fallaci pubblicò, “Il sesso inutile” un viaggio nell’universo femminile dall’Oriente fino a New York, alla scoperta di un mondo, quello femminile appunto, come se fosse un segmento a sé. La Fallaci parla con tante donne e ci racconta questi incontri con uno stile semplice e chiaro, riportando esclusivamente i fatti, senza arrivare ad una conclusione affrettata. Si dà il tempo di conoscerle tutte, di cercare di entrare nei loro cuori e di vedere la vita con i loro occhi, per poi scoprire che qualsiasi donna, in qualunque parte del mondo, è destinata all’infelicità.

Era il 1961 e oggi 13 ottobre 2019 ci rendiamo conto che le riflessioni di Oriana Fallaci sono più vere che mai, infatti lei scriveva: <<[…] i problemi fondamentali degli uomini nascono da questioni economiche, razziali, sociali, ma i problemi fondamentali delle donne nascono anche e soprattutto da questo: il fatto d’essere donne>>.

Se siamo destinate ad entrare in un contenitore o ad avere una classificazione speciale post mortem, allora credo sia giunto il momento di rendere concreta e davvero speciale l’azione di supporto e aiuto alle donne vittime di tali soprusi prima che esse avvenga. Altrimenti resta un omicidio e basta!

Editoriale

Sputa in faccia alla Capotreno per la mascherina

Dopo il fatto in Liguria, qualche riflessione

Marco Capriotti

Published

il

Sputa in faccia alla Capotreno per la mascherina. L’educazione al tempo del Covid-19. Gentili Lettori,preferisco sempre parlare di sport o di cronaca negli ultimi tempi, abbiamo cercato di darvi come redazione tutte le informazioni del caso sul coronavirus, ma permettetemi, da semplice cronista, questo piccolo editoriale a titolo personale, ma sentito.

Purtroppo dobbiamo segnalare anche questo fatto spiacevole in Liguria. Una donna è stata invitata dalla capotreno ad indossare la mascherina. La reazione è stata, dopo una lunga serie di insulti, uno sputo. Un gesto di maleducazione da condannare, che va oltre la civiltà ed il rispetto. La corsa del treno è stata giustamente fermata e la donna aggredita ovviamente abbastanza sconvolta. Non è sicuramente il primo caso: https://www.ilmartino.it/2018/02/avezzano-minaccia-la-capotreno-un-cacciavite-arrestato/

Dalle “gazzette locali” riportiamo la dichiarazione dei sindacati. “Da tempo il sindacato chiede più personale a terra e a bordo per gestire la situazione delicata che si è venuta a creare, per scongiurare appunto questi fatti – scrivono in una nota le segreterie regionali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt, Ugl, Ferovieri Fast e Orsa – Invitiamo Trenitalia a intervenire aumentando l’offerta commerciale e attivando tutte le risorse in forza, predisponendo campagne di assunzioni e riattivando il servizio antievasione regionale”.

Purtroppo tutte le belle parole, i canti sui balconi, ne usciremo meglio… un c***o (scusate il francesismo). Gli editorialisti seri farebbero grande utilizzo di vocaboli, io sono più diretto in questo caso.Sputa in faccia alla Capotreno per la mascherina, ecco il risultato.

I maleducati, prepotenti ed incivili ci saranno sempre. Se ci sono delle regole da rispettare, anche se possono sembrare antipatiche, bisogna rispettarle. Non credo piaccia a nessuno andare in giro con una museruola,a meno di qualche strana pratica un po’ perversa (non giudico). Però dove sembrava non esserci necessità di regole per impostazione politica (USA, Brasile e Regno Unito) o per stato sociale (Svezia) i risultati sono visibilissimi.

Continua a leggere

Abruzzo

Il Reddito di Emergenza: che cos’è e come richiederlo. Tutte le info

Carlo Di Natale

Published

il

Il Reddito di Emergenza, da ora in poi REm, che cosa è? È una misura di sostegno al reddito (istituita con decretolegge n. 34 del 19 maggio, articolo 82, a decorrere dal mese di maggio 2020) introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà, come conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, e in possesso di determinati requisiti di residenza ed economici, patrimoniali e reddituali.  

REQUISITI 

Il REm è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso congiuntamente dei seguenti requisiti: 

  1. residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio; 
  2. un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio; 
  3. un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 (verificato al 31.12.2019) inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000; il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore dell’ISEE
  4. un valore dell’Indicatore dell’ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore ad euro 15.000.

Di seguito alcuni esempi di calcolo del valore massimo di reddito familiare compatibile con il REm: 

Composizione nucleo  Scala di equivalenza  Soglia del reddito familiare ad aprile 2020 
Un adulto  1  400 euro 
Due adulti  1.4  560 euro 
Due adulti e un minorenne  1.6  640 euro 
Due adulti e due minorenni  1.8  720 euro 
Tre adulti e due minorenni  2*  800 euro 
Tre adulti (di cui un disabile grave) e tre minorenni  2.1**  840 euro 

INCOMPATIBILITÀ CON REDDITI E PRESTAZIONI 

Il Rem non è compatibile con la presenza, nel nucleo familiare, di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità di cui agli articoli 27, 28, 29, 30 e 38 del decretolegge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, ovvero di una delle indennità disciplinate in attuazione dell’articolo 44 del medesimo decretolegge ovvero di una delle indennità di cui agli articoli 84 e 85 del decretolegge n. 34 del 19 maggio 2020. 

Si tratta delle indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 appartenenti alle seguenti categorie: 

  • lavoratori autonomi iscritti alle gestioni INPS; 
  • liberi professionisti titolari di partita IVA iscritti alla gestione separata; 
  • lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata; 
  • lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali; 
  • lavoratori dello spettacolo; 
  • lavoratori agricoli; 
  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; 
  • lavoratori intermittenti; 
  • lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie; 
  • incaricati alle vendite a domicilio; 
  • lavoratori domestici. 

Il Rem non è altresì compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che siano al momento della domanda in una delle seguenti condizioni: 

  1. essere titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità; 
  2. essere titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo; 
  3. essere percettori di Reddito/Pensione di Cittadinanza, di cui al Capo I del decretolegge n. 4 del 2019, ovvero delle misure aventi finalità analoghe di cui all’articolo 13, comma 2, del medesimo decretolegge. 

La domanda deve essere presentata all’INPS entro il termine perentorio del 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali: 

  • i centri di assistenza fiscale di cui all’articolo 32 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;
  • gli istituti di patronato di cui alla legge 30 marzo 2001, n. 152; 
  • il sito internet dell’INPS, autenticandosi con PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e CIE (Carta di Identità Elettronica). 

IMPORTO DEL BENEFICIO 

Il beneficio economico del Rem è determinato in un ammontare pari a 400 euro mensili, moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza di cui all’articolo 2, comma 4, del decretolegge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

L’importo del beneficio economico non può comunque essere superiore a euro 800 mensili, elevabili a euro 840 solo in presenza di disabili gravi o non autosufficienti e nei casi sotto descritti. Il parametro della scala di equivalenza è pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e di 0,2, per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2, ovvero fino ad un massimo di 2,1 nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza, così come definite ai fini ISEE.

La scala di equivalenza non tiene conto dei soggetti che si trovano in stato detentivo, per tutta la durata della pena, o sono ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra Pubblica Amministrazione. Ad esempio: 

  1. nucleo familiare composto da tre componenti, due maggiorenni ed uno minorenne, la scala di equivalenza è pari a 1,6, l’importo è pari a 400*1,6=640 euro mensili;
  2. nucleo familiare composto da quattro componenti, tutti maggiorenni, di cui uno disabile grave, la scala di equivalenza è pari a 2,2; l’importo mensile sarebbe pari a 400*2.2=880 euro. Tuttavia, in ragione del limite massimo della scala di equivalenza (2.1), l’importo mensile del beneficio sarà pari ad 840 euro 

Previa verifica della sussistenza di tutti i requisiti di legge, Il Rem è erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda è presentata entro il 31 maggio 2020 saranno erogate le mensilità di maggio e giugno, mentre se è presentata nel corso del mese di giugno 2020 saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020. 

Continua a leggere

Editoriale

Ecco come il virus ha cambiato il mondo dell’economia digitale

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

social

Il periodo del lockdown ha portato allo stop fisico delle persone ma non del mondo dei social web che, al contrario, ha dimostrato tutto il suo potenziale. Molte attività hanno volto il loro sguardo verso il web e i social per pubblicizzare le loro attività. 

In tal proposito abbiamo sentito Paola Prosperi, Account Senior della GDO Studio, responsabile della gestione dei clienti GDO. <<La fase 1, dovuta alla crisi pandemica – dice Paola – ha smentito quanti ancora non credevano all’enorme potenziale del mondo della digitalizzazione>>. Tutte le attività e aziende seguite dalla GDO Studio hanno incrementato enormemente la loro attività digitale sui canali social e web, grazie a questo,<<oltre ad aver ancora più fidelizzato i loro clienti ne hanno acquisiti di nuovi con un aumento del 60%, implementando in particolar modo i servizi a domicilio. Dato che, specialmente all’inizio dell’epidemia si è iniziato a lavorare molto tramite social, abbiamo constatato che molti dei nostri nuovi clienti hanno provato ad intervenire in maniera autodidatta o con l’aiuto di non professionisti, ottenendo pessimi risultati e sprecando molto tempo utile alla realizzazione di una buona strategia marketing>>. Un altro dato registrato, stando a quanto dice Porsperi, è che: <<questo tipo di tecnologia si sta affermando anche tra le persone di fascia di età più grande>>. Proprio per questo, <<anche i Comuni – afferma Prosperi –si stanno adeguando con la creazione di portali che metteranno in comunicazione professionisti e commercianti, con gli utenti. Tutto ciò allo scopo di accorciare le distanze che questo virus ha creato, nonostante le misure più morbide della Fase 2>>.

Insomma, sembra proprio che questa pandemia possa essere paragonata ad una medaglia con due facce. Se da un lato troviamo il male da essa generato, dall’altro, una miglior consapevolezza che il web può offrire.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone