fbpx
Connect with us

Pescara

Serie B, Pescara si conferma ammazza grandi: sfatato il “Castellani” di Empoli per 1-2

Published

il

EMPOLI – Seconda vittoria consecutiva (terza delle ultime 5 partite) per il Pescara che vola al quarto posto in classifica a quota 19 punti. La vittima sacrificale della 12° giornata di Serie B è l’Empoli dell’ex Mancuso, che viene sconfitto per 1-2 dagli abruzzesi. Il Delfino si conferma essere una squadra ammazza grandi, dopo aver inflitto un 4-0 al Benevento tre giornate fa.

Il Pescara tra il 19′ ed il 32′ sferra un terribile uno-due che manda al tappeto l’Empoli con i gol di Bettella su calcio d’angolo e Galano assistito da Machin. Per il difensore abruzzese è la prima gioia personale in questa annata, che rappresenta la perla di un inizio di stagione da 8 in pagella. Sullo scadere del primo tempo accorcia le distanze Dezi, c’è anche da dire che la rete è viziata da una posizione di fuorigioco. Nella ripresa l’Empoli entra in campo con un altro spirito e sfiora il pari con Bandinelli che manda il suo sinistro sul palo. Il Delfino soffre ma sa soffrire, non concede altre palle gol agli avversari anzi va vicino al tris con Crecco. Ora c’è la sosta per la Nazionale, dopodichè si tornerà in campo contro la Cremonese.

EMPOLI (4-3-1-2): Brignoli; Veseli, Romagnoli, Maietta, Balkovec; Frattesi, Ricci (69’ Stulac), Bandinelli (57’ Laribi); Dezi (80’ Merola); Mancuso, La Gumina.

A disposizione: Perucchini, Provedel; Nikolaou, Bajrami, Fantacci, Piscopo, Pirrello

PESCARA (4-3-2-1): Kastrati; Ciofani, Bettella, Scognamiglio, Masciangelo; Memushaj, Palmiero (57’ Kastanos), Grecco; Galano, Machin (77’ Drudi); Borrelli (68’ Brunori). All. Zauri

A disposizione: Farelli, Del Grosso, Bruno, Cisco, Maniero, Di Grazia, Zappa, Ingelsson, Bocic.

ARBITRO: Gianluca Aureliano di Bologna (Affatato-Avalos; Amabile)
MARCATORI: 19’ Bettella, 32’ Galano, 44’ Dezi
AMMONITI: Ricci, Stulac

Continua a leggere

Pescara

Pillon: “Il Pescara mi ha chiamato per tornare, poi hanno fatto altre scelte”

Published

il

PESCARA – Nel corso de La Domenica Sportiva di Rete8 Sport è intervenuto anche Bepi Pillon. L’ex allenatore del Pescara ha risposto così ad una domanda del giornalista Daniele Barone: “Quando è stato esonerato Zauri, Repetto mi ha chiamato per tornare a Pescara. Io gli ho risposto che sarei tornato senza problemi perché conosco molto bene la squadra, poi la società ha fatto altre scelte”.

Continua a leggere

Abruzzo

Il calcio italiano riparte: ecco quando ricomincerà la Serie B

Published

il

ROMA – Il calcio italiano riparte, dopo la grave pandemia del coronavirus. Nalla riunione che si è svolta tra il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, Gabriele Gravina (Presidente della FIGC), la Lega di Serie A, Serie B e Serie C, la Lega Nazionale Dilettanti, l’AIC (Associazione Italiana Calciatori), gli arbitri e gli allenatori è stato trovato l’accordo per la ripresa dei campionati professionistici di calcio: il via sarà dato il 13 giugno con la prima delle due semifinali di Coppa Italia, mentre la Serie A ripartirà il 20. La Coppa Italia sarà conclusa il 17, con la prima semifinale che si giocherà il 13 e la seconda il 14.

Importante decisione è stata raggiunta anche per la Serie B, che tornerà a calciare il pallone in partite ufficiali dal 20 di giugno. “La Serie B potrà ripartire il 20 giugno in linea con quanto avevamo deliberato – ha dichiarato il presidente della Lega B Mauro Balata al termine dell’incontro odierno – e di questo ringraziamo il ministro Spadafora per il grande lavoro svolto. Abbiamo sempre apprezzato l’attività portata avanti dal Governo in queste settimane, impegnato per la ripartenza del calcio e noi abbiamo contribuito perché ciò avvenisse. Un ringraziamento va anche alla Federazione e alla volontà espressa da sempre dal presidente Gravina”.

Estremamente soddisfatto anche Gabriele Gravina, infatti il Presidente della FIGC si è espresso così alla fine dell’incontro odierno: “La ripartenza del calcio rappresenta un messaggio di speranza per tutto il Paese. Sono felice e soddisfatto, è un successo che condivido col Ministro Spadafora e con tutte le componenti federali. È un progetto di serietà che coinvolge tutto il mondo del calcio professionistico, Serie A, B e C. E mi auspico anche il calcio femminile”.

Ancora da decifrare il futuro della Serie C, che probabilmente ripartirà direttamente con i playoff e playout.

Continua a leggere

Ascoli Calcio

Serie A, Serie B e Serie C finiranno la stagione 2019/2020: il calcio professionistico è pronto a ripartire

Published

il

Tutte le linee guida sul futuro del calcio italiano

ROMA – La Serie A e lo Sport sono pronti a ripartire, almeno quello professionistico. Poco fa si è concluso il Consiglio Federale a Roma, dove si è deciso di provare a terminare il massimo campionato italiano, così come Serie B e Serie C. Nella riunione erano presenti fisicamente Gabriele Gravina, affiancato dai Consiglieri Claudio Lotito e Francesco Ghirelli (Presidente Serie C) e dal Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia. Mentre tutti gli altri protagonisti erano in video-call. L’ufficialità della ripresa della stagione 2019/20 ci potrebbe essere il 28 maggio quando Gravina, Dal Pino (Presidente Lega di Serie A) e Spadafora (Ministro dello Sport) si incontreranno per delineare il futuro del calcio italiano professionistico in maniera definitiva.

Nell’incontro di oggi si sono esclusi definitivamente i playoff per concludere la stagione che seguirà, quindi, il calendario prestabilito. Inoltre si è deciso che i campionati professionistici dovranno terminare entro il 20 agosto, mentre la nuova annata 2020/21 partirà dal 1 settembre. Quest’ultimo dettaglio non vuol dire che in quella data ripartiranno i nuovi campionati, bensì potranno cominciare i ritiri pre-stagionali.

E’ arrivato lo stop per tutte le categorie dilettantistiche, come annunciato dallo stesso Sibilia: “Hanno chiuso la Lega Dilettanti, le altre vanno avanti”. La FIGC, nei giorni scorsi, ha sospeso tutte le manifestazioni sportive fino al 14 giugno. Al momento, dunque, il weekend buono per la ripartenza sarebbe quello del 20-21 giugno. Non è da escludere una deroga per cominciare il 13, la data inizialmente indicata dalla Lega Serie A. Tutto, come sottolineato più volte dal ministero dello Sport, dipenderà dall’andamento della curva dei contagi da qui a 7-8 giorni. Entro i quali quando potrebbe arrivare il via libera definitivo ed essere indicata una data ufficiale. Nel frattempo, dopo l’ok al protocollo per gli allenamenti di squadra, si sta studiando anche quello per la ripresa del campionato.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone