Rave Party nel cuore della Majella bloccato dai carabinieri

CHIETI – Un Rave Party illegale che stava per prendere corpo nel cuore del Parco della Majella  è stato bloccato dai carabinieri della Compagnia di Chieti. Giovani provenienti da tutta Italia hanno invaso con camper, auto, tende, casse e mixer un terreno, circondato dai boschi, in località Forcatura di Rapino. Tre arresti per spaccio di droga e settanta denunce.

In carcere, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sono finiti un ragazzo di nazionalità albanese di 31 anni e un 35enne di Torino. Ai domiciliari, invece, un ragazzo di 20 anni residente a Francavilla al Mare e di origine russa.

Nei confronti dei partecipanti scatta la denuncia per invasione di terreni, danneggiamento e altre violazioni ambientali, considerando che il posto scelto per la festa si trova in un’area protetta di proprietà del Parco della Maiella. A segnalare l’inaspettata presenza del gruppo di giovani, nel primo pomeriggio, era stato un escursionista.