Ricostruzione, la corte costituzionale riconosce il ruolo fondamentale delle regioni

ANCONA – ‘Un giorno importante per le Marche: la Corte Costituzionale riconosce il valore e l’importanza del ruolo delle Regioni nella ricostruzione’: lo dichiara il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, in merito alla sentenza della Corte Costituzionale appena depositata.

‘Con questa sentenza – sottolinea il presidente nel comunicato stampa della Regione – si ripristina l’intesa. Il messaggio che va al governo nazionale è quello di ascoltare le Regioni nell’ambito della ricostruzione. Abbiamo chiesto in questi giorni al premier Conte di approvare tre emendamenti dentro il decreto che per mettono di accelerare la ricostruzione pubblica, la ricostruzione privata e garantire il posto a chi lavora negli uffici di ricostruzione.

Immagine: Luca Ceriscioli (ilmartino.it)
Luca Ceriscioli

Questa è la richiesta delle Regioni con la volontà di mettere in moto un’accelerazione che permetta ai cittadini delle Marche, e delle altre regioni colpite dal sisma, di tornare a casa. Ascoltiamo la Corte Costituzionale, accogliamo queste istanze e noi saremo in grado di offrire una risposta importante nostri cittadini’.

La Sentenza n. 246 di ieri, lunedì 2 dicembre, prevede che ‘la ricostruzione dei territori colpiti da terremoto rientra nelle materie della ‘protezione civile’ e del ‘governo del territorio’, che appartengono alla competenza legislativa concorrente dello Stato e delle Regioni. Perciò lo Stato, nel regolare tale ricostruzione, non può prescindere dalla preventiva intesa con i Presi-denti delle Regioni interessate ed è costituzionalmente illegittima la norma che invece dell’intesa richiede un semplice parere’.