fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Raccolta differenziata, a febbraio saranno attive le fototrappole

Carlo Di Natale

Published

il

MONTEPRANDONE – Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra i vertici dell’Amministrazione comunale e Picenambiente spa per fare il punto sul servizio di raccolta rifiuti e analizzare le criticità emerse ad inizio anno.  

Insieme al sindaco Sergio Loggi c’erano l’assessore alla gestione dei rifiuti e igiene urbana Fernando Gabrielli e il consigliere all’ambiente Sergio Calvaresi, il dirigente del servizio ambiente Giuseppe Morelli mentre Picenambiente era rappresentata dal direttore Leonardo Collina e dal consigliere del consiglio d’amministrazione Romano Speca. 

L’Amministrazione ha evidenziato la necessità di rimodulare il servizio di raccolta in alcune zone in cui spesso c’è una maggiore necessità di smaltire i rifiuti da parte dei cittadini. La Picenambiente, a tal fine, ha assicurato un maggior controllo delle zone, indicate dall’Amministrazione, in cui insistono i condomini più numerosi.  

Da parte dell’Amministrazione comunale si è palesata l’esigenza di migliorare anche l’aspetto informativo verso i cittadini sia attraverso l’Ecosportello della Delegazione Comunale, aperto tutti i venerdì mattina dalle 10 alle 13, sia attraverso una apposita sezione del sito Istituzionale sul quale sono pubblicati, divisi per zone: le guide alla raccolta differenziata, i calendari e l’elenco delle rispettive vie ricadenti nelle zone e informazioni sul ritiro di rifiuti ingombranti/raee e potature tramite l’ufficio Ambiente del Comune.   

Il Sindaco ha chiesto a Picenambiente anche di fornire al Comune un ‘ecobolario’, un vocabolario consultabile in ogni momento dal cittadino in cui venga spiegato in maniera chiara come e dove conferire altri tipi di rifiutiingombranti, RAEE di grandi e piccole dimensioni, medicinali scaduti, pile e batterie, oli esausti  per cucinare e dei motori di veicoli, toner, cartucce stampanti, da pubblicare sul sito del Comune. 

Per quanto riguarda marciapiedi e strade, il Sindaco ha ribadito che, il lavaggio con i divieti di sosta programmati non è una soluzione percorribile per gli innumerevoli disagi che ciò comporterebbe alla cittadinanzama si potrebbe valutare la possibilità di una pulizia meccanizzata secondo un programma prestabilito e adeguatamente comunicato. 

Picenambiente – conclude il comunicato del Comune – ha anche assunto un impegno per quanto riguarda la programmazione, da diffondere all’utenza, sul lavaggio periodico dei cassonetti dell’umido e, in caso di cassonetti stradali rotti, la loro immediata sostituzione.  

Sergio Loggi (Il Martino - ilmartino.it -)

Sergio Loggi

‘Migliorerà anche il servizio presso il Centro di Raccolta Comunale – dichiara il sindaco Loggi – dove oltre all’operatore di Picenambiente, sarà presente un giovane che svolge il Servizio Civile Nazionale con il compito di verificare se coloro che conferiscono rifiuti in discarica siano residenti nel Comune di Monteprandone e siano in regola con i pagamenti della tassa sui rifiuti. Spesso, infatti, alcuni utenti si recano nella struttura di via dell’Industria, aperta il sabato mattina dalle 7 alle 13, pur non essendo residenti a Monteprandone o portando rifiuti non prodotti sul territorio e questo è un aggravio sui costi di smaltimento che pagano i nostri cittadini’.

Ascoli Piceno

Covid: approvato il “Bonus per Ascoli Piceno”

390mila euro per circa 800 imprese e partite Iva del territorio

Avatar

Published

il

«L’Amministrazione Comunale ha fatto e continuerà a fare la sua parte, ma adesso vogliamo che anche il Governo si attivi concretamente per aiutare il popolo ascolano e italiano». Queste le parole del Sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti, dopo che – nella giornata odierna – la Giunta Comunale ha approvato la misura straordinaria a sostegno delle attività produttive denominata “Bonus per Ascoli Piceno” . «Abbiamo stanziato una somma di ben 390mila euro, a fondo perduto, da destinare a circa 800 attività del nostro territorio. In questo modo potremo erogare un contributo una tantum di 500€ a ciascuna attività appartenente a quelle categorie di esercizi che sono stati sospesi dal Dpcm dell’11 marzo e sono rimasti sospesi anche in seguito al Dpcm del 26 aprile. Siamo ben consapevoli di come questa misura non potrà sostituirsi alle necessarie risorse che devono arrivare dallo Stato, ma per un Comune come il nostro aver reperito un cospicuo fondo di 390mila euro da destinare a circa 800 imprese e partite Iva del territorio rappresenta un grande sforzo. Uno sforzo che abbiamo però fatto con convinzione e determinazione, dimostrando ancora una volta la concreta vicinanza della nostra Amministrazione ai cittadini e alle attività ascolane. Grazie al lavoro congiunto con l’assessore al Bilancio Dario Corradetti, vogliamo scongiurare una situazione di crisi irreversibile delle nostre attività, per tutelare l’offerta di beni e servizi e il livello occupazione del nostro territorio. Adesso però è necessario che intervenga il Governo: non si possono chiudere piscine, palestre, teatri e cinema o far abbassare le serrande ai locali alle ore 18 senza dare sostegno a chi risulta coinvolto da queste misure restrittive. La salute pubblica è certamente prioritaria, ma non per questo possiamo abbandonare migliaia e migliaia di famiglie e attività che rappresentano il tessuto sociale, economico, produttivo e umano del nostro Paese. È inammissibile che il Governo penalizzi quelle attività, associazioni o esercizi commerciali che hanno speso soldi, tempo e risorse per mettersi in regola con norme e protocolli imposti dal Governo stesso per la prima riapertura. Serve uno stato di crisi per il turismo, serve un immediato e concreto sostegno a tutte le attività produttive e culturali colpite dall’ultimo Dpcm. Il Governo deve necessariamente fare la sua parte, il Governo deve restare al fianco del popolo. Non possiamo superare l’emergenza Covid per poi dover affrontare una ancor più drammatica emergenza sociale ed economica: servono incentivi concreti e immediati, altrimenti sarà la fine per il nostro Paese».

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Picco di contagi al liceo “A. Orsini” di Ascoli, i genitori protestano per l’aula senza finestre

Avatar

Published

il

picco di contagi al liceo "A. Orsini" di ascoli

24 positivi al tampone in una classe di 32 alunni, un centinaio di persone in isolamento tra famigliari e conoscenti e alcuni nuovi contagiati, tra i quali un paio in condizioni serie. Protestano i genitori: il picco di contagi al liceo “A. Orsini” è colpa dell’aula senza finestre, non dei nostri ragazzi.

ASCOLI PICENO – Circa un centinaio le persone sottoposte al regime di isolamento nella prima parte di ottobre, in seguito al picco di contagi al liceo “Orsini” di Ascoli. 24 i positivi al tampone su 32 alunni totali. Un focolaio avrebbe generato nuovi contagi e che avrebbero causato il ricovero di una signora anziana in rianimazione e quello di un uomo in condizioni serie.

Una situazione che ha generato le veementi proteste dei genitori degli alunni coinvolti nei confronti della dirigente scolastica, con la quale hanno avuto un confronto acceso già il primo giorno di scuola. L’oggetto della discussione riguarda lo spostamento di una sezione nei locali del liceo artistico “O. Licini” ed in particolare l’aula scelta per ospitare la classe in cui si è verificato il picco di contagi: una ex camera oscura, dismessa, senza finestre.

La classe vista dall’esterno

Sebbene non sia stato registrato tra queste pareti il primo caso di positività al tampone, comunicato il primo di ottobre, qui la propagazione è avvenuta in maniera capillare, raggiungendo quasi la totalità della classe. Di conseguenza tutti gli studenti e le loro famiglie sono state poste in regime di isolamento. 14 giorni dopo i positivi erano addirittura aumentati.

Reagiscono quindi i genitori, che affidano ai social network le loro proteste e si chiedono come sia maturata la scelta di confinare in quest’aula gli studenti e se davvero non esistano tra i locali dell’istituto sedi più idonee ad ospitare le lezioni. Ma non si limitano a questo e tentano di spezzare una lancia in favore dei  loro ragazzi, accusati da qualcuno di aver provocato il picco di contagi al liceo “Orsini” con comportamenti non corretti. <<La cosa peggiore è che inizialmente hanno tutti puntato il dito contro i nostri figli – scrive una madre su Facebook – inventando cene e uscite di gruppo, dicendo che non portavano la mascherina e che erano degli incoscienti. Hanno anche dato la colpa ai trasporti, ma nelle altre classi non c’è stato un numero così evidente di contagi, eppure tutti prendono lo stesso pullman>>.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto: operatore della mensa positivo al Covid-19

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

classe - gli studenti tornano a scuola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un operatore del servizio mensa presso la scuola elementare Marchegiani e dell’asilo dello stesso edificio, è stato trovato positivo al Covid 19. Di conseguenza, da questa mattina è stato deciso che il servizio è stato momentaneamente sospeso. Il cibo potrà essere portato da casa ma la scuola si solleva da ogni responsabilità sulla sua conservazione. Ricordiamo che anche la scuola Bice Piacentini sarà chiusa fino a sabato prossimo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini