fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Samb e Arzignano non hanno mai vinto al “Menti”…

Pubblicato

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Trasferta a “Romeo Menti” di Vicenza per i ragazzi di mister Montero.

L’avversario non è il Lane Rossi Vicenza, capolista del girone, ma la matricola veneta Arzignano.

Incontro inedito contro una squadra atipica: l’Arzignano è al 16° posto in graduatoria (zona PlayOut) insieme all’Imolese e ha collezionato 20 punti di cui soltanto 5 tra le mura amiche…

Record negativi in casa per la matricola veneta: nessuna vittoria, 4 reti realizzate e soltanto 5 punti frutto di cinque pareggi.

Per i rossoblu, senza Angiulli e Cernigoi squalificati, l’occasione di tornare alla vittoria dopo le due gare casalinghe contro Vis Pesaro e Fano che hanno fruttato un misero punticino.

L’imperativo sarà Vincere anche per sfatare il tabù del “Romeo Menti” mai conquistato nelle otto precedenti sfide contro il Lane Rossi Vicenza (tre pareggi e cinque sconfitte). 

Luigi Tommolini



VERSO ARZIGNANO-SAMB: LE PAROLE DEL MISTER

Pre-gara inusuale per mister Montero che, vista la partenza anticipata per Vicenza, alla vigilia del match di domani in casa dell’Arzignano, ha risposto a distanza alle domande dei giornalisti.

“Sarà una gara difficile come tutte quelle che ci troviamo ad affrontare con squadre che lottano per la salvezza – le parole del tecnico rossoblu – Speriamo che loro giochino come abbiamo visto spesso cioè a viso aperto. Per noi potrebbe essere, almeno sulla carta, un vantaggio.

Un Arzignano reduce da un buon momento con 4 punti rimediati nelle ultime due trasferte: “L’Arzignano è in salute e il punto in casa del Piacenza ne è la dimostrazione. Se cambierò qualcosa nell’assetto tattico, viste le assenze? Al posto di Cernigoi giocherà Grandolfo e per sostituire Angiulli stiamo valutando con lo staff: abbiamo a disposizione valide soluzioni e metteremo in campo quella che pensiamo possa essere la migliore.Tornerà anche a completa disposizione Gemignani. C’è poi da valutare la situazione di Rapisarda che ha un problema al tensore della fascia alata e si è allenato poco. Domani mattina decideremo sul suo eventuale impiego”.

Montero poi ha risposto ad alcune domande riguardo al mercato: ” Io alleno chi ho a disposizione e sono contento di questi ragazzi. Bisogna rispettare il budget fissato, il direttore sportivo Fusco sa quello che può fare e speriamo che prima della chiusura possa succedere qualcosa di importante”.

Il tecnico ha poi parlato del momento della squadra esaltata dopo la vittoria di Trieste e presa di mira dopo le due gare casalinghe con Pesaro e Fano:
“Dobbiamo stare tutti più sereni – ha concluso il mister – e quando dico tutti intendo società, staff, giocatori e giornalisti. Le nostre dichiarazioni e quello che scrivono i giornalisti possono avere ripercussioni in una piazza calda come è San Benedetto. Io, per esempio, l’ho vissuto all’Atalanta da giocatore. Quando diciamo o scriviamo che la squadra non ha giocato con impegno, che tra l’altro non è vero, possiamo creare dei problemi seri ai ragazzi. Stiamo rispettando quelli che erano gli obiettivi fissati con il presidente. Ci vuole più equilibrio. Ovvio che, come dico sempre, bisogna lavorare ogni giorno di più e dare sempre il massimo. Quando sono arrivato a luglio i tifosi mi hanno chiesto solo che la squadra sudasse sempre la maglia. E lo stanno facendo dal primo giorno, se così non fosse sarei il primo ad andarmene, ma fino a quando continueranno ad allenarsi e a impegnarsi così, li difenderò sempre a spada tratta contro tutto e tutti.

Ho rivisto la partita con il Fano e non mi pare, alla fine, che il Fano ci abbia messo sotto. Ho qui i dati del gps, sapete quanto è la media dei km percorsi a giocatore? 11 km. E’ una media da serie B. Certo abbiamo corso male, si poteva fare meglio, non ci siamo espressi ai soliti livelli, ma l’atteggiamento è stato sempre lo stesso. Noi abbiamo affrontato tutte le gare portando avanti la nostra idea di gioco, poi le partite si possono vincere o perdere, vanno anche presi in considerazione i meriti degli avversari quando c’è da riconoscerli. Non ci si deve esaltare per una vittoria nè tantomeno buttarsi a terra per una sconfitta. Non funziona così”.



I CONVOCATI SAMB


I CONVOCATI ARZIGNANO



IL PROGRAMMA


LA CLASSIFICA


PROSSIMI IMPEGNI

Ascoli Piceno

Incidente sul lavoro in centro ad Ascoli, operaio caduto da impalcatura: è grave

Pubblicato

il

eliambulanza-118

Un operaio è caduto da un’impalcatura mentre si trovava all’opera in un cantiere in via delle Stelle ad Ascoli Piceno. Lo scorso 20 gennaio si era verificato un incidente sul lavoro simile in via Soderini. Trasportato in eliambulanza al Trauma Center di Torrette, sarebbe in gravi condizioni.

ASCOLI PICENO – Mentre si trovava all’opera in un cantiere allestito nel centro cittadino, un operaio è caduto da un’impalcatura, per cause ancora in fase di accertamento. L’uomo è stato immediatamente soccorso dai colleghi, che hanno provveduto a lanciare l’allarme e chiamare i soccorsi. L’operaio ha riportato diverse ferite ed è stato trasferito all’ospedale regionale di Torrette di Ancona in gravi condizioni.

Si tratta del secondo incidente sul lavoro che si verifica in pochi giorni ad Ascoli. L’episodio è avvenuto in via delle Stelle intorno alle 9:30. Il personale sanitario intervenuto sul posto, resosi conto della serietà delle lesioni riportate dall’operaio, ha richiesto l’intervento dell’eliambulanza. Il ferito è stato trasferito al Trauma Center dell’ospedale regionale.

Il 20 gennaio scorso, un altro incidente con modalità analoghe. In quell’occasione, un operaio cadde da un ponteggio in via Soderini, riportando diverse fratture.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Branco di cinghiali attraversa l’autostrada tra Pedaso e Porto San Giorgio

Pubblicato

il

cinghiali-autostrada-a14

L’autista di un autobus non ha potuto evitare l’impatto con uno dei cinghiali che ha attraversato l’autostrada, ma è riuscito ad evitare manovre brusche e potenzialmente pericolose.

FERMO -Singolare investimento in A14 nel tratto compreso tra Pedaso e Porto San Giorgio, lungo la carreggiata nord, dove un branco di cinghiali ha attraversato l’autostrada, questa mattina, giovedì 2 febbraio. In quel momento stava transitando per quel tratto un autobus e il conducente non ha potuto evitare di investire un esemplare, pur riuscendo a non compiere sterzate brusche, inchiodate o manovre che avrebbero potuto mettere in pericolo l’incolumità dei passeggeri o degli altri automobilisti.

L’animale colpito è stato scagliato a qualche metro di distanza ed è deceduto, mentre gli altri cinghiali che hanno attraversato l’autostrada A14 tra Pedaso e Porto San Giorgio sono riusciti a dileguarsi.

La circolazione ha subito qualche rallentamento dal momento che la carreggiata è stata chiusa durante le operazioni di sgombero della carcassa, effettuate dal personale di Società Autostrade. Tanto spavento, ma nessuna conseguenza per i passeggeri del bus, che ha potuto riprendere il suo viaggio. Il mezzo infatti ha riportato qualche danno, ma non tale da impedirgli la circolazione.

Nei giorni scorsi, altre segnalazioni avevano già segnalato la presenza di cinghiali non lontano dal punto in cui si è verificato l’incidente questa mattina. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della polizia stradale.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto, due furti nelle scuole nel giro di 48 ore

Pubblicato

il

Scuola concorso nazionale scuole primarie

Dopo le Bice Piacentine, anche le Sacconi sono state visitate dai ladri, che hanno rubato 8 computer, dopo essersi calati dal tetto. Sapevano come muoversi all’interno dell’edificio.

ASCOLI PICENO – Due furti nelle scuole avvenuti a strettissimo giro a San Benedetto del Tronto. Dopo che le Bice Piacentini di via Asiago sono stati oggetto di visita indesiderata nella notte tra venerdì e sabato scorso, a distanza di quarantotto ore è toccato alle scuole mede Sacconi di via Leopardi. Questa volta i ladri sono penetrati da una finestra sul tetto, sono penetrati nell’aula multimediale, hanno rubato 8 computer e si sono dileguati attraverso l’ingresso principale. A questo punto è scattato l’allarme, ma i ladri si erano già dileguati.

Probabilmente chi ha messo a segno il colpo nella scuola sapeva bene come muoversi all’interno dell’edificio scolastico e che abbia raggiunto il tetto utilizzando le scale d’emergenza ubicate sulla parte orientale della scuola.

Nei due furti commessi nelle scuole di San Benedetto dunque, chi ha agito conosceva la posizione di aule, corridoi ed uscite. In entrambi i casi la refurtiva è composta da alcuni computer e altro materiale informatico.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.