Disposti gli arresti domiciliari per l’ex comandante provinciale dei carabinieri di Teramo, Giorgio Naselli, a fronte della maxi inchiesta contro la ‘Ndrangheta nell’ambito dell’operazione “Rinascita-Scott”.

Assistito dal suo avvocato, Giovanni Lettieri, ha lasciato il carcere di Santa Maria Capua a Vetere ed è stato immediatamente trasferito ai domiciliari dopo che, durante l’interrogatorio di garanzia prima di Natale l’ex comandante Naselli si era avvalso della facoltà di non rispondere. Su di Lui pesano le accuse di rivelazione di segreto d’ufficio ed associazione di stampo mafioso.