fbpx
Connect with us

Abruzzo

Dacia Maraini ad Arsita per “Una valle che legge”

Avatar

Published

il

Sarà Dacia Maraini la protagonista dell’ultimo appuntamento della seconda edizione della rassegna letteraria “Una valle che legge“, a cura dell’Associazione Altofino, in programma il 7 febbraio 2020 alle 17 nella Taverna 44, in Via Vittorio Emanuele, 44, ad Arsita. La nota scrittrice presenterà il suo libro “Corpo felice. Storie di donne, rivoluzioni e un figlio che se ne va” edito da Rizzoli. La rassegna quest’anno ha visto la partecipazione della giornalista e scrittrice Roberta Scorranese e il suo “Portami dove sei nata” edito da Bompiani e lo scrittore Fabio Bacà autore di “Benevolenza cosmica” edito da Adelphi, mentre è stata rimandata a data da destinarsi la presentazione del libro del giornalista del Corriere della Sera Paolo Di Stefano “La catastòfa. Marcinelle 8 agosto 1956” edito da Sellerio. Anche quest’ultimo incontro, a ingresso libero, sarà presentato dalla giornalista Evelina Frisa, che ha curato con la Presidente di Altofino, Caterina Cacciatore, la rassegna. ‘Una valle che legge’ si avvale del patrocinio del Comune di Arsita, dei Comuni della Valfino (Bisenti, Castiglione Messer Raimondo, Montefino, Castilenti e Elice), dell’Istituto Comprensivo “Valle del Fino” e del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.

Questa edizione ha dato spazio anche ad altri due libri di autori locali come Angelo Panzone che ha proposto al pubblico, alla presenza del giornalista Rai Umberto Braccili, il suo progetto editoriale edito da Ricerche&Redazioni sul libro “Li quadernùcce di lu Màstre” di Lido Panzone e Lina Ranalli con il libro “Peppino e la perfezione del melograno” (Artemia Nova Editrice).

Per un piccolo comune come Arsita una rassegna con nomi così importanti – commenta la presidente dell’Associazione Altofino, Caterina Cacciatore – è stata una scommessa vinta partita dall’idea di offrire alla comunità una riflessione intorno a alcuni nuclei tematici che variano mensilmente e che riguardano l’uomo e il suo essere nel mondo. La manifestazione ha inteso promuovere il libro come compagno di viaggio, strumento di incontro, di riflessione comune, di socialità e occasione di conoscenza. Arsita ha dato i natali a Donatella Di Pietrantonio (vincitrice del Premio Campiello nel 2017 con ‘L’Arminuta’) e questo paese le ha conferito la cittadinanza onoraria. Alla luce di questi avvenimenti abbiamo sentito l’esigenza di organizzare una rassegna letteraria in paese. Avere nostra ospita Dacia Maraini è motivo di grande orgoglio e la ringrazio sentitamente perché nonostante i suoi tanti impegni ha colto il valore della nostra rassegna e ha deciso di esserci. Ringrazio, inoltre, quanti hanno patrocinato l’iniziativa, coloro che l’hanno supportata e quanti si sono adoperati nell’organizzazione, in particolare la famiglia Modesti per la grande disponibilità”.

            “Siamo orgogliosi di avere ad Arsita una scrittrice di fama internazionale come Dacia Maraini – aggiunge la sindaca di Arsita Catiuscia Cacciatore – ringrazio gli organizzatori e che hanno reso possibile questa rassegna che ci auguriamo possa crescere nel tempo e invito tutti gli appassionati di lettura a raggiungerci ad Arsita per quest’ultimo incontro che sarà arricchito come sempre da tanti elementi di ospitalità come il buon cibo e il grande calore umano”.

La prima edizione ha visto la presenza di sei autori: Carla Tarquini con “Memorie arsitane e non solo“; Valerio Valentini con “Gli 80 di Camporammaglia“; Donatella Di Pietrantonio con “L’Arminuta”Peppe Millanta con “Vinpeel degli orizzonti”Mimmo Locasciulli con “Come una macchina volante” e Santino Spinelli “Un mondo da scoprire. Storia, lingua e cultura dei Rom italiani di antico insediamento“. 

Abruzzo

Da hacker a responsabile dell’Innovazione Digitale INPS, la storia di un giovane abruzzese

Valentina Fagnani

Published

il

Da hacker, bravissimo, a responsabile dell’Innovazione Tecnologica e la Trasformazione di Digitale dell’Inps, il passo non è breve eccetto in rari picchi miracolosi. Il protagonista della vicenda è Vincenzo Di Nicola, quarantunenne abruzzese chiamato dai piani alti per tentare di rendere possibile quella che da sempre è vista come ardua impresa: rendere fluido il meccanismo digitale dell’INPS. L’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, presso cui debbono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi, che non abbiano una propria cassa previdenziale autonoma. L’INPS è sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Ad aprile dello scorso anno, in piena pandemia globale, in Italia lo Stato aveva dato la possibilità ad una fascia di cittadini con specifici requisiti, di ricevere un Bonus mensile di 600 mesi. La faticata richiesta poteva essere fatta tramite il sito dell’INPS: tanti i disservizi iniziali, tale da circolare voce che erano stati gli hackers ad attaccare il sito. Di Nicola, con un profilo professionale da poterselo permettere, smentì questa tesi con un giusto e duro attacco in cui invitava chi di dovere e pacificamente ad aprirsi ad un regime digitale adeguato. Evidentemente gli uffici dell’INPS, invece di offendersi, hanno letto con seria apertura tali parole: il giovane è stato preso per cercare di risolvere la faccenda. Non ha infinito tempo, ma qualche anno per poter portare dalla sua parte la fiducia dell’ente. Per il momento, la nostra simpatia l’ha conquistata tutta.

Continua a leggere

Teramo

Val Vibrata: finiscono in carcere due trafficanti di droga

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

ALBA ADRIATICA – Il fatto risale a stato 2 gennaio. Due uomini di origine albanese, sono stati arrestati dalla Carabinieri con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti. Durante l’operazione sarebbe stato rinvenuto un borsone contenente oltre 26 kg di droga. Oggi, in data 27 gennaio, il Gip del Tribunale di Teramo ha firmato un’ordinanza di carcerazione per i due trafficanti, che precedentemente erano stati posti ai domiciliari e per loro, si apriranno le porte del carcere di Rieti.

Continua a leggere

Pescara

Spoltore: 65enne muore per un colpo accidentale durante una battuta di caccia

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

Elicottero del 118: eliambulanza (Il Martino - ilmartino.it -)

SPOLTORE – Tragedia questa mattina, mercoledì 27 gennaio, a Caprara (Spoltore) sulla strada provinciale 12. Un 65enne è deceduto durante una battuta di caccia con un amico. Da quanto appreso dalla ricostruzione, un colpo accidentale sarebbe partito dal fucile che aveva in spalla e questo gli avrebbe raggiunto il fianco destro. Immediatamente sul posto, assieme ai Carabinieri, il personale del 118 in elicottero e ambulanza ma purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare. I militari stanno procedendo alla ricostruzione di quanto accaduto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy