Il 27 febbraio festa di San Gabriele: tradizione e liturgia sotto il Gran Sasso

La giornata avrà inizio alle ore 6,30 del mattino con la celebrazione del transito di San Gabriele presieduta dal Vescovo Leuzzi

ISOLA DEL GRAN SASSO – Giovedì 27 febbraio numerosi pellegrini arriveranno al santuario in occasione della festa di San Gabriele dell’Addolorata. Il protettore a cui i ragazzi ogni anno affidano le sorti dei propri esami di Maturità è San Gabriele dell’Addolorata, vissuto intorno alla metà dell’Ottocento e morto giovanissimo a causa della tubercolosi.

Noto come il Santo dei giovani, dei miracoli e del sorriso, il Santo ragazzo è stato ritenuto artefice di vari miracoli. Proclamato santo nel 1920 da papa Benedetto XV, la sua memoria liturgica è celebrata il 27 febbraio.

Gabriele dell’Addolorata, al secolo Francesco Possenti, è stato un religioso della Congregazione della Passione di Gesù Cristo. Concittadino di Francesco e Chiara d’Assisi, è patrono della regione Abruzzo, della Gioventù cattolica italiana e della Città di Civitanova Marche.