Ritrovati 3 scheletri nei sotterranei del Duomo de L’Aquila

L’AQUILA – Tre scheletri nei sotterranei del Duomo a L’Aquila. Il sorprendente ritrovamento è avvenuto davanti all’altare. I resti potrebbero appartenere a tre alti prelati. Per ora non è ancora stata scoperta la loro identità. I paleontologi stanno analizzando i resti.

La Curia de L’Aquila si augura si tratti dei resti di San Massimo d’Aveja, patrono della città dell’Aquila, insieme a San Giorgio. Ma di certezze da questo punto di vista non ce ne sono ancora. Risposte più precise potranno arrivare nelle prossime settimane soltanto dopo gli esami e le indagini degli archeologi paleontologi della Soprintendenza e della Curia.

I corpi sono arrivati fino a oggi in buone condizioni, mummificati. Ciò fa presupporre una datazione piuttosto recente.