fbpx
Connect with us

Abruzzo

Abruzzo, estesa zona rossa. D’Alberto: ”Il farmaco Tocilizumab sta dando risultati significativi e positivi”

Valentina Fagnani

Published

il

E’ stata estesa la zona rossa in Abruzzo per l’emergenza Coronavirus. Ai Comuni di Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Arsita, Bisenti, Montefino ed Elice, si aggiungono i Comuni di PenneMontebello di BertonaCivitella CasanovaFarindola e Picciano, tutti in provincia di Pescara. Il presidente della Giunta regionale Marco Marsilio ha appena comunicato in conferenza stampa che l’ordinanza entrerà subito in vigore.

Notizia che circolava da qualche giorno, confermata poche ore fa dal Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto: il famaco Tocilizumab parrebbe al momento dare qualche sollievo di efficacia.

”Ieri il Dott. Parruti, primario del reparto di Malattie Infettive di Pescara, ha comunicato come il farmaco Tocilizumab stia dando risultati significativi e positivi nella somministrazione ai pazienti, nelle forme più precoci di COVID-19. Segnali incoraggianti che, se confermati, potrebbero avere risvolti positivi per il trattamento e il decorso della malattia, oltre che in termini numerici sulla congestione dei nostri ospedali. Non sta a me valutare da un punto di vista scientifico e sanitario: continuiamo ad affidarci a professionisti, che giorno dopo giorno dimostrano capacità e abnegazione. A loro, ancora una volta, il nostro grazie!
Una cosa è certa, però, e mi esprimo sia come Presidente del Comitato ristretto dei Sindaci della Provincia di Teramo che come Presidente Anci Abruzzo, non è possibile perpetrare forme di disparità e di disuguaglianza nella nostra regione. Se quanto detto dal Dott. Parruti ha evidenza scientifica, tutti gli ospedali del nostro territorio, senza alcuna esclusione, devono essere dotati degli strumenti necessari, a cominciare dalle più adeguate terapie farmacologiche. Nessuno escluso. Non siamo e non siete soli! Insieme ce la faremo!”

Pescara

Spoltore: tenta il suicidio dopo un litigio in famiglia, salvato dai carabinieri

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

SPOLTORE – Tragedia evitata grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri, per un’ennesima lite in famiglia. Un uomo, dopo aver avuto un acceso diverbio con la moglie, avrebbe tentato il suicidio mettendosi un cavo elettrico intorno al collo legato, a sua volta, ad una culla della camera da letto nella quale si era chiuso. All’arrivo dei militari, l’uomo era privo di sensi e stava per morire di soffocamento e dopo aver sfondato la porta sono riusciti fortunatamente a farlo rinvenire. Sul posto anche i sanitari del 118 che hanno provveduto al trasferimento presso il nosocomio di Pescara, nel quale si trova attualmente ricoverato.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: GdF sequestrano 1.267.000 mascherine chirurgiche, denunciati titolari di due aziende

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – A fronte di una serie di controlli effettuati dalla Guardia di Finanza di Roseto degli Abruzzi, per il contenimento del rischio epidemiologico, due aziende della provincia una con sede rispettivamente, a Sant’ Egidio della Vibrata e Civitella del Tronto, sono finite nei guai. I finanzieri avrebbero posto sotto sequestro 1.267.000 mascherine chirurgiche e 20 mila tute monouso di III categoria priva delle idonee certificazioni attestanti la sicurezza e affidabilità del prodotto e riportante anche il marchio Ce contraffatto. Il materiale risultava essere stato importato dalla Cina. I titolari delle aziende, a fronte della violazione dell’articolo 474 cp (Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi) sono stati denunciati all’autorità giudiziaria locale.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: focolaio Covid in Rsa abusiva, gli operatori figuravano come “braccianti agricoli”

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – Un focolaio Covid-19 è esploso, nelle scorse settimane, all’interno di una Rsa risultata totalmente abusiva. Una ventina di persone, tra ospiti e personale, sarebbero risultate positive al Coronavirus. I decessi totali sarebbero quattro, due donne e due uomini, avvenuti presso gli ospedali di Giulianova e Teramo. Gli operatori sanitari della struttura abusiva, erano privi di qualifica, tanto che venivano fatti risultare come “braccianti agricoli”. La struttura è stata posta sotto sequestro, così come i farmaci e la documentazione sanitaria. Gli ospiti, invece, trasferiti in strutture sanitarie idonee. 

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy