fbpx
Connect with us

Ancona

Coldiretti Marche lancia l’allarme selvatici

Published

on

Riceviamo un interessante contributo sui danni all’agricoltura di Coldiretti Marche.

Sulla campagna che non si ferma nonostante il Coronavirus si abbattono le incursione dei cinghiali, indisturbati e liberi di proliferare a causa del blocco delle attività di contenimento. E così gli agricoltori, primo anello di quella filiera dell’agroalimentare ancora al lavoro per garantire il cibo sulle tavole degli italiani nonostante la quarantena, sono alle prese in questi giorni con le criticità dovute alle scorribande degli ungulati nei campi. Nessuno li ferma. Le misure per frenare il contagio da Coronavirus, in pratica, hanno imposto lo stop a tutta la filiera dei controlli: chiusi gli Atc, Polizia Provinciale impegnata nei controlli stradali per il rispetto della quarantena, fermi i selezionatori, servizio veterinario a singhiozzo per ispezioni ed esami sul cacciato. Il risultato? Danni ingenti in tutta la regione. Gli ultimi a Jesi, in zona Ripa Bianca, dove una quarantina di cinghiali ha distrutto i germogli di cece di un’azienda agricola. Ma si registrano devastazioni anche a Fabriano e a Serra San Quirico. Nell’Ascolano, a Montemonaco a farne le spese sono state le colture di patate, ceci e lenticchia mentre l’intera area interna della provincia di Macerata lamenta danni su cereali e foraggio. Animali che, in gran numero, liberi di girovagare anche per l’attuale calo del traffico veicolare, si spingono fino a ridosso delle case mettendo a rischio la stessa incolumità degli agricoltori che continuano a lavorare nelle nostre campagne. I timori maggiori sono legati alle prossime semine di girasole ma, soprattutto, alle coltivazioni per l’alimentazione degli animali negli allevamenti. “In un momento così difficile per l’intera economia non possiamo trascurare quello che era un problema anche prima del Coronavirus – commenta Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – Ora il proliferare indisturbato della fauna selvatica rischia di compromettere tutto il settore in una fase delicatissima della nostra storia: l’agricoltura è stata riconosciuta come settore strategico e come tale va difeso. Nelle campagne si continua a lavorare per non far mancare i beni di prima necessità alla popolazione e per mantenere accesa una luce, pur flebile, di speranza per l’economia dei nostri territori”.

Ancona

Senigallia, rissa su treno regionale: capotreno strattonata e colpita

Published

on

SENIGALLIA – Ennesima aggressione ai danni di un capotreno”. Lo denunciano le segreterie regionali Marche di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti in relazione ad un episodio di violenza accaduto ieri pomeriggio sul Regionale veloce Piacenza-Ancona 3921 sulla tratta Marotta-Senigallia: “è scoppiata una rissa tra viaggiatori che ha coinvolto anche la capotreno in servizio.

La collega è stata strattonata e colpita fino a che è riuscita a raggiungere la cabina di guida e a mettersi in salvo grazie all’aiuto del macchinista”. “Un viaggiatore presente in treno ha prontamente allertato le forze dell’ordine che sono intervenute nella stazione di Senigallia” e hanno individuato e denunciato gli aggressori. Le segreterie regionali dei sindacati esprimono “vicinanza e profonda solidarietà alla collega e le auguriamo di rimettersi presto e di poter superare quanto prima questa spiacevole esperienza”.

“Da tempo come Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti stiamo denunciando una vera e propria emergenza sicurezza a bordo treno. – lamentano i sindacati – Abbiamo segnalato treni a rischio, come quelli del weekend che portano i giovani sulla riviera romagnola, e richiesto la presenza a bordo delle forze dell’ordine; sono stati chiesti controlli a campione su varie tratte regionali, ma le misure fin qui attuate appaiono ancora insufficienti.

Come riporta l’Ansa, sull’aggressione interviene anche Slm Fast Confsal che ricorda anche altre recenti aggressioni: a Poggio Rusco (Mantona) ai danni di un macchinista che cercava di difendere la capotreno, il caso del ferroviere “colpito al volto con un taglierino”. “Non chiediamo solo tutela e sicurezza per i capitreno, ma anche per tutti quei ferrovieri che nello svolgimento del servizio devono utilizzare il treno per spostarsi da una località ad un’altra, – affermano – i cosiddetti viaggi in vettura o fuori servizio. Proponiamo e chiediamo uno sforzo da parte aziendale affinché vengano adottate delle misure ad integrazione dei protocolli a tutela del personale, quali ad esempio: aumentare le scorte ai treni da parte degli agenti Polfer, prevedere la presenza delle forze dell’ordine nelle stazioni e negli orari con maggior affluenza di viaggiatori”.

Continue Reading

Ancona

Ancona, si schianta contro le auto in sosta e si ribalta con la macchina

Published

on

auto ribaltata a Torrette di Ancona

ANCONA – Rocambolesco incidente stradale in via Flaminia a Torrette di Ancona, dove ieri, martedì 9 agosto, un’auto si è ribaltata dopo aver impattato contro altri mezzi in sosta. Una donna alla guida di un’utilitaria, per cause al momento al vaglio della polizia locale, ha perso il controllo del mezzo, andando a tamponare quattro vetture parcheggiate lungo la via, per poi terminare la propria corsa e rovesciandosi su un fianco. 

Poteva essere ben più grave il bilancio dell’incidente, visto il punto in cui è avvenuto, fortunatamente però in quel momento non sopraggiungevano altri veicoli. Una squadra dei vigili del fuoco di Ancona in collaborazione con il personale del 118, ha provveduto ad estrarre la donna dall’ abitacolo dell’auto ribaltata a Torrette di Ancona, all’interno della quale era rimasta bloccata la malcapitata.

Affidata ai sanitari è stata trasferita a bordo di un’ ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette, per aggiornamenti. Nel mentre i vigili del fuoco, provvedevano a mettere in sicurezza l’area in cui si è verificato l’incidente.. 

Continue Reading

Ancona

“Enoturismo delle Marche: dalla vigna alla tavola”: in uscita il bando, le domande dal 19 agosto

Published

on

ANCONA – Prosegue la strategia avviata lo scorso anno dalla giunta regionale con la legge 28/2021 che norma l’attività nel settore dell’enoturismo e realizza un percorso per dare una risposta agli operatori del settore vitivinicolo nel periodo immediatamente successivo alla pandemia da Covid-19. E’ già consultabile  il bando “Dalla Vigna alla Tavola” che sosterrà progetti finalizzati a promuovere, in abbinamento con la cucina tipica marchigiana, l’utilizzo di prodotti marchigiani di qualità certificata.

E’ destinato a finanziare progetti di imprese aderenti ad un accordo di partenariato, il cui capofila può appartenere al settore Ho.Re.Ca o agenzie d’affari. Le altre imprese aderenti all’accordo possono essere Cantine e operatori enoturistici iscritti nell’Elenco Regionale (EROE); birrifici agricoli o artigianali; agriturismi iscritti nell’Elenco Regionale degli Operatori Agrituristici (EROA); e. agenzie d’affari; società che operano nel settore della comunicazione e marketing, associazioni di promozione della cultura enogastronomica (Slow Food, Accademia della Cucina, Associazione di Sommelier, ecc.); tour operator, guide enogastronomiche e stampa di settore.

Nel corso delle iniziative da realizzare –  eventi come degustazioni, apericena, cene a tema per la promozione dei vini DOCG, DOC e IGT delle Marche e la valorizzazione dei prodotti alimentari di qualità-dovrà essere utilizzato il logo identificativo dell’attività enoturistica previsto dalla legge 28/2021 in corso di ideazione  che, una volta approvato dalla Giunta regionale,  costituirà l’unico logo identificativo.

Le domande potranno essere presentate sul sito https://siar.marche.it a partire dal 19 agosto fino al 20 settembre alle ore 13.00. Ulteriori informazioni al link https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Agricoltura-Sviluppo-Rurale-e-Pesca/Promozione-e-valorizzazione-di-prodotti-enogastronomici

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.