fbpx
Connect with us

Abruzzo

CoViD19 Abruzzo: bonus fino a mille euro per le famiglie

Luigi Tommolini

Published

il

Pubblicato il bando pubblico rivolto alle famiglie in condizione di particolare disagio derivante dall’emergenza covid-19 per accedere al contributo per l’acquisto di beni di prima necessità di cui all’art. 2, co. 1, lett. d) della L.R. 9 del 6 aprile 2020.

Sarà possibile compilare il bando per poter accedere ai benefici previsti dalla legge regionale 9/20 a favore dei nuclei familiari in condizioni di particolare disagio, a causa della situazione di emergenza derivante dal Covid-19, che prevedono un contributo per l’acquisto di beni di prima necessità.

La scadenza della presentazione delle domande avverrà inderogabilmente alle ore 23.59 di giovedì 23 aprile.

ECCO IL LINK (Clicca Qui) 

Il contributo è riconosciuto ai nuclei familiari i cui componenti siano in possesso dei seguenti requisiti: essere cittadini italiani o di uno Stato dell’Unione europea, ovvero stranieri che rientrano nelle fattispecie previste dall’allegato al comunicato; i richiedenti il contributo devono essere residenti in Abruzzo al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, in modo continuativo; il valore complessivo, alla data di pubblicazione delle legge regionale (7 aprile 2020), dei depositi presenti sulla totalità dei conti correnti bancari e/o postali intestati ai componenti del nucleo familiare (per la quota parte nel caso di conti correnti cointestati con soggetti non appartenenti al nucleo familiare) e degli strumenti finanziari dagli stessi posseduti/sottoscritti (salvo buoni e/o titoli vincolati intestati ai minori), non può essere superiore a 2.000 euro, incrementato di 1.000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al secondo, fino a un massimo di 5.000 euro; i beneficiari non possono essere titolari, a pena di esclusione, della nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) e dell’indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata (DIS-COLL), ovvero del reddito di cittadinanza; non possono essere titolari, a pena di esclusione, di reddito da lavoro subordinato pubblico o privato (ad esclusione di pensione), ovvero di altre forme di sostegno economico o al reddito erogate da enti pubblici (ad eccezione del contributo di solidarietà alimentare erogato dal Comune ai sensi dell’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile 29 marzo 2020, n. 658).

Alla domanda devono essere allegati: l’autocertificazione da parte del soggetto richiedente attestante il possesso dei requisiti richiesti; la. fotocopia dei documenti d’identità in corso di validità del richiedente e di tutti i componenti il nucleo familiare (esclusi i minori); la fotocopia del codice fiscale e per i soggetti stranieri la fotocopia del permesso di soggiorno.

Sulla base del numero delle domande pervenute, la Giunta regionale si riserva di determinare, con successiva deliberazione, l’entità del contributo da erogare a favore dei nuclei familiari appartenenti a una o più categorie. L’erogazione del contributo non tiene conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande. Al termine dell’istruttoria, la Regione provvederà ad accreditare il contributo direttamente sul conto corrente bancario o postale indicato nella domanda dal nucleo familiare richiedente.

L’erogazione del contributo avverrà fino ad esaurimento delle risorse disponibili, pari a 5 milioni di euro. Dopo l’erogazione dei contributi verranno effettuati controlli sulla veridicità delle domande anche avvalendosi del supporto della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle entrate attraverso la stipula di appositi protocolli d’intesa.

“Si tramuta in realtà un progetto che ho fortemente voluto sin dall’inizio dell’emergenza. Questa Giunta regionale dimostra di essere accanto a quelle famiglie abruzzesi che fanno fatica, sotto l’aspetto economico, a vivere questo momento di emergenza. Non serve correre per arrivare primi a presentare la domanda. Tutte quelle che in questa settimana verranno prodotte, se rispondenti ai requisiti, verranno prese in considerazione. Ringrazio gli uffici che in questi giorni hanno lavorato alacremente per ridurre al minimo i tempi necessari per dare il via alla pubblicazione del bando”, ha detto il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.




Abruzzo

Martinsicuro: a scuola con PEDIBUS

Venerdì 25 incontro informativo in Comune

Published

il

L’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Sandro Pertini” di Martinsicuro quest’anno attiverà, preliminarmente in via sperimentale, il servizio Pedibus.

Formato da gruppi organizzati di alunni e guidato da personale dedicato, il Pedibus parte da un capolinea e, seguendo un percorso stabilito, raccoglie passeggeri alle “fermate” predisposte lungo il cammino, rispettando l’orario prefissato, per accompagnare i ragazzi a scuola e nel tragitto di ritorno a casa.

Il servizio Pedibus sarà attivato preliminarmente con tre linee a Martinsicuro ed una linea a Villa Rosa, ma nuovi percorsi potranno essere attivati anche in base alle adesioni (in allegato i tracciati previsti e quelli di eventuale attivazione).

Le adesioni per le linee già previste e per quelle eventualmente attivabili possono essere comunicate compilando la modulistica allegata e consegnandola al protocollo dell’Ente dal lunedì al venerdì (09.00-13.00) o via pec (protocollo.martinsicuro@pec.it) – modello in allegato.

Il Pedibus è un’esperienza già attivata con successo in molte realtà e, oltre ai benefici sulla socializzazione e sulla salute fisica e mentale dei bambini, permette loro di apprendere sul campo le norme di educazione civica e stradale nel percorso casa-scuola, contribuendo così alla formazione di pedoni consapevoli.

VENERDÌ 25 SETTEMBRE ALLE ORE 18 PRESSO LA SALA CONSILIARE IN VIA A. MORO 32/A (SEDE MUNICIPALE) SI TERRÀ UN INCONTRO DIVULGATIVO ED INFORMATIVO.

Lo si legge dal sito internet del Comune Vibratiano.

Continua a leggere

Abruzzo

Massima allerta per coronavirus in provincia di Teramo

Invito a fare il vaccino anti influenzale

Published

il

Massima allerta per coronavirus in provincia di Teramo. Un appello accorato alla responsabilità personale, quello lanciato oggi in conferenza stampa dal Dr. Pierluigi Tarquini, Responsabile di Malattie Infettive all’Ospedale di Teramo, dal Direttore Generale Maurizio Di Giosia e dal Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, presente anche lui all’incontro.
“Il Reparto di Malattie Infettive si è di nuovo riempito per una recrudescenza di contagi da Coronavirus che, negli ultimi giorni, sta decisamente crescendo. Al momento ci sono 12 pazienti ricoverati, tutti con polmonite, ma se nei giorni scorsi i contagi erano riconducibili a cluster familiari e contatti avvenuti in occasione di feste e incontri, stanno crescendo i pazienti che non hanno davvero idea di come abbiano potuto contrarre la malattia.
Questo vuol dire che il virus sta circolando in maniera importante, soprattutto sulla costa teramana, e che con ogni probabilità ci sono molti soggetti asintomatici in grado di contagiare coloro con cui vengono a contatto.
E’ fondamentale, in questo momento in cui non è certo possibile pensare ad un nuovo lockdown, appellarsi alla responsabilità che ognuno di noi deve avere nel contatto con gli altri. Indossare la mascherina, rispettare le distanze e – se possibile – applicare la “regola del 6”, al momento operativa in Gran Bretagna, cioè quella di non soggiornare in luoghi chiusi in gruppi più ampi di 6 persone.
Credo che le Autorità debbano comunque intensificare i controlli e sanzionare i comportamenti scorretti cui al momento assistiamo, dettati probabilmente dal rilassamento estivo che ha colto un po’ tutti. E’ ora di tornare, dunque, ad una maggiore responsabilità sia verso se stessi che verso gli altri.”

Queste, le dichiarazioni del Dr. Tarquini, seguite a ruota da quelle del Sindaco che, oltre a rivolgere lo stesso appello ai cittadini, ha chiesto un lavoro sinergico tra tutte le Istituzioni territoriali, ma anche nazionali, poiché contro questo nemico invisibile non si può combattere da soli. D’Alberto, proprio al fine di coinvolgere i suoi colleghi, ha annunciato una imminente convocazione del Comitato Ristretto dei Sindaci per studiare strategie comuni per arginare i nuovi contagi.

Il Direttore Generale Maurizio Di Giosia ha riferito, poi, di aver riaperto ai pazienti Covid l’Unità Operativa di Pneumologia che, al momento, ospita già 3 dei 12 ricoverati al Mazzini, ai quali bisogna aggiungere altre 5 persone Covid positive, ricoverate presso la RSA di Bivio Bellocchio a Giulianova.
La raccomandazione finale, rivolta a tutti, è quella di vaccinarsi contro l’influenza stagionale, soprattutto in vista della compresenza del Covid-19.
La vaccinazione anti influenzale, infatti, non solo è utile a poter distinguere tra le due infezioni, ma anche perché un recente studio scientifico ha dimostrato come i virus influenzali facilitino l’ingresso del coronavirus nei polmoni, aumentando il numero dei recettori con cui il Covid si può legare.

Lo si legge dal comunicato stampa della ASL di Teramo.

Continua a leggere

Abruzzo

Chiusura del Gran Sasso rinviata

Era prevista per questa sera e per domani

Published

il

Chiusura del Gran Sasso rinviata.Strada dei Parchi comunica: annullata la chiusura della tratta autostradale San Gabriele/Colledara – Assergi (Traforo del Gran Sasso), annunciata sabato scorso, dalle ore 22:00 dei giorni 21 e 22 settembre alle ore 06:00 dei giorni successivi.

Il Traforo del Gran Sasso resterà pertanto aperto al traffico in entrambe le direzioni nella notte di lunedì 21 e di martedì 22 settembre.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulle condizioni del traffico e della viabilità di A24 e A25, inclusi eventuali aggiornamenti sulla percorribilità della tratta in oggetto, si raccomanda di visitare il sito www.stradadeiparchi.it

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone