fbpx
Connect with us

Abruzzo

CoViD19 Katia: morire di CoronaVirus

Luigi Tommolini

Published

il

“Lei è Katia. Vive a Noci, in Puglia. Ha 20 anni. Conosce un ragazzo in chat. Si sentono tutti i giorni, sono gli opposti, lei è allegra solare, lui è chiuso, taciturno, ma si piacciono. Lui abita in Piemonte, la raggiunge per l’estate. Due settimane insieme e Katia è cotta. Tempo due mesi e si trasferisce dal suo Bruno, affittano una casa e vanno a convivere. Katia è chiassosa, spontanea, in paese tutti imparano a conoscerla, e la adorano. Passano gli anni. Katia si sposa, resta incinta. È il 2010. Nasce la prima bambina. Per Katia è una gioia immensa, ma la madre si ammala di tumore e nel giro di poco, muore. È una batosta. Katia è distrutta, va avanti per sua figlia, e per la nuova arrivata che è nella sua pancia. La chiama Angela, come la nonna. È il 2017. Katia fa un controllo. Ha un fibroma a un ovaio, le asportano l’utero. L’operazione riesce, ma c’è una brutta notizia. Ha un cancro allo stomaco. Il mondo le crolla addosso. Katia pensa alle figlie, sono così piccole. Lotterà, per loro. Inizia il ciclo di chemio, le sedute, l’attesa, l’ansia a ogni controllo. Stringe i denti. La cura dà i suoi frutti, Katia migliora. È il 19 marzo del 2020. Katia compie 38 anni. Festeggia chiusa in casa, esce solo per fare l’ultima chemio, poi dovrà aspettare, data l’emergenza non sanno quando sarà il prossimo appuntamento. Passa qualche giorno. Katia ha la tosse, le sale la febbre. Il marito avverte il medico. Sarà il reflusso, raccomanda sciroppo, e antibiotico. È il 31 marzo. Katia si sveglia di soprassalto, il cuore le batte all’impazzata. Non respira. Il marito fa per chiamare i soccorsi. Lei lo blocca. Se mi portano in ospedale so già che non ne uscirò più, voglio stare qui con le bambine. Lui insiste. Arriva l’ambulanza, la portano via. Le fanno un tampone, è positiva. Katia è intubata, non reagisce alla terapie, solo un miracolo la può salvare. Bruno prega, non è da lui, ma lo fa per Katia. È il 3 aprile. Katia non ce la fa, muore. Le sue bambine la salutano da lontano, la chiamano la mamma guerriera.💙”.

Fonte Carmelo Abbate

Pescara

Pescara: rapinano un negozio multietnico e picchiano il titolare, fermati due minorenni di 16 anni

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – La Polizia e la Guardia di Finanza hanno identificato e bloccato due 16enni responsabili di una rapina in un negozio multietnico, in via Muzii. I due minorenni sono stati presi mentre cercavano di fuggire dopo aver messo a segno il colpo. Dopo aver rubato uno scaldacollo, avrebbero preso anche a calci e pugni il titolare e un suo collaboratore, in quanto si sarebbero accorti del furto avvenuto. Sul posto anche un’ambulanza del 118, che ha provveduto al trasferimento dei feriti presso l’ospedale e le prognosi sono di 7 e 15 giorni, salvo complicazioni, per trauma cranico e frattura alla costola. Uno dei due ragazzi è risultato essere incensurato ed è stato posto agli arresti domiciliari; mentre l’alto, appena uscito da una comunità minorile, vi ha fatto ritorno.

Continua a leggere

Teramo

Martinsicuro: nascondeva 100 grammi di cocaina e 900 euro, arrestato 46enne

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

MARTINSICURO – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Teramo e della Stazione di Martinsicuro, in data 14 gennaio, hanno arrestato un 46enne con l’accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. Da quanto appreso pare che l’uomo detenesse, in vari nascondigli dell’abitazione, 100 grammi di cocaina e una somma pari a 900 euro, frutto dell’attività di spaccio. Il 46enne, originario di San Benedetto del Tronto, è stato arrestato e processato per direttissima. Condannato a due anni e due mesi di reclusione, pena sospesa e rimesso in libertà.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: minaccia e molesta un’anziana 71enne, arrestato 63enne

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – I Carabinieri della Stazione di San Nicolò a Tordino, hanno arrestato un 63enne in quanto risultato colpevole di molestie e minacce nei confronti di una 71enne, vicina di casa. Da quanto si apprende l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, nell’ultimo episodio risalente al 4 dicembre 2020, avrebbe aggredito fisicamente l’anziana donna provocandole lesioni agli arti e alla testa. A fronte di ciò, il Gip di Teramo ha disposto per il 63enne, la custodia cautelare nel carcere di Vasto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy