fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

CoViD19 Loggi: sì a spostamenti nel “MarcUzzo”

Petizione Parlamentare.

Pubblicato

il

Regioni Marche-Abruzzo

MONTEPRANDONE – Il sindaco del Comune di Monteprandone sottoscrive il documento in cui si chiede ai parlamentari del territorio di sollecitare il Governo per la concessione di una deroga che consenta lo spostamento in una Regione differente a quella in cui si risiede. In particolare nei comuni di “confine” tra le Marche e l’Abruzzo (il cosiddetto MARCUZZO), quelli della Vallata del Tronto, i rispettivi sindaci (ventidue) hanno già sottoscritto questo documento.

“Ribadisco la mia posizione favorevole, già espressa qualche giorno fa a mezzo stampa, in merito agli spostamenti verso i Comuni del vicino Abruzzo.

A Monteprandone ci sono tantissimi cittadini che hanno congiunti nei Comuni limitrofi abruzzesi.

Molti sono tornati a lavorare e non sanno a chi affidare i loro figli.

Per questo, come altri Sindaci della Provincia di Ascoli Piceno, ho deciso di sottoscrivere il documento in cui si chiede ai parlamentari del territorio di sollecitare il Governo affinché conceda una deroga che consenta di effettuare spostamenti in una Regione differente a quella in cui si risiede.”

Il Sindaco di Monteprandone

Sergio Loggi



Il documento è stato sottoscritto già da 22 sindaci dei Comuni della provincia di Ascoli Piceno.

Marco Fioravanti (Ascoli Piceno), Armando Falcioni (Maltignano), Pasqualino Piunti (San Benedetto del Tronto), Pierpaolo Rosetti (Acquaviva Picena), Aleandro Petrucci (Arquata del Tronto), Gianfilippo Michetti (Carassai), Fabio Polini (Castignano), Graziano Fanesi (Castorano), Alessio Piersimoni (Cupra Marittima), Matteo Terrani (Folignano), Augusto Curti (Force), Enrico Piergallini (Grottammare), Daniel Matricardi (Montalto delle Marche), Lucio Porrà (Montefiore dell’Aso), Sergio Fabiani (Montegallo), Francesca Grilli (Montemonaco), Luigi Massa (Offida), Giuseppe Amici (Palmiano), Alessandro Lucciarini De Vincenzi (Ripatransone), Francesco Leoni (Roccafluvione), Alessandro Luciani (Spinetoli) e Fabio Salvi (Venarotta).
«Abbiamo sottoposto all’attenzione dei parlamentari del nostro territorio – Sen. Giorgio Fede, On. Rachele Silvestri, On. Giorgia Latini e On. Roberto Cataldi – un documento condiviso da 22 sindaci dei Comuni della provincia di Ascoli Piceno per chiedere di sollecitare il Governo affinché conceda una deroga che consenta di effettuare spostamenti in una regione differente rispetto a quella in cui si risiede».
Così il sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti.
Il documento è stato sottoscritto dai sindaci Marco Fioravanti (Ascoli Piceno), Armando Falcioni (Maltignano), Pasqualino Piunti (San Benedetto del Tronto), Pierpaolo Rosetti (Acquaviva Picena), Aleandro Petrucci (Arquata del Tronto), Gianfilippo Michetti (Carassai), Fabio Polini (Castignano), Graziano Fanesi (Castorano), Alessio Piersimoni (Cupra Marittima), Matteo Terrani (Folignano), Augusto Curti (Force), Enrico Piergallini (Grottammare), Daniel Matricardi (Montalto delle Marche), Lucio Porrà (Montefiore dell’Aso), Sergio Fabiani (Montegallo), Francesca Grilli (Montemonaco), Luigi Massa (Offida), Giuseppe Amici (Palmiano), Alessandro Lucciarini De Vincenzi (Ripatransone), Francesco Leoni (Roccafluvione), Alessandro Luciani (Spinetoli) e Fabio Salvi (Venarotta).
«Con questo documento, che ieri abbiamo condiviso con i vari amministratori, diamo ulteriore forza all’iniziativa messa in campo dal sindaco di Maltignano Armando Falcioni, che sul tema aveva già sollecitato l’Anci Marche» ha aggiunto il sindaco Fioravanti.
«Riteniamo infatti che per i Comuni della provincia di Ascoli Piceno sia necessaria una deroga al Dpcm del 26 aprile 2020, che non consente la possibilità di effettuare spostamenti in una regione differente rispetto a quella in cui si risiede se non per comprovate esigenze di lavoro, salute, assoluta urgenza o per fare rientro presso la propria abitazione.
Se da un lato la norma può essere condivisibile nell’ottica di un contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale, dall’altro è evidente come sia necessaria una deroga per quei Comuni che – seppur appartenenti a una diversa regione – sono tra loro confinanti e strettamente legati dal punto di vista storico, sociale ed economico.
È proprio in questi territori limitrofi che molti cittadini, pur condividendo rapporti con familiari e parenti, non possono incontrare i loro congiunti.
È proprio in questi territori limitrofi che molti cittadini, pur possedendo seconde case, non possono recarvisi.
Cittadini che, dopo aver responsabilmente accettato le misure restrittive imposte dal Governo nella prima fase dell’emergenza, non possono e non devono ora essere trattati con disparità.
È evidente a tutti – e crediamo lo sia anche al Governo stesso – il paradosso di consentire ai cittadini della provincia di Ascoli Piceno di poter percorrere oltre 200 chilometri per raggiungere il Nord delle Marche ma non permettere agli stessi cittadini di effettuare spostamenti di 10 o 20 chilometri per raggiungere i limitrofi territori appartenenti ad altre regioni e nei quali si trovano parenti e familiari.
Pur condividendo dunque la necessità di tutelare la salute di tutti i cittadini, crediamo sia necessario predisporre una deroga per quei territori che – per posizione geografica – si trovano in aree di confine: in questo modo si permetterebbe uno spostamento anche tra Comuni appartenenti a regioni differenti, magari circoscrivendo e limitando lo spostamento stesso a un prestabilito raggio di azione.
Per tutte queste ragioni chiediamo ai parlamentari del nostro territorio che si facciano portavoce presso gli organi competenti di tali esigenze, affinché si possa tempestivamente porre rimedio a una situazione paradossale e che rischia di generare disuguaglianza di trattamento per numerosi cittadini residenti nei Comuni della provincia di Ascoli Piceno».



Ascoli Piceno

Grottammare, partiti i lavori per la nuova scogliera alla foce del Tesino

Pubblicato

il

lavori-scogliera-erosione-tesino-nord-grottammare

ASCOLI PICENO – Stop all’erosione della Terrazza sul mare. E’ partito in questi giorni nel comune di Grottammare il cantiere della realizzazione di una nuova scogliera a protezione della suggestiva area verde immediatamente a nord della foce del torrente Tesino.

Le maestranze della ditta pugliese “F.lli Di Carlo srl”, affidataria dei lavori, hanno iniziato ad allestire l’area di cantiere sulla terraferma, depositando il materiale della nuova barriera frangiflutti, che allungherà di oltre 80 metri verso sud l’attuale linea di protezione.

«Andiamo finalmente a risolvere un problema annoso che attendevamo da diverso tempo. La zona è molto frequentata in tutte le stagioni dell’anno e in periodi di mareggiate abbiamo spesso dovuto interdire alcuni tratti per ragioni di sicurezza”, afferma l’assessore ai Lavori pubblici, Manolo Olivieri.

La nuova scogliera, infatti, va a completare le misure antierosione esistenti in quel tratto di costa a Grottammare, da anni soggetto a violente mareggiate e smottamenti di terreno che rischiavano di cambiare l’aspetto morfologico del luogo, molto frequentato e apprezzato da turisti e residenti amanti del verde e delle attrezzature sportive presenti sulla Terrazza sul mare. Solo negli ultimi anni, per la manutenzione delle scogliere esistenti e il rifacimento della scarpata di sabbia che sostiene l’area verde sono stati spesi oltre 300 mila euro di fondi regionali.

La barriera in corso di realizzazione avrà un’altezza complessiva di 5,65 metri, di cui 4,15 sommersi, per una lunghezza di 85. Il progetto era da tempo inserito nel Piano di Gestione delle Zone Costiere delle Marche, il documento cioè che descrive cosa è possibile realizzare lungo la costa marchigiana, ma fino alla primavera scorsa non aveva mai ottenuto il riconoscimento finanziario della Regione per avviare i lavori. I costi dell’investimento (330 mila €) sono coperti per 231.000 euro con fondi regionali e per 99.000 con fondi comunali.

Intanto, ieri mattina, l’Amministrazione comunale ha presentato il riepilogo dei progetti e delle opere pubbliche in corso o in partenza sul territorio comunale, con le relative fonti di finanziamento. Il documento è consultabile a questo indirizzo.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Comunanza, pompiere colpito da un tronco durante un intervento: ferito in modo serio

Pubblicato

il

Insieme alla sua squadra, stava mettendo in sicurezza alcune piante rese pericolose dalla neve, nel comune di Comunanza, quando è avvenuto l’incidente ed è stato travolto da un tronco. Il 118 lo ha trasportato al Trauma Center di Torrette di Ancona. Sul posto anche i carabinieri.

ASCOLI PICENO – pompiere è rimasto ferito in modo serio mentre si trovava in servizio nel Comune di Comunanza, dove è stato colpito da un tronco. Il vigile del fuoco era impegnato insieme ai colleghi nelle operazioni di messa in sicurezza di alcune piante diventate pericolose e pericolanti a causa della troppo neve accumulatasi su essi.

Durante l’intervento a Comunanza si è verificato l’incidente, la cui dinamica è ancora da chiarire, e il tronco ha travolto il pompiere, che è rimasto ferito. I colleghi gli hanno prestato il primo soccorso, mentre il personale sanitario del 118 lo ha trasferito al Trauma Center dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona.

Sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri per effettuare i rilevi previsti e ricostruire cause e dinamica dell’incidente.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Gli studenti del liceo “Locatelli” di Grottammare in visita alle unità navali della GdF di San Benedetto

Pubblicato

il

visita-studenti-locatelli-a-reparto-aeronavale-gdf-guardia-di-finanza-117-san-benetto-del-tronto

ASCOLI PICENO – Nelle mattinate dei giorni 23 e 24 gennaio, presso la banchina Molo Nord del Porto di San Benedetto del Tronto, dove sono ormeggiate le unità navali della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza, ha avuto luogo la visita degli studenti delle classi 3^, 4^ e 5^ dell’Istituto Tecnico-Liceo Scientifico Aeronavale “Antonio Locatelli” di Grottammare.

I Finanzieri di mare hanno accolto la richiesta del professor Giuseppe di Giminiani, Dirigente scolastico dell’Istituto, per una visita alle unità navali del Corpo, finalizzata a far conoscere agli studenti del triennio ad indirizzo navale, le caratteristiche tecniche e di impiego istituzionale dei mezzi navali in uso al Corpo.

A riceverli vi era il Comandante della Sezione Operativa Navale di San Benedetto del Tronto, Luogotenente c.s. Mauro Cieri, che con l’ausilio del personale di bordo, ha illustrato alle scolaresche, le molteplici attività istituzionali Demandate al comparto navale della Guardia di Finanza e nello specifico, i compiti in qualità di “Polizia del mare”.

Gli studenti hanno così potuto visitare da vicino le unità navali della Guardia di Finanza, salendovi a bordo e ascoltando con particolare attenzione le spiegazioni fornite dai finanzieri specializzati, in merito alle caratteristiche tecnico-nautiche del naviglio in dotazione e al funzionamento degli apparati e delle strumentazioni di bordo.

La visita alle unità navali delle fiamme gialle a San Benedetto del Tronto ha riscosso il vivissimo interesse nei giovani studenti e tra i docenti del “Locatelli” intervenuti e suscitato il ringraziamento e il compiacimento del Dirigente del predetto Istituto di istruzione.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.