fbpx
Connect with us

Abruzzo

Il Reddito di Emergenza: che cos’è e come richiederlo. Tutte le info

Pubblicato

il

Il Reddito di Emergenza, da ora in poi REm, che cosa è? È una misura di sostegno al reddito (istituita con decretolegge n. 34 del 19 maggio, articolo 82, a decorrere dal mese di maggio 2020) introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà, come conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, e in possesso di determinati requisiti di residenza ed economici, patrimoniali e reddituali.  

REQUISITI 

Il REm è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso congiuntamente dei seguenti requisiti: 

  1. residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio; 
  2. un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio; 
  3. un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 (verificato al 31.12.2019) inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000; il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore dell’ISEE
  4. un valore dell’Indicatore dell’ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, inferiore ad euro 15.000.

Di seguito alcuni esempi di calcolo del valore massimo di reddito familiare compatibile con il REm: 

Composizione nucleo  Scala di equivalenza  Soglia del reddito familiare ad aprile 2020 
Un adulto  1  400 euro 
Due adulti  1.4  560 euro 
Due adulti e un minorenne  1.6  640 euro 
Due adulti e due minorenni  1.8  720 euro 
Tre adulti e due minorenni  2*  800 euro 
Tre adulti (di cui un disabile grave) e tre minorenni  2.1**  840 euro 

INCOMPATIBILITÀ CON REDDITI E PRESTAZIONI 

Il Rem non è compatibile con la presenza, nel nucleo familiare, di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità di cui agli articoli 27, 28, 29, 30 e 38 del decretolegge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, ovvero di una delle indennità disciplinate in attuazione dell’articolo 44 del medesimo decretolegge ovvero di una delle indennità di cui agli articoli 84 e 85 del decretolegge n. 34 del 19 maggio 2020. 

Si tratta delle indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 appartenenti alle seguenti categorie: 

  • lavoratori autonomi iscritti alle gestioni INPS; 
  • liberi professionisti titolari di partita IVA iscritti alla gestione separata; 
  • lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata; 
  • lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali; 
  • lavoratori dello spettacolo; 
  • lavoratori agricoli; 
  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; 
  • lavoratori intermittenti; 
  • lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie; 
  • incaricati alle vendite a domicilio; 
  • lavoratori domestici. 

Il Rem non è altresì compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che siano al momento della domanda in una delle seguenti condizioni: 

  1. essere titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità; 
  2. essere titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo; 
  3. essere percettori di Reddito/Pensione di Cittadinanza, di cui al Capo I del decretolegge n. 4 del 2019, ovvero delle misure aventi finalità analoghe di cui all’articolo 13, comma 2, del medesimo decretolegge. 

La domanda deve essere presentata all’INPS entro il termine perentorio del 30 giugno 2020, attraverso i seguenti canali: 

  • i centri di assistenza fiscale di cui all’articolo 32 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;
  • gli istituti di patronato di cui alla legge 30 marzo 2001, n. 152; 
  • il sito internet dell’INPS, autenticandosi con PIN, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) e CIE (Carta di Identità Elettronica). 

IMPORTO DEL BENEFICIO 

Il beneficio economico del Rem è determinato in un ammontare pari a 400 euro mensili, moltiplicati per il corrispondente parametro della scala di equivalenza di cui all’articolo 2, comma 4, del decretolegge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

L’importo del beneficio economico non può comunque essere superiore a euro 800 mensili, elevabili a euro 840 solo in presenza di disabili gravi o non autosufficienti e nei casi sotto descritti. Il parametro della scala di equivalenza è pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e di 0,2, per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2, ovvero fino ad un massimo di 2,1 nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza, così come definite ai fini ISEE.

La scala di equivalenza non tiene conto dei soggetti che si trovano in stato detentivo, per tutta la durata della pena, o sono ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra Pubblica Amministrazione. Ad esempio: 

  1. nucleo familiare composto da tre componenti, due maggiorenni ed uno minorenne, la scala di equivalenza è pari a 1,6, l’importo è pari a 400*1,6=640 euro mensili;
  2. nucleo familiare composto da quattro componenti, tutti maggiorenni, di cui uno disabile grave, la scala di equivalenza è pari a 2,2; l’importo mensile sarebbe pari a 400*2.2=880 euro. Tuttavia, in ragione del limite massimo della scala di equivalenza (2.1), l’importo mensile del beneficio sarà pari ad 840 euro 

Previa verifica della sussistenza di tutti i requisiti di legge, Il Rem è erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda è presentata entro il 31 maggio 2020 saranno erogate le mensilità di maggio e giugno, mentre se è presentata nel corso del mese di giugno 2020 saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020. 

Abruzzo

Il 18 dicembre cerimonia di premiazione del Contest fotografico “Uno sguardo su Controguerra”

Pubblicato

il

CONTROGUERRA – Sabato 18 dicembre, alle ore 17,si terrà presso l’Enoteca comunale di Controguerra in presenza ma anche con diretta sulla pagina fb Bellavita Controguerra la cerimonia di premiazione del Contestfotografico “Uno sguardo su Controguerra” dal titolo “Contesti Rurali”.

Organizzato dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune con il patrocinio dell’Università degli Studi di Teramo, il contest è stato realizzato con foto scattate da marzo a ottobre di quest’anno dagli abitanti del centro vibratiano. Un Comitato Tecnico ha quindi selezionatododici foto che saranno impresse nel Calendario 2022 di Controguerra; ai rispettivi autori andranno in premio bottiglie di vino, di olio, prodotti agroalimentari e gadget.

«Il progetto – dichiara il Vicesindaco di Controguerra Fabrizio Di Bonaventura – ha sollecitato i partecipanti a individuare scenari del nostro territorio stimolando la loro fantasia e creatività. Il secondo passaggio sarà quello di non disperdere questo piccolo ma non irrilevante patrimonio allestendo una mostra con tutti gli scatti fotografici inviati». 

Le immagini sono state visionate e selezionate da una giuria autorevole e competente composta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Dino Mastrocola, dall’imprenditore Davide Lisciani, dalSegretario Generale delle Città Slow International Pier Giorgio Oliveti nonché dai fotografi Ivano Di Benedetto e Mauro Di Bonaventura, dal divulgatore scientifico Giammaria De Paulis, dai giornalisti Antimo AmoreSandro Galantini e Luca Zarroli, dalPresidente dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” Massimiliano Cori e dal Sindaco di Controguerra Franco Carletta. Ad arricchire il gruppo dei giurati, il parroco di Controguerra Don Matteo Baiocco D’Angelo, il Presidente di Abruzzo Sviluppo Stefano Cianciotta, l’Amministratore delegato del “Consorzio Punto Europa” Filippo Lucci e l’editore Paolo De Siena.

La commissione, presieduta da Zarroli, ha inoltre voluto assegnare un altro riconoscimento, il “Premio della Critica”. 

«Oltre ad esprimere il più sentito ringraziamento alla giuria, voglio sottolineare – conclude il Vicesindaco Di Bonaventura – come questo progetto sia significativo non solo per il delicato periodo che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo, ma anche e soprattutto perché mira a polarizzare maggiore e più consapevole attenzione sulle gerarchie dei valori, sollecitandoci ad apprezzare alcuni aspetti della vita a volte trascurati».

Continua a leggere

Teramo

Teramo: casa in fiamme, salvata una donna

Pubblicato

il

TERAMO – Oggi pomeriggio, poco dopo le 14, i vigili del fuoco del distaccamento di Roseto degli Abruzzi hanno effettuato un intervento per un incendio avvenuto in un’abitazione nel centro di Atri.

Sul posto sono stati inviati un’autopompa e un mezzo fuoristrada con modulo antincendio che è stato effettivamente utilizzato per spegnere l’incendio, vista l’impossibilità per l’autopompa di accedere nella via piuttosto stretta. L’incendio ha interessato un appartamento al primo piano di un fabbricato di due piani più la mansarda in via Trinità. Le fiamme si sono sviluppate nel locale tinello ed hanno interessato un divano letto. L’incendio ha danneggiato anche l’impianto elettrico del locale interessato dalle fiamme.

Inoltre, i prodotti della combustione fuoriusciti dal locale incendiato ha provocato l’annerimento delle pareti e del solaio. I vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento attraverso il vano scala invaso dal fumo. Una volta all’interno dei locali hanno spento l’incendio rapidamente utilizzando il naspo ad acqua del modulo antincendio a bordo del fuoristrada.

Il forte calore sviluppato dall’incendio ha provocato anche la rottura delle pignatte del solaio. Al momento del verificarsi dell’incendio nell’appartamento si trovava una donna che, a causa delle ustioni riportate, è stata trasportata presso l’ospedale di Atri per le cure del caso. A causa di conseguenza dell’incendio si è reso necessario rendere non utilizzabili gli appartamenti presenti nell’ edificio ed evacuare le tre persone che li occupavano. Sul posto sono intervenuti anche agenti del commissariato della Polizia di Stato di Atri per gli adempimenti di competenza.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: al via i controlli su strade, 4 Daspo Urbani e due arresti

Pubblicato

il

carabinieri arresto

TERAMO – Il personale della Stazione Carabinieri di Mosciano Sant’Angelo unitamente a personale del Norm della Compagnia Carabinieri di Giulianova a seguito di prolungate indagini , traeva in arresto un uomo di anni 45 di Roseto in esecuzione di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Teramo. Il provvedimento scaturiva a seguito dell’accoglimento da parte dell’Autorita’ Giudiziaria di Teramo delle risultanze investigative raccolte  dal Comando Stazione di Mosciano che acclaravano gli  atti persecutori , minacce e lesioni compiute dall’ indagato poi arrestato nei confronti dell’ ex fidanzata di anni 36, residente a Mosciano Sant’Angelo.

Nel corso dell’ operazione  i militari operanti a seguito di perquisizione eseguita nel domicilio dell’ arrestato rinvenivano anche materiale utile ai fini delle indagini.

Nella stessa mattinata i militari della Stazione Carabinieri di Giulianova, traevano in arresto un uomo originario di Foggia, di anni 71, residente a Giulianova a seguito di emissione di Ordine di Carcerazione emesso dalla Corte dio Appello di Torino per intervenuta condanna per reati a sfondo sessuale.

Entrambi gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Lanciano?

L’attività dell’ Arma di Giulianova è proseguita anche con l’ applicazione  di 4 provvedimenti di Daspo Urbano notificati a quattro giovani dai 19 ai 27 anni del Teramano.

I Provvedimenti scaturivano a seguito dell’ attività investigativa connessa con la denuncia da parte di un uomo di anni 51 di Giulianova, vittima di aggressione all’ interno di un locale di Giulianova ad opera dei quattro soggetti Daspati e che a seguito delle indagini posta in essere da personale dell’ aliquota Operativa del Norm di Giulianova erano stati individuati e deferiti presso il Tribunale di Teramo. A seguito del deferimento la Questura di Teramo, accogliendo le richieste dell’ Arma emetteva il provvedimento di Daspo a carico dei soggetti individuati.   

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy