fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

La “Torre sul Porto” della Sentina è candidata al censimento FAI dei Luoghi del Cuore 2020

Published

il

Un voto per salvare la “Torre sul Porto” della Sentina e farla scoprire a tutta l’Italia. È ciò che propongono i Gruppi FAI Giovani di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, uniti in una causa comune in occasione della 10ª edizionedel censimento “I Luoghi del Cuore”, insieme ad alcuni enti e associazioni del territorio [le nominiamo?]. Si tratta di un’iniziativa ormai nota al grande pubblico: ogni due anni il FAI invita a votare i luoghi italiani più amati, da tutelare e valorizzare. Quest’anno la votazione è iniziata il 6 maggio e resterà aperta fino al 15 dicembre 2020, per ora solo online a causa delle restrizioni legate al Covid-19.

La “Torre del Porto” è un edificio dal grande valore storico: si tratta di una delle poche torri difensive litoranee ancora presenti nelle Marche. Questo tipo di costruzione infatti si diffuse in tutta la costa adriatica tra XV e XVI secolo per difendersi dalle frequenti incursioni di pirati e briganti. Nel 1543 la città di Ascoli, come testimoniato dai documenti presenti nell’Archivio di Stato, decise appunto di dotarsi di una torre ottagonale in prossimità del porto fluviale sul Tronto; i lavori terminarono nel 1547. Poco più di un secolo dopo, nel 1673, in seguito al diffondersi della peste si decise di aggiungere una struttura rettangolare, inglobando in parte la torre, per ospitare una guardia armata permanente per la difesa del porto e per la sorveglianza sanitaria delle merci straniere in arrivo. Nel tempo poi la struttura ha assunto la funzione di casolare abitato dalle famiglie dei mezzadri della Sentina, fino all’abbandono, seguito in anni più recenti da un parziale recupero grazie all’istituzione della Riserva naturale regionale Sentina.

[Testimonianza delle associazioni dove raccontano come mai hanno deciso di aderire alla campagna, perché vale la pena valorizzare la Torre del Porto e quali interventi potrebbero essere effettuati per il suo recupero]

Il voto per i “Luoghi del Cuore” non ha solo la funzione di accendere i riflettori dell’opinione pubblica sui luoghi da salvare e da proteggere, ma ha anche risvolti molto concreti. Grazie alla partnership con Intesa Sanpaolo, i luoghi più votati verranno premiati dal FAI a fronte della presentazione di un progetto concreto: 50.000 euro, 40.000 euro e 30.000 euro verranno assegnati rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato, mentre il luogo più votato via web diventerà protagonista di un video. Tutti i luoghi che otterranno almeno 2.000 voti potranno inoltre partecipare a un bando per progetti di recupero e valorizzazione. Negli anni il FAI ha promosso già 119 progetti di questo tipo in 19 regioni italiane, mappando oltre 37.000 luoghi nell’80% dei Comuni italiani.

Il censimento 2020 si è aperto in un periodo di grande sofferenza e incertezza, ma questo non sembra aver frenato l’amore degli italiani verso i propri luoghi del cuore, anzi: la prima settimana di votazioni online ha registrato ben 100.000 voti raccolti a livello nazionale, contro i 20.000 del censimento 2018. E la “Torre del Porto” della Riserva Sentina, il bene che i gruppi FAI Giovani del nostro territorio hanno scelto di promuovere insieme, sta registrando molti consensi. «In pochi giorni – raccontano i ragazzi dei gruppi FAI Giovani di San Benedetto e Ascoli – la “Torre del Porto” ha raccolto più di 350 voti, con una campagna effettuata esclusivamente sui social e col passaparola. Questo ci dimostra che c’è un grande interesse verso il recupero di questo luogo e la valorizzazione della Sentina: un’area di grandissimo valore paesaggistico, biglietto da visita delle Marche per chi arriva da sud, la cui storia unisce le città di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto. Chiediamo a tutti i cittadini del Piceno di darci una mano, votando la “Torre del Porto” sul sito www.iluoghidelcuore.it. Insieme possiamo fare tantissimo: uniamoci per questo grande obiettivo!».

Ancona

Un solo decesso da Covid secondo il Gores: aveva 60 anni

Carlo Di Natale

Published

il

ANCONA – L’aggiornamento delle ore 18 del Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria di lunedì 25 maggio 2020.

Il Gores ufficializza un solo decesso da Covid-19 avvenuto nel territorio marchigiano (la 60enne non aveva patologie pregresse): le vittime salgono a 996, 594 uomini e 402 donne.

Dati del 24  maggio.

Continua a leggere

Ancona

25 maggio, Fase 2, Marche: la percentuale dei nuovi contagi

Situazione in tempo reale: ore 9 di lunedì 25 maggio.

Luigi Tommolini

Published

il

Due (2, ieri 13) i nuovi contagiati su 398 (ieri 717) test effettuati.

E’ questo il risultato reso noto dal GORES (Gruppo Operativo Regionale per le Emergenze Sanitarie) questa mattina alle ore 9.

Dunque, la percentuale dei nuovi contagi rilevati è dello 0,50% (ieri 1,81%).


Dati Ufficiali GORES ore 9 del 25 maggio (Clicca Qui)


Fonte: Regione Marche

Continua a leggere

Ancona

Gores – 24 maggio -: un solo decesso da Covid nelle ultime 24 ore. Salgono a 995

Carlo Di Natale

Published

il

ANCONA – L’aggiornamento delle ore 18 del Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria di domenica 24 maggio 2020.

Il Gores ufficializza un solo decesso da Covid-19 avvenuto nel territorio marchigiano (aveva patologie pregresse): le vittime salgono a 995, 594 uomini e 401 donne.

Dati del 23 maggio.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone