fbpx
Connect with us

Teramo

Martinsicuro: le minoranze espongono “perplessità sul modus operandi della maggioranza”

Published

il

municipio seduta straordinaria del Consiglio Comunale a Martinsicuro

Nel periodo di massima esposizione all’emergenza sanitaria, come gruppi di
minoranza, abbiamo tenuto un profilo basso, alla luce delle difficoltà in cui si dibattevano
le amministrazioni di ogni ordine e grado, dal Governo centrale, ai comuni, passando per
regioni e province. In questi giorni, tuttavia, anche per effetto dei diversi disagi che stanno
vivendo molti cittadini e per alcune dichiarazioni a mezzo stampa o social media, ci
sentiamo in dovere di esternare tutte le nostre perplessità sul modus operandi di questa
maggioranza.

1) Capitolo buoni spesa: abbiamo sempre raccomandato al Sindaco di scegliere
requisiti semplici e controllabili per il loro rilascio, segnalando anche casi di
cittadini che a nostro modo di vedere non erano meritevoli di tale contributo;
abbiamo suggerito di velocizzare il lavoro degli uffici, avvalendosi anche del
contributo di assessori e consiglieri; abbiamo chiesto di ricevere una
rendicondazione della situazione definitiva. Risultato: non si è mai andati
oltre le riunioni on line in cui siamo stati sommariamente informati della
situazione in atto. La confusione generata da questo modo di procedere è
stata di tutta evidenza; l’insoddisfazione di molti cittadini rimasti al palo, ne è
stata la dimostrazione più lampante.

2) Capitolo antenna via delle Messi: anche se, sulla carta, si è trattato di lavori
di messa in sicurezza di una Stazione Radio Base di proprietà Galata
autorizzati da tutti gli Enti coinvolti nel mese di Aprile del 2019, gli aspetti
che meritano attenzione sono costituiti dal notevole impatto della nuova
struttura sulla strada interessata, dalla mancata adozione del piano antenne,
strumento di programmazione non più rinviabile, ma anche e soprattutto dai
tentativi degli esponenti di questa maggioranza di giustificare l’intervento a
più ed in maniera frammentaria, con alcuni amministratori che hanno dato
l’impressione di non essere informati sulla questione. E’ il caso di ribadire che
l’adozione del piano antenne viene sbandierata dall’amministrazione in carica
come una priorità fin dall’inizio del mandato. Come consiglieri di minoranza,
si continua a ricevere documentazione di ogni genere (disegni, piantine,
norme regionali più o meno datate), ma alla prova dei fatti, si è ancora fermi
ad un atto di indirizzo dello scorso Ottobre 2019, nonostante l’importanza
della problematica sotto tutti i punti di vista.

3) Capitolo ripascimento mancato: ci sembrano davvero lunari le dichiarazioni
del Delegato al Demanio, secondo il quale si rinuncia ai fondi per il
ripascimento in quanto i lavori si sarebbero protratti fino a luglio inoltrato.
Non si capisce, sinceramente, per quale motivo lo scorso anno, quando la
stagione turistica presentava tutte le caratteristiche della normalità, il
ripascimento sia stato concluso addirittura il 20 di Luglio, mentre quest’anno
che siamo in emergenza si sia respinta subito l’ipotesi ripascimento, senza
peraltro chiedere contropartite adeguate. E’ noto, infatti, che assegnare
150.000 Euro sia a Martinsicuro che ad Alba Adriatica costituisce una
evidente disparità di trattamento, in quanto i nostri vicini li utilizzeranno per
il ripascimento (dragando, magari, la sabbia dal nostro approdo), mentre noi,
con questa cifra, dovremmo provvedere ad opere strutturali. Certo, si potrà
eccepire che la sabbia di riporto del ripascimento, alla prima mareggiata seria
è destinata a sparire, ma resta in ogni caso l’atteggiamento accomodante di
chi dimostra di non far seguire ai buoni propositi fatti concreti.

Teramo

“La Rosa Blu” riceve l’Oscar Ecoturismo 2020

Published

il

MARTINSICURO – Lo stabilimento balneare pilota ad altissima accessibilità “La Rosa Blu” di Anffas Onlus Martinsicuro, dopo la presentazione ad Expo 2015 a Milano (Padiglione Italia), dopo l’Oscar del Turismo Italia Travel Awards del 2018, riceve un nuovo premio nazionale, l’Oscar Ecoturismo 2020 Legambiente Turismo / Fondazione Serono.

Con questo recente riconoscimento, lo stabilimento balneare La Rosa Blu conferma l’alta qualità della sua offerta turistica sostenibile e inclusiva, dando un’immagine di grande modernità all’Italia, all’Abruzzo e a Martinsicuro. Lo scorso 6 marzo avremmo dovuto essere a Milano, all’evento “Fa’ la cosa giusta” per ricevere il riconoscimento di persona, ma non è stato possibile a causa dell’epidemia Covid-19.

Nella struttura, aperta dal 2015, giungono anche ospiti da molti paesi europei i quali fanno conoscere la nostra realtà oltre i confini nazionali. Nonostante questo grande successo, registriamo il silenzio dei governi regionali e locali, dal 2015 ad oggi.

Quest’anno, di fronte all’emergenza sanitaria, Anffas Onlus Martinsicuro ritiene opportuno rafforzare le garanzie per la tutela della salute degli ospiti. Per La Rosa Blu le misure di distanziamento in spiaggia sono sempre state presenti a favore del benessere degli ospiti e intendiamo rafforzare tali accorgimenti. Ci preoccupa la gestione delle spiagge libere di cui, al momento, non si conoscono normative definite. Chiediamo precise garanzie alla Regione e al Comune sul comportamento responsabile dei turisti che usufruiranno delle spiagge libere limitrofe al fine di un controllo efficace per contrastare la diffusione del virus.

L’obiettivo principale di questa stagione balneare è proprio quello di mettere in atto concretamente tutte le misure finalizzate a garantire la sicurezza sanitaria e psicologica dei turisti.

La salute degli ospiti e dei lavoratori per La Rosa Blu è sempre stata al primo posto e lo è anche e soprattutto in questo delicato momento storico. La questione etica sulle modalità di gestione per La Rosa Blu ha un peso maggiore di quella economica. Perciò Anffas Onlus Martinsicuro intende usare la massima prudenza e aprire la propria struttura non prima del 1° luglio, per poter osservare la situazione e l’andamento del contagio nelle avviate fasi di libertà.

Continua a leggere

Abruzzo

Alba Adriatica: ordinanza sindacale fase due

Comunicazione via internet del Sindaco Casciotti

Published

il

alba adriatica

Alba Adriatica: ordinanza sindacale coronavirus

ORDINANZA DEL SINDACO N. 38 R.G. DEL 23 MAGGIO 2020

COMUNICO CHE
con effetto dalla data di pubblicazione e fino a revoca o modifica della ORDINANZA N° 38 DEL 23 MAGGIO 2020 , tutte le attività autorizzate all’apertura ai sensi delle disposizioni nazionali e regionali e alle condizioni e nei limiti ivi prescritti, possano rimanere aperte sette giorni su sette, nel rispetto delle seguenti fasce orarie di apertura al pubblico:

📌 attività di somministrazione di alimenti e bevande e di somministrazione artigiana (a titolo meramente esemplificativo bar, pub, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie): DALLE ORE 4:00 ALLE ORE 01:00;
📌 attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche (posteggi isolati e commercio itinerante) che effettuano attività di somministrazione di alimenti e bevande: restano in vigore gli orari previsti nel vigente Regolamento comunale per il commercio al dettaglio su aree pubbliche, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 10/3/2015;
📌 tutte le altre attività artigianali e commerciali al dettaglio:
DALLE ORE 7:00 ALLE ORE 24:00.

che tutte le attività di cui sopra espongano la fascia oraria di apertura.

I titolari e/o gestori delle attività sono tenuti al rigoroso rispetto dei “Protocolli di sicurezza” per l’esercizio delle attività allegati all’Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 59 del 14/5/2020.

📌Si determina altresì l’orario continuato di apertura del cimitero comunale, dal lunedì alla domenica, come di seguito indicato:
ORARIO SOLARE
DALLE ORE 8.00ALLE ORE 17:00;
ORARIO LEGALE
DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 19:00;
Ingresso unicamente da via Certosa

SI DISPONE INOLTRE
che la presente ordinanza abbia efficacia dalla data di pubblicazione sino a nuova disposizione o revoca.
IL SINDACO
Prof ssa Casciotti Antonietta

Alba Adriatica: ordinanza sindacale coronavirus: https://www.comune.alba-adriatica.te.it/

Sicuramente un momento di sostegno per le attività del comune abruzzese che lungamente, come accaduto in tutte le realtà, è rimasto chiuso. https://www.ilmartino.it/2020/04/alba-adriatica-nuovo-appello-del-sindaco-state-a-casa/

Continua a leggere

Abruzzo

Martinsicuro, nota su palo antenna Via delle Messi

Nota del Sindaco Vagnoni e dell’Assessore Pulcini

Published

il

Martinsicuro, nota su palo antenna Via delle Messi: riceviamo e pubblichiamo.

Comprensibile e positiva l’attenzione di tutti i cittadini verso le tematiche ambientali , ma attenzione a non ingenerare un clima di sospetto generalizzato verso le istituzioni su un tema tanto tecnico quanto delicato .
Premessa doverosa .
Il comune non ha autorizzato alcun impianto tecnologico 5 g .
Gli uffici hanno istruito una richiesta di messa in sicurezza di un palo esistente della Galata Spa e riconfigurazione radioelettrica Wind tre , TIM e Vodafone .
Inizialmente la richiesta era di installare un’ulteriore palo oltre a quello esistente .
La richiesta veniva rigettata .
Veniva invece autorizzata la sostituzione del palo esistente con un nuovo palo con ricollocazione delle antenne – ripetesi – non 5 g .
Il nuovo palo veniva autorizzato sulla base di un parere del genio civile, dell’arta e della sovrintendenza che ritenevano di accogliere la richiesta del gestore di realizzare il detto palo superando le originarie prescrizioni di lasciare inalterata l’altezza complessiva dell’impianto: a) per avere più spazio da ricavare necessariamente in altezza, per continuare a garantire la presenza di tutti e tre i gestori, e avere contemporaneamente una distribuzione rastremata e poco impattante delle antenne dal punto di vista visivo; b) per garantire un minore impatto dal punto di vista elettromagnetico .
Questi, come abbiamo già spiegato nell’immediatezza, sono sostanzialmente i passaggi di un procedimento amministrativo che ha riguardato unicamente  l’installazione di un palo , in sostituzione di altro esistente con  Adeguamento tecnologico antenne di gestori già preesistenti .
I timori e i dibattiti sull’installazione del 5 g su quel palo che ne sono scaturiti, seppure comprensibili , alla luce delle autorizzazioni rilasciate , non sono quindi al momento fondati .
Naturalmente, ogni intervento su impianti esistenti deve essere ben monitorato da parte degli uffici e da parte nostra al fine di evitare che vi siano installazioni e/o sperimentazioni del 5 g nel nostro territorio in linea con quanto espresso dal Consiglio Comunale .
Su questo assicuriamo tutti che la nostra allerta e attenzione e’ altissima e costante.
Proprio in tal senso , stiamo valutando attentamente con gli uffici in questi giorni le misure da adottare in merito ad una richiesta pervenuta da illiad di installare un nuovo impianto sul palo di via delle messi al fine di impedire con ogni mezzo possibile che dietro questa o altre richieste ci possa essere anche solo il rischio ipotetico che si possano autorizzare tecnologie senza certezze sulla salvaguardia della salute pubblica .
Su questo abbiamo chiesto da giorni maggiori elementi all’arta in modo da rassicurare tutti i cittadini sul rispetto da parte di tutti i gestori  delle normative dettate a tutela della nostra salute .
Contestualmente continuiamo a lavorare per definire Il piano antenne che rappresenta la migliore risposta alle istanze di un territorio preoccupato giustamente della proliferazione di impianti tecnologici senza un’adeguata pianificazione .
Uno strumento complesso di pianificazione che presto doterà la nostra Città di un’arma in più contro il mercato selvaggio delle telecomunicazioni .
Il sindaco Massimo Vagnoni
Il consigliere comunale con delega all’urbanistica Alessandra Pulcini

Per quanto riguarda l’argomento Martinsicuro, nota su palo antenna Via delle Messi siamo sempre a disposizione di tutti.

Info Martinsicuro: http://www.comune.martinsicuro.te.it/hh/index.php

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone