fbpx
Connect with us

Abruzzo

Scuola Fase 3: mascherine durante la lezione e ingressi scaglionati

Carlo Di Natale

Published

il

Tramite il documento del Comitato tecnico-scientifico possiamo comprendere le linee guida della nuova e futura visione di scuola. A partire da settembre – in via di definizione – i bambini, gli studenti, dovranno durante tutta la lezione indossare le mascherine e toglierle solo se interrogati o mentre svolgeranno attività fisiche (meglio se all’aperto), essere distanziati e, non solo, gli ingressi saranno scaglionati fino alle 10 del mattino con conseguente uscita fino alle 16.

Ma seguiamo ciò che ‘orizzonte scuola‘ ci specifica:

Mascherine

Accompagneranno la vita degli studenti e dei docenti. Dovranno essere indossate durante tutto l’arco delle lezioni.

I bambini della scuola d’infanzia non dovranno indossare la mascherina.

Distanziamento

Si dovrà garantire all’interno delle classi il distanziamento dei banchi fino ad un metro. In palestra i metri dovranno essere 2.

Anche per tutto il personale non docente, negli spazi comuni dovranno essere garantite le stesse norme di distanziamento di almeno 1 metro, indossando altresì la mascherina chirurgica.

Per i bambini della scuola dell’infanzia, sarà particolarmente critico mantenere il distanziamento fisico: dovranno essere applicati particolari accorgimenti organizzativi e comportamentali del personale scolastico.

Didattica a distanza:

Nel documento del Comitato Tecnico Scientifico, si dice che ogni istituzione scolastica potrà definire, in virtù dell’autonomia scolastica, modalità di alternanza / turnazione / didattica a distanza proporzionate all’età degli alunni e al contesto educativo complessivo.

In particolare, per gli ordini di scuola secondaria di I e II grado, al fine di ridurre la concentrazione di alunni negli ambienti scolastici, potranno essere in parte riproposte anche forme di didattica a distanza.

Ingressi scaglionati

In base al grado di scuola, gli ingressi potrebbero essere scaglionati fino alle 10 del mattino con conseguente uscita fino alle 16.

Il consiglio della task force è di consentire gli ingressi ogni 45 minuti, dalle 8 alle 10 e 15. Per le fasce d’età delle elementari e medie potrebbe essere consentito, invece, l’ingresso alle 8 per tutti.

Lezione da 40/45 minuti

Potrebbe essere il nuovo standard per le lezioni, almeno fino a che non miglioreranno le condizioni legate al contagio Covid.

Docenti di potenziamento ritornino in cattedra

Secondo quanto riporta Corrado Zunino su Repubblica, la task force nominata dal Ministro, ha consigliato che, per far fronte alla necessità di un aumento di docenti, quelli su potenziamento rientrino in cattedra.

Scuole negli oratori

Per far fronte alla necessità di mantenimento del distanziamento sociale, vengano utilizzati anche locali messi a disposizione da enti pubblici o privati per effettuare le lezioni.

Presenza genitori

Il CTS consiglia di adottare misure per limitare al minimo la presenza dei genitori nelle scuole.

Composizioni classi

Non ci sono indicazioni sul numero di studenti per classe che dipenderà dalla dimensione delle stanze.

Abruzzo

CoViD Marsilio: “Abruzzo per ora resta in zona rossa”

Avatar

Published

il

‘Prosegue interlocuzione, si attende monitoraggio settimanale’

“In attesa che la Cabina di Regia produca il report settimanale, previsto per venerdì, sulla base del quale il ministro Speranza adotterà le nuove ordinanze, tutte le Regioni restano fino a sabato nell’attuale fascia di rischio. Sulla situazione dell’Abruzzo continua l’interlocuzione istituzionale”.

Lo fa sapere lo staff di Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo: qui era stata anticipata l’introduzione della zona rossa con ordinanza regionale che scade oggi.

Negli ultimi giorni Marsilio ha sollecitato Speranza affinché fosse anticipato il passaggio in fascia arancione. “Se da un lato il Ministero è tenuto ad applicare le procedure previste per tutti, dall’altro vi è piena disponibilità a valutare quanto fatto dalla Regione in autonomia.

Attenderemo il report settimanale – dice Marsilio – fiduciosi che registrerà un’ulteriore tendenza al miglioramento e valori compatibili con la zona arancione.

Se i dati daranno indicazioni confortanti, non dubito che anche l’Abruzzo entrerà in zona arancione nella prima parte della settimana”. “Se da un lato il Ministero è tenuto ad applicare all’Abruzzo le stesse procedure e tempistiche previste per tutti – si legge nella nota dello staff di Marsilio – dall’altro vi è piena disponibilità a valutare in tale contesto quanto fatto dalla Regione in autonomia, anticipando i tempi dei provvedimenti e le relative decorrenze”. “Attenderemo l’esito del report settimanale – dice Marsilio – fiduciosi che registrerà un’ulteriore tendenza al miglioramento e valori compatibili con la zona arancione, come già avviene da venerdì scorso, e continueremo a monitorare insieme al Ministero i dati nell’intero fine settimana.

Se i dati daranno indicazioni confortanti, non dubito che anche l’Abruzzo entrerà in zona arancione nella prima parte della settimana, in tempo per l’apertura del periodo natalizio, che parte con la festività dell’Immacolata”.


Continua a leggere

Abruzzo

Covid-19, a Controguerra chiusa la Scuola dell’Infanzia

Pio Di Leonardo

Published

il

CONTROGUERRA – A causa di un caso di positività al Covid-19, comunicato dalla Dirigente Scolastica, di un assistente scolastico in servizio presso la Scuola dell’Infanzia di via E. Fermi nel Comune di Controguerra, il sindaco Franco Carletta ha disposto, di concerto con la Dirigente, la sospensione, in via precauzionale, delle attività didattiche della Scuola dell’Infanzia.

La sospensione parte dalla data di pubblicazione dell’ordinanza comunale (03/12/2020) e fino a nuova ordinanza sindacale e/o ulteriori disposizioni della ASL. Il sindaco ha inoltre provveduto ad incaricare un’apposita ditta per effettuare la sanificazione dell’edificio scolastico con igienizzazione, secondo quanto previsto dai protocolli sanitari vigenti.

Continua a leggere

Pescara

Pescara: al via i test sierologici rapidi nelle farmacie, risultati in 20 minuti

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – Nella giornata di ieri è stato attivato il servizio dei test rapidi sierologici in quasi tutte le farmacie pescaresi. I test si terranno sotto prenotazione e sarà possibile ricevere la risposta dopo 20 minuti. In caso di positività, il risultato dovrà comunque essere confermato dal tampone effettuato dal personale sanitario della Asl. Questo solo sarà in grado di rivelare la reale positività al Covid-19. Per scolari e studenti, dalla materna all’università e le loro famiglie, i tal saranno gratuiti. Per gli altri cittadini e personale scolastico (docenti e Ata) senza figli a carico, il costo del test sarà di 16 euro.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy