fbpx
Connect with us

Teramo

Casa famiglia “fantasma”: i commenti di PD e Camaioni

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

casa famiglia

MARTINSICURO – Le ultime notizie risalgono al febbraio 2018 quando l’attuale giunta comunale, dichiarò i lavori quasi terminati per la casa famiglia, ancora “fantasma”, realizzata a Villa Rosa nel quartiere Casone. Una volta completato l’allaccio delle utenze e l’arredamento interno, si sarebbe dovuto procedere all’indire bandi di gara per l’affidamento della struttura che potrebbe e accogliere circa venti minori ma anche ragazze madri in difficoltà con i propri figli. La struttura, adibita ad accogliere minori fino ai 12 anni di età e che si trovano a vivere in condizioni di disagio, ad oggi, non è mai entrata in funzione. 

I primi a sollevare la questione sulla casa famiglia “fantasma” sono stati il segretario locale del Partito Democratico, Mauro Paci e il consigliere capogruppo PD, Giuseppe Capriotti. A tal proposito abbiamo chiesto come mai, da quel febbraio 2018, ancora tutto risulta essere fermo. Affermano: <<In tutti questi anni non c’è stata la volontà politica di portare avanti questo progetto>>. E ancora: <<In questo senso, vogliamo sollecitare l’Assessore Marcello Monti per poter risolvere il problema e porre la questione della casa famiglia all’ordine del giorno>>. Per questa struttura sarebbero stati spesi circa un milione di euro e, come afferma Capriotti, <<il Comune di Martinsicuro, attualmente spende dei soldi per le Case Famiglia che sono comprese all’interno del piano di zona della Val Vibrata. Questi sono soldi che il cittadino di Martinsicuro continua a versare ad altre realtà, quando invece avrebbe tutte le carte in regola per averne una sua e che potrebbe diventare anche un’eccellenza a servizio di tutta la Val Vibrata>>

A seguito del nostro articolo introduttivo alla seguente inchiesta, si è dimostrata sensibile alla questione anche la lista civica Città Attiva, che risponde con il suo leader Paolo Camaioni. Dice l’ex sindaco: <<La questione relativa alla struttura realizzata al posto della ex scuola, nel quartiere Campo Casone a Villa Rosa, non fa che confermare l’idea che abbiamo sulla differenza di forze che l’attuale amministrazione riesce a mettere in campo, solo per continuare a mantenere stabile il castello di carte messo in piedi fin dalla campagna elettorale>>. E continua: <<Grandi sforzi iniziali nel fare proclami sulle priorità da seguire, dalla realizzazione dell’ascensore negli uffici dei Servizi Sociali, alla creazione di fantasiose consulte permanenti, alla realizzazione di un Piano Sociale, sempre chiesto a gran voce dai banchi della minoranza dall’attuale assessore al ramo, appunto, al pronto collaudo ed assegnazione tramite gara della struttura in questione destinata, appunto, ad ospitare una casa famiglia per minorenni con genitori>>

Camaioni vuole sottolineare anche i meriti della propria amministrazione sulla questione affermando che: <<tutte cose che, in considerazione della grande liquidità di cui si sono trovati a disporre all’indomani dell’insediamento, grazie al buon lavoro della nostra amministrazione, avrebbero potute essere realizzate in pochi mesi. A questi si contrappongono i miseri sforzi messi in campo per realizzare le promesse nella realtà>>. E continua: <<ora, a pagarne le conseguenze sono e saranno sempre i cittadini di Martinsicuro e Villa Rosa. Abbiamo letto troppe volte sulla stampa dell’interesse ad assegnare quella struttura e non vedendo atti a riprova di tale volontà, c’è da pensare che alla fine l’interesse sia allungare i tempi in modo da poter ottenere qualche risultato da potersi giocare, ancora fresco, per la prossima tornata elettorale, contando sempre sulla buona fede dei cittadini che magari non terranno conto del danno subito per gli anni persi per la negligenza di chi amministra, ma noi restiamo sempre quelli che siamo e confidiamo in uno scatto di orgoglio personale che porti chi amministra oggi la nostra Città a pensare, una volta tanto, al bene della comunità e non al solito ritorno d’immagine>>.

Dunque, per entrambi gruppi di opposizione, la questione della casa famiglia non è più procrastinabile e vorrebbero da parte dell’attuale giunta targata Vagnoni, risposte certe su una questione che farebbe del bene non solo ai futuri ospiti della struttura ma anche agli stessi cittadini.

Abruzzo

Martinsicuro: rintracciato presunto investitore

Avatar

Published

il

Indagine lampo dei Carabinieri della Stazione di Martinsicuro che – in meno di 24/h – hanno rintracciato il pirata della strada che giovedì pomeriggio ha investito sulla S.S. 16 “Adriatica”, all’altezza chilometrica 307+300 della frazione Villa Rosa, in un tratto di strada privo di pubblica illuminazione e senza telecamere di sorveglianza, una donna 60enne di Bellante, tuttora in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita, per i politraumi subiti ed in prognosi riservata presso il Presidio Ospedaliero “G. Mazzini” di Teramo. I militari truentini, dopo i primi rilievi planimetrici del sinistro stradale hanno immediatamente sentito alcuni testimoni, in primis il marito, recuperato sul posto alcuni frammenti di un gruppo ottico (fari, freccia) e porzioni di carrozzeria (specchietto e parafango) e con dovizia certosina hanno effettuato delle ricerche su internet nei siti specializzati, consultato le autocarrozzerie del posto per esaminare la vernice trovata sulle parti di carrozzeria ritrovate ed analizzato la banca dati. Al termine dei minuziosi accertamenti è venuta fuori la probabile autovettura che è risultata essere una vecchia Lancia di grossa cilindrata e sono immediatamente scattate le ricerche che hanno condotto ad un 80enne residente sulla fascia costiera nord. Una volta a casa del soggetto è stata individuata e sequestrata l’autovettura in disamina che presentava ancora i segni del violento impatto, con lo specchietto retrovisore esterno sx pendente, senza la custodia esterna, l’ammaccatura del parafango laterale sx, dello spigolo del paraurti ed il gruppo ottico dello stesso lato danneggiati. In un primo momento l’uomo ha ammesso che quel pomeriggio, mentre stava percorrendo la S.S. 16 in direzione sud, ad un certo punto ha sentito un botto, ma di non essersi accorto di nulla, per cui ha proseguito la marcia. Lo stesso successivamente non ha rilasciato alcuna dichiarazione. L’uomo, ora, dovrà rispondere innanzi al Tribunale di Teramo dei reati di lesioni personali stradali gravissimefuga in caso di incidente stradale con danni alle persone ed omissione di soccorso alle persone ferite.

Continua a leggere

Abruzzo

“Ricostruzione Teramo”: Marsilio inaugura cantiere Ater a Basciano (Video)

Avatar

Published

il

Prosegue l’opera di recupero del patrimonio edilizio

Inaugurato ieri mattina a Basciano dal presidente della Regione, Marco Marsilio e dall’assessore Pietro Quaresimale, il cantiere della ricostruzione degli edifici di edilizia pubblica: il terzo, in ordine di tempo, dopo quelli di Colleatterrato e di Notaresco.

“Ci sono voluti oltre quattro anni per aprire il primo cantiere della ricostruzione degli alloggi Ater a Colle Atterrato, nell’agosto scorso e dopo quello di Notaresco nel mese di dicembre, si inaugura oggi (ieri, ndr) un ulteriore cantiere Ater a cui ne seguiranno, nelle prossime settimane, altri per cercare di recuperare il tempo perduto e consentire a quei cittadini che purtroppo da molto tempo stanno fuori dalle loro abitazioni, di rientrare al più presto nelle loro case”.

“Un traguardo”, ha affermato Marsilio, “ma anche una vergogna se consideriamo tutto il tempo che è stato irrimediabilmente perduto”.

Entro la fine di marzo l’Ater avrà terminato tutte le progettazioni dei successivi interventi, dando il via libera alle procedure di appalto anche per interventi più complessi che hanno maggiori soglie di costo; “oggi (ieri, ndr) raccogliamo i frutti del primo effetto di quelle semplificazioni che abbiamo invocato per anni è che finalmente sono arrivate solo negli ultimi mesi; resta il rimpianto e l’amarezza che se parlamento e governo avessero capito prima che queste misure avrebbero aiutato di molto la velocità della ricostruzione, forse oggi staremmo qui a consegnare gli appartamenti e non ad aprire i cantieri”.

“Siamo soddisfatti di questa inaugurazione” ha commentato la presidente dell’Ater, Maria Ceci, “perchè siamo in linea con il cronoprogramma che abbiamo condiviso con il presidente Marsilio ad inizio anno, quando ci siamo impegnati ad avviare i cantieri nell’intero territorio provinciale, prevedendo anche interventi di adeguamento sismico”.

Insieme a Marsilio c’era il responsabile dell’Ufficio Speciale della Ricostruzione di Teramo, Vincenzo Rivera. In totale, in provincia di Teramo sono interessati alla ricostruzione oltre 800 alloggi Ater per un investimento totale che supera i 65 milioni di euro.


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Teramo

Teramo: minacce e “Revenge Porn” ai danni di un 34enne, arrestata una donna di 35 anni

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

TERAMO – Una donna di 35 anni è stata arrestata per  reati di atti persecutori e diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti. Da quanto si apprende in una nota diffusa dai Carabinieri del Comando Provinciale di Teramo, pare che la donna perseguitava e minacciava da tempo la sua vittima, un uomo di 34 anni, al fine di continuare la relazione. Così, in data 18 gennaio, la 35enne avrebbe  divulgato illecitamente, trasmettendolo tramite Whatsapp, un video esplicito che la raffigurava con la vittima in atteggiamenti sessuali intimi. La donna è stata arrestata e ora si trova agli arresti domiciliari.  

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy