fbpx
Connect with us

Ancona

Nibali e Regione Marche ancora insieme

Pubblicato

il

Vincenzo Nibali (Trekk-Segafredo) “triplica” il rapporto di collaborazione con le Marche.

Ieri mattina, a Palazzo Raffaello, ha sottoscritto un accordo precontrattuale con il quale mette nuovamente a disposizione la sua immagine per la promozione del turismo outdoor e bike. Dopo il biennio in corso (luglio 2019 – giugno 2021), il campione si legherà alle Marche anche per un terzo anno (dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022), grazie all’intervento della Camera di commercio che affiancherà l’impegno della Regione. Sarà lui a incoraggiare i turisti, amanti della bicicletta e dello sport all’aria aperta, a scegliere il nostro territorio come meta di vacanza.

Le Marche offrono strutture idonee, con servizi moderni ed efficienti. L’importante programma di piste ciclabili e ciclovie che, in previsione, offriranno circa 900 km di percorsi attrezzati, è stato sottolineato, “è una risposta esauriente e significativa alle crescenti esigenze di un movimento ciclofilo che, specie in chiave europea, guarda con attenzione alla destinazione italiana e marchigiana in particolare”.

Le premesse sono buone: la campagna promozionale, andata in onda a più riprese nelle fasce di massimo ascolto della RAI e, per lunghi periodi, su Radio RAI, ha prodotto ottimi risultati ed è stata accolta molto positivamente dalla critica e dagli spettatori. “Ripartiamo sui pedali, con Vincenzo Nibali a trainare il gruppo del comparto turistico regionale – ha detto il presidente Ceriscioli – Gli spot realizzati lo scorso anno, in un contesto pre Covid, funzionano bene per questa nuova ripartenza.

Risultano perfetti e calibrati alla nuova immagine di un territorio che riprende un percorso bruscamente interrotto. Oggi tante Regioni si sono messe a fare comunicazione pubblicitaria, ma noi abbiamo il vantaggio di essere davanti, dietro la scia di Nibali che continua a spingere per le Marche. Stiamo mettendo in atto misure dirette per le imprese turistiche, che stanno dando un riscontro immediato, ma, in parallelo, investiamo su uno sviluppo strategico del settore, potendo contare sulla collaborazione di Nibali”. Vincenzo Nibali ha dichiarato di essere “molto contento del lavoro svolto con la Regione Marche lo scorso anno. È stata un’esperienza bella, e piacevole. Gratificante anche per la mia immagine che, insieme a quella delle Marche, è circolata sulle televisioni e mi ha dato grande visibilità. Abbiamo realizzato, insieme, un grande lavoro che ha avuto riscontro ottimi: brave sono state le Marche a realizzare questa campagna e a promuovere l’uso della bici”. L’ente camerale delle Marche “è a fianco della Regione anche nelle iniziative turistiche e promozionali – ha ribadito il presidente Gino Sabatini – È un grande salto avanti che facciamo come Camera di commercio. Crediamo che quello con Nibali possa essere un progetto che valorizzi tutto il territorio marchigiano e le sue bellezze”. Il presidente del Comitato regionale Marche della Federazione ciclistica italiana Lino Secchi ha ringraziato la Regione per il lavoro che sta svolgendo a favore dello sport, specie in questa fase di ripartenza del movimento sportivo. Apprezzamenti stanno avendo le misure regionali per il bonus bicicletta nei comuni sotto 30 mila abitanti (oltre duemila le richieste già pervenute, con ulteriori 700 mila euro ancora disponibili) e per i 4 milioni di euro destinati alle società sportive che hanno già inoltrato 700 domande per ottenere i previsti contributi della Regione. Il rapporto tra Vincenzo Nibali e la Regione è destinato a rafforzarsi nel futuro, a seguito della decisione del Campione di trasferire, nelle Marche, in collaborazione con l’ex ciclista professionista Andrea Tonti, la prestigiosa Gran Fondo che porta il suo nome, dedicata agli amanti dello sport delle due ruote. Significativa è anche la decisione presa da Vincenzo Nibali di trasferire, nelle Marche, per alcuni periodi dell’anno, la formazione juniores siciliana che porta il suo nome per farla partecipare alle competizioni sul nostro territorio, promosse sotto l’egida del Comitato regionale della Federazione ciclistica italiana. Ora a Nibali si prospettano le sfide di una stagione rocambolesca, come è stata e sarà quella del 2020. Nel prossimo mese di settembre, in preparazione al Giro d’Italia, sarà impegnato nella Tirreno – Adriatico: competizione fortemente legata alle Marche che ospiterà le tappe di Sarnano, Senigallia, Loreto e lo storico traguardo di San Benedetto del Tronto. Sarà poi protagonista all’atteso Giro, ormai considerato il primo grande appuntamento dell’anno assieme al Campionato del Mondo. Nella storia del ciclismo sono stati soltanto sette i Campionissimi che hanno vinto contemporaneamente Tour de France, Giro d’Italia e Vuelta di Spagna: Anquetil, Gimondi, Merckx, Hinault, Contador, Froome e Nibali. Con lui, un pezzettino delle Marche saliranno sul podio della ribalta nazionale e internazionale.

Ancona

Il Consiglio regionale delle Marche approva all’unanimità la nuova legge sul commercio

Pubblicato

il

ANCONA – Un quadro normativo unico, organico, che allinea tutte le disposizioni statali e regionali emanate, spesso tra loro non correlate. È la nuova legge regionale sul commercio, a iniziativa della Giunta, approvata all’unanimità dall’Assemblea legislativa. Un “codice” di riferimento per il settore (8 capitoli, 140 articoli), che delegifera il comparto per lasciare spazio ai regolamenti attuativi di programmazione, nell’ottica di semplificazione e trasparenza. A distanza di dodici anni dalla legge regionale 27/2009, “era indispensabile intervenire con nuovi e moderni strumenti operativi, più rispondenti alle esigenze della distribuzione moderna, più vicini alle esigenze dei consumatori e rispettosi alle tradizioni del commercio marchigiano”, ha evidenziato il vicepresidente Mirco Carloni. Questa legge quadro, ha rimarcato, “era necessaria ed è importante, perché prevede una grande semplificazione delle procedure amministrative, genererà un sostegno concreto alla creazione di nuove realtà commerciali, valorizza i negozi di prossimità e i centri commerciali naturali, restituisce un ruolo programmatorio ai Comuni e promuove una lotta all’abusivismo”. Carloni ha evidenziato la grande condivisione raggiunta dall’Aula: “Nelle leggi economiche è fondamentale trovare un accordo tra le varie sensibilità politiche. È un segnale positivo per la comunità produttiva regionale, perché gli operatori economici, in questo momento, hanno bisogno di sentire le istituzioni vicine”. La legge aggiorna e sostituisce le disposizioni di settore, garantendo un contesto normativo più adeguato allo sviluppo aziendale. Una razionalizzazione normativa a beneficio di un comparto produttivo che rappresenta il 24% del Pil regionale. Il testo disciplina tutte le tipologie commerciali esistenti: al dettaglio e all’ingrosso in sede fissa, su aree pubbliche, la vendita della stampa quotidiana e periodica, la somministrazione di alimenti e bevande, la distribuzione dei carburanti sia stradale che autostradale, le forme speciali di commercio al dettaglio, i centri di telefonia in sede fissa. I regolamenti attuativi risulteranno gli strumenti operativi della legge a cui i Comuni si atterranno per la programmazione del loro territorio. Le linee guida saranno la semplificazione e l’innovazione tecnologica degli adempimenti amministrativi, la modernizzazione della rete distributiva, la salvaguardia dei servizi commerciali essenziali, la riqualificazione di centri storici. Tra le innovazioni introdotte figurano un ruolo più rilevante per la programmazione comunale e provinciale, il coinvolgimento dell’associazionismo e delle Camere di commercio, l’estensione dei corsi professionali. Quest’ultima per evitare, soprattutto ai giovani, l’entrata nel mondo commerciale come “ultima spiaggia” occupazionale, senza le conoscenze basilari per intraprenderne l’attività. Sono infine previste misure per garantire la sostenibilità sociale, economica e territoriale degli insediamenti di grande strutture di vendita. Di rilievo gli articoli 4 sulla lotta all’abusivismo commerciale e l’articolo 5 sul rispetto dei contratti di lavoro per la tutela le condizioni lavorative e delle pari opportunità.

Continua a leggere

Ancona

Ancona: investito da un’auto grave un 60enne

Pubblicato

il

ANCONA: Questa mattina,un uomo di 60 anni è stato centrato da un’auto condotta da un’anziano mentre attraversava la strada in corso Amendola, all’altezza dello Stadio Bar di Ancona. L’impatto è stato violento, il 60enne è caduto a terra sbattendo la testa. Sul posto sono intervenuti l’ambulanza del 118 e i carabinieri.L’uomo è stato soccorso dai sanitari e trasportato all’ospedale di Torrette in codice rosso. Ha riportato gravi ferite ma non sarebbe in pericolo di vita. Sul posto per effettuare i rilievi dell’incidente.

Continua a leggere

Ancona

Ancona: lite in famiglia picchia il padre nel sonno

Pubblicato

il

ANCONA: Nella notte di ieri Lunedì 2 Agosto, una lite furibonda è scoppiata in casa tra padre e figlio,in un’abitazione in via Ascoli Piceno ad Ancona.Ci sarebbe stata una violenta lite poichè entrambi ubriachi,dove nella notte il figlio ha aggredito il papà mentre stava dormendo, colpendolo a mani nude. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, e l’ambulanza della Croce gialla. Il padre, 72 anni, è stato soccorso e trasportato all’ospedale Torrette con un codice di media gravità. Non è grave. Sono in corso accertamenti per chiarire la dinamica dei fatti.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy