fbpx
Connect with us

Sport

Serie B: la meravigliosa festa-promozione dei sanniti

Domani sera saranno impegnati in terra marchigiana.

Luigi Tommolini

Published

il

Foto Mario Taddeo

Non poteva che essere la meravigliosa cornice del Teatro Romano a celebrare la cavalcata del Benevento e a fare da scenario alla consegna da parte del presidente della Lega B Mauro Balata della coppa Ali della Vittoria, il trofeo per la vincitrice del campionato della Serie BKT.

Sul palco il sindaco Clemente Mastella, il padrone di casa, che ha ringraziato tutti, definendo il Benevento una via lattea che ha tracciato un traguardo, quello della Serie A.

Sul palco anche Giada Lepore che ha preso la scena social durante il lockdown cantando dal balcone di casa sua e strappando milioni di contatti.

Non ha voluto mancare nemmeno Lucia Salmaso managing director Europe della Serie BKT, che in un  videomessaggio ha lodato la coesione e lo spirito di squadra del Benevento, quegli stessi valori che la categoria vuole portare avanti stagione dopo stagione, assicurando poi il proprio appoggio alla ‘meravigliosa famiglia della Lega B’.

Il presidente della Federazione Gabriele Gravina ha ricordato come il calcio italiano abbia dimostrato la voglia di ripartenza grazie anche alla tenacia della sua governance ‘ci sono qui Balata e Sibilia con cui ci siamo confrontati continuamente in questi mesi per superare il problema’.

Gravina ha anche ricordato l’arrivo per la prima volta della Nazionale al Vigorito: ‘Era dovuta, per la grande lungimiranza della dirigenza di questa città e di Oreste Vigorito, presidente vicino al calcio e con grandi capacità umane’.

Proprio il vicepresidente Figc Cosimo Sibilia ha ricordato come il lavoro fatto con Gravina, Balata ma con tutto il Consiglio federale ha permesso che il risultato fosse determinato dal rettangolo di gioco: ‘Uno spettacolo come il calcio senza pubblico è uno spettacolo mutilato, ma il primo obiettivo è quello di ripartire tutti, calcio di base e di vertice, in totale sicurezza’.

Molto toccante il momento dedicato all’imprenditore di questa impresa, Oreste Vigorito che ha visto scorrere le immagini della storia della sua presidenza dietro le note di Nuovo Cinema Paradiso del maestro Ennio Morricone, suonata dall’orchestra filarmonica di Benevento che ha accompagnato tutta la serata: ‘Le mie istantanee di questa stagione sono le lacrime, le gioie e gli abbracci della mia squadra. Le istituzioni calcistiche ci hanno aiutato e hanno permesso che questo sogno non svanisse all’alba, gente che lavora e non si vede e senza la quale non avremmo potuto raccontare questa favola.

E un ricordo agli assenti a quei tifosi che hanno affiancato questa squadra e l’hanno spinta e che meriterebbero di essere qua.

Ai vecchi nocchieri come Gravina, ai galantuomini come Balata e a persone come Sibilia che ha fatto del calcio una ragione di vita, dico un Grazie con la G maiuscola.

Quando il mare va in tempesta servono i marinai, che si inzuppano gli abiti di acqua salata ma non perdono la rotta’.

Dopo l’inno di Mameli, che ha celebrato il Campionato degli italiani, è arrivato sul palco Mauro Balata che ha ricordato il grande senso di responsabilità dei vertici del calcio e di tutta la Lega ‘nel porci in rapporto con le istituzioni con un dialogo costruttivo, costante e quotidiano e creare le condizioni affinché le società raggiungessero il traguardo in campo, grazie al merito sportivo.

Un livello tecnico, quello del Benevento, che ha impreziosito tutta la Serie BKT, visitando la squadra alcuni mesi fa mi hanno trasmesso grande unione.

Il Benevento rappresenta tutti quei valori che noi cerchiamo costantemente di promuovere, la capacità di raggiungere gli obiettivi in simbiosi con il territorio, tutti insieme’.

Gran finale con i presidenti Balata e Vigorito che alzano la coppa consegnandola a capitan Christian Maggio sulle note di We Are the Champions, suonata dall’orchestra filarmonica di Benevento che ha accompagnato tutta la serata.


Marche

Arezzo-Samb: cammino squadre, convocati, probabili formazioni

Luigi Tommolini

Published

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Infrasettimanale di recupero oggi ore 15:00 all'”Euronics-Città di Arezzo” tra i locali di mister Camplone e la Samb di Mauro Zironelli.

Dopo oltre un mese gli amaranto tornano a giocare tra le mura amiche dove su quattro incontri hanno raccolto soltanto un punto, 2-2 contro la Triestina proprio nell’ultima apparizione in casa il 31 ottobre scorso.

I toscani in casa hanno i numeri più negativi del girone: minor numero di vittorie, 0 condiviso con il Fano, minor numero di punti, 1, minor numero di reti realizzate, 2 (entrambe contro la Triestina) e maggior numero di reti subìte, 11.

Ma la compagine aretina è senza dubbio in ripresa, galvanizzata dalla prima vittoria stagionale nell’ultima uscita in casa dell’Imolese 2-0 sabato scorso.

Zironelli con la Samb non ha mai perso raccogliendo in cinque gare 7 punti (una vittoria, contro la Vis in casa e quattro pareggi).

La vittoria esterna manca da quasi due mesi, 11 ottobre a Fano 2-0, unica in questa stagione.


IL CAMMINO DELLE DUE SQUADRE


CONVOCATI AREZZO

Mister Camplone ha diramato la lista dei 22 convocati che prenderanno parte ad Arezzo-Sambenedettese, valida per il recupero della decima giornata di campionato di Serie C 2020/21 in programma mercoledì 2 dicembre allo Stadio “Città di Arezzo” alle ore 15:00.

Questo l’elenco completo:

Sala, Loliva, Gagliardotto, Luciani, Maggioni, Kodr, Borghini, Baldan, Cherubin, Benucci, Di Paolantonio, Males, Arini, Soumah, Bortoletti, Foglia, Cutolo, Sussi, Belloni, Di Nardo, Pesenti, Zuppel.


PROBABILI FORMAZIONI

AREZZO (4-3-3): 1 Sala; 16 Luciani, 3 Baldan, 29 Kodr, 21 Benucci; 34 Arini, 31 Di Paolantonio, 20 Bortoletti; 10 Cutolo, 32 Zuppel, 17 Di Nardo.
A disposizione: 22 Loliva, 30 Gagliardotto, 4 Maleš, 5 Borghini, 6 Soumah, 7 Belloni, 8 Foglia, 9 Pesenti, 15 Maggioni, 25 Sussi, 33 Cherubin.
Allenatore: Andrea Camplone.
Infortunati: Picchi. Non convocati: 11 Cerci, 14 Nader, 18 Sane, 24 Sportelli, 27 Merola, 28 Bonaccorsi, 36 Karkalis, Piu, Raja Sakho, Tamma.

SAMBENEDETTESE (3-5-2): 22 Nobile; 15 Cristini, 4 D’Ambrosio, 5 Enrici; 27 Masini, 19 Mawuli, 23 Angiulli, 16 D’Angelo, 14 Malotti; 10 Botta, 9 Nocciolini.
A disposizione: 1 Laborda, 12 Fusco, 2 Biondi, 6 Di Pasquale, 7 Occhiato, 8 Chacon, 11 Maxi Lopez, 17 Rocchi, 20 Serafino, 21 Mehmetaj, 29 Lavilla, 30 De Ciancio, 32 Lescano 33 Liporace.
Allenatore: Mauro Zironelli.
ARBITRO: Matteo Gualtieri di Asti (Giuseppe Trischitta di Messina – Emilio Micalizzi di Palermo). Quarto uomo: Ermanno Feliciani di Teramo.


ARTICOLI CORRELATI

Arezzo-Samb: Zironelli ne convoca 25. La Video Conferenza Stampa


Samb: Giuliano Fiorini firma l’unica vittoria in casa Arezzo. Tutti i precedenti


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Marche

Samb: Giuliano Fiorini firma l’unica vittoria in casa Arezzo. Tutti i precedenti

Luigi Tommolini

Published

il

Dopo oltre tredici anni la Samb rende visita all’Arezzo. Sono diciotto i precedenti in casa dei toscani, diciassette in campionato (7 in serie B, 10 in serie C, compreso un match poi annullato) e uno in Coppa Italia di serie C il 29 gennaio 2003, 2-1 a favore degli amaranto.

I primi cinque incontri si sono giocati nel vecchio stadio cittadino “Giuseppe Mancini” (bersagliere aretino, giovane martire nella prima guerra mondiale, medaglia d’oro al valor militare) che era situato nell’area dell’ex Campo di Marte e dell’attuale parco pubblico retrostante la Stazione Ferroviaria.

Dalla sfida del 26 novembre 1967, teatro di gioco è stato lo “Stadio Comunale”, oggi “Euronics-Città di Arezzo”.

Il bilancio complessivo è di una sola vittoria della Samb (in serie B), 5 pareggi (uno annullato) e 12 vittorie dei toscani (una in Coppa).

Il primo scontro, in serie C, datato 3 dicembre 1939 vede l’Arezzo di Luigi Cevenini (detto Zizì) battere 3-0 la Samb di Antonio Moretti.

E’ l’inizio di sette scontri consecutivi, giocati tutti nel Terzo Livello, che vedono uscire sconfitti altrettante volte i rossoblu con un parziale di tre reti segnate contro le quattordici realizzate dalla compagine amaranto.

Il 26 novembre 1967 il gol vittoria dell’aretino Benvenuto al 13° minuto della ripresa di Arezzo-Samb 1-0 spezza il record del portiere rossoblu Roberto Tancredi, imbattuto dall’inizio del torneo per oltre dieci giornate, 958 minuti.

E’ la “SamBergamasco” (la memorabile squadra rossoblu allenata da Marino Bergamasco) a ottenere il primo punto in casa dei toscani anche se la gara si gioca sul neutro di Terni: è il 1° dicembre 1974 e la Samb sfiora addirittura il colpaccio. Al 7° della ripresa un batti e ribatti davanti al portiere aretino Candussi trova l’intervento vincente di “faina”-Maurizio Simonato. I rossoblu sfiorano il raddoppio ma a due minuti dal 90° ecco la beffa con il calcio di rigore concesso da Giuseppe Moretto di San Donà di Piave e realizzato da Mario Fara: 1-1.

Fortunata la Samb di Nedo Sonetti il 15 febbraio 1981 per il primo punto sul terreno del “Città di Arezzo”: due legni dei locali, altrettanti salvataggi sulla linea dei rossoblu e un pallone sciupato di testa dall’aretino Tullio Gritti: 0-0.

Il 24 ottobre 1982 in serie B la Samb di Sonetti esce sconfitta 0-1 per la rete toscana di Domenico Neri su rigore alla mezzora della ripresa. L’arbitro Lucio Polacco di Conegliano Veneto espelle anche il rossoblu Franco Caccia al 90°.

Il 27 novembre 1983 arriva l’unica vittoria in terra aretina, 1-0. A siglare il gol vittoria della Samb di Roberto Clagluna è il compianto Giuliano Fiorini alla mezzora del primo tempo.

Seguono tre sconfitte consecutive e di misura: il 13 gennaio 1985 0-1 con Sandro Tovalieri che al 34° di gioco trasforma un calcio di rigore, il 3 novembre dello stesso anno 1-2 (marcatori Guido Ugolotti e Carlo Muraro per l’Arezzo, Roberto Di Nicola per la Samb nei primi 45 minuti di gioco) e il 19 aprile 1987 0-1 con una sfortunatissima autorete del martinsicurese rossoblu Guido Di Fabio.

E’ 0-0 il 10 aprile 1988 tra la Samb di Angelo Domenghini e i toscani di Angelillo nell’ultimo precedente in serie B.

Ancora a reti bianche, 0-0, gli ultimi due precedenti disputati entrambi in serie C.

Quello dei rossoblu di mister Boniek, il 7 marzo 1993, verrà annullato per il ritiro dei locali dal Campionato.

L’ultimo, il 21 ottobre 2007, con l’ex di turno Guido Ugolotti sulla panchina della Samb e oltre cento tifosi rossoblu a colorare gli spalti dell’impianto toscano.

Luigi Tommolini


TUTTI I PRECEDENTI IN CASA ARETINA


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Ascoli Calcio

Ascoli: seduta tattica per Delio Rossi

Avatar

Published

il

Ascoli: seduta tattica per Delio Rossi. Prosegue al Picchio Village la preparazione dei bianconeri in vista della sfida di venerdì sera con il Pescara. Oggi il gruppo ha svolto una seduta incentrata su riscaldamento tecnico, sviluppi di gioco e partitelle.

Domani è in programma un allenamento alle 14:30 al Picchio Village.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy