fbpx
Connect with us

Focus

Zaki: 157 giorni in carcere, oggi l’udienza

Pubblicato

il

<<157 giorni in carcere senza potersi difendere da accuse basate su 10 post di un account facebook. Oggi attendiamo l’udienza del processo contro Patrick Zaki attivista e ricercatore egiziano, in detenzione preventiva dal 7 febbraio>>.

Così recita il tweet che oggi Amensty International Italia ha pubblicato sul suo account ufficiale. Un post coinciso ma forte, volto a ricordare i critici momenti che Zaki continua ad affrontare ingiustamente durante la sua detenzione. Oggi dovrebbe essere il giorno dell’udienza. Momento cruciale in cui si deciderebbe il futuro del giovane ricercatore. La sentenza potrebbe garantirgli la scarcerazione oppure il rinnovo della detenzione. Il ventinovenne egiziano si trova incarcerato, vittima del suo stesso paese d’origine, da inizio febbraio. Detenuto nel complesso carcerario di Tora, alle porte del Cairo, è accusato di aver cospirato contro lo Stato; nello specifico si imputa: incitamento alla protesta e istigazione a crimini terroristici. Dieci post su Facebook sono la prova impugnata dallo Stato egiziano. La difesa del ragazzo afferma però che quei post non sono attribuibili a Zaki, bensì a un profilo fake. Pochi giorni fa, il 4 luglio, la famiglia riceveva una sua lettera. Rassicurava i suoi cari sul suo stato di salute ed esprimeva l’augurio di tornare al più presto libero. Di tornare alla normalità.

La storia sembra ripetersi. Dopo la triste vicenda del ricercatore Giulio Regeni, l’Egitto torna a colpire ancora. Rendendosi fautore di un’altra storia dalle conseguenze nefaste. Secondo quanto riferito dai suoi avvocati ad Amnesty, Zaki è stato vittima di torture abominevoli. Gli agenti della NSA (National Security Agency) lo hanno <<bendato e ammanettato durante il suo interrogatorio all’aeroporto durato 17 ore. Patrick è stato picchiato sulla pancia e sulla schiena e torturato con scosse elettriche>>. Il giovane ricercatore rischia la condanna a una pena di 25 anni di reclusione.

Nei giorni scorsi l’Egitto ha concesso la grazia a 530 detenuti. Il motivo era legato al decongestionamento delle carceri. Amnesty, dunque, chiede e fa pressioni al governo italiano affinché anche il giovane Patrick possa beneficiarne.

Una vicenda, questa, che continua a scuotere gli animi, ma che troppo spesso è dimenticata dalle pagine di cronaca. Patrick Zaki persiste, vive e sopravvive. Sottoposto al giogo del suo paese natale. Colpevole di essere attivista.

Abruzzo

Martinsicuro: FIAB Teramo chiede al Comune parcheggi attrezzati per biciclette

Dopo l’ordinanza comunale

Pubblicato

il

Di seguito il comunicato stampa di FIAB Teramo.

Facendo seguito all’Ordinanza sindacale n. n. 81 Reg. Generale del 15/07/2021, avente ad oggetto ““Divieto di sosta per velocipedi su corsia pedonale del Lungomare Europa, tratto compreso tra via dei Pioppi e Rotonda Las Palmas con contestuale divieto di ancoraggio-appoggio sulla relativa ringhiera di protezione””, FIAB Teramo, associazione aderente alla Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e alla European Cyclists’ Federation, pur concordando sulla necessità di regolamentare la sosta delle biciclette e dato atto dell’installazione di numerose rastrelliere e dell’intenzione, da parte del Comune, di installarne di ulteriori, chiede all’Amministrazione Comunale di Martinsicuro, che fa parte della rete ComuniCiclabili di FIAB, di fare un ulteriore sforzo e prevedere una idonea pianificazione per la realizzazione di cicloparcheggi attrezzati con rastrelliere che permettano di legare il telaio dei mezzi, onde favorire l’utilizzo della bicicletta sia per turismo che per gli spostamenti quotidiani.

In particolare FIAB chiede, oltre ad un piano per i cicloparcheggi pubblici, da realizzare in prossimità di luoghi strategici (edifici pubblici, scuole, uffici, esercizi commerciali, ecc.), anche l’emanazione di un bando per l’installazione di rastrelliere, su suolo pubblico, da parte di privati, sulla falsariga di quello redatto dal Comune di Milano (che ha molti km di piste ciclabili, ad esempio quella tra viale Monza, corso Buenos Aires e Piazza Duomo)

(si veda https://www.comune.milano.it/servizi/portabiciclette-ad-uso-pubblico)

bando che permetterebbe ai privati interessati di realizzare un cicloposteggio in prossimità della propria attività, senza pagare l’occupazione del suolo pubblico, rispettando specifici parametri tecnici e mettendo il manufatto a disposizione di tutti.

“Il sempre maggior numero di residenti e turisti che usano la bicicletta per gli spostamenti urbani – dichiara il presidente FIAB Teramo, Gianni Di Francesco – impone alle Amministrazioni scelte coraggiose ed immediate. Pianificare la sosta dei “velocipedi”, con la stessa attenzione con cui si prevedono e pianificano parcheggi per le automobili, magari tenendo conto della LR 8/2013, che all’art. 3, comma 5, prevede che “una quota non inferiore al dieci per cento dei posti auto previsti, adeguatamente attrezzata, sia riservata al parcheggio di biciclette”, migliorerebbe le condizioni di sicurezza di chi già utilizza la bicicletta ed invoglierebbe molti ad usare tale mezzo, con benefici per tutti”.

FIAB, oltre a mettersi a disposizione dell’Amministrazione per eventuali consigli, ha inviato al Sindaco anche un vademecum per la realizzazione dei parcheggi, che possa essere da guida per la loro realizzazione.

Continua a leggere

Economia e Territorio

Neet, come migliorare la formazione

Un ciclo di webinar di Meritocrazia Italia

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo da Meritocrazia Italia.

Argomenti trattati: Necessità di formare i giovani nel mondo imprenditoriale. Piano di resilienza proposto da MI. Formazione post scuola. Donne maggiormente penalizzate. Creare sinergie con il sistema universitario. Importanza dell’anagrafe dello studente. Educare le famiglie alla formazione dei figli. Creare un collante tra scuola e mondo del lavoro. Investire sugli insegnanti.

Si è concluso ieri il ciclo di incontri settimanali organizzati da Meritocrazia Italia per tutto il mese di febbraio, sul tema dei Neet.

Argomento delicato ed al contempo allarmante per la diffusione del fenomeno nel nostro Paese, che vanta il primato europeo.

Le soluzioni al problema e le sue ripercussioni sociali sono state trattate nella tavola rotonda da esperti e tecnici, che si sono confrontati con i Dirigenti di Meritocrazia Italia, Raffaela Pergamo  (Direttore Dipartimento Politiche agricole) e Marco Del Sorbo (Tesoriere e Consigliere di Presidenza), cui sono state affidate le conclusioni dell’incontro. Moderati da Roberto Castaldo, Direttore Scientifico di Crea, si sono succeduti sul palco Giovanna Pentenero, già assessore Regione Piemonte; Carlo A.Mazzone, Docente di informatica, premiato a livello mondiale; Carmen Gallucci, Docente di Finanza Aziendale Unisa; Piero Rinaldi, Imprenditori Rinaldi Group, Presidente Giffoni Experience.

Il comune denominatore di tutti gli interventi è racchiuso nella necessità, unanimemente riscontrata dai relatori, di riconoscere e non sottovalutare il problema, per poterlo affrontare con incisività ed in un’ottica di inclusione, affinché anche i giovani a rischio possano sentirsi cittadini attivi ed essere stimolati alla partecipazione. I ragazzi vanno messi al centro e si deve lavorare per piccoli progetti, al fine di creare, dall’interno delle istituzioni formative, la possibilità di portare i giovani verso l’imprenditorialità, per gestire la propria autonomia gestionale e operativa.

Così ha concluso Marco Del Sorbo:” Per ridurre il fenomeno dei NEET è necessario quel giusto collante tra scuola e mondo del lavoro che in Italia manca completamente. I giovani di oggi si sentono sfiduciati, non riescono a collocarsi nel mondo del lavoro e sono costretti ad andare all’estero per trovare quella giusta e desiderata collocazione, che l’Italia non riesce ad offrire. E’ necessaria una forte ed incisiva azione pubblica sul problema”.

Il dibattito è stato costruttivo e con rilevanti spunti di approfondimento. Soprattutto foriero di soluzioni concrete che l’associazione auspica possano trovare fattiva attuazione. Il Webinar potrà essere rivisto sulla pagina Facebook: L’Italia che Merita.

Continua a leggere

Abruzzo

L’assistenza pediatrica in Abruzzo

18 febbraio 2021, ore 15:30, in diretta Facebook sulla pagina Meritocrazia Italia Abruzzo

Pubblicato

il

L’assistenza pediatrica in Abruzzo: cosa cambia con il nuovo accordo integrativo regionale

18 febbraio 2021 ore 15:30 in diretta Facebook sulla pagina Meritocrazia Italia Abruzzo

Il diritto al pediatra, previsto dalla legge istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, è la premessa dell’incontro, la sua effettività e garanzia sono però rimesse alle modalità attuative concretamente adottate.


Il primo webinar tematico di Meritocrazia Italia Abruzzo dà risalto ad una soluzione attesa da tempo e che presto si presenterà alla prova dei fatti.


L’assistenza pediatrica in Abruzzo: cosa cambia con il nuovo accordo integrativo regionale” è il titolo della tavola rotonda organizzata da M.I.A. dove, ospiti dell’associazione e pronti al confronto con gli associati, interverranno l’assessore alla salute della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì ed i dott. Piero Di Saverio ed Umberto Muzii, rappresentanti di alcune sigle dei pediatri di libera scelta che hanno sottoscritto l’accordo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy