fbpx
Connect with us

Marche

Matelica, Roberta Nocelli: “Viviamo un sogno”

La parola alla DG della matricola marchigiana.

Luigi Tommolini

Published

il

MATELICA – Intervista alla DG Roberta Nocelli: ”Viviamo un sogno”

E’ il motore che fa girare tutti gli ingranaggi in casa Matelica.  Un vulcano di idee e temperamento, la DG Roberta Nocelli. La sua passione e il suo intuito, uniti alla sua competenza e lungimiranza, hanno contribuito a portare il club del Patron Mauro Canil tra le 100 Società professionistiche d’Italia, tagliando un traguardo storico, sempre sognato ed ora, finalmente, da assaporare fino in fondo.

#Csiamo è stato un po’ il tuo slogan per tutta l’estate. Quanto è stata dura arrivare fino a qui, ma al tempo stesso quanto sei orgogliosa?

E’ stato un percorso davvero difficile perché la Serie D è completamente diversa dalla Lega Pro, a partire dai regolamenti fino a tutto ciò che concerne l’iscrizione e le pratiche burocratiche. E’ tutto molto più ferreo, ci sono molte più regole da rispettare. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno collaborato con noi. I commercialisti, gli avvocati e i segretari hanno fatto veramente un grande lavoro. Sono orgogliosa non tanto per la mia persona, ma per tutto quello che è il Matelica calcio. Sono orgogliosa di appartenere a questa grande Società e di poterla rappresentare ogni giorno in tutte le situazioni che lo richiedono. Aver finalmente coronato un sogno così grande, che questa Società e questa città di avevano sempre solo sfiorato, ma mai raggiunto, ci rende veramente tutti fieri di noi stessi.

La rosa è in costruzione. Sei soddisfatta di come si è mossa la Società fino a ora?

Mister e Direttore Sportivo hanno la nostra piena fiducia e carta bianca nei loro ruoli. Siamo in fase di completamento d’organico, entrambi stanno ancora lavorando sodo. Sono sicura che tutti i ragazzi inseriti e quelli confermati sono figure importanti per il progetto. La situazione ora è doppiamente difficile per l’incertezza del momento ancora condizionato dalla battaglia al Covid.

Ti sei tolta anche qualche sassolino dalla scarpa. Adesso sei più serena e riesci a goderti di più i complimenti ed il bel percorso fatto se ti guardi alle spalle?

Io spesso parlo, scrivo e mi sfogo perché accumulo e inglobo un po’ il sentimento di tante persone che mi sono intorno. I sassolini se li è tolti in generale tutto il Matelica e ne erano tantissimi, soprattutto verso le persone che non hanno creduto in noi e nel lavoro che, insieme a tutto lo staff che si occupa dell’organizzazione sia tecnica che burocratica della Società, abbiamo fatto in questi anni sia in prima squadra che nel settore giovanile. I miei però non erano sassolini, erano stivali pieni di pietre (ride).

Incrociando le dita si torna in campo il 27 Settembre. A livello organizzativo anche gestire le gare all’Helvia Recina sarà una sfida tosta ma affascinante..

L’Helvia Recina è uno stadio che ha visto una Società gloriosa come la Maceratese affrontare campionati professionistici anche di vertice, addirittura lottando per raggiungere la Serie B. Massimo rispetto a tutti i maceratesi, tifosi e non, a tutta la città di Macerata per l’occasione che ci ha dato, all’Amministrazione Comunale con cui abbiamo raggiunto un accordo. Ne siamo veramente felici. L’Helvia Recina è davvero emozionante, perché dal punto di vista strutturale è uno stadio vero, che conta 4950 posti e ovviamente dà un’altra sensazione quando vi si entra come squadra di casa. Anche questa un’emozione forte, di quelle che ti fanno comprendere appieno il valore e l’importanza del calcio professionistico.

Qualche idea e preferenza sulla composizione dei gironi?

Nessuna in particolare. Sicuramente il raggruppamento B avrà tantissimi derby e quindi sarà avvincente ed emozionante, così come sicuramente saranno anche gli altri. A proposito di derby, mi auguro si possa riavere presto il pubblico allo stadio perché significherebbe comunque tornare a vivere il calcio più bello, quello condiviso con le persone che ti seguono, che tengono ai tuoi colori e alla tua Società.

Protocolli, allenamenti a porte chiuse, tamponi e procedure. Quanto è dura stare dietro anche a tutti questi aspetti?

Prima di tutto viene la salute. Perciò ritengo giusto che ci siano delle regole ferree e che vengano rispettate per il bene di tutto l’ambiente. Questa, oltre ad essere una Società di calcio, è a tutti gli effetti un’azienda. Il costo per affrontare questo protocollo è però davvero esoso. Nonostante l’intesa raggiunta ieri con FederLab da parte della Lega Pro, fare tamponi ogni quattro giorni e test sierologici ogni quindici è un aggravio di spesa immane per una Società. Se consideriamo che si prevede anche, almeno inizialmente, di giocare a porte chiuse, senza neanche poter contare sugli introiti dal botteghino, diventa un compito davvero difficile. A ciò bisogna aggiungere anche la gestione anche di quattro squadre giovanili nazionali, di tutte le altre formazioni dell’attività di base, nonchè le esigenze anche delle altre società che fanno calcio a Matelica, cioè il Fabiani ed il Real Matelica. Aggiustarsi e trovare gli spazi con protocolli completamente diversi e conciliare tutto è ancora più dura. Speriamo di fare bene e dare un buon segnale, portando sempre in alto i nostri colori.


Matelica, Roberta Nocelli: “Viviamo un sogno”.

Marche

Regione Marche, situazione Coronavirus

Lo comunica il Gores

Published

il

Il Gores ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 1497 tamponi: 829 nel percorso nuove diagnosi e 668 nel percorso guariti. I positivi sono 32 nel percorso nuove diagnosi: 12 in provincia di Pesaro Urbino, 12 in provincia di Ascoli Piceno, 3 in provincia di Ancona, 2 in provincia di Macerata, 1 in provincia di Fermo e 2 fuori regione. Questi casi comprendono 3 rientri dall’estero (Macedonia, Romania, Afghanistan), 11 contatti in ambito domestico, 4 soggetti sintomatici, 6 contatti stretti di casi positivi, 3 casi riscontrati dallo screening realizzato nel percorso sanitario, un caso rilevato dallo screening effettuato in ambiente lavorativo, un caso registrato in contesto assistenziale, un caso da fuori regione e 2 casi in fase di verifica.

Continua a leggere

Abruzzo

Geografia del Montepulciano, convegno in Sardegna “Tra Controguerra Doc e le Colline Teramane Docg”

Pio Di Leonardo

Published

il

CONTROGUERRA – Il Territorio e le sue eccellenze enologiche al centro dei due Forum che si terranno in Sardegna e saranno presentati da Fabrizio Di Bonaventura, vice Sindaco del Comune di Controguerra. Le due iniziative, la prima che avrà luogo giovedì 24 settembre alle ore 19:30 presso la sala convegni dell’Hotel Mistral di Oristano, dal titolo “Tra Controguerra Doc e le Colline Teramane Docg”, e la seconda che si terrà sabato 26 settembre ore 19:30 presso la sede di Fondazione Italiana Sommelier in Via Meucci n. 26 a Cagliari, dal titolo “Geografia del Montepulciano – il Montepulciano in Abruzzo, Marche, Molise e Puglia”, saranno organizzate da Fondazione Italiana Sommelier Sardegna.

Gli eventi, nati da un’idea del Vice Sindaco del Comune di Controguerra Fabrizio Di Bonaventura, saranno da lui presentati insieme ai Sommelier Pietro Sanna, Andrea Cherchi, Fabrizio Livretti e Giulio Pani. Al centro due interessanti Focus tematici che, nella prima serata, mettono al centro i vitigni caratteristici del Territorio Teramano, mentre nel secondo il vitigno Montepulciano nelle Regioni Abruzzo, Marche, Molise e Puglia. Infatti, le serate vedranno la presenza dei vini di un nutrito gruppo di aziende delle Regioni sopra evidenziate tra cui: Biagi, De Angelis Corvi, Di Ubaldo, Illuminati, Lidia e Amato Viticoltori, Massetti, Monti, Strappelli, Tenuta Terraviva, Tenuta Torretta, Il Feuduccio di Santa Maria d’Orni, Pietrantonj, Torre dei Beati, La Valle del Sole, Di Majo Norante, Terresacre, Carvinea e D’Alfonso del Sordo. Sarà interessante conoscere e confrontare le loro esperienze approfondendo alcuni aspetti della vitivinicoltura praticata nei loro territori con particolare riferimento al vitigno del Montepulciano. I Vignaioli proporranno una serie di referenze di Montepulciano di propria produzione, per le quali, i Sommelier, effettueranno la degustazione. Tantissimo lavoro per il docente di Fondazione Italiana Sommelier Fabrizio Di Bonaventura che, durante la serata, avrà ospiti dei produttori che hanno contribuito a fare grande la vitivinicoltura delle Regioni di appartenenza dando lustro alla loro Storia vitivinicola evidenziando le caratteristiche di un grande vitigno come il Montepulciano.

<<Lo scorso 24 Luglio il ristorante Baobab di Controguerra ha ospitato la serata dal titolo “Geografia del Montepulciano” che, oltre ad avere avuto un grande successo, ha avuto il merito di mettere insieme dei produttori che hanno contribuito a far crescere il settore del vino nelle proprie realtà. Adesso la Sardegna si prepara a ricevere due forum tematici con la presenza di produttori che, oltre a dare un importante impulso di crescita di settore, contribuiscono a far conoscere la bellezza dei loro territori. Il territorio>> continua Fabrizio Di Bonaventura, <<è un insieme di componenti del vino e della sua immagine: la qualità del terreno, il clima, l’esposizione del vigneto, la tradizione, il mito, la cultura del vignaiolo. Un concetto che esprime non solo la natura complessa di ciò che viene comunemente definito terroir, ma soprattutto la dimensione poliedrica del vino, la sua duplice appartenenza all’emisfero naturale e culturale. In un bicchiere di vino, accanto alle componenti organolettiche, troviamo infatti il paesaggio, l’arte, la storia, le tradizioni, la poesia, la cucina e persino l’economia locale da cui quel vino prende vita. La metamorfosi del succo d’uva in vino è di fatto una trasformazione dell’agricoltura in cultura, è espressione delle capacità umane di plasmare la natura a propria immagine, non dimentichiamo che il vino è esclusivamente un prodotto culturale grazie all’uomo ed il suo intervento. Quindi questa è anche una grande opportunità per approfondire e confrontarsi con la cultura vitivinicola di altre Regioni attraverso i loro produttori ed affrontare temi che possono essere senz’altro ricchi di fascino, perché il mondo del vino rappresenta costantemente la cultura, la storia ed il futuro dei propri territori. Una splendida occasione per tornare a parlare di vino guardandoci negli occhi. Un bel momento dedicato ai protagonisti dell’enologia italiana, con vitigni capaci di sintetizzare in modo mirabile classe e potenza, stile e territorio>>.

Continua a leggere

Macerata

Matelica, Colavitto: “Un esordio tosto”

Luigi Tommolini

Published

il

MATELICA – Mister Colavitto: “Un esordio tosto, ma noi pensiamo solo a lavorare”

Inizia la marcia di avvicinamento del Matelica al debutto ufficiale di Trieste di domenica prossima, con mister Colavitto e i suoi ragazzi ormai in settimana tipo, concentrati sulla lunga trasferta del Nereo Rocco.

Un bilancio dopo il pre-campionato e l’amichevole di sabato con l’Ascoli

Per quanto riguarda il precampionato un bilancio sicuramente positivo. In questo mese ci siamo allenati con ritmo e intensità. Si veniva da una situazione di emergenza mai vista prima, ma insieme allo staff penso che l’abbiamo affrontata bene. Per quanto riguarda invece l’amichevole di sabato sono soddisfatto. Non siamo ancora squadra, dobbiamo ancora trovare la nostra coscienza collettiva, ma sono sicuro che con il lavoro arriverà anche quella.

Inizia le settimana tipo: come si approccerà il Matelica alla prima con la Triestina? Ha iniziato a studiare gli alabardati di mister Gautieri?

Grazie alla tecnologia ormai riusciamo ad informarci bene sui nostri avversari. Grazie alle varie piattaforme possiamo vedere e studiare un po’ tutti gli aspetti che riteniamo utili. I primi giorni della settimana in realtà puntiamo a consolidare le nostre situazioni, alla squadra avversaria iniziamo a pensarci dal giovedì e solo allora iniziamo a parlarne.

Il tour de force previsto dal calendario nel primo scorcio del campionato ha cambiato i piani di lavoro?

No, bisogna sempre adattarsi. Sulle cose in cui non si può incidere la nostra teoria è sempre quella di trovare la soluzione migliore per raggiungere l’obiettivo.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone