fbpx
Connect with us

Abruzzo

Stefano Bollani incanta sulle rive del Lago di Campotosto

Grandi emozioni in riva al lago

Avatar

Published

il

Scommessa vinta per Abruzzo dal Vivo 2020 che ieri sera ha dato vita ad una vera e propria magia sulle rive del Lago di Campotosto dove un pubblico incantato ha assistito al concerto di Stefano Bollani che ha suonato, su piattaforma sull’acqua al calar del sole, Piano Solo, improvvisando brano dopo brano.

“Sono emozionato stasera, perché sono i primi concerti dal vivo dopo il lockdown, ma anche per questa situazione unica, non ho mai visto un palco così e lo scenario è da lasciare senza fiato” ha dichiarato il pianista che si è lasciato guidare, come sempre, dall’ispirazione e ha regalato al pubblico attento e rapito un’ora di vera poesia iniziando con un omaggio al maestro Ennio Morricone con Metti una sera a cena, e viaggiando poi tra Isn’t she lovely? Stevie Wonder e un medley divertente in cui Papaveri e papere ha rincorso Il ballo del qua qua e provando anche a creare l’Inno del Campotosto, in un improbabile dialetto abruzzese che ha divertito giovani e meno giovani. Il Maestro ha salutato il pubblico con Mattinata di Leoncavallo, omaggio al tramonto che lentamente ha accompagnato Stefano Bollani fino all’ultima nota.

Tra il pubblico estasiato anche Donatella Ferrante Dirigente della Direzione Generale Spettacolo dal Vivo- Mibact ospite dell’incontro istituzionale che ha preceduto il concerto “Sono realmente stupita della capacità organizzativa per dar vita a questo evento perché immagino le grandi difficoltà logistiche che un luogo meraviglioso e incontaminato come questo avrà creato. Tutto però è bellissimo. Non ero mai stata in questi territori e la loro bellezza mi fa desiderare di tornarci presto.” E continua “Quando il Mibact ha stanziato i fondi è proprio a questo che pensava, ad azioni potenti ed efficaci che sapessero mostrare la bellezza e le potenzialità di questi luoghi così belli”.

Lo stesso entusiasmo che anima anche il Sindaco di Crognaleto Giuseppe D’Alonzo, capofila dei Comuni del cratere “Una giornata come quella che abbiamo vissuto qui a Campotosto dà la misura di ciò che si può fare per i territori svantaggiati, a patto però che ci sia forte la volontà di tutte le Istituzioni, da quelle nazionali alle locali. Un doveroso ringraziamento al Prefetto dell’Aquila Cinzia Teresa Torraco che ha immediatamente compreso l’importanza dell’evento e ha avallato il progetto per un concerto in sicurezza. Abruzzo dal Vivo ancora una volta è esempio virtuoso e la meravigliosa serata di oggi ne è la prova.”

All’incontro Istituzionale hanno preso parte rappresentanti di tutti i livelli istituzionali, oltre a Donatella Ferrante dirigente del Mibact hanno fatto i loro interventi il Commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini, la senatrice Stefania Pezzopane, Giancarlo Zappacosta Direttore del settore cultura della Regione Abruzzo, Eleonora Coccagna direttrice artistica del festival e Stefano Scipioni presidente di ACS, la dirigente della Questura dell’Aquila, la Presidente di Italia nostra Paola Di Felice, il Sindaco di Teramo e Presidente Anci Gianguido D’Alberto, il Sindaco di Montereale Massimiliano Giorgi.

Il Festival Abruzzo dal Vivo è una iniziativa finanziata dalla Direzione Generale dello Spettacolo del Mibact, voluta dalla Regione Abruzzo, realizzata grazie alla rete dei 23 comuni del cratere con il Comune di Crognaleto capofila. Così nel comunicato ufficiale che abbiamo riportato.

Abruzzo

CoViD Abruzzo: Marsilio scrive a Speranza per anticipare la fine della zona rossa

Avatar

Published

il

‘Dati ok. Non trattarci come regione più pericolosa d’Italia’

“Pensiamo di poter produrre tra oggi e domani dei dati che dimostrano come l’Abruzzo, che già venerdì scorso era stato classificato come appartenente alla categoria ‘arancione’, mostri dati ancora migliori rispetto alla settimana scorsa e quindi riteniamo che non sia necessario continuare a farlo perdurare in una zona rossa dalla quale è evidentemente uscito”. Lo afferma il governatore dell’Abruzzo, Marco Marsilio, che oggi ha scritto al ministro Roberto Speranza.

Se il passaggio ad una zona di rischio inferiore è previsto per il 10 dicembre, il presidente auspica che la variazione di fascia possa essere anticipata.

Secondo Marsilio, l’Abruzzo, in base agli ultimi dati, non è più una regione da zona rossa, “grazie alle politiche che abbiamo adottato e anche grazie alla tempestività con la quale abbiamo agito anticipando di alcuni giorni la dichiarazione del ministro Speranza di zona rossa che ha comportato un anticipo delle cure che sono state sufficientemente efficaci”.

In tal senso il governatore sottolinea che l’indice Rt è a 1,11, il tasso di occupazione delle terapie intensive al 40% e il tasso di occupazione di posti letto in area critica al 48%.

Cioè c’è “tutta una serie di indicatori all’interno della media nazionale. L’Abruzzo, oggi – conclude Marsilio – indica un suo sostanziale allineamento alle medie italiane e quindi non può essere trattata come se fossa la regione più pericolosa o peggiore d’Italia”. (ANSA).


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Abruzzo

CoViD Abruzzo, 2 dicembre: contagi in calo, ma i morti sono ventuno

Avatar

Published

il

381 nuovi casi, continua a scendere numero attualmente positivi

In Abruzzo i dati sui nuovi casi fanno registrare un calo e gli attualmente positivi al virus scendono in modo consistente, sono 21 i decessi di persone positive al Covid-19 segnalati nell’ultimo bollettino della Regione. Il bilancio delle vittime sale così a 927.

Cresce leggermente il numero dei pazienti ospedalizzati, che passano da 773 a 777, mentre scende il numero delle terapie intensive occupate.

I nuovi casi sono 381. Sono emersi dall’analisi di 4.384 tamponi: è risultato positivo l’8,69% dei campioni. E’ dalla metà di ottobre, quando la curva era in rapida crescita, che non si registravano percentuali così basse. Dei nuovi positivi, il più giovane ha un anno, il più anziano ne ha 95. Quelli con meno di 19 anni sono 60: 24 in provincia dell’Aquila, due in provincia di Pescara, 15 in provincia di Chieti e 19 in provincia di Teramo.

I 21 decessi – quattro sono risalenti ai giorni scorsi ma sono stati comunicati solo oggi dalle Asl – riguardano persone di età compresa tra 59 e 94 anni: cinque in provincia dell’Aquila, dieci in provincia di Teramo, due in provincia di Chieti, tre in provincia di Pescara e uno residente fuori regione Gli attualmente positivi scendono e tornano sotto quota 18mila. Nelle ultime ore sono 204 in meno ed arrivano a 17.984: 703 pazienti (+6 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva e 74 (-2) in terapia intensiva. Al momento è occupato da pazienti Covid-19 il 42,77% dei 173 posti letto di rianimazione disponibili nelle quattro Asl. Tutti gli altri positivi, 17.207 persone (-208) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti sono 564 in più (totale 9.890).

Tra le località con più nuovi casi vi sono Teramo (39), L’Aquila (31) e Sulmona (20). A livello territoriale, del totale dei casi positivi 9.350 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+139 rispetto a ieri), 5.513 in provincia di Chieti (+63), 5.767 in provincia di Pescara (+53), 7.716 in provincia di Teramo (+126) e 251 fuori regione (+3), mentre per 204 (-3) sono in corso verifiche sulla provenienza.


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Pescara

Pescara: al via i lavori di dragaggio al porto, fine prevista il 31 dicembre

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – Sono partiti questa mattina, con estrema urgenza, i lavori al porto per il dragaggio. Si provvederà alla rimozione di accumuli di sedimenti marini dagli specchi d’acqua che fronteggiano l’imboccatura del porto canale del fiume Pescara. In questo modo sarà garantita nuovamente la transitabilità della canaletta di accesso ai pescherecci. I lavori si dovrebbero concludere per il 31 dicembre. A vigilare sui lavori, per eventuali situazioni di pericolo che si potrebbero creare, ci sarà la Guardia Costiera.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy