fbpx
Connect with us

Abruzzo

Recuperato cadavere a largo di Giulianova

Potrebbe essere il Ceco Tomas Cerveny

Luigi Tommolini

Published

il

GIULIANOVA – Alle ore 13,30 è stato avvistato nel mare Adriatico il cadavere di un uomo, era a sei miglia dalla costa di Giulianova, l’uomo non è stato ancora identificato.

Potrebbe essere Tomas Cerveny, 40 anni, appassionato di fotografia, della Repubblica Ceca  scomparso durante le vacanze in Abruzzo, a Martinsicuro, che la guardia costiera stava cercando in mare, anche con i sommozzatori, da quattro giorni.

Il cadavere è stato avvistato da un diportista su un motoscafo,  che ha subito chiamato la capitaneria di porto.

Era a sei miglia dal porto di Giulianova.

Il diportista lo ha visto galleggiare sull’acqua e ha immediatamente dato l’allarme.

La salma è stata recuperata alle 16 dalla Capitaneria di porto ed è stata subito trasferita all’obitorio dell’ospedale di Teramo per l’autopsia.

Per capire se effettivamente si tratta del turista ceco, dovrà essere effettuato l’esame del Dna.

Il corpo è di un uomo bianco ma, stando a chi lo ha visto, è irriconoscibile.


COMUNICATO ANSA delle 19:08 di giovedì 3 settembre 2020

(ANSA) – GIULIANOVA, 03 SET – La Guardia Costiera di Giulianova (Teramo), intorno alle 16, ha recuperato al largo di Giulianova il cadavere di un uomo. Secondo le prime informazioni si ipotizza che possa essere il corpo di Tomas Cerveny, il 40enne cecoslovacco scomparso insieme a Marketa Adamkova, 17 anni.
I due si trovavano insieme in vacanza a Martinsicuro ma da sabato scorso si erano perse le loro tracce. Domenica, davanti alla Riserva naturale della Sentina a nord della foce del Tronto a San Benedetto era stato rinvenuto il cadavere di una ragazza, che sarebbe proprio quella della 17enne (anche se il riconoscimento non è ancora ufficiale). I due potrebbero essere stati vittime di un incidente in barca. Oggi il ritrovamento del cadavere di un uomo al largo di Giulianova. Sul posto, oltre al medico legale, sta arrivando anche il pm della procura di Ascoli Piceno, titolare del fascicolo. (ANSA).


ARTICOLI CORRELATI

Martinsicuro: continua il mistero della ragazza ritrovata

Pescara

Pescara: al via i test sierologici rapidi nelle farmacie, risultati in 20 minuti

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – Nella giornata di ieri è stato attivato il servizio dei test rapidi sierologici in quasi tutte le farmacie pescaresi. I test si terranno sotto prenotazione e sarà possibile ricevere la risposta dopo 20 minuti. In caso di positività, il risultato dovrà comunque essere confermato dal tampone effettuato dal personale sanitario della Asl. Questo solo sarà in grado di rivelare la reale positività al Covid-19. Per scolari e studenti, dalla materna all’università e le loro famiglie, i tal saranno gratuiti. Per gli altri cittadini e personale scolastico (docenti e Ata) senza figli a carico, il costo del test sarà di 16 euro.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: aziende del teramano e lavoratori in ‘nero’, scattano le denunce

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

guardia di finanza

TERAMO – Sei imprese commerciali dei Teramo sono state identificate dalla Guardia di Finanza di Nereto, per aver violato le disposizioni della normativa vigente in materia di contrasto alla propagazione del Covid-19. Tra queste, quattro aziende sarebbero nella Val Vibrata tra i comuni di Colonnella, Corropoli e Sant’Omero. Inoltre, 18 persone erano impiegate completamente in ‘nero’ e fra questi, un soggetto percepiva anche il Reddito di Cittadinanza, approfittando così della situazione per avere il duplice vantaggio di non pagare alcuna imposta sul reddito percepito in ‘nero’. Per lui è scattata immediatamente la segnalazione all’Inps.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: fermati con 10 petardi senza marcatura in macchina, due persone denunciate

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – A fronte di una serie di controlli effettuati dalla Polizia Stradale di Teramo-Distaccamento di Pineto, due persone a bordo di un’auto sono state fermate. All’interno della loro vettura sono stati rinvenuti, all’interno di uno zaino, dieci grandi petardi artigianali, senza classificazione e marcatura. Entrambe le persone non hanno saputo giustificarne il possesso. Durante la perquisizione domiciliare ne sono stati trovati altri dieci di identica fattura. Entrambi sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, e ora su di loro grava l’accusa di reati di fabbricazione e commercio abusivo di materiale esplodente nonché di omessa denuncia e trasporto di materiale esplodente.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy