fbpx
Connect with us

Abruzzo

Chiusura palestre e centri sportivi: il comunicato di O.P.E.S. Abruzzo

Sonia Fracassi

Published

il

Come da nuovo Dpcm del 25 Ottobre 2020, palestre e centri sportivi sono costretti ad abbassare le saracinesche fino al prossimo 24 Novembre 2020.

Uno stop alle attività cha va a colpire un intero settore, senza lasciare loro nessun spiraglio di sopravvivenza.

Un settore, quello sportivo, già messo a dura prova con stringenti protocolli di sicurezza che questa volta non sono neppure bastati per scongiurarne la chiusura.

Gestori, dipendenti, atleti agonisti e semplici appassionati urlano a gran voce, sperando di riuscire a farsi ascoltare dal Governo. Per molti di loro, le conseguenze economiche derivanti dalla chiusura delle strutture potrebbero non farli riaprire mai più.

A tal proposito, riportiamo e pubblichiamo il comunicato stampa di O.P.E.S (Organizzazione per l’Educazione allo Sport) Comitato Regionale Abruzzo (ente di promozione sportiva con sede in Chieti) sottoscritto dal Presidente Regionale, Terenzio Rucci.

CHIETI, 26 OTTOBRE 2020

Purtroppo sapevamo che sarebbe finita così. Una settimana fa, nelle parole del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, avevamo già percepito il duro attacco che il mondo dello Sport avrebbe ricevuto di lì a poco.

Un ultimatum, quello dato in conferenza stampa nazionale, che ha reso ancora più difficile l’ultima settimana appena trascorsa. Una settimana di ansia e paura per l’intero settore: gestori, istruttori, atleti, semplici appassionati di sport che ora sono obbligati a rimanere fermi. Una chiusura per settori, non per colpe, è una chiusura chiaramente ingiusta e non accettabile.

Le palestre non possono e non devono essere il capro espiatorio di questa situazione di emergenza. E’ evidente, a tutti, che chiudere i centri sportivi non possa essere la soluzione rispetto all’aumento dei contagi. Così come, è inaccettabile che a pagarne le spese, sotto tutti i punti di vista, debbano essere i gestori e gli imprenditori del mondo dello Sport, mettendo in ginocchio l’intero settore.

Ad oggi, tutte le strutture sportive seguono rigidi protocolli di sicurezza per la salute dei propri atleti e lavoratori. Un sacrificio enorme è stato già chiesto a questo settore che, pur di poter tornare a lavorare, ha assecondato tutte le richieste di adeguamento ai protocolli senza battere ciglio. I

n Abruzzo, iscritte al registro CONI, ci sono più di 2600 fra ASD e SSD senza contare gli altri soggetti giuridici che operano nel mondo dello Sport né l’indotto che ne deriva. In Italia il settore dello Sport vale più di 30 miliardi. Sono i milioni i cittadini sportivi Professionisti e Amatori, che praticano attività motoria e ne colgono tutti i benefici sia fisici che psicologici, senza contare tutti i risvolti sociali che subiscono un’influenza positiva dallo Sport.

Come si può ritenere che tutto ciò sia superfluo o sacrificabile? In questo preciso istante, tutta la mia solidarietà va ai gestori di impianti sportivi, ai presidenti di ASD e SSD, ai dipendenti, agli istruttori, agli atleti agonisti e praticanti.

Il Presidente Regionale O.P.E.S Abruzzo
Terenzio Rucci

Abruzzo

CoViD: Abruzzo ancora in zona rossa. Marsilio propone anticipare l’uscita per l’8

Avatar

Published

il

Dopo le tre ordinanze del ministro Speranza, l’Abruzzo è l’unica regione ancora in zona rossa. Il passaggio formalizzerà quanto era chiaro da ieri.

Il presidente della Regione Marsilio da giorni ha avviato un’interlocuzione con il ministero per anticipare la fine della zona rossa visti gli ultimi dati.

L’Abruzzo è in zona rossa dal 18 novembre, con ordinanza regionale scaduta ieri.

La misura era stata confermata da Speranza con ordinanza in vigore dal 22 novembre.

Per il passaggio a una zona inferiore bisogna rispettare le tempistiche previste dalle regole delle fasce di rischio che suddividono le regioni per colori.

“Il ministro Speranza – dice Marsilio – mi ha comunicato la proroga di una settimana della zona rossa nella logica di completare i 14 giorni previsti dal Dpcm vigente.

Il ministro mi ha anticipato che nel Report della Cabina di Regia si dà atto positivamente del fatto che l’Abruzzo ha autonomamente anticipato l’adozione delle misure più restrittive che hanno portato l’indice Rt da 1.5 a 0.9”.

Marsilio proporrà quindi di “anticipare l’uscita dalla zona rossa per l’8 dicembre”. (ANSA).


Per info su Il Martinohttps://ilmartino.it/ e la pagina Facebook:  https://www.https://www.facebook.com/ilMartino.it/

Continua a leggere

Teramo

Giulianova: non si arresta il focolaio al Cristal, 36 positivi e 4 decessi in un giorno

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

GIULIANOVA – Non si arresta il focolaio esploso all’interno della casa di riposo “Cristal” di Giulianova. In un giorno il numero di positivi al Covid-19 sarebbe salito da 31 a 36, di cui 4 decessi. Il 70% del personale, inoltre, sarebbe risultato positivo. L’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Costantini, avrebbe chiesto alla Regione, aiuti e iniziative per far fronte al focolaio. Attualmente, il personale si trova in isolamento domiciliare ed è stato prontamente sostituito ma, data la situazione, si pensa ad un’evacuazione della struttura e ad un trasferimento dei contagiati in un Covid-Hotel.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: ruba un cellulare e chiede sodi per restituirlo, arrestato

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – Aveva chiesto 100 euro al proprietario di un cellulare che aveva rubato e per questo, un giovane è stato arrestato dalla Polizia di Teramo. Il fatto è accaduto mentre, il proprietario del telefono passeggiava all’area verde di fronte il cinema Smeraldo. L’immediato intervento della Polizia di Stato ha permesso di identificare il giovane e di raggiungere la sua abitazione. E’ in questo frangente che il ladro avrebbe richiesto una cifra in denaro alla vittima, per avere indietro il suo cellulare. Alla richiesta la Polizia di Stato ha arrestato il ladro e la vittima ha riavuto il dietro l’oggetto sottratto. Per la giornata di oggi è atteso il processo per direttissima.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy