fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Il silenzio della nightlife: intervista a Gianni Schiuma

Simona Borghese

Published

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Coronavirus, ed in particolare la seconda ondata, ha spento le luci nei luoghi del tempo libero come cinema, teatri, sale concerto ed anche in quelli della vita notturna. Abbiamo raccolto la testimonianza di un noto imprenditore del settore, Gianni Schiuma proprietario del Viniles, locale molto conosciuto di San Benedetto del Tronto, attivo dal 2012 con una doppia veste: estiva in giardino ed invernale come club simbolo della nightlife della Riviera delle Palme, grazie anche ad ospiti e Dj di fama nazionale e internazionale. Questo settore, importante anche dal punto di vista occupazionale, è stato uno dei più colpiti dalle note misure di contenimento anticovid e continua a vivere un momento di difficoltà ed incertezza.

Da operatore del settore come stai vivendo questo periodo di chiusura forzata?

La prima ondata a marzo ha colto tutti di sorpresa, eravamo impreparati e silentemente abbiamo aspettato per tre mesi di poter riaprire; abbiamo lavorato nella stagione estiva ma, pur mantenendo un atteggiamento guardingo e attento, non pensavamo di ritrovarci in una situazione addirittura peggiore. Finita l’estate stavamo infatti organizzando l’inverno e invece, a metà ottobre, abbiamo chiuso nuovamente.

Le prospettive-continua- allo stato attuale non ci sono e oltretutto la nostra zona, rispetto alla prima ondata, è stata molto colpita.

In previsione di una ripartenza, voi imprenditori della notte vi siete supportati cercando strategie comuni?

No, al momento c’è solo un disorientamento e un silenzio assordante. Ci si sente con qualcuno per un sostegno morale. Si potrà iniziare a pensare a strategie forse ad anno nuovo. Ora siamo in balia di un vaccino che arrivi il prima possibile e che permetta alle persone di fare una vita normale. Poter riaprire e mettere insieme le persone, anche senza ballare, per ascoltare un po’ di musica di qualità, mangiare e comunicare, sarebbe già qualcosa di significativo.

Stai lavorando a qualche progetto nel frattempo?

Ognuno cerca di sollevarsi con progetti futuri. Io sto preparando Radio Viniles, un’idea nata per mantenere un contatto con nostri clienti ed amici. Insieme a mio figlio e Sergio Dub, un mio collaboratore, stiamo lavorando a questo progetto ed appena possibile sarà on line.

Ci saranno collaborazioni con vari dj, musica di qualità h 24 dal mattino fino a notte, cambiando ritmo e situazione, da old style a musica nuova e un po’ di italiana. Tutto questo ci aiuta ad andare avanti.

Un tuo pensiero per il popolo della notte?

Penso che quello che stiamo vivendo sia qualcosa di epocale che riguarda tutto il pianeta. Non dobbiamo dare a questo momento il potere di deprimerci ma dobbiamo mantenere un pensiero positivo. Quando tutto ciò finirà probabilmente torneremo con più consapevolezza e daremo più valore ad ogni giorno.

Io sono abituato a regalare momenti di gioia attraverso la musica, le parole e ad incoraggiare le persone. Questa seconda ondata certamente è stata più dura della prima; ora abbiamo l’inverno davanti, le Feste- aggiunge- e il suo ricordo va allo scorso Capodanno, una notte magica e bellissima, dove organizzò un evento che richiamò moltissime persone in piazza a San Benedetto.

Cosa ti manca di più del tuo lavoro?

Mi mancano le persone, il dialogare, gli sguardi, la musica, i sorrisi, l’umanità del mio lavoro. Molti pensano alla notte come un mondo di perdizione ma in realtà la notte rappresenta nel suo riflesso quello che è la società, ci sono cose bellissime e si creano anche rapporti meravigliosi. Tutto questo manca.

Ascoli Piceno

Grottammare: incendio in zona Valtesino, ancora da chiarire le cause

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

GROTTAMMARE – L’incendio si è verificato nella mattinata di oggi, giovedì 14 gennaio, nella zona Valtesino. Sul posto sono giunti immediatamente i Vigili del Fuoco. Rimangono ancora da chiarire le cause e l’entità dl rogo.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Ospedali nel fermano al collasso: 14 pazienti trasferiti a San Benedetto del Tronto e Ascoli

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

FERMO – Con l’aumento dei casi positivi al Covid-19 nel fermano, la situazione ospedaliera della provincia, è al collasso. Proprio per questo motivo, e a fronte degli scarsi posti letto nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Murri, si è dovuto procedere con il trasferimento urgente di 14 persone positive al Coronavirus dall’Area Vasta 4 (Provincia di Fermo) all’Area Vasta 5 (Provincia di Ascoli). I pazienti sono stati smistati tra l’ospedale di San Benedetto del Tronto e di Ascoli Piceno.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Monteprandone: screening di massa anti-Covid dal 22 al 24 gennaio

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

MONTEPRANDONE – Venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 gennaio 2020, presso il Bocciodromo. Sono queste le date ufficiali in cui verrà effettuato lo screening di massa anti-Coronavirus, a Monteprandone e Centobuchi. Per orari e prenotazioni si dovrà attendere ancora qualche giorno. Sarà lo stesso Sindaco, Sergio Loggi, a dare tutte le informazioni necessarie ai cittadini.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy