fbpx
Connect with us

Marche

Serie C, Vis Pesaro: Di Donato si presenta

Pubblicato

il

PESARO – DI DONATO SI PRESENTA: “I GIOCATORI SONO BELLI PIMPANTI E VOGLIOSI DI FARE QUALCOSA DI IMPORTANTE”

Il nuovo allenatore Daniele Di Donato oggi si è presentato alla stampa, con una conferenza svoltasi nel manto del Tonino Benelli, nel rispetto dei distanziamenti e dei protocolli. Al fianco del tecnico, che sarà accompagnato per tutta la stagione dal vice Daniele Bedetti, il direttore generale Vlado Borozan, apparso davanti alle telecamere diverse settimane dopo i problemi di salute.

“Vengo da un processo di crescita, mi sento pronto e carico per affrontare questa avventura e carico. Avevo una gran voglia di tornare sul campo e in questo progetto mi ci sono catapultato con tutto me stesso. La squadra l’ho trovata bene, tutti si sono messi a completa disposizione, belli pimpanti e vogliosi di fare qualcosa di importante. La Vis Pesaro l’ho seguita, sicuramente i risultati non sono nelle aspettative della società. In questo periodo in cui sono stato fermo mi sono aggiornato, seguendo allenamenti e prendendo spunti da allenatori che ho avuto come Conte, Sarri, Guidolin, Sonetti e Castori. Questo cambio spero dia quelli stimoli in più per tornare su livelli importanti. Per me si deve aggredire sempre in avanti, con una squadra corta sui 30 metri. Bisogna avere coraggio. Pesaro è un pubblico caloroso, è un peccato che mancherà”.

Il nuovo tecnico ha allenato il gruppo ieri pomeriggio e questa mattina. Prossimi allenamenti fissati per domani e venerdì alle ore 11 sul manto sintetico del Supplementare, a cui seguirà il giro di tamponi. Sabato invece rifinitura e successiva partenza per Salò, dove la Vis Pesaro giocherà domenica 8 novembre alle ore 15, gara valida per la nona giornata di campionato.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

CoViD19

Marche, tamponi gratuiti per le scuole primarie: “abbiamo colmato una lacuna normativa”

Da domani test antigenici gratuiti per tutti gli studenti delle scuole primarie nelle Marche. Colmata così una lacuna normativa

Pubblicato

il

Civitanova, Saltamartini Covid Hospital

MARCHE – Dalla giornata di domani i test Covid saranno gratuiti nelle farmacie per tutti i bambini delle scuole primarie. Ad annunciarlo è stato, via social, l’assessore alla sanità Filippo Saltamartini esprimendo la sua soddisfazione per lo sblocco di una situazione burocratica non semplicissima.

Il tenore letterale del decreto legge 1/2022 infatti, come ha spiegato lo stesso assessore, aveva previsto la gratuità dei test antigenici per i soli studenti delle scuole secondarie, lasciando di fatto senza riferimenti legislativi gli studenti delle scuole primarie: “avevamo assunto questo impegno, ha scritto Saltamartini, e il Governo ha eliminato questa lacuna. Gli uffici dell’Asur stanno per emanare l’atto applicativo dell’articolo 30 del nuovo decreto legge 4/2022”.

Si estende così alla fascia di età 6-11 la gratuita dei tamponi, come già il decreto del primo Gennaio garantiva agli studenti più grandi. Analoga sarà la procedura per l’esecuzione: il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta, compilerà una ricetta dematerializzata di tipo farmaceutico. A seguito di registrazione della ricetta elettronica, dovrà provvedere ad inviare il promemoria da esibire presso le farmacie convenzionate o le strutture sanitarie aderenti ai Protocolli d’Intesa.

Aumentato inoltre il fondo per la copertura della spesa a livello nazionale, con lo stanziamento di ulteriori 19,2 milioni di euro da parte del Governo per garantire test antigenici rapidi gratuiti per tutti gli studenti.

Continua a leggere

Ancona

Ancona, incinta e non vaccinata peggiora: bimbo nato con parto cesareo

Pubblicato

il

ospedale flebo incidente

ANCONA – E’ nato nel pomeriggio, con parto cesareo all’ospedale materno infantile “Salesi” di Ancona, il bimbo dato alla luce da una 30enne di Teramo ricoverata in Rianimazione Pediatrica dal 24 gennaio a causa dell’aggravamento del quadro clinico per un’insufficienza respiratoria correlata a Covid-19. Come riporta l’Ansa, è un maschietto, pesa circa 1 kg, e ora è assistito in Terapia intensiva neonatale. La mamma, intubata, dopo il cesareo, eseguito in anestesia generale, è stata riportata in Rianimazione Pediatrica.

In mattinata “progressivo peggioramento delle condizioni cliniche” della 30enne incinta alla 33/a settimana, non vaccinata, proveniente da Teramo.”Dopo una valutazione collegiale con gli specialisti ostetrici e neonatologi, – avevano fatto sapere gli Ospedali Riuniti di Ancona – si è deciso di procedere al parto con taglio cesareo, nel primo pomeriggio, per operare in condizioni di benessere fetale, evitando il rischio concreto di prossima sofferenza”. Viste le condizioni cliniche della paziente che si prospettano “ragionevolmente peggiorative, i sanitari hanno optato per taglio cesareo eseguito in anestesia generale con intubazione della paziente dopo l’operazione. 

Continua a leggere

Macerata

GdF Macerata, interdizione di un anno per due avvocati: indagati per falsificazione di testamento

Pubblicato

il

MACERATA – Nel mese di novembre dello scorso anno, il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria aveva dato esecuzione a misure cautelari personali, disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Macerata, nei confronti di due legali, entrambi iscritti all’Ordine degli Avvocati di Macerata, indagati per i reati di falsificazione di testamento e circonvenzione di incapace.

La vicenda traeva origine dalla morte di una signora ultranovantenne di Civitanova Marche, avvenuta nell’ottobre 2020, a seguito della quale all’unico figlio avrebbe dovuto spettare l’intera cospicua eredità. 

In realtà, dalle investigazioni eseguite dai finanzieri, su delega della Procura della Repubblica di Macerata, era emersa l’esistenza di un testamento apocrifo, sulla base del quale la metà del patrimonio sarebbe spettata di diritto all’avvocatessa, nonché la circostanza che gli indagati, approfittando della condizione di debolezza dell’unico figlio, in precarie condizioni fisiche e mentali, e attraverso una frequentazione assidua e costante, lo avevano indotto a firmare una procura generale a favore di uno di loro.

Sulla base delle indagini esperite, il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale aveva disposto, a carico dei due legali: l’interdizione per un anno dalla professione di avvocato, in ordine alla cura, in ogni sede giudiziaria ed extragiudiziaria, degli interessi della vittima nonché alla cura e gestione di ogni procedura in materia di interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno; il divieto di comunicazione e di avvicinamento all’abitazione e alla persona della vittima, mantenendo una distanza minima, da controllare mediante l’applicazione di braccialetti elettronici. 

A seguito di ricorso proposto dal Pubblico Ministero, la Sezione Riesame e Appelli del Tribunale di Ancona, ha disposto l’aggravamento delle precedenti misure cautelari, ordinando l’interdizione da tutte le attività inerenti alla professione di avvocato per la durata di 12 mesi. 

Alla base di tale decisione vi sono una serie di significativi episodi rilevati dagli inquirenti nel corso delle indagini, in ordine ai quali sono stati ritenuti sussistenti gli estremi per la configurazione del reato di circonvenzione di incapace: era infatti emerso che i due legali, abusando della situazione di “fragilità” della vittima, l’avevano indotta a sottoporsi ad una serie di costose visite specialistiche presso professionisti (anche rinomati) in psichiatria, al fine di ottenere diagnosi di “normalità” mentale e psichica, in modo da  indurlo ad agire in giudizio per provocare la revoca dell’amministratore di sostegno, onde poter avere “campo libero” nella gestione del patrimonio della vittima. Proprio alla luce di tali circostanze, il Tribunale, oltre a confermare il divieto di avvicinamento a quest’ultima, ha esteso la misura interdittiva già adottata, ricomprendendovi tutte le attività inerenti alla professione legale. Il Procuratore della Repubblica f.f. presso il Tribunale di Macerata ha autorizzato la diffusione delle notizie agli organi di stampa, sussistendo l’interesse pubblico a tutela del principio di correttezza e di buona fede, da parte di particolari categorie professionali, nei rapporti con i propri assistiti, soprattutto se appartenenti alle fasce più deboli.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy