fbpx
Connect with us

Chieti

Capodanno in zona rossa, regole e divieti per gli ultimi giorni di festa

Pubblicato

il

ABRUZZO – Capodanno in zona rossa. Da domani, 31 dicembre, fino al 6 gennaio, fatta eccezione per il 4 gennaio, scatterà di nuovo la zona rossa. Di seguito le regole i divieti per gli ultimi giorni di festa.

Per quanto riguarda gli spostamenti non è possibile muoversi tra una regione o tra un comune e l’altro, se non per comprovate esigenze e con obbligo di autocertificazione. Però sarà possibile andare a trovare amici o parenti e ci si potrà fermare anche a dormire. Sono consentiti due posti a tavola in più, oltre a quelli di bambini fino a 14 anni e persone disabili. Inoltre, la deroga concessa al blocco dei movimenti che consentirà a familiari, fidanzati ed amici di incontrarsi nei giorni festivi e prefestivi e di festeggiare il Capodanno insieme. Non sarà possibile raggiungere le seconde case se situate fuori Regione.

È prevista una deroga per le persone non autosufficienti. In questo caso, lo spostamento per prestare assistenza sarà consentito fino al 6 gennaio anche tra comuni e regioni. Non è possibile, comunque, spostarsi in numero superiore alle persone strettamente necessarie a fornire assistenza. Di norma la necessità di assistenza non può giustificare lo spostamento di più di un parente adulto, eventualmente accompagnato dai minori o disabili.

Il coprifuoco a Capodanno inizierà alle 22 del 31 dicembre e terminerà alle 7 del mattino del 1° gennaio. In questa fascia oraria saranno consentiti gli spostamenti dettati solo da motivi di lavoro, salute o necessità e con autocertificazione. Per i trasgressori scatteranno multe salate. Come previsto dall’articolo 1, comma 3, del cosiddetto decreto Natale, la sanzione applicabile a chi non rispetta le regole è quella amministrativa, con una pena pecuniaria da 400 a 1.000 euro, eventualmente aumentata fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo. Il cittadino che non condivida il verbale di accertamento di violazione redatto dall’agente operante può fare pervenire scritti e documenti difensivi al Prefetto.

Le regole per i fuochi pirotecnici a Capodanno

Il Governo non ha emanato disposizioni precise sui botti di Capodanno. Tuttavia molti sindaci stanno emanando ordinanze per vietare botti e fuochi pirotecnici a Capodanno, a tutela della salute pubblica, del benessere degli animali. Quest’anno più che mai per l’esigenza di limitare il carico di lavoro negli ospedali, già sotto pressione a causa del Covid, e per evitare spostamenti e assembramenti. Chi decidesse di scendere in strada o raggiungere le piazze cittadine per sparare o assistere ai fuochi d’artificio, violerebbe le regole sul coprifuoco, prolungato il 31 dicembre fino alle 7 del mattino, e il divieto ai trasferimenti nei giorni festivi e prefestivi.

Quali attività restano aperte e quali no

I negozi e i centri commerciali resteranno chiusi, così come i bar, i ristoranti e le pizzerie. Dunque, niente pranzo fuori il primo dell’anno o per la Befana come era, invece, previsto nel vecchio Dpcm. Niente colazioni, aperitivi, né caffè seduti al tavolo fino alle 18. Vietati anche i veglioni negli hotel: l’ultimo Dpcm, infatti, prevede l’effettuazione del servizio in camera dalle 18 del 31 dicembre fino alle 7 del 1° gennaio 2021. Chi vorrà potrà rimanere aperto, ma solo per il servizio a domicilio o per l’asporto entro le 22. Restano operativi gli autogrill lungo le autostrade e i bar in stazioni e aeroporti.

Supermercati e alimentari saranno sempre aperti tranne il 1° gennaio. Le attività commerciali, invece, avranno la saracinesca abbassata, ma nella lista delle 35 tipologie di negozi che potranno operare nei giorni di zona rossa figurano anche parrucchieri e barbieri, farmacie, parafarmacie, librerie, edicole, fiorai, negozi di giocattoli e abbigliamento sportivo, tabacchi e ferramenta, lavanderie e attività per animali. Chiusi i centri commerciali e i mercati tranne che per la vendita di alimentari.

Si potrà svolgere attività motoria nei dintorni della propria abitazione e attività sportiva, compreso lo jogging, non necessariamente nei dintorni purché in forma individuale. Si potrà sempre svolgere attività di volontariato o rientrare nella propria residenza o domicilio. Anche andare a messa è concesso nel rispetto degli orari del coprifuoco.

Abruzzo

Vaccini per tutti nel weekend a Fossacesia

Pubblicato

il

Vaccino anti-covid

FOSSACESIA – Sabato 31 luglio e domenica 1 agosto, presso la Palestra Polivalente di via I Maggio, a Fossacesia, due giorni dedicati alle vaccinazioni. Due le linee a disposizione degli utenti, che saranno operative dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Potranno eseguire la vaccinazione anche i minorenni, che dovranno essere accompagnati da entrambi i genitori. In caso uno dei genitori fosse impossibilitato a presentarsi, la dichiarazione di consenso dovrà essere firmata comunque da entrambi i genitori e ad essa dovrà essere allegata copia del documento di identità e del codice fiscale sia della madre che del padre. In caso, invece, di unico genitore esercitante la potestà genitoriale o altro soggetto titolare della potestà genitoriale sarà questi a firmare il consenso informato, indicando, ove presente, gli estremi del provvedimento attestante tale condizione. I genitori o i soggetti titolari della potestà genitoriale DEVONO, quindi, portare con sé i seguenti documenti: documento di identità e tessera sanitaria di entrambi i genitori o del titolare della potestà genitoriale; documento di identità del minore, tessera sanitaria del minore. Si precisa che in mancanza dei documenti sopra citati non si potrà procedere alla vaccinazione. Per facilitare la procedura, è possibile scaricare sul sito istituzionale del Comune di Fossacesia (fossacesia.org) il modello predisposto dalla Asl2 Abruzzo. Lo stesso sarà inviato messo a disposizione sui canali social del Comune di Fossacesia. “Lo scopo di questi nuovi appuntamenti nella nostra struttura sportiva – afferma il Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio – è quello di incrementare la copertura vaccinale. Non voglio fare terrorismo, ma ieri in Abruzzo abbiamo avuto 141 casi, un numero rilevante che ci dice molto ed in particolare che deve sollecitarci a vaccinarci. Mi auguro che questo ulteriore sforzo, che abbiamo promosso insieme alla Direzione Sanitaria della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, con la preziosa collaborazione di medici, personale infermieristico e della Protezione Civile comunale, trovi nei cittadini di Fossacesia una risposta positiva, a conferma dell’alto senso civico dimostrato per tutto il perdurare di questa drammatica crisi pandemica. La priorità assoluta della campagna vaccinale – rimarca Di Giuseppantonio – è quella di mettere in sicurezza le persone anziane, le fragili e i nostri ragazzi in vista della riapertura delle scuole”

Continua a leggere

Abruzzo

Incidente in montagna a Fara San Martino: soccorsa 50enne nonostante il forte vento

Pubblicato

il

FARA SAN MARTINO – Era con alcuni amici per un’escursione nel bosco di Fara San Martino, quando ad un tratto oggi pomeriggio una donna di 50 anni è scivolata ed è rimasta ferita. 

Subito i suoi amici hanno allertato il 118, che ha attivato il protocollo per il soccorso in montagna, coinvolgendo il Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese. 

I soccorritori sono intervenuti per prestare aiuto e recuperare la donna ferita. Tuttavia l’elicottero del 118 non è riuscito ad intervenire, a causa delle forti raffiche di vento, così sono intervenute le squadre di terra del Soccorso Alpino e Speleologico, che hanno recuperato la donna poi trasportata con l’ambulanza in ospedale. La donna non verte in gravi condizioni.

Continua a leggere

Abruzzo

Vaccino anticovid anche in camper sulla Costa dei Trabocchi: la proposta del sindaco di Fossacesia

Pubblicato

il

FOSSACESIA – Somministrare i vaccini ai giovani e ai turisti che frequentano e sono in vacanza nelle località balneari, predisponendo un camper itinerante che raggiunga tutti i centri della Costa dei Trabocchi, soprattutto quelli animati dalla movida. E’ la proposta che il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, lancia alla Regione Abruzzo e al Direttore Generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael. “E’ nell’interesse generale andare incontro alla gente, raggiungendola nei luoghi di villeggiatura dove tra l’altro sono più forti le occasioni di aggregazione – sottolinea Di Giuseppantonio -. Iniziative del genere nei mesi scorsi sono state già avviate in alcune parti della provincia di Teramo e credo che predisporre un servizio analogo anche in favore dei turisti che hanno scelto di trascorrere le loro vacanze a Fossacesia e negli altri centri che si affacciano sulla Costa dei Trabocchi, sia di fondamentale importanza per arginare la diffusione delle varianti del Covid. Soprattutto si darà l’opportunità ai giovani, soggetti protagonisti della movida che da noi è particolarmente viva, di potersi immunizzare e trascorrere in sicurezza i momenti di socialità. Il camper, dotato di personale medico e ausiliario, potrebbe offrire tra l’altro l’occasione agli studenti, in vacanza con le proprie famiglie, di sottoporsi a vaccinazione in vista della riapertura delle scuole a settembre. L’auspicio – conclude il sindaco Di Giuseppantonio – che la mia proposta trovi il favore di Regione e della Direzione Generale della Asl2 Abruzzo. D’altro canto predisporre un servizio camper per vaccinare è finalizzato a convincere quegli indecisi, sollecitare chi finora ha temporeggiato e ad agevolare le somministrazioni stesse, con un servizio ancora più capillare, affinché tutti rispondano positivamente all’appello per sconfiggere il Covid”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy