fbpx
Connect with us

Abruzzo

La crisi sanitaria serva da insegnamento per investire sul futuro

Lo afferma Meritocrazia Italia in un comunicato che pubblichiamo

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo.

In ritardo rispetto al piano di programmazione, lo scorso settembre si è tenuto il concorso per l’ingresso alle Scuole di specializzazione in medicina. Oggi, dopo mesi di rinvii, le graduatorie definitive non sono ancora state pubblicate e non sono ancora state definite le assegnazioni per poter prendere servizio entro la fine dell’anno.

La vicenda, non isolata, è al contempo sintomo e causa di aggravamento di una crisi del Sistema Sanitario Nazionale italiano che ha origini lontane, consapevoli che le difficoltà organizzative del periodo emergenziale hanno solo svelato e amplificato criticità già esistenti. Il S.S.N. nostrano, un tempo ai primi posti nella graduatoria internazionale stilata dall’OMS, è stato infatti fiaccato da decenni di tagli, sottofinanziamenti, gravi carenze organizzative e mancata valorizzazione del personale.

Mancano medici specialisti e i bandi delle aziende sanitarie vanno deserti; la classe medica, i dirigenti medici ed i medici convenzionati (medici di famiglia, ex guardia medica, pediatri e specialisti ambulatoriali) occupano una fascia d’età media troppo avanzata; il blocco del turn-over e un crescente numero di pensionamenti impongono ai sanitari che restano in servizio turni massacranti e responsabilità sempre maggiori.

In tali condizioni, rendere un servizio di attenzione e qualità risulta difficilissimo. Il volume degli errori professionali sale, i tempi di attesa si allungano e, parallelamente, crescono il disagio, di pazienti e personale sanitario, e i costi a carico di una Sanità al collasso.

Nella consapevolezza che si tratti soltanto di uno dei tanti problemi del settore ai quali serve dar risposta, Meritocrazia Italia da sempre si appella ad una politica di assunzioni che consenta di reintegrare il numero di medici necessari al corretto funzionamento delle strutture e di dar risposta adeguata alla richiesta di cure, prevedendo, al contempo, maggiori investimenti per la formazione dei giovani medici, anche in termini di borse di studio ed agevolazioni resedisponibili.

Basti pensare come al concorso per l’accesso alle Scuole di specializzazione svoltosi a settembre 2020, le borse messe a disposizione sono state 14.455, a fronte di 24.000 candidati, con la conseguenza che ben 10.000 medici non potranno specializzarsi, almeno per quest’anno, così restano ‘camici grigi’, con limitata possibilità di inserimento ed utilizzo nel SSN.

Meritocrazia Italia reputa, dunque, indispensabile che:

–  i bandi per le borse di studio e i corsi di formazione in medicina generale vengano redatti con maggiore accortezza, al fine di ridurre il più possibile i motivi di impugnazione innanzi ai Tribunali Amministrativi, stante l’altissimo numero di ricorsi promossi per incertezze interpretative e ambiguità dei bandi, che comportano, a caduta, ulteriori rallentamenti della macchina del reclutamento sanitario;

–   la distribuzione delle borse di studio segua criteri più ragionevoli e meritorie, in relazione alle effettive esigenze e richieste di settore, per evitare dispersione delle risorse;

–    le graduatorie vengano redatte nel più breve tempo possibile, in modo da consentire ai candidati di operare tempestivamente la scelta della specializzazione e della sede, in uno al necessario efficientamento e velocizzazione del sistema di scorrimento delle graduatorie stesse;

–   le risultanze provenienti delle diverse banche dati (Ministero della Salute, dell’Università, ENPAM, INPS, Regioni, Assessorati alla Sanità, etc.) siano messe a sistema al fine di garantire una corretta programmazione sia del numero di posti di ingresso alla facoltà di Medicina e Chirurgia che del numero e tipologia dei corsi post lauream.

La pandemia ci ha ricordato l’importanza di un Sistema sanitario nazionale robusto, adeguato e ben strutturato, in grado di porsi quale imprescindibile baluardo della tutela della salute pubblica, bene primario del nostro ordinamento costituzionale.

Ripartiamo allora dalle esigenze di base, favorendo, con le opportune scelte di settore, la necessaria formazione ed accesso di quanti, nel camice bianco, vedono una speranza e non solo una missione lavorativa.

Teramo

Una panchina rossa contro la violenza sulle donne a Nepezzano

Pubblicato

il

panchina rossa nepezzano

L’opera, è stata realizzata da un abitante della frazione teramana. All’inaugurazione della panchina rossa di Nepezzano erano presenti autorità civili e religiose.

TERAMO – Venerdì 17 maggio 2024, presso l’Oratorio “All’ombra del campanile” di Nepezzano, è stata inaugurata la “panchina rossa” in ricordo delle vittime dei femminicidi, panchina ideata e realizzata da Mimmo Faenza (abitante di Nepezzano, ndr) in collaborazione con l’Associazione “Comitato di frazione Nepezzano”. Sulla panchina è stata riportata la frase “Si può amare da morire ma morire d’amore no”, tratta dal noto brano musicale “Le ragazze” interpretato dai Neri per caso.

L’evento è stato organizzato da don Carlo Farinelli, parroco della Parrocchia “San Lorenzo Martire” di Nepezzano-Piano d’Accio, e dalla suddetta Associazione presieduta da Mauro Di Gaetano. L’inaugurazione è stata preceduta dall’introduzione di don Carlo Farinelli e dall’incontro formativo parrocchiale sul tema “Scuola: matrice di valori” a cura di Maria Letizia Fatigati, dirigente scolastica del Polo Tecnologico Economico “Alessandrini-Marino-PascalComi-Forti” di Teramo. La dirigente Fatigati ha ringraziato il parroco don Carlo «per aver avuto una sensibilità profonda nel coinvolgere la Scuola, fattore educante per “formazione” e “prevenzione”; formare gli studenti e le studentesse per favorire autonomie forti di vita e prevenire comportamenti scorretti, soprattutto quelli violenti» e ha declinato le varie iniziative messe in campo dal Polo da lei diretto a favore di quanto dichiarato, attraverso la partecipazione a concorsi e seminari di studi organizzati dal territorio e tesi a dar forma a quel curricolo implicito che pone al centro il valore prezioso dell’Umanità in ogni circostanza di vita di ciascun studente.

Nel corso della manifestazione sono intervenuti il prefetto di Teramo Fabrizio Stelo, il sindaco Gianguido D’Alberto e il questore Carmine Soriente, i quali hanno sottolineato l’importanza di organizzare eventi di questo tipo contro la violenza sulle donne per sensibilizzare l’opinione pubblica e per accrescerne la consapevolezza rispetto al fenomeno della violenza di genere. Il questore Soriente si è soffermato sull’importanza di Youpol, una semplice app gratuita per smartphone con la quale è possibile segnalare alla polizia (e in forma anonima, ndr) determinati reati. Dopo gli interventi delle suddette autorità, è stato proiettato il cortometraggio “Parole e sguardi che uccidono”, realizzato dagli studenti della classe 4B del Liceo delle Scienze Umane “Giannina Milli” di Teramo con cui recentemente si sono aggiudicati il primo premio del Concorso “Filomena Delli Castelli”.

Hanno partecipato all’evento Luana Strippoli – Capo di Gabinetto del Prefetto di Teramo, Flavio Bartolini – delegato del presidente della Provincia di Teramo Camillo D’Angelo, Alessandra Ferri – assessore alle pari opportunità del Comune di Teramo, Andrea Di Brindisi – comandante della stazione dei Carabinieri di San Nicolò a Tordino, delegato del Comandante Provinciale Pasquale Saccone, Maria Zoccolillo – primo dirigente della Polizia di Stato e una rappresentanza di docenti del Polo Tecnologico Economico di Teramo. Hanno fatto pervenire i loro saluti ai presenti le seguenti autorità impossibilitate a partecipare: Mons. Lorenzo Leuzzi – Vescovo della Diocesi di Teramo-Atri, Alessio Fiorentino – comandante della Capitaneria di Porto di Giulianova, Fabrizio Chirico  – comandante provinciale della Guardia di Finanza di Teramo, Davide Martella – comandante dei Vigili del Fuoco di Teramo, Dino Mastrocola – Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Amelide Francia – presidente della Commissione Pari Opportunità della Provincia di Teramo e Gabriella Lucidi Pressanti – presidente del Rotary Club Teramo.

La serata si è conclusa con un rinfresco, allestito in collaborazione con Marco Di Marcantonio, Vincenzo Gabella e Silvestro Procacci, e con l’installazione e l’inaugurazione della panchina rossa nei pressi della Chiesa parrocchiale di Nepezzano. La giornata è da ritenersi storica per la frazione di Nepezzano sia per l’importanza degli argomenti trattati che per la presenza delle massime autorità del territorio.

Continue Reading

Teramo

Furto al supermercato a Colleranesco: asportata la cassaforte

Pubblicato

il

arresto notaresco 112 cc carabinieri

Il colpo è avvenuto la notte scorsa. Quando i Carabinieri sono arrivati, i malviventi si erano già dileguati. Indagini in corso. Danni ancora da quantificare.

TERAMO – L’allarme è scattato ed i militari di Giulianova si sono subito precipitati sul posto, ma quando sono arrivati, i responsabili del furto si erano già dati alla fuga a bordo dell’auto sulla quale avevano caricato la cassaforte appena asportata dal supermercato Tigre di Colleranesco.

I malviventi sono riusciti a penetrare nell’esercizio commerciale a notte fonda, intorno all’1:15. Dopo aver asportato la cassaforte, si sono dati alla fuga, prima che i Carabinieri potessero entrare in azione.

La struttura ha ripotato alcuni danni, che non sarebbero modesti, anche se sono ancora da quantificare. Il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile di Giulianova ha avviato le ricerche dei responsabili del furto al supermercato di Colleranesco.

Continue Reading

Teramo

La candidata di Alleanza Verdi e Sinistra Rosa D’Amato a Martinsicuro il 25 maggio

Pubblicato

il

rosa d'amato martinsicuro

Sabato 25 maggio a Martinsicuro alle 18:30 in Piazza Cavour, Europa Verde presenterà Rosa D’Amato, candidata alle elezioni europee e comunali per la circoscrizione meridionale nelle liste di Alleanza Verdi e Sinistra.

TERAMO – L’Europarlamentare Rosa D’Amato, che sabato 25 maggio sarà in visita elettorale a Martinsicuro, risulta la terza fra 705 parlamentari per numero di interrogazioni presentate. Al centro dell’Europa ha combattuto per lo Sviluppo sostenibile al Sud, per un Green Deal equo e per fermare il finanziamento di decarbonizzazioni poco credibili come quella ex ILVA, per un’Agricoltura più verde e giusta, per la Trasparenza sui vaccini, per non finanziare la guerra coi fondi di coesione, per proteggere la Pesca artigianale dalla crisi e da regolamenti ciechi, per il PNRR al Sud.

All’incontro pubblico interverranno Marta Viola e Simona Lattanzi, consigliere comunali di Europa Verde. L’incontro si focalizzerà sul il futuro dell’Abruzzo, affrontando diverse tematiche prioritarie:

  • Bonifica del Medio Adriatico dalle contaminazioni radioattive e dai residui bellici, proteggendo le risorse ittiche e valorizzando il pescato.
  • Finanziamenti europei per istituire il Parco Marino del Piceno e per la forestazione climatica, azioni che implicano ricadute positive anche sull’occupazione.
  • ⁠Investimenti per la messa in sicurezza di dighe e bacini, priorità nella tutela dell’acquifero profondo del Gran Sasso, a rischio di contaminazione da sostanze dannose.
  • Connessione dei parchi nazionali e regionali dell’Appennino centro-meridionale alle zone costiere, promuovendo il turismo sostenibile e la fruizione del territorio.

Alleanza Verdi-Sinistra invita la stampa e cittadinanza a partecipare. In caso di maltempo l’evento si terrà presso l’Hotel Mediterraneo- via Piave, 4

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.