fbpx
Connect with us

Sport

Serie B, prima di Ritorno: numeri e curiosità

Pubblicato

il

Il big match della 20a è Spal-Monza

Prima di ritorno che si apre questa sera a Vicenza e si chiude lunedì con Reggina-Salernitana

L.R. Vicenza – Venezia (venerdì 29 gennaio, ore 21.00)

Apre la 20° giornata della Serie BKT la 24a edizione del derby fra L.R. Vicenza e Venezia: bilancio di 16 vittorie biancorosse (ultima 2-1 nella I Divisione 2013/14), 6 pareggi (ultimo 0-0 nella serie A 1998/99) e un solo successo lagunare (2-1 nella serie C-1 1989/90). Vicenza che deve invertire il suo ruolino di marcia che la vede meglio lontano dal Menti, Venezia che dovrà stare attento al primo quarto d’ora quando i biancorossi segnano molto. Tra Mimmo Di Carlo e Paolo Zanetti unico incrocio tecnico all’andata, con coach arancioneroverde vittorioso 1-0 al “Penzo”.

Ascoli – Brescia (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Nei 20 incroci ufficiali nelle Marche fra le due squadre, il bilancio vede 11 vittorie bianconere (ultima 2-0 nella serie B 2012/13), 8 pareggi (ultimo 1-1 nella serie B 2018/19) e un successo ospite (1-0 nella serie B 2007/08, rete di Caracciolo al 58’ dopo che la partita era stata rinviata due volte in dicembre, causa neve). Le ultime 4 partite al “Del Duca” sono sempre finite con un pareggio. Da una parte l’Ascoli che deve rilanciarsi in chiave salvezza, la squadra bianconera è la formazione cadetta che segna con meno giocatori a fine andata: appena 6 i calciatori bianconeri finora in rete. Anche il Brescia non è in un periodi di grazia: a secco da 273’ con l’ultimo gol firmato da Bjarnason in Spal-Brescia 2-3 del 30 dicembre scorso. Inedito l’incrocio tecnico fra Andrea Sottil e Davide Dionigi che per la prima volta torna da ex ad Ascoli (allenatore bianconero dal giugno al luglio 2020, con 9 panchine ufficiali e score di 4 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte).

Empoli – Frosinone (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

La capolista incontra forse la delusione di questo girone di andata. Al “Castellani” sono 7 i confronti ufficiali fra le due squadre: 4 le vittorie azzurre (ultima 2-0 nella serie B dell’anno scorso), 2 i pareggi (ultimo 3-3 nella serie B 2017/18) ed 1 successo ciociaro (2-1 nella serie A 2015/16). L’Empoli vorrà continuare il suo trend di attacco record, di squadra che guadagna nelle riprese il maggior numero di punti ma soprattutto di imbattibilità casalinga. Invertire il trend invece sarà l’obiettivo di Nesta senza successi da 6 giornate: 3 pareggi e 3 sconfitte lo score dei ciociari, con ultima vittoria datata 15 dicembre, 2-1 a Reggio Emilia. Frosinone una delle 4 formazioni cadette che fa più punti fuori casa che tra le mura amiche, come Vicenza, Cosenza e Pordenone (14 contro 13 allo “Stirpe”). Tra Alessio Dionisi e Alessandro Nesta 3 precedenti tecnici ufficiali e assoluta parità: 1 successo per parte ed 1 pareggio.

Pisa – Reggiana (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Nei 27 confronti ufficiali in Toscana fra le due squadre il bilancio vede 15 successi nerazzurri (ultimo 3-0 nella coppa Italia di C 2013/14), 7 pareggi (ultimo 0-0 nella serie C 2014/15) e 5 vittorie granata (ultimo 4-2 nella serie C-1 2002/03). Partita storica quella del 13 giugno 1982, ultima giornata di serie B, fu 0-0 all’Arena fra Pisa e Reggiana e quel punto permise ai toscani di festeggiare il ritorno in Serie A dopo 13 anni di assenza. Pisa, che celebrerà la 300a da professionista di Nicholas Siega, è scatenato nei 15’ finali di gara e cercherà di approfittare della difesa ospite, la più perforata nel girone di ritorno con 32  reti subite come Pescara e Virtus Entella. Chi spegne invece la candelina in casa granata è Luca Zamparo alla 100a da professionista. Reggiana senza gol fuori casa da 328’: ultimo firmato Radrezza al 32’ della gara perduta 1-3 a Brescia lo scorso 19 dicembre. Tra Luca D’Angelo e Massimiliano Alvini due incroci tecnici ufficiali, entrambi conclusi con pareggi per 2–2.

Pordenone – Lecce (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

Pordenone vittorioso nell’unico incrocio casalingo ufficiale contro il Lecce: 3-2 il 12 agosto 2017, in coppa Italia. I padroni di casa cercheranno di confermare il buon momento con 11 punti nelle ultime cinque giornate con tre successi e due pareggi. I friulani non perdono dal 22 dicembre scorso, quando la Cremonese vinse per 2 a 1, mentre l’ultimo gol incassato è stato firmato da Parzyszek al 84’ di Frosinone-Pordenone 1-1 del 27 dicembre scorso. Porta neroverde, dunque, imbattuta da 366’. Lecce che deve cambiare registro nei primi 15’ di gioco: 6 le reti subite dai salentini fra 1’ e 15’ di gioco, nessuno peggio a fine andata, ma comunque in salute e in serie positiva da cinque giornate: due vittorie e tre pareggi. Attilio Tesser imbattuto nei 3 precedenti tecnici contro Eugenio Corini: 1 vittoria e 2 pareggi, lo score in favore del tecnico neroverde.

Virtus Entella – Cosenza (sabato 30 gennaio, ore 14.00)

A Chiavari un solo precedente ufficiale fra le due squadre: Virtus Entella vittoriosa 1-0 lo scorso anno in B, era il 29 ottobre 2019. Padroni di casa che dopo il girone di andata devono registrare la difesa, la più perforata insieme a Reggiana e Pescara, ma che festeggiano la 100a in B di Andrea Settembrini. Cosenza non in salute e senza successi da sette giornate: cinque pareggi e due sconfitte lo score dei calabresi, vittoriosi l’ultima volta lo scorso 15 dicembre, 3-0 ad Ascoli. I calabresi hanno il primato dei pareggi a fine andata: 11 collezionati in 19 giornate, e del peggior attacco, 13 sole reti segnate. Confronto tecnico inedito tra Vincenzo Vivarini e Roberto Occhiuzzi.

ChievoVerona – Pescara (domenica 31 gennaio, ore 15.00)

A Verona i confronti ufficiali tra le due squadre sono 11: bilancio di 5 vittorie venete (ultima 1-0 nella serie B dell’anno scorso), 4 pareggi (ultimo 1-1 nella serie B 1999/00) e 2 successi abruzzesi (ultimo 2-0 nella serie B 2000/01). Pescara che al “Bentegodi” non ha molte soddisfazioni (ultima vittoria nel 2000). ChievoVerona imbattuto da 10 giornate di campionato: 4 vittorie e 6 pareggi per gli scaligeri, la cui ultima sconfitta risale al 5 dicembre scorso, 2-3 a Frosinone, e una delle due cooperative del gol nella B 2020/21 a fine andata: 14 i marcatori gialloblu, primato condiviso con il Cittadella. Tra Alfredo Aglietti e Roberto Breda 8 confronti tecnici ufficiali e parità: 3 successi per parte e 2 pareggi, con formazioni di Breda sempre a segno, 16 reti complessive.

Spal – Monza (domenica 31 gennaio, ore 16.00)

E’ sicuramente il big match di giornata. A Ferrara i confronti ufficiali fra le due squadre sono 19: 6 le vittorie estensi (ultima 2-0 nella coppa Italia, lo scorso 24 novembre), 10 i pareggi (ultimo 3-3 nella II Divisione 2013/14) e 3 successi brianzoli (ultimo 3-1 nella serie C-1 1994/95). Di fronte prima e quinta difesa del torneo cadetto 2020/21: Monza con sole 14 reti subite, Spal a quota 17. Brianzoli reduci da 14 punti nelle ultime 6 giornate, con 4 successi e 2 pareggi, emiliani invece che non perdono dal 30 dicembre in casa con il Brescia. Tra Pasquale Marino e Cristian Brocchi 4 incroci tecnici ufficiali: conduce il coach estense per 2 successi a 1, con 1 pareggio a completare il bilancio.

Cittadella – Cremonese (domenica 31 gennaio, ore 21.00)

Nei dieci precedenti ufficiali al “Tombolato” è assoluta parità: 4 vittorie dei granata di casa (ultima 3-2 dopo overtime nella coppa Italia di C 2015/16), 2 pareggi (ultimo 0-0 nella serie B dell’anno scorso) e 4 vittorie grigiorosse (ultima 3-1 nella serie B 2018/19). 14 punti nelle ultime 6 partite in casa per il Cittadella, reduce da 4 successi e 2 pareggi: i veneti non vanno k.o. al “Tombolato” dall’1-2 subito dal Monza, in data 31 ottobre. Cremonese che deve temere gli ultimi 15’ finali di gioco dove i granata hanno segnato otto reti nell’andata. Tra Roberto Venturato e Fabio Pecchia un successo interno per parte nella serie B 2016/17, nel doppio Cittadella-Hellas Verona. Amarcord per Roberto Venturato contro la “sua” Cremonese: il coach granata, infatti, ha allenato i grigiorossi dal marzo 2009 al giugno 2010 in Lega Pro, guidando – in precedenza – dal luglio 2007 al marzo 2009 squadre del settore giovanile grigiorosso.

Reggina – Salernitana (lunedì 1 febbraio, ore 21.00)

Sono 34 i confronti ufficiali in Calabria fra le due squadre: bilancio di 17 vittorie della Reggina (ultima 3-1 nella serie B 2009/10), 11 pareggi (ultimo 2-2 nella serie B 2001/02) e 6 successi campani (ultimo 1-0 nella serie C 2014/15). Reggina che deve stare attenta alle riprese essendo la squadra che ha subito il maggior numero di reti nei 15’ finali di gara, 10 tra 76’ e 90’ inclusi recuperi. Salernitana senza reti esterne da 232’: ultimo gol granata firmato Anderson al 38’ del match vinto 2-1 a Venezia lo scorso 27 dicembre. Tra Marco Baroni e Fabrizio Castori 8 incroci tecnici ufficiali: il coach della Reggina conduce per 4 successi a 2 con 2 pareggi a completare il bilancio. Il tecnico della Salernitana ex di giornata: ha guidato la Reggina in serie B dall’ottobre al novembre 2013, 6 panchine ufficiali, con score di 1 vittoria, 1 pareggio e 4 sconfitte.

Nella foto La Presse un duello all’andata tra Floccari e Paletta


ARTICOLI CORRELATI

Ascoli-Brescia: le dichiarazioni degli allenatori e i convocati

Ascoli Calcio

Ascoli: il comunicato di Patron Pulcinelli

Pubblicato

il

Il Patron dell’Ascoli Calcio Massimo Pulcinelli smentisce categoricamente le illazioni diffuse in data 11 maggio 2021 dalla testata campana calcioinpillole.com attraverso l’articolo a firma Raffaello Lapadula, che riporta un possibile scambio di proprietà dei club dell’Ascoli e della Salernitana. La falsa notizia è stata richiamata dalla testata monza-news.it, che insinua velatamente irregolarità circa le partite disputate fra Ascoli e Salernitana nel corso della stagione appena conclusa.

Il Patron bianconero tutelerà l’onorabilità e il buon nome suoi e di una società ultracentenaria in tutte le sedi legali.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Macerata

Fabrizio Castori in Serie A con la Salernitana: i complimenti di mister Colavitto

Pubblicato

il

MATELICA – Si erano incontrati in amichevole la scorsa estate a Sarnano (un triangolare insieme alla Samb. Sotto gli articoli correlati, ndr) : un match che ha portato fortuna ad entrambi i tecnici, autori di due cavalcate straordinarie.

Mister Colavitto con il suo Matelica ha stupito tutti conquistando i playoff alla prima partecipazione del club biancorosso in Serie C, proprio nell’anno del centenario.
Mister Castori ha centrato l’ennesima promozione della sua lunga carriera approdando in Serie A con la Salernitana.

“Mister Castori – ha dichiarato Colavitto – è semplicemente immenso. Per me la sua promozione non rappresenta una sorpresa, conosco bene le sue qualità sia tecniche che umane. Per me è una certezza. Prima di tutto è una grande persona, che mi ha dato tantissimo sia da calciatore che ora da allenatore quando ogni tanto ci sentiamo, senza mai perdere la sua umiltà. Il fatto di aver vinto in tutte le categorie e di continuare ancora a vincere vuol dire che la capacità di trasmettere la passione per questo sport, la fame di vittorie e quella di far parlare bene di sè le ha proprio nel sangue. Nel suo staff ci sono poi diversi compagni di squadra a Lanciano, persone sicuramente molto competenti e che sanno dargli una mano nel lavoro. Sono felice anche per loro”.

“Sarei contento – ha concluso il tecnico- se una big della Serie A, che voglia puntare allo scudetto, come ad esempio il Napoli o il Milan che non lo vincono da tempo, decidesse di affidare a lui la propria panchina. Sarebbe stato bene anche alla Roma al posto di Mourinho: secondo me anche lui, come il portoghese, avrebbe chance di successo. A parte queste mie considerazioni, complimenti di cuore mister!”.

Da parte di tutto il Matelica le più sincere congratulazioni per la promozione a mister Fabrizio Castori e alla Salernitana.


ARTICOLI CORRELATI

Triangolare, Samb: una vittoria e una sconfitta

Triangolare Matelica, Samb e Salernitana


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Marche

Parla Maxi Lopez: “Dato più del 100% per rappresentare città e tifosi”

Pubblicato

il

La sconfitta ai playoff contro il Matelica ha chiuso quella che senza dubbio è stata una delle stagioni più difficili della storia della Sambenedettese. Con la recente notizia che nessuno ha ancora presentato offerte per rilevare il club rossoblù, le speranze di rivedere la Samb ancora nel professionismo sono sempre più flebili: “Eppure la squadra sul campo ha lasciato più di quello che aveva”, assicura oggi il capitano Maxi Lopez“è stata la nostra maniera di rappresentare la città e i tifosi”. Lo stesso Maxi Lopez, attraverso un comunicato diramato dopo la sconfitta di Macerata, aveva annunciato che i calciatori avrebbero deciso insieme di rinunciare ad alcune mensilità arretrate di stipendio in nome della salvezza del club.

“Il nostro è stato un gruppo formato da molta gente alla prima esperienza in Italia”, prosegue il capitano, per loro non è stato facile. Qui è un calcio diverso, più duro, ma sono stati tutti capaci di lasciarsi alle spalle le rispettive culture calcistiche, si sono chiusi in un pugno e da quell’unione è scaturita la forza che ci ha permesso di arrivare dove siamo arrivati. Parlando poi della propria esperienza a San Benedetto, Maxi Lopez la definisce “un’esperienza di vita, dove sono stato chiamato a risolvere delle difficoltà e ad aiutare i compagni dentro e fuori dal campo”. Non ha dubbi nel riconoscere che questa stagione l’abbia formato ancora di più come uomo, nel vedere il sacrificio e i valori espressi da questi ragazzi sul campo. Loro mi hanno insegnato ancora di più a non mollare”.

“È stato oltretutto bellissimo sentire come la città ci sia stata sempre vicino, per qualsiasi cosa la squadra avesse bisogno”, conclude. “Ai tifosi dico che sono positivo e che confido nel fatto che si riesca a trovare la soluzione a questa situazione difficile. Sono davvero fiducioso che questo sogno possa durare ancora cent’anni. Non si aspettava forse di affrontare una stagione così complicata al suo primo anno in Serie C, ma ancora una volta Maxi Lopez ha lasciato il segno sia dentro che, soprattutto stavolta, fuori dal campo.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy