fbpx
Connect with us

Ascoli Calcio

Lecce-Ascoli 1-2. Bianconeri corsari nel Salento dopo 32 anni

Pubblicato

il

L’Ascoli espugna Lecce dopo oltre 32 anni, conquista la prima vittoria esterna della stagione e sale i gradini della graduatoria.

Vittoria in rimonta dei bianconeri di Andrea Sottil in una partita sempre viva e aperta a qualsiasi risultato fino all’ultimo secondo di gioco.

Partono bene i salentini di Corini andando in vantaggio a metà del primo tempo.

Subito dopo il giallorosso Coda ha l’occasione per raddoppiare ma il suo tiro è impreciso.

I marchigiani pareggiano poco prima della mezzora con il neo acquisto Federico Dionisi che all’inizio della ripresa raddoppia.

In vantaggio l’Ascoli va vicino diverse volte alla rete del 3-1 ma al 90° un fallo in area di Leali viene sanzionato da Marchetti di Ostia Lido con l’assegnazione del calcio dagli undici metri.

Sul dischetto si porta Marco Mancosu (sette reti di cui due su due su Penalty) ma il suo tiro si perde nel cielo salentino alla sinistra dell’estremo difensore bianconero.

E’ 2-1 per l’Ascoli che torna alla vittoria in trasferta dopo sette mesi (17 luglio scorso Cittadella-Ascoli 1-2).

Andrea Sottil in bianconero viaggia ad una media esatta di due punti a partita. In sette gare, infatti, ha collezionato 14 punti frutto di quattro vittorie, due pareggi e una sconfitta.

Martedì sera al “Del Duca” arrivano i ciociari gialloblu del Frosinone.

IL TABELLINO

LECCE – ASCOLI 1 – 2 (pt 1-1)

RETI: 23′ Stepinski (L), 28′ e 56′ Dionisi (A)

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Maggio, Pisacane (46′ Meccariello), Lucioni, Zuta (82′ Gallo); Henderson (65′ Majer), Tachtsidis (65′ Nikolov), Hjulmand; Mancosu; Coda, Stepinski (65′ Rodriguez).

A disp.: Bleve, Vigorito, Paganini, Yalcin, Monterisi, Pettimari, Bjorkengren.

All. Corini.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pucino, Brosco, Quaranta, D’Orazio; Eramo (81′ Stoian), Danzi (67′ Caligara), Saric; Sabiri (74′ Mosti); Bidaoui (74′ Parigini), Dionisi (67′ Simeri).

A disp.: Bolletta, Sarr, Corbo, Pinna, Avlonitis, Kragl, Bajic.

All. Baroncelli

ARBITRO: Marchetti di Ostia Lido

NOTE: ammoniti Pisacane (L), Tachtsidis (L), Sabiri (A), Meccariello (L), Saric (A), Caligara (A), Leali (A), Rodriguez (L). Al 91′ Mancosu fallisce un calcio di rigore. Rec. 1′ pt, 5′ st.


SALA STAMPA 

Questo il commento di Mister Sottil, che questa sera ha assistito alla partita dagli spalti per via della squalifica:

“Viverla da fuori è stata veramente dura, mai più. Stasera abbiamo conquistato tre punti d’oro, una grandissima vittoria, voluta, strameritata, anche se all’ultimo abbiamo rischiato in occasione del rigore. Il pareggio sarebbe stato veramente stretto, anche perché abbiamo avuto l’occasione nitida per chiuderla con Sabiri e altre situazioni precedenti. I ragazzi sono stati encomiabili dal primo all’ultimo minuto. Non dimentichiamo che avevamo davanti una corazzata costruita per vincere direttamente il campionato. Il valore dell’avversario è venuto fuori, ma non ci siamo mai abbassati. Tutti hanno disputato un’ottima gara, Dionisi ha messo a segno una doppietta ed è stato sempre pericoloso, Bidaoui ha lavorato molto, ha sempre ricercato l’uno contro uno, è sempre stato pungente. Entrambi stanno prendendo la forma. D’Orazio ha giocato una buona gara, è partito in sordina, poi è cresciuto, deve ancora salire di intensità. Sono molto contento di chi è subentrato: Parigini e Caligara hanno portato qualità, bravi anche Mosti, Stoian e Simeri, con quest’ultimo che ha tenuto alta la squadra. Lo dico sempre ai ragazzi: non è importante quanti minuti si giocano, ma come si giocano. Questa squadra può crescere ancora, sono arrivati ottimi giocatori, bravissimi tutti, avanti così, intanto stasera ci godiamo questa bella vittoria”.


Al termine della gara il difensore bianconero Tommaso D’Orazio ha commentato così l’exploit esterno dell’Ascoli:

“Questa vittoria vale sei punti, ci abbiamo messo cuore, grinta, siamo molto contenti, è stata la vittoria di gruppo. Personalmente mi sto trovando molto bene, mi sono ambientato subito grazie ai compagni, che mi hanno fatto sentire fin dal primo giorno parte del gruppo. L’episodio del rigore avrebbe vanificato quanto creato, il calcio è fatto di episodi, a volta ti dà, altre volte ti toglie; penso che stasera siamo stati bravi a crearci le occasioni e a portare a casa il risultato, non ci siamo mai tirati indietro per tutta la gara. Non dimentichiamo che il Lecce ha altre ambizioni e velleità, ce la siamo giocata a viso aperto. Stasera si è visto un grande Ascoli. Questo successo ci dà molta carica e consapevolezza nei nostri mezzi. Vincere aiuta a prendere padronanza nei propri mezzi e sicurezza; stasera ci godiamo la vittoria, da domani testa al Frosinone”.


Federico Dionisi, a segno al via del Mare con la doppietta vincente,  ha commentato così la prestazione della squadra:

“Era importante dare continuità alla partita col Brescia, sappiamo che dobbiamo recuperare punti importanti, che passano anche attraverso le prestazioni su campi difficili come questo di Lecce. Un Lecce che ci dà la consapevolezza d’essere una buona squadra. Lotteremo fino alla fine perché è molto importante conquistare la salvezza. L’episodio con Maccariello? C’è stato uno scontro, non credo l’abbia fatto a posta, ma le sue scuse sono arrivate un po’ tardi e questo mi aveva fatto innervosire; col fischio finale finisce tutto, siamo uomini e fuori dal campo il rispetto c’è sempre.

Quella di stasera è stata una vittoria di squadra, siamo stati compatti e – da chi ha giocato dal primo minuto sino a chi è subentrato – tutti ci siamo aiutati e dati una mano; ho visto la voglia di combattere su ogni pallone, questo è l’Ascoli che vogliamo, siamo contenti. Quello di stasera era il gol n. 99 in B, spero di arrivare presto a 100. Ci godiamo la vittoria e da domani penseremo alla prossima sfida col Frosinone, una piazza che dopo sette anni non posso non ringraziare perché mi ha dato moltissimo; sarà una partita strana, da quando sono andato via penso a questa gara, sarà una sensazione strana, certamente emozionante”.


ARTICOLI CORRELATI

Lecce-Ascoli: probabili formazioni, numeri e curiosità. Il 21° turno in serie B


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Ascoli Calcio

Serie B: tutte le reti dell’Ascoli 2020/21 (Video)

Pubblicato

il

In questo filmato di oltre sei minuti i trentasette gol realizzati dall’Ascoli nella stagione 2020/21


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Ascoli Calcio

Ascoli: il comunicato di Patron Pulcinelli

Pubblicato

il

Il Patron dell’Ascoli Calcio Massimo Pulcinelli smentisce categoricamente le illazioni diffuse in data 11 maggio 2021 dalla testata campana calcioinpillole.com attraverso l’articolo a firma Raffaello Lapadula, che riporta un possibile scambio di proprietà dei club dell’Ascoli e della Salernitana. La falsa notizia è stata richiamata dalla testata monza-news.it, che insinua velatamente irregolarità circa le partite disputate fra Ascoli e Salernitana nel corso della stagione appena conclusa.

Il Patron bianconero tutelerà l’onorabilità e il buon nome suoi e di una società ultracentenaria in tutte le sedi legali.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Ascoli Calcio

Serie B: Chievo-Ascoli 3-0. Da stasera bianconeri liberi

Pubblicato

il

VERONA – Ultima gara stagionale per i bianconeri dopo la salvezza raggiunta venerdì scorso al termine di una grandiosa rimonta.

I bianconeri di Andrea Sottil escono sconfitti dal “Bentegodi” di Verona contro il Chievo dell’ex Aglietti.

L’Ascoli scende in campo con mezza squadra titolare. Il mister dà spazio ai giocatori con meno minutaggio.

Gli scaligeri sbloccano il risultato a metà primo tempo con Luigi Canotto che si ripete al quarto d’ora della ripresa. La terza rete clivense è firmata da Garritano a dieci minuti dalla fine.

I GialloBlu si piazzano all’ottavo posto e nel primo turno dei PlaYoff affronteranno il Venezia.

Per l’Ascoli, che non perdeva da sei gare (venerdì di Pasqua contro il Cosenza, poi cinque vittorie e un pareggio), c’è il “rompete le righe”: da stasera non ci saranno più allenamenti, la squadra è libera.

IL TABELLINO

CHIEVOVERONA – ASCOLI  3 – 0  (1 – 0)

RETI: 19′ e 57′ Canotto (C), 79′ Garritano (C).

CHIEVOVERONA (4-4-2): Semper; Bertagnoli, Vaisanen, Rigione, Renzetti (8′ Cotali); Garritano, Viviani (68′ Palmiero), Obi (84′ Zuelli), Di Gaudio (68′ Mogos); Fabbro, Canotto (84′ Margiotta).

A disp.: Seculin, Leverbe, Giaccherini, Pavlev, Djordjevic, Vignato, Gigliotti.

All.: Aglietti

ASCOLI (4-3-1-2): Sarr; Corbo, Brosco (59′ Pucino), Quaranta, D’Orazio; Eramo, Danzi, Caligara (59′ Bidaoui); Mosti (70′ Kragl); Simeri (59′ Dionisi), Bajic (70′ Charpentier).

A disp.: Leali, Venditti, Cangiano, Parigini, Sabiri, Cacciatore, Buchel.

All. Sottil

ARBITRO: Di Martino di Teramo

NOTE: ammoniti Danzi (A), Eramo (A), Viviani (C), Cotali (C).

Rec. 2′ pt, 3′ st.


VOCE AI PROTAGONISTI

Al termine della partita col Chievo, Mister Sottil ha commentato così la prestazione della squadra bianconera:

“Avevo chiesto ai ragazzi di finire la stagione cercando di vincere la partita, pur sapendo che inconsciamente le motivazioni non potevano essere uguali al Chievo, questo è umano. Come avevo detto, ho dato spazio a chi era stato impiegato meno nel corso del campionato, lasciando a riposo qualche infortunato come Saric, Buchel, Avlonitis e lo stesso Pucino. Gol a parte, nel primo tempo non abbiamo fatto male, ma nella ripresa mi aspettavo qualcosa in più da parte dei ragazzi. Aver chiuso con un passivo di 3-0 è stato un peccato per quello che abbiamo fatto in questa stagione. Questa gara non deve cancellare quello che di grandioso è stato fatto. Adesso andiamo tutti in vacanza, ce lo meritiamo, come ho già detto mi piacerebbe molto continuare questo progetto perché ho le idee molto chiare, ci confronteremo col Patron anche per capire le sue idee”.


Questo il commento di Gabriele Corbo al termine del match del Bentegodi:

“Peccato perché avremmo voluto dedicare una vittoria al tifoso Domenico “Iena”, scomparso questa mattina. Quanto alla gara, credo che abbiamo disputato un buon primo tempo, abbiamo subìto un gol sciocco, che potevamo evitare, abbiamo reagito, nel secondo tempo siamo rientrati in campo con l’intenzione di riprendere la gara, ma il raddoppio del Chievo ha chiuso un po’ il match. Eravamo venuti a Verona con l’intento di terminare in bellezza un campionato straordinario da parte di tutti, ma non è andata così. Abbiamo incassato due gol a causa di tante palle perse, che avremmo potuto gestire meglio. Oggi sono stato impiegato dall’inizio, ho cercato di fare il mio, ma, quando subisci tre gol, è chiaro che qualcosa dietro non è andato. A livello personale questa stagione è stata di alti e bassi; i primi mesi ho avuto più minutaggio rispetto alla seconda parte di stagione, ma ho dato sempre il massimo negli allenamenti e in campo. Quest’anno credo di essere cresciuto molto mentalmente, sono riuscito a gestire i momenti in cui non giocavo. Ho trovato gruppo eccezionale, Dionisi è il mio secondo papà, così come Brosco, Kragl, Eramo e Pucino. La salvezza è stato un risultato straordinario, tante volte mi ha chiamato Orsolini per dirmi “Mi raccomando, salvate il mio Ascoli!”.


Mirko Eramo al termine della partita ha dichiarato:

“La gara l’abbiamo giocata fin da subito a viso aperto, il primo gol del Chievo ci ha tagliato un po’ le gambe, abbiamo cercato di recuperare, poi il raddoppio ha chiuso la partita. Probabilmente ha influito il fatto che l’avversario avesse qualche motivazione in più”.

Il centrocampista fa un bilancio della sua stagione in bianconero:

“Lasciamo stare i primi sei mesi perché ero ai margini, il mio campionato è iniziato con Mister Sottil e col DS Polito che mi hanno dato l’opportunità di dare una mano sia in capo che fuori. Credo di essere riuscito a dare mio contributo insieme ad altri, siamo riusciti a creare un gruppo straordinario. Mi è dispiaciuto tanto per i miei primi sei mesi, non mi davo una spiegazione, ma, come ho detto, ho lasciato da parte quel periodo e ho messo tutto me stesso in campo quando sono stato chiamato in causa. Voglio ringraziare pubblicamente Mister e DS perché non era facile rimettere in gruppo un giocatore che con due allenatori era stato fuori. Adesso mi godo un po’ la famiglia, mia moglie Daniela è in attesa del terzo bimbo, facciamo un po’ di mare, stacchiamo la spina perché sono stati mesi duri mentalmente e mi ricarico per il prossimo campionato in bianconero”.


ARTICOLI CORRELATI

L’Ascoli resta in B: voce ai protagonisti. Festa a fine gara


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy