fbpx
Connect with us

Marche

Coldiretti Marche, il Covid non ha fermato il lavoro nei campi: 4mila occupati in più nel 2020

Pubblicato

il

ANCONA – Cresce l’occupazione nelle campagne marchigiane. Nonostante le strette sull’economia, con la chiusura delle attività e tutte le difficoltà legate all’emergenza sanitaria, compreso il mancato arrivo di braccianti stagionali dall’estero, il dato positivo è stato sostenuto dalla domanda di lavoro degli italiani. Ora, in vista delle raccolte stagionali di frutta e verdura e con la situazione sanitaria ancora in emergenza, la previsione è una conferma di questo trend. Nel 2020, secondo una rielaborazione di Coldiretti Marche su dati Istat, i posti di lavoro sono aumentati di 4mila unità raggiungendo quota 21mila. In crescita anche l’occupazione femminile (oltre un terzo del totale, +20% rispetto al 2019). A differenza di altri settori, quello agricolo della nostra regione, registrava già un aumento di occupazione italiana (+0,9%) e la diminuzione di quella straniera (-1,7%). Per quanto riguarda questi ultimi a fine 2019, erano circa 6700, uno su sei comunitario (la maggior parte, circa 830, dalla Romania). Tra gli extracomunitari le nazioni più rappresentate sono Albania, India, Pakistan, Marocco, Tunisia, Senegal e Ghana. Il loro impiego si concentra, secondo uno studio Coldiretti su dati Crea/Istat, tra luglio e dicembre e riguarda la raccolta di ortaggi, frutta, olivo e uva. “Per decenni l’agricoltura è stata abbandonata e invece già da tempo stiamo assistendo a un crescente interesse degli italiani di tutte le generazioni per il lavoro nelle campagne. Ciò è dovuto sia a una rinnovata ricerca di contatto con i contesti naturali, sia perché parliamo di un settore trainante della nostra economia. Questo processo si è ulteriormente accelerato con coloro che, lavorando in altri settori, causa Covid, hanno incontrato crescenti difficoltà – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – Spesso però la volontà di lavorare si scontra con la mancanza di formazione necessaria. Serve, dunque, un piano per la formazione professionale accompagnato da misure di semplificazione che deve riguardare anche il voucher “agricolo” destinato ai soli percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani per sostenere le famiglie attraverso occasioni di impiego”. 

Ascoli Piceno

Ascoli Piceno: 70enne muore schiacciato dal trattore

Pubblicato

il

ASCOLI PICENO – Tragedia nella frazione di Fonte di Campo ad Ascoli. Un commerciante di 70 anni avrebbe perso la vita scacciato dal suo trattore mente stava lavorando. Da quanto appreso pare che l’uomo, colpito da un improvviso malore, sia caduto dal mezzo per poi rimanerne schiacciato. Il 118, giunto sul posto, ha tentato la corsa in ospedale ma per il commerciante non c’è stato nulla da fare.

Continua a leggere

Fermo

Fermo: assume cocaina e si sente male, 20enne in ospedale. Mosca nel piatto, scoppia lite al ristorante

Pubblicato

il

FERMO – Sono proseguiti nel fine settimana appena trascorso i controlli delle Forze di polizia disposti dal Questore di Fermo sulla costa.

Tutte le Forze di polizia del fermano, pattuglie della Polizia di Stato della Questura e della Polizia Stradale, equipaggi dei militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e operatori delle Polizie Locali dei comuni del litorale hanno controllato le aree della costa con particolare attenzione alle zone di aggregazione dei cittadini e dei turisti, le strade dei lungomare dei Comuni costieri ed il transito ai caselli autostradali di Fermo-Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio.

Attività senza sosta per la prevenzione dei reati e la sicurezza della circolazione, verifiche amministrative finalizzate al contrasto ai comportamenti che possono contribuire alla ulteriore diffusione dell’epidemia la curva dei contagi della quale è in crescita nella nostra regione e nella provincia fermana soprattutto per il mancato rispetto del divieto di assembramento.

Le persone identificate nel corso delle attività straordinarie sono state poco più di 150 mentre quasi 100 i veicoli sottoposti ad accertamenti e 7 le sanzioni elevate per violazioni delle norme del Codice della Strada.

Massima attenzione è stata rivolta, anche nel decorso fine settimana, alle attività commerciali della costa quali bar, chalet ed esercizi di ristorazione, nei quali il personale della Polizia Amministrativa della Questura ha vigilato sul rispetto delle disposizioni normative concernenti il divieto di organizzare feste da ballo e relative alla corretta organizzazione delle attività per evitare gli assembramenti dei clienti.

Vigilanza e controllo ma anche impegno per ricordare ai gestori delle attività sia i divieti previsti ma anche le sanzioni, pecuniarie e accessorie, disposti dalle vigenti normative. Ancora in risalto le liti tra giovani, spesso scaturite per futili motivi e nella quasi totalità dei casi gli operatori della Polizia di Stato, immediatamente intervenuti a seguito delle segnalazioni pervenute al numero unico di emergenza 112, hanno riscontrato l’eccessiva assunzione di bevande alcoliche.

Alcool ma anche sostanze stupefacenti, come l’intervento presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Murri dove era stato segnalato l’arrivo di un giovane in condizioni critiche determinate da una overdose. I poliziotti hanno proceduto ad identificare il soggetto, un ragazzo circa ventenne residente a Fermo il quale, dopo aver assunto, nella propria autovettura, cocaina asseritamente acquistata a Porto Sant’Elpidio si era sentito male ma era riuscito a contattare il 118 il personale del quale lo aveva trasportato per le cure al nosocomio, grazie alle quali il giovane, all’arrivo della Volante, è apparso lucido e cosciente.

Sono in corso gli accertamenti di polizia giudiziaria per risalire all’identificazione dello spacciatore. Un ulteriore intervento della Volante a Porto San Giorgio per il rinvenimento di una pistola nei pressi di una stazione per il conferimento dei rifiuti. Un operatore ecologico, durante la propria attività, ha ritrovato l’arma, successivamente riscontrata essere una pistola scacciacani e ha segnalato il fatto alla Polizia di Stato; i poliziotti dopo l’accertamento dell’effettiva natura dell’arma hanno proceduto al sequestro della pistola a carico di ignoti.

Tra gli altri numerosi interventi, quello svolto presso un esercizio di ristorazione del lungomare sangiorgese dove il titolare aveva segnalato la presenza di due clienti stranieri che non volevano pagare la consumazione di due panini; la scusa, quella classica recuperata da film della commedia italiana d’altri tempi, il ritrovamento una mosca nel piatto contestato al termine del pasto. Dopo un’accesa discussione tra il gestore e i clienti fantasiosi, un amico dei due fantasiosi ha provveduto a onorare il debito.

Oltre gli interventi, fondamentale è stata l’attività di vigilanza per lo svolgimento in sicurezza delle molteplici manifestazioni ed eventi che hanno animato la costa fermana fino ad arrivare al controllo delle vaccinazioni anti-Covid effettuate nel centro di Porto San Giorgio e le problematiche determinate dalla interruzione della circolazione ferroviaria causata dagli incendi che hanno interessato la costa marchigiana e costretto centinaia di viaggiatori ad attendere, fino alle 2 di questa mattina, presso lo scalo ferroviario sangiorgese e l’antistante piazza.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto: ruba una catenina d’oro in stazione, ragazza denunciata

Pubblicato

il

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il furto è avvenuto nei giorni scorsi presso la stazione di San Benedetto. Una donna avrebbe rubato una catenina d’oro ad un uomo. La ragazza è stata denunciata per furto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy