fbpx
Connect with us

Abruzzo

COVID: Marsilio e Verì, entro settembre vaccino per tutti gli abruzzesi

Pubblicato

il

L’AQUILA – Assicurare la vaccinazione anti Covid 19 entro il prossimo mese di settembre a tutta la popolazione abruzzese con  l’attivazione di decine di Punti vaccinali territoriali localizzati. Aumenta il numero dei vaccinatori, definite le tempistiche per le diverse categorie.

E’ quanto previsto dal Piano regionale vaccinale per la Fase 2, presentato questa mattina a L’Aquila dal presidente della Regione, Marco Marsilio e dall’assessore alla Salute, Nicoletta Verì.

Presenti anche il referente regionale per la campagna di vaccinazione, Maurizio Brucchi e Pierluigi Cosenza, direttore dell’Agenzia sanitaria. Il documento, elaborato dal Dipartimento regionale Sanità, in collaborazione con le Asl, la Protezione Civile e il referente per la campagna vaccinale, segue il percorso già avviato con l’ordinanza del presidente della giunta regionale n.1 dell’8 gennaio scorso (che disciplinava la vaccinazione del personale sanitario e degli ospiti delle Rsa e delle Rp) e la successiva circolare del Dipartimento Sanità del 12 febbraio (con cui si regolamentava la vaccinazione del personale scolastico e delle forze di polizia).

Recepisce, inoltre, le nuove linee guida del Piano vaccinazione nazionale approvato il 13 marzo scorso.

“Abbiamo messo in moto una macchina organizzativa capace di affrontare la sfida – ha detto Marsilio – in grado di rispondere alle esigenze di salute e e sicurezza dei nostri cittadini. Si sta facendo un grande sforzo di organizzazione che coinvolge non solo sanitari in servizio ma anche volontari, medici in pensione, a titolo gratuito, specie nelle piccole comunità.

Per questo dobbiamo essere pazienti rispetto a qualche sbavatura che potrebbe presentarsi. Questa regione sta dimostrando di essere all’altezza del compito . Con l’attuale programmazione delle dosi raggiungeremo l’obiettivo nel mese di settembre.Se arrivano prima più dosi potremmo arrivare con qualche settimana di anticipo per stare fuori così dall’emergenza della fase critica”.

La strategia della nuova organizzazione regionale passa dalla gestione centralizzata della prima fase, nella quale le vaccinazioni sono state eseguite soprattutto all’interno dei presidi ospedalieri o nelle strutture distrettuali delle Asl, a una gestione fortemente diffusa sul territorio, con un’articolazione che prevede l’attivazione di decine di Punti vaccinali territoriali localizzati in tutte le aree della regione.

Per garantire la capillarizzazione delle somministrazioni, oltre all’ampliamento della rete dei punti vaccinali, si procederà ad incrementare il numero dei vaccinatori, coinvolgendo i medicini di medicina generale, gli odontoiatri, i medici specializzandi, le equipe dell’assistenza domiciliare integrata (Adi), i medici sportivi del Coni, i medici competenti dei siti produttivi e della grande distribuzione, i medici convenzionati ambulatoriali, i pediatri di libera scelta, i farmacisti.

A questi si aggiungeranno figure sanitarie che vorranno prestare volontariamente la loro opera (sulla base di avvisi pubblici finalizzati a istituire una “banca delle ore” messe a disposizione dai professionisti per la campagna vaccinale) e alle quali la Regione provvederà a fornire la necessaria copertura assicurativa.

L’assessore Verì  ha voluto portare i propri ringraziamenti al personale medico-sanitario. “A loro dico grazie per lo straordinario lavoro che stanno facendo. Se nella nostra regione siamo riusciti ad ottenere questi risultati è stato perché tempestivamente è scattato un sistema che ha lavorato bene  e per l’impegno straordinario degli operatori in prima linea ogni giorno”.

Sul fronte della logistica, il modello resta quello dei punti hub e spoke, così da definire puntualmente funzioni e compiti nel processo di somministrazione dei vaccini disponibili. I primi, oltre ad essere i centri di stoccaggio dei vaccini e distribuzione degli stessi nei centri spoke, rappresentano le sedi di vaccinazione permanenti.

I centri Spoke, invece, sono i Punti vaccinali territoriali, individuati da ogni azienda sanitaria per agevolare l’accesso alla vaccinazione di tutta la popolazione. Strategico, in questo processo, è il coinvolgimento dei sindaci, che collaboreranno con i referenti regionali per individuare luoghi collettivi dove ubicare i Pvt, come palestre, palasport, parcheggi e ogni altro spazio che sarà ritenuto idoneo allo scopo. Strutture complementari (in servizio da un minimo di 8 a un massimo di 12 ore al giorno) a quelle già esistenti, come gli ambulatori medici o i distretti sanitari di base. Oltre ai Pvt in sede fissa, ne saranno attivati anche di mobili, da utilizzare per la vaccinazione di coloro che vivono in zone disagiate o a bassa densità di popolazione.

Questi i centri Spoke distribuiti  nelle varie Province: Teramo 35, Pescara 23, L’Aquila 24, Chieti 27.

E’ stata disciplinata anche la vaccinazione domiciliare per coloro che non possono lasciare in sicurezza la propria abitazione: i team vaccinali lavoreranno su turni di 10 ore giornaliere, nelle quali potranno eseguire 20 vaccinazioni (due ogni ora, compresi i tempi di percorrenza tra un’abitazione e l’altra).

Per quanto riguarda le tempistiche delle diverse categorie, in un primo momento si procederà in parallelo su 2 piani: completamento della vaccinazione delle categorie già inserite nella fase 1 (operatori sanitari e professioni sanitarie, compresi informatori scientifici e biomedici; forze armate, di polizia, soccorso pubblico; comunità residenziali; personale scolastico; personale delle procure e dei tribunali; disabili, fragili e loro caregiver) e avvio della campagna per le altre categorie in base all’età anagrafica, così come specificato nelle linee guida nazionali (età 70-79, 60-69, soggetti con età inferiore ai 60 anni con comorbilità non rientrante nelle categorie comprese nella fase 1, resto della popolazione)

Abruzzo

L’aquilano Alessandro Palmerini candidato ai Nastro d’Argento 2021

Pubblicato

il

L’AQUILA – L’aquilano Alessandro Palmerini, in coppia con Alessandro Zanon, è candidato ai Nastri d’Argento 2021, edizione n. 75. Palmerini e Zanon sono infatti nella cinquina per il Miglior Suono con il film “I predatori” di Pietro Castellitto, giovane regista che con lo stesso film concorre al Nastro d’Argento come “Miglior Regista esordiente”, dopo aver vinto il David di Donatello 2021 per la stessa categoria. La cerimonia di premiazione dei Nastri d’Argento si terrà il 22 giugno presso il MAXXI di Roma.

http://www.nastridargento.it/wp-content/uploads/2021/05/NASTRI-2021_LE-CANDIDATURE_v2.pdf

Per il tecnico del suono aquilano è una grande soddisfazione l’essere candidato a questo prestigioso riconoscimento, il più antico premio cinematografico italiano, nato nel 1946 e assegnato dal Sindacato nazionale Giornalisti cinematografici. Alessandro Palmerini ha già vinto il Nastro d’Argento nel 2012, in coppia con Remo Ugolinelli, per il “Miglior Suono in presa diretta” del film “Diaz” di Daniele Vicari.

Vincitore di un David di Donatello, un Nastro d’Argento, due Ciak d’oro e un Premio AITS, nel 2019 Palmerini è stato ancora candidato al David con il film Capri Revolution di Mario Martone. Altre candidature per il Miglior Suono egli ha inoltre collezionato, nei vari premi cinematografici, quali quelle per i film La Tenerezza di Gianni AmelioSole cuore amore di Daniele VicariIo e te di Bernardo BertolucciL’ultima ruota del carro di Giovanni VeronesiLa giusta distanza di Carlo MazzacuratiLa prima neve e Io sono Li di Andrea SegreL’aria salata di Alessandro AngeliniAldo Moro il presidente e Maria Montessori di Gianluca Tavarelli

Oltre ai su menzionati Palmerini ha lavorato con importanti registi, tra i quali Nanni Moretti, Francesca Archibugi, Terry Gillian, Francesca Comencini, Carlo Verdone, Carlo Vanzina, Ricky Tognazzi, Giuseppe Piccioni, Kim Rossi Stuart. Attualmente il tecnico aquilano è impegnato nelle riprese del film “Le otto montagne”, ispirato all’omonimo romanzo di Paolo Cognetti vincitore del Premio Strega 2017. Il film è diretto da Felix van Groeningenregista belga candidato all’Oscar nel 2014 con Alabama Monroe, affiancato nella regia da Charlotte Vandermeersch, attrice e sceneggiatrice. Le riprese andranno avanti nel corso dell’estate tra le montagne della Valle d’Aosta, a Torino e poi in Nepal.

Amante della montagna, Palmerini ha partecipato, come film-maker, alle spedizioni alpinistiche abruzzesi organizzate dal Centro Documentazione Alti Appennini (Cdaa): nel 2002 sul Cho Oyu (Himalaya), con i suoi 8201 metri d’altezza la sesta vetta più alta del mondo, realizzando il docufilm Mondi Sospesi, presentato a diversi Festival cinematografici internazionali, e nel 2007 sul Broad Peak (Karakorum), 8047 metri, un altro picco dei 14 ottomila esistenti. Alessandro Palmerini è nato nel 1977 a L’Aquila, dove si è formato presso l’Accademia per le Arti e le Scienze dell’Immagine, concludendo il quinquennio di studi con una tesi sul Suono nel cinema. Vive a Roma, lavora in Italia e all’estero.

Continua a leggere

Abruzzo

“Frammenti di anfore…frammenti di storie!”: domenica si inaugura nuovo deposito archeologico di Giulianova

Pubblicato

il

GIULIANOVA – Dopo oltre un anno di lavori, nel pomeriggio di domenica 20 giugno, in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, si aprono finalmente le porte del nuovo grande Deposito Archeologico di Giulianova negli spazi sotto piazza Belvedere, realizzato grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio e il Comune di Giulianova, con l’impegno degli assessorati Cultura e Lavori Pubblici, con il Polo Museale Civico e il Settore tecnico.  
In occasione dell’evento “Frammenti di anfore…frammenti di storie!”, in collaborazione con I musei civici, sarà quindi presentato ai visitatori un particolare tipo di manufatto archeologico, le anfore, che permetteranno di fare un viaggio alla scoperta di rotte commerciali e prodotti del mondo antico, potendo toccare e vedere da vicino frammenti di storia provenienti dal sottosuolo di Castrum Novum.

“Le Giornate Europee dell’Archeologia sono un’importante occasione per far conoscere il patrimonio locale spesso invisibile – dichiara Gilda Assenti, funzionario archeologo della Soprintendenza – in particolare quest’anno apriamo le porte del Deposito Archeologico, già presentato alla cittadinanza a settembre, ma ora finalmente portato a compimento. Grazie all’impegno del Comune, che ha realizzato fondamentali opere edili, e della Soprintendenza, che ha allestito il deposito e concluso la catalogazione del materiale, oggi abbiamo a Giulianova un luogo fondamentale di studio, conoscenza e tutela”.

I turni di visita si svolgeranno alle 16.30 e alle 17.45. La prenotazione è obbligatoria scrivendo alla mail museicivici@comune.giulianova.te.it o chiamando il numero 0858021308 (solo pomeriggio).

Dal 2010, il Ministero della Cultura in Francia affida a Inrap, l’Istituto nazionale di ricerca archeologica preventiva (Inrap), il coordinamento e la promozione delle Giornate europee dell’archeologia(GEA). In occasione delle GEA, tutti gli attori del mondo dell’archeologia si mettono all’opera per far scoprire al pubblico i tesori del patrimonio e i retroscena di questo settore. Operatori di scavi, organismi di ricerca, università, musei e siti archeologici, laboratori, associazioni, centri archivi e collettività territoriali sono invitati a organizzare attività innovative, originali e interattive, destinate al grande pubblico.

Continua a leggere

Abruzzo

Iniziati i lavori per la sistemazione dell’asfalto della panoramica di Tortoreto

Pubblicato

il

lavori in corso strade tangenziale

TERAMO – Fortemente dissestata a causa di una frana che risale al 2014 e che ha interessato anche l’area del viadotto del Salinello, sono iniziati a Tortoreto i lavori di sistemazione del piano stradale, circa 300 metri,  della provinciale 5/b, nota come la “panoramica”.

La strada corre parallela alla statale, costeggiando la collina, ed è molto utilizzata dai residenti che dal lido salgono al borgo collinare di Tortoreto. La frana del 2014 ha fortemente compromesso l’assetto viario e gli interventi di risanamento, con la realizzazione di palificate, sono stati condotti parallelamente a quelli della Società Autostrade. “I fondi utilizzati per i lavori sono quelli del bilancio dell’ente stanziati da questa amministrazione,  in quanto l’intervento non è mai stato inserito fra quelli che hanno beneficiato dei finanziamenti straordinari di protezione civile. Fino ad oggi percorribile con limitazione di velocità con il ripristino del manto stradale, la panoramica, con questo intervento torna ad essere fruibile in condizioni di sicurezza – sottolinea il consigliere delegato alla viabilità, Lanfranco Cardinale nella foto insieme al presidente Diego Di Bonaventura , al sindaco di Tortoreto, Domenico Piccioni  e al rappresentante dell’impresa Petrini che sta realizzando i lavori – con il nuovo bilancio destineremo altre risorse per sostituire il tappetino di asfalto anche negli altri tratti. I lavori termineranno la prossima settimana in un periodo dell’anno nel quale la statale è congestionata anche dal traffico turistico oltre che da quello locale e la panoramica diventa un’alternativa strategica contribuendo a decongestionare la viabilità”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy