fbpx
Connect with us

Abruzzo

Imprese in difficoltà, la Cna Abruzzo: ristori retroattivi per le zone rosse e blocco delle cartelle

Pubblicato

il

PESCARA – Effetto retroattivo per i ristori statali destinati alle “zone rosse” istituite autonomamente dalle Regioni. Sospensione sine die della cartelle esattoriali. Accelerazione decisa del pagamento dei ristori da parte della Giunta, in una regione che vanta il poco invidiabile record assoluto di giorni di chiusura delle attività commerciali. Sono tre le misure urgenti invocate dalla Cna Abruzzo per dare sostegno e aiuto a un sistema imprenditoriale già duramente provato nel 2020, ma che oggi deve fare i conti con una terza ondata dell’epidemia che porta in dote con sé altre chiusure e restrizioni. Il tutto mentre si tracciano i primi dolorosi bilanci sul calo di fatturato: un dato impressionante, stimato tra 2019 e 2020 in media del 10% dal Centro studi nazionale della confederazione artigiana in un sondaggio condotto su un campione di 20mila imprese associate; con punte che arrivano al 42,6% nel trasporto persone; del 28,6% nella ristorazione; del 70% per intrattenimento e sport; del 30% per la stampa; del 14% per la riparazione auto; del 20,4% per acconciatura ed estetica; del 28,9% per scuola e servizi sociali, solo per citare i settori più falcidiati.

Al primo punto dell’agenda delle priorità indicata dalla confederazione artigiana presieduta da Savino Saraceni, così, spunta la questione dei ristori per le imprese costrette a chiudere i battenti in base all’istituzione autonoma, da parte delle Regioni, della “zona rossa”: un provvedimento che nel nostro territorio interessa l’intera area urbana Chieti-Pescara, tre importanti centri costieri del Teramano quali Roseto, Pineto e Silvi, centri dell’Aquilano e della Val Pescara. «L’attuale normativa – sostiene la Cna – non permette in queste situazioni l’automatica erogazione dei ristori statali: ne deriva, per le tante attività artigiane e commerciali che si sono trovate costrette alla chiusura o a subire rilevanti restrizioni, spesso dall’oggi al domani, che al danno si è aggiunta la beffa di non poter neppure contare su quei pur esigui benefici». Un tema dunque di grande attualità non solo in Abruzzo, sollevato di recente nel corso della conferenza Stato-Regioni dai presidenti delle Regioni e portato all’attenzione dell’Esecutivo: «Si tratta di un vuoto normativo rilevante che il Governo Draghi dovrebbe colmare, prevedendo già nel Decreto in fase di presentazione automatismi che destinino rapidamente alle imprese colpite specifiche somme con effetto retroattivo, come chiesto anche su nostra sollecitazione dalla Cna nazionale».

Secondo punto dell’agenda Cna, il problema delle cartelle esattoriali, a partire da quelle legate alla tassazione locale: «Assistiamo ad annunci di momentanea sospensione della loro riscossione da parte di singole amministrazioni comunali, che pure vanno apprezzati, ma il problema non può essere quello di continui rinvii. La riscossione va sospesa a tempo indeterminato, rimandandola alla ripresa dell’attività quando sarà senza limiti o restrizioni: le imprese non devono essere costrette a inseguire scadenze impossibili da rispettare».

Terzo capitolo del dossier, l’erogazione da parte della Regione Abruzzo dei ristori promessi: «All’8 marzo scorso – afferma dunque la Cna, sulla base di dati diffusi proprio questa mattina dal consigliere regionale Silvio Paolucci sul proprio profilo Facebook, citando fonti dell’ufficio dello stesso ente e del suo sistema informativo contabile – erano stati emessi mandati di pagamento per 11 milioni e 759mila euro, a fronte di istanze ammesse a contributo che ammontano a 23 milioni e 233mila euro, con 20.204 pratiche approvate: il tutto, per una massa di provvedimenti che, tra stanziamenti dell’estate e provvedimenti di fine anno, si attesta attorno ai 57 milioni di euro. Un bilancio largamente al di sotto delle esigenze e dei bisogni di un sistema stressato, in cui imprese e famiglie vivono una condizione difficilissima, visto che parliamo di risorse erogate per appena il 20% del totale stanziato: condizione tanto più allarmante perché in una inchiesta pubblicata questa mattina dal quotidiano Il Centro, l’Abruzzo vanta si fa per dire il più alto numero assoluto di giorni di chiusura delle attività commerciali d’Italia». «La Regione – conclude la nota – ha compiuto uno sforzo rilevante per quel che riguarda le somme impegnate, con stanziamenti spesso più consistenti di realtà più gradi: ma quel che non va, e su cui non si intravvede alcun cambio di passo, come oggi si usa dire, è la velocità di erogazione di queste somme, che resta troppo lenta. Un tema, questo, su cui in Consiglio regionale si sono uditi rilievi da parte delle forze politiche di opposizione e di autorevoli esponenti della maggioranza, e su cui l’insieme delle forze sociali abruzzesi si è più volte espresso».

Abruzzo

Aldo Cazzullo e Piero Pelù: nuova location per lo spettacolo in scena Venerdì 3 dicembre. Auditorium Palazzo Sirena di Francavilla al Mare

Venerdì 3 dicembre in scena all’Auditorium Palazzo Sirena di Francavilla al Mare e non al Teatro Massimo di Pescara come da precedente programmazione

Biglietti disponibili sui circuiti TicketOne e Ciaotickets

Pubblicato

il

PESCARA – Per motivi organizzativi indipendenti dalla volontà degli artisti, lo spettacolo “A riveder le stelle” sarà in scena venerdì 3 dicembre, dalle 21, all’Auditorium Palazzo Sirena di Francavilla al Mare e non al Teatro Massimo di Pescara come da precedente programmazione.

Aldo Cazzullo con “A riveder le stelle” condurrà il pubblico alla scoperta di Dante, il poeta che inventò l’Italia. Un percorso attraverso la ricostruzione dell’esperienza del poeta nell’Inferno descritto nella “Divina Commedia”. Gli incontri più noti, i personaggi grandiosi e maledetti, le incursioni nella storia e nell’attualità e un incredibile viaggio in Italia da nord a sud. Il fondamento della nostra identità nazionale. In scena ad accompagnarlo un ospite d’eccezione, il fiorentino Doc Piero Pelù.

Disponibili sui circuiti TicketOne www.ticketone.it e Ciaotickets www.ciaotickets.com (online e punti vendita) solo i biglietti di secondo settore: 34,50 (diritti di prevendita inclusi). I biglietti già acquistati sono validi per la nuova location e ricollocati in base al proprio settore

Continua a leggere

Chieti

Droga e usura dei Belforte: arrestati marito e moglie

Pubblicato

il

Droga e usura del Belforte. Arrestati i camorristi marito e moglie.

FRANCAVILLA AL MARE – Questa mattina sono scattati gli arresti per droga e usura a marito e moglie, entrambi di Marcianise. La coppia, lui 52enne e lei 49enne, vivevano da qualche mese a Francavilla al Mare.

Entrambi sono stati condannati ad una pena di 4 anni e 9 mesi lui e 5 anni e 3 mesi lei. L’ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generalle della Corte d’Appello di Napoli è stato eseguito dalla Squadra Mobile di Chieti a Francavilla.

Per tutti i reati è stata riconosciuta l’appartenenza al clan Belforte. La coppia, è stata arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e usura, corruzione ed incendio.

I fatti risalgono al 2015, la Dda di Napoli, dalle indagini della Polizia di Caserta, emise un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico 16 persone.

Individui appartenenti tutti ad una organizzazione criminale sullo spaccio di sostanze stupefacenti di hashish e cocaina nel Marcianise.

Tutto gestito dall’uomo 52enne, appartenente al clan Belforte. L’uomo, insieme alla moglie, aveva la vendita dello stupefacente in un esercizio commerciale gestito dallo stesso.

Il tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha recentemente disposto la confisca di tutti i beni di proprietà del 52enne, sottoposti a sequestro. La coppia arrestata, dopo le formalità di rito, è stata condotta in due diverse case circondariali: di Lanciano e Teramo.

Continua a leggere

Chieti

Vasto: due ladri in fuga arrestati dopo un inseguimento di 13 km

Pubblicato

il

Due uomini vengono arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, dopo un inseguimento sulla Statale 16 tra Vasto e Casalbordino.

VASTO – Nella tarda mattinata di ieri, Venerdì 26 Novembre, due ladri in fuga sono finiti in manette. Si tratta di un serbo 50enne e un 30enne albanese, entrambi con precedenti e reato di furto aggravato.

All’altezza di via Martiri Istriani a Vasto, la Polizia, per servizi di controlli, hanno notato un’auto sospetta, nera. Gli agenti, hanno cercato di fare un controllo ma i due uomini hanno accelerato per allontanarsi.

E’ iniziato l’inseguimento sulla Statale 16, dove sono state allertate tutte le forze di polizia. Tra Vasto e Casalbordino, la polfer di Vasto, con un autoarticolato posto sulla strada, è ruscita a fermare i due ladri in fuga.

Nella perquisizione dell’auto, sono stati trovati 615 euro in contanti e dell’oro di valore. Oltre alla refurtiva è stato trovato anche un binocolo, una tv ed una tanica di 25 litri di benzina. Il tutto probabile provento da furti di abitazioni.

I due uomini, sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, denunciati per ricettazione e portati nel carcere di Vasto. L’auto, invece, è stata sottoposta a sequestro amministrativo poiché priva di assicurazione.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy