fbpx
Connect with us

Abruzzo

Pepe chiede sostegno alle famiglie abruzzesi messe in difficoltà dalla nuova chiusura parziale delle scuole

Published

on

L’AQUILA –

Non è possibile chiudere le scuole dalla sera alla mattina, senza il giusto preavviso, creando difficoltà alle tante famiglie abruzzesi che, in questo momento di forte disagio sanitario, sociale ed economico, sono costrette ad organizzarsi in pochissimo tempo per non lasciare soli a casa i propri figli!” dichiara il Vice Capogruppo Regionale del Partito Democratico, Dino Pepe.

Bene hanno fatto i sindacati abruzzesi a ricordarlo, con una lettera, al Governatore Marco Marsilio, all’Assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali, Piero Quaresimale, e a tutti i parlamentari abruzzesi – continua Pepe – non è giusto costringere chi lavora a doversi prendere giorni di ferie, permessi o congedi, senza preavviso, per restare a casa ad accudire i propri figli che hanno ripreso la Dad. Non tutti sono infatti in smart working, in tanti sono stati costretti a fare “i salti mortali” per conciliare la sacrosanta cura dei propri figli ed il proprio lavoro, già messo a dura prova dalla crisi”. 

Chiedo quindi ai vertici della Regione Abruzzo ed al nostro Presidente di evitare, in futuro, di prendere certe decisioni dalla sera alla mattina, mettendosi nei panni dei tanti abruzzesi costretti a trovare una soluzione tra mille difficoltà. Auspico inoltre che vengano offerti degli ammortizzatori sociali, dei contributi reali e celeri dalla nostra Regione che consentano alle famiglie di poter pagare baby-sitter o di ottenere nuovamente permessi o congedi, potendo così conciliare al meglio le varie esigenze” conclude Dino Pepe. “Servono insomma risposte concrete e immediate…magari la stessa solerzia dimostrata da Marsilio & Co. nel dare milioni di euro al Napoli Calcio ed al Festival dei Cartoni Animati…soldi che oggi avrebbero fatto molto comodo alle famiglie abruzzesi alle prese con zero certezze ed una nuova, repentina, chiusura delle scuole. Infine sono ancora tutteda capire le ragioni della mancata chiusura di scuole dell’infanzia e nidi. Famiglie in difficoltàdocenti e operatori degli asili discriminati!”.

Abruzzo

Incidente con mezzo pesante tra S. Benedetto e Val Vibrata: A14 chiusa e riaperta dopo ore

Published

on

ASCOLI PICENO – Poco dopo le 16.30 di ieri, sulla A14 Bologna-Taranto è stato temporaneamente chiuso il tratto compreso tra Val Vibrata (Teramo) e San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno), in direzione Bologna, a causa di un incidente fra un mezzo pesante e due autovetture, avvenuto all’altezza del km 315. Lo riferisce la società Autostrade.

Come riporta l’Ansa, non risultano persone ferite gravemente nell’incidente. Sul luogo dell’evento, erano tempestivamente intervenuti i soccorsi sanitari e meccanici, le pattuglie della Polizia Stradale e il personale della Direzione 7/o Tronco di Pescara di Autostrade per l’Italia, e il traffico è rmasto bloccato con la formazione di circa 4 km di coda in direzione Bologna e uscita obblitatorio Val Vibrata, da sud.

Il tratto A14 in questione, Val Vibrata-San Benedetto del Tronto è stato poi riaperto in serata. Sul luogo dell’evento, il traffico circola su una corsia in scambio di carreggiata e si registrano, in diminuzione, 4 km di coda in direzione Bologna e 1 km in direzione di Pescara.

Continue Reading

Pescara

Ragazza picchiata in palestra, l’aggressore ha minacciato i presenti: «se mi denunciate vi ammazzo»

Published

on

ragazza aggredita in palestra a Pescara

Non è stata la ragazza picchiata in palestra a denunciare il suo aggressore, il quale aveva anche rivolto minacce ai presenti, promettendo ritorsioni se avessero osato denunciarlo. Le indagini sono partite in seguito alla segnalazione dell’ospedale. I carabinieri hanno così potuto effettuare la perquisizione in seguito alla quale è stato arrestato per droga e armi.

«Se mi denunciate vi ammazzo». Un messaggio conciso e abbastanza chiaro inviato su Facebook da Edmond Xhafa, l’uomo arrestato per aver picchiato selvaggiamente una ragazza in una palestra a Pescara, ad uno dei testimoni che hanno assistito all’aggressione. Minacce che avrebbero sortito il loro effetto, dal momento che nemmeno la ragazza aggredita in palestra ha sporto denuncia contro il suo aggressore. Le indagini dei carabinieri sono partite d’ufficio, in seguito alla segnalazione del pronto soccorso al quale la giovane si è rivolta per farsi visitare e curare.

In questo modo i militi hanno potuto mettersi sulle tracce dell’aggressore e decidere di effettuare una perquisizione nella casa del sospetto. Qui hanno trovato cocaina, anabolizzanti e perfino una pistola, sparita anni fa a Francavilla. Xhafa dunque è stato arrestato e condotto in carcere, dove, in seguito agli approfondimenti dell’indagine sull’aggressione alla ragazza in palestra, gli hanno poi notificato una seconda ordinanza di custodia cautelare.

Ma forse, non solo la paura ha condotto chi ha assistito alla scena alla reticenza. Il cinquantenne è molto conosciuto in città, ha prestato servizio di sicurezza in numerosi locali ed è una sorta di leggenda delle palestre cittadine. Forse qualcuno ha tentato, più o meno spontaneamente, di coprirlo.

Gli ultimi dubbi relativi alla vicenda, riguardano il rapporto tra i due. Secondo alcune testimonianze, tra loro ci sarebbe stata una relazione sentimentale, da cui è scaturita una gelosia morbosa da parte dell’uomo. La versione ufficiale diramata dai carabinieri però non fa cenno ad alcun coinvolgimento, ma soltanto ad un sentimento non corrisposto, che sarebbe degenerato in atto persecutori.

Continue Reading

Abruzzo

Alta Formazione in Abruzzo: da oggi possibile presentare domande per rimborso tasse universitarie

Published

on

L’AQUILA – La Regione Abruzzo contribuirà al pagamento delle tasse per i corsi universitari, per i master di primo e secondo livello e per i corsi di specializzazione post lauream. È quanto prevede l’ultimo avviso pubblicato oggi sullo sportello digitale della Regione Abruzzo denominato Voucher Alta Formazione. Il contributo per ogni studente può arrivare a 3000 euro con il rispetto di alcuni parametri indicati nell’avviso. Le spese che verranno rimborsate fanno riferimento a quelle sostenute nell’anno accademico 2021-2022: per ottenere il rimborso lo studente dovrà dimostrare, per quanto riguarda i corsi universitari, il superamento degli esami o il conseguimento del diploma di laurea oppure, per quanto riguarda i master e i corsi di perfezionamento post lauream, il superamento degli esami finali.

Rispetto agli anni precedenti sono state apportate alcune importanti modiche: è stato innalzato a 60 mila euro il tetto reddituale entro il quale si può richiedere il rimborso del voucher a fronte dei 25 mila delle precedenti edizioni; sono state previste alcune premialità riferite all’età dello studente richiedente e alla sede in Abruzzo nella quale si svolge il corso universitario, il master e il corso di specializzazione. Altra novità è la presentazione della domanda che potrà essere fatta esclusivamente on line sulla piattaforma digitale della Regione Abruzzo all’indirizzo sportello.regione.abruzzo.it il cui accesso è consentito con lo SPID.

Il voucher di Alta formazione è finanziato con i fondi europei dell’FSE 2014-2020 con una dotazione finanziaria di 930 mila euro. La gestione dell’avviso, l’istruttoria delle domande e la pubblicazione degli elenchi degli aventi diritto verranno gestite dagli uffici regionali in collaborazione con la FIRA Abruzzo. Le domande si possono presentare dalle ore 9 di oggi, 11 agosto, fino alle ore 20 del 24 settembre 2022

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.