fbpx
Connect with us

Abruzzo

Pepe: “continuano le menzogne della maggioranza sulla chiusura della Casa di Riposo di Sant’Omero”

Pubblicato

il

SANT’OMERO – “Ancora una volta, dinanzi ad un palese ed evidente fallimento di Marsilio e della sua maggioranza, i consiglieri di centrodestra della provincia di Teramo non trovano di meglio da fare che scaricare sulle passate amministrazioni regionali colpe che invece sono solo loro” sottolinea l’ex Assessore Regionale, Dino Pepe. “Infatti la chiusura della Casa di Riposo “C. Campanini” di Sant’Omero è ascrivibile solo ed esclusivamente alla Giunta Marsilio che, in questi due anni, ha lavorato sotto traccia per distruggere quella che è un’eccellenza della Val Vibrata con il placet dei quattro, D’Annuntiis, Di Matteo, Fioretti e Quresimale, che non hanno mosso un dito per scongiurare questo ennesimo scippo”.

Vorrei ricordare loro che la precedente Giunta di centrosinistra concesse ben 160 mila euro al Comune di Sant’Omero per intraprendere interventi urgenti sulle strutture dell’ex ospedale che poi, dopo un lungo contenzioso, sono passate di proprietà alla Asl teramana – precisa il Vice Capogruppo Regionale del Pd, Dino Pepe – come possono quindi dire che non è stato fatto nulla per questa struttura da parte di chi li ha preceduti? Piuttosto ci spieghino come mai la Asl, da quando sono entrati loro al governo della Regione, non ha portato avanti i lavori di ristrutturazione della storica sede della Casa di Riposo decretandone la chiusura”.

Per quanto concerne poi la querelle legata alla gestione delle Asp dovrebbero sapere che i debiti di cui parlano vengono da lontano, lo dichiara anche Quaresimale in risposta alla mia interrogazione, un dato di fatto inoppugnabile, più volte dimostrato in Consiglio Regionale carte alla mano, quindi al posto loro eviterei di fare “falsa informazione” per difendere il fallimento dei due anni della loro gestione” ribatte Pepe. “La verità, purtroppo per loro, è che la Giunta Marsilio, al di là delle promesse fatte, ha tradito la Val Vibrata, abbandonandola a sé stessa con il placet di chi come loro è stato eletto con i voti dei vibratiani e non ha fatto nulla per tutelarli. Il resto sono solo “chiacchiere da bar”, accuse lanciate per non ammettere le proprie responsabilità. I consiglieri regionali di maggioranza si preoccupassero piuttosto degli oltre 10 stipendi non pagati agli operatori, delle famiglie e soprattutto dei pazienti della struttura. La Asp dalla sua istituzione nel 2011 è stata governata sempre da esponenti di centrodestra, eccetto i 16 mesi della presidenza Zunica. È gravissimo chiudere, in piena pandemia, una casa di riposo che per decenni ha reso un servizio fondamentale alle persone fragili della nostra società”.

Teramo

Teramo: ancora incendi. A fuoco 110 ettari a Sardinara e 4mila metri a Bellante

Pubblicato

il

TERAMO – Durante la notte scorsa i vigili del fuoco di Teramo sono stati impegnati nelle operazioni di spegnimento di diversi incendi di sterpaglie e bosco. È stato ultimato lo spegnimento degli incendi di Piancarani di Campli, di Villa Ripa di Teramo, di Fontanelle di Atri, Valle Castellana ed Ancarano. Nel corso della mattina sono rientrate ai Comandi di appartenenza le squadre de L’Aquila, Ascoli Piceno e Ravenna che erano intervenute a supporto dei colleghi teramani. Particolarmente complesso lo spegnimento dell’incendio di Sardinara, che si è esteso per circa 110 ettari e che durante la notte si è avvicinato pericolosamente ad alcune abitazioni e solo grazie all’impegno dei vigili del fuoco non sono state raggiunte dalle fiamme.

Nel corso della giornata di oggi sono ripartiti alcuni focolai a Sardinara di Teramo, prontamente spenti dalle squadre a terra con il concorso dell’elicottero Erikson S-64 dei vigili del fuoco e l’elicottero regionale che hanno effettuato oltre quaranta lanci per spegnere i focolai che si sono riattivati. L’azione dei mezzi aerei è stato coordinata da un Dos (Direttore delle Operazioni di Spegnimento) del Comando di Teramo.

Nel pomeriggio di oggi una squadra del Distaccamento di Nereto è intervenuto a Collerenti di Bellante dove si è sviluppato un incendio di sterpaglie che ha interessato un’area di circa 4 mila metri. Complessivamente sono stati impegnati ventuno unità dei vigili del fuoco e diversi volontari Aib delle associazioni di volontariato Gran Sasso D’Italia e Cives che sono state attivate dalla Soup della Regione Abruzzo

Continua a leggere

Teramo

Sant’Egidio alla Vibrata: viola divieto di avvicinamento, arrestato 30enne

Pubblicato

il

SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Era già finito in carcere, nei mesi scorsi, in applicazione del protocollo previsto dal “Codice rosso” per atti persecutori, violenza sessuale e violazione di domicilio, per essersi invaghito di una condomina alla quale aveva rivolto le sue attenzioni morbose. Una volta scarcerato, gli era stato, comunque, notificato il provvedimento emesso dal Gip del Tribunale del divieto di avvicinamento alla parte offesa.

Ciò non è stato sufficiente, perché il 30enne è tornato alla carica imperterrito ed ha reiterato le violazioni delle prescrizioni imposte dal Giudice avvicinandosi alla vittima che ha segnalato tempestivamente l’accaduto ai Carabinieri di Sant’Egidio alla Vibrata.

I militari hanno informato nel senso il Gip, Giovanni Cirillo, che ha revocato il precedente provvedimento disponendo nuovamente la custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato quindi prelevato e tradotto presso la Casa Circondariale di Vasto in applicazione del richiamato “codice rosso”.

Continua a leggere

Teramo

Giulianova: non rispetta il divieto di avvicinamento, denunciato 50enne. Scoperti due tentati furti

Pubblicato

il

Carabinieri notte (ilmartino.it)

GIULIANOVA – Un uomo di 50 anni, è stato denunciato per non aver ottemperato ad un provvedimento di divieto di avvicinamento comminato nei suoi confronti dall’Autorità Giudiziaria di Teramo. Particolarmente incisiva è stata l’attività preventiva del dispositivo in atto che consentiva di intervenire immediatamente su due abitazioni di Giulianova e Cologna Spiaggia dove era stata segnalata la presenza di persone sospette in procinto di compiere dei furti.

Il tempestivo intervento dei militari ha messo in fuga i malviventi. L’attività di controllo territoriale posta in essere dal Comando di Giulianova si sta rivelando efficace sul territorio anche grazie ai numerosi servizi finalizzati alla massima proiezione esterna che porta anche un maggiore contatto con il cittadino allo scopo di aumentare la percezione di sicurezza.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy