fbpx
Connect with us

Ancona

Marche, la Giunta regionale approva il Calendario di pesca 2021. Carloni: “Il prelievo della trota dal 18 aprile

Pio Di Leonardo

Pubblicato

il

ANCONA – La Giunta regionale ha approvato il Calendario di pesca 2021. Il prelievo della trota è previsto dal 18 aprile, a condizione che le disposizioni di contenimento del Covid consentano lo spostamento tra i comuni delle Marche. Perdurando le restrizioni, l’avvio è posticipato alla prima domenica utile, successiva alla scadenza delle limitazioni. “Il calendario di pesca sportiva è stato approvato dalla Giunta per dare certezze ai nostri pescatori anche per quanto riguarda la trota, nel rispetto delle limitazioni poste dal Covid”, ha dichiarato il vicepresidente Mirco Carloni, assessore alla Pesca. Una novità del calendario 2021 è rappresentata dalla “procedura di screening” della valutazione d’incidenza ambientale: “Per la prima volta – spiega Carloni – è stato preventivamente portato all’attenzione dei gestori dei Siti Natura 2000, ognuno dei quali, per le proprie competenze, ha avanzato le opportune considerazioni. Un bel percorso partecipativo per una migliore programmazione della gestione ittica territoriale”.

Ancona

Elica, il Tavolo istituzionale. Acquaroli e Aguzzi: “Obiettivo la difesa del territorio. Faremo la nostra parte”

Pio Di Leonardo

Pubblicato

il

ANCONA – “La difesa del territorio è l’obiettivo che vogliamo raggiungere, in questa vertenza e come missione del governo regionale. Il patrimonio di lavoro, conoscenze e di imprenditorialità che abbiamo acquisito negli anni va difeso perché questo è uno dei più grandi problemi che le Marche hanno, insieme alla ricostruzione e al Covid. Metteremo in campo tutte le risorse che abbiamo, in termini di conoscenze, di relazioni istituzionali e finanziarie per cercare di risolvere questa difficile situazione”. Lo ha affermato il presidente della Regione Francesco Acquaroli alla prima riunione del Tavolo istituzionale per la crisi di Elica. All’incontro erano presenti, insieme al presidente, il vicepresidente Mirco Carloni, gli assessori al Lavoro Stefano Aguzzi e Giorgia Latini. La delicatezza e la pesantezza di questa vertenza “non ci faceva ovviamente sperare che da un primo incontro scaturissero soluzioni – ha affermato l’assessore Aguzzi – C’è una distanza significativa tra la parte aziendale e sindacale. L’azienda ha posto in discussione, con fermezza, un ridimensionamento fortissimo per intavolare una trattativa serena e per raggiungere un accordo tra le parti. Ora gli incontri proseguiranno unilateralmente, per capire se c’è effettivamente la possibilità di una sintesi. Non escludo anche di portare la discussione su un tavolo nazionale”.

Continua a leggere

Ancona

Coldiretti Marche, Codiv: lasciate lavorare agriturismi, sono in sicurezza

Pio Di Leonardo

Pubblicato

il

ANCONA – Dopo aver rinunciato alla seconda Pasqua consecutiva e con la chiusura prolungata per tutto aprile prosegue e si aggrava la crisi degli oltre 1000 agriturismi marchigiani. La primavera è infatti la stagione preferita dagli italiani per gite fuori porta e scampagnate e, nell’impossibilità di ospitare persone, il solo servizio a domicilio o l’asporto non bastano per coprire le perdite. “L’arrivo della bella stagione e la possibilità di sfruttare ampi spazi in zone poco affollate è garanzia di sicurezza dai contagi – attacca Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – Gli agriturismi vanno riaperti subito perché sono perfettamente in grado di garantire tutte quelle misure previste per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Parliamo di strutture che avranno un ruolo centrale per le vacanze estive nella nostra regione, determinanti per il turismo di prossimità”. La domanda che ricorre tra operatori è: “Riusciremo ad arrivare all’estate? Il settore lamenta forti ritardi nei ristori e la situazione economica di queste imprese, per lo più famigliari, è preoccupante. Va data loro la possibilità di tornare a lavorare, ovviamente in sicurezza.

Continua a leggere

Ancona

Ciclabili, Baldelli e Latini: “Finanziati percorsi che interessano 28 comuni con meno di 20mila abitanti”

Pio Di Leonardo

Pubblicato

il

ANCONA – “La Regione Marche può e vuole fare la sua parte per offrire sostegno alle imprese, per questo sta velocizzando le opere di immediata cantierabilità e attivazione: far partire i lavori è la migliore soluzione per immettere sul territorio nuove risorse, con l’ottica di migliorare al contempo la mobilità della regione. Alcune di queste opere competono ai piccoli Comuni, che hanno scarse disponibilità di bilancio. Ed è guardando a loro che la Regione ha stanziato 816mila euro come contributi per la creazione di nuovi percorsi ciclabili, risorse vincolate a questo tipo di intervento”. L’assessore regionale ai Lavori pubblici Francesco Baldelli prosegue nell’impegno di erogare fondi per interventi infrastrutturali sul territorio. 

Dopo il bando per installare impianti di ventilazione meccanica nelle aule scolastiche e gli investimenti nell’edilizia scolastica ed ospedaliera, ora è il turno della mobilità sostenibile. Ventotto piccoli Comuni con meno di 20mila abitanti beneficeranno di un cospicuo contributo della Regione Marche per la realizzazione di nuove piste ciclabili e la messa in sicurezza delle esistenti. Gli uffici hanno approvato le graduatorie finali: una prima graduatoria è riservata ai Comuni con meno di 10mila abitanti e una seconda graduatoria ai Comuni con popolazione compresa tra i 10mila e i 20mila abitanti.

“Complessivamente – spiega l’assessore regionale ai Lavori pubblici Francesco Baldelli -, sono 10 i progetti finanziati, che interessano 28 comuni, per un contributo totale di 816mila euro. Potenziare la mobilità dolce, mettere in rete le ciclabili tra di loro e interconnetterle con le infrastrutture stradali e ferroviarie è una delle priorità di questa amministrazione regionale. Infatti, nell’elaborare la graduatoria delle richieste pervenute, è stata data priorità agli interventi promossi dai raggruppamenti di Comuni che hanno presentato progetti sinergici e che prevedono la connessione con la rete ciclabile di livello regionale”.

“Nella giornata internazionale dello sport queste risorse assumono ancora di più maggiore rilevanza. – afferma l’assessore con delega alle Piste ciclabili Giorgia Latini -. La mobilità ciclistica ha indubbi vantaggi, non solo dal punto di vista salutare, ma anche sotto l’aspetto socio-culturale. Il mondo delle due ruote è in forte espansione e come regione vogliamo dare tutto il nostro apporto affinché la rete ciclopedonale sia sempre più sviluppata perché permetterà ai tantissimi marchigiani di muoversi in lungo e in largo sul territorio, sia per lavoro, che per svago.” – conclude l’assessore Latini.

Sono state presentate complessivamente 50 richieste di finanziamento, da parte di 30 Comuni che hanno partecipato singolarmente e ulteriori 65 Comuni che hanno partecipato in aggregazione, per un coinvolgimento complessivo di 95 Comuni. Di queste 50 richieste di finanziamento, solo 7 sono pervenute da Comuni o raggruppamenti di Comuni con una popolazione compresa tra i 10mila e i 20mila abitanti, tutte accolte, per un contributo complessivo di 316.625 euro. Mentre le restanti 43 richieste sono state presentate da Comuni o raggruppamenti di Comuni con meno di 10mila abitanti, e ne sono state accolte 3, per un contributo complessivo di 500mila euro.

Questi i progetti immediatamente finanziabili:


• al raggruppamento dei Comuni di Massa Fermana, Montappone, Monte Vidon Corrado, Falerone, Servigliano, Belmonte Piceno e Montegiorgio della provincia di Fermo sono stati riconosciuti 244.347 euro per sviluppare una rete di percorsi che attraversi e connetta i territori dei sette comuni, a partire dalle Piane di Montegiorgio, passando per Servigliano ed arrivando a Massa Fermana, ai confini del territorio provinciale


• al raggruppamento dei Comuni di Colmurano, Loro Piceno, Ripe San Ginesio, Sant’Angelo in Pontano, San Ginesio Urbisaglia della provincia di Macerata sono stati assegnati 210mila euro per la realizzazione della Ciclovia dei colli del Fiastrella, che si sviluppa per circa 38 chilometri con tratti prevalentemente in pendenza, si immette nei sentieri dei parchi di Urbisaglia e si connette alla ciclovia del Fiastra in tre punti


• al raggruppamento dei Comuni di Sassoferrato, Arcevia, Genga, Cerreto d’Esi e Serra San Quirico nella provincia di Ancona sono stati concessi 45.652 euro per la Ciclovia dei parchi e dei castelli, che collegherà i comuni di Cerreto d’Esi e Genga, passando per Fabriano, percorso inserito all’interno del più vasto comparto denominato “Distretto cicloturistico della Vallesina”


• al raggruppamento dei Comuni di Chiaravalle, Monte San Vito e Montemarciano nella provincia di Ancona sono stati assegnati 104.950 euro per la realizzazione del progetto ‘Dalle colline al mare’


• al raggruppamento dei Comuni di Sant’Elpidio a Mare e Montecosaro nella provincia di Fermo sono stati attribuiti 69.949 euro per il tracciato ciclopedonale lungo il fiume Chienti


• al Comune di Morrovalle (Macerata) sono stati concessi 35mila euro per il primo stralcio della pista ciclopedonale Trodica Colli Bellavista


• al Comune di Grottammare (Ascoli Piceno) sono stati assegnati 12mila euro per la realizzazione di un tratto di pista ciclabile su corsia riservate al fine di collegare il tracciato ciclabile tra la stazione e il lungomare


• al Comune di Porto San Giorgio (Fermo) sono stati riconosciuti 35mila euro per la corsia ciclabile a doppio senso sul lungomare Gramsci


• al Comune di Corridonia (Macerata) andranno 35mila euro per la realizzazione di un circuito ciclabile di collegamento tra via Eugenio Niccolai e via Sant’Anna


• al Comune di Tolentino (Macerata) sono stati assegnati 24.725 euro per la pista ciclabile in contrada Piani Bianchi

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy