fbpx
Connect with us

Abruzzo

”Pandemonium”, a Castelli la mostra dell’artista Beatrice Celli

Pubblicato

il

Una nostra conoscenza torna ad illuminare di simboli e significati uno tra gli scenari più suggestivi dell’intero Abruzzo, Castelli, borgo inimitabile e culla senza tempo della ceramica. Di Beatrice Celli avevamo parlato qualche anno fa nel contesto di ”Finestre magiche”, un progetto di recupero urbano finanziato dal Comune di Castelli. Ora più che mai, con il mondo della cultura nel totale sbando collettivo e il bisogno sempre più insistente di tornare a guardare finalmente al di là delle nostre convinzioni, ”Pandemonium” arriva nell’anno della pandemia globale come un segno di speranza: provare a reagire alla situazione attuale organizzando una mostra nelle vetrine pubbliche, nel pieno rispetto delle regole sanitarie, è un atto di grazia e coraggio.

‘Calato nel contesto storico in cui l’autrice realizza l’installazione, tuttavia, il termine Pandaemonium crea un sottile gioco di assonanza con un vocabolo di spiccata attualità: la parola Pandemia che nulla condivide con Pandaemonium etimologicamente ma che tanto gli somiglia nel suono. Il legame tra Pandaemonium e pandemia è voluto e ricercato e amplia il significato stesso della mostra aprendola a contenuti ulteriori e suscitando sentimenti uguali e contrari: la pandemia come il pandemonio crea scompiglio, genera paure, sovverte l’ordine delle cose, disorienta e sconvolge; allo stesso tempo, tuttavia, la pandemia ostacola quella umana confusione e a chi l’abbia vissuta evoca più immagini di solitudine e città deserte che il caos della capitale infernale. Nell’istallazione, il Pandaemonium prende vita mediante l’accostamento di oggetti ed immagini profondamente eterogenei che trovano il loro unico legame nell’essere rappresentativi di superstizioni, inquietudini e paure, che diventano il racconto di una cultura popolare con una precisa collocazione nel tempo e nello spazio ma che assurgono a concretizzazioni di quelli che sono i timori dell’uomo di ogni epoca ed ogni cultura.” Le parole di Alessia Di Stefano ci catapultano nell’atmosfera mentale della mostra con precisione e puntualità.

Beatrice Celli si ispira alla cultura popolare e mistica della sua regione, l’Abruzzo nel Sud Italia. Nelle sue sculture e oggetti riscrive elementi della cultura vernacolare e popolare ignorati dalla cultura e dal linguaggio dominante. Nella sua arte pratica un sincretismo che le permette di articolare elementi rituali, folklore, tecniche tradizionali, oggetti votivi e simbolici, dispositivi contemporanei, finzione e allegoria. Una poetica in cui l’antropologia e la cultura vengono sollecitate al servizio di una cosmogonia personale. Ciò le consente di attivare una dinamica nella quale riattiva una storia sia individuale che collettiva, con la sua violenza e la sua forza simbolica. Possibile consultare il suo sito per approfondire la sua persona e poetica.

Abruzzo

Cure odontoiatriche su soggetti fragili: convenzione tra Regione e Università dell’Aquila

Pubblicato

il

L’AQUILA – Con la convenzione sottoscritta tra Regione Abruzzo e Università dell’Aquila è stato avviato il progetto di prevenzione dello stato di salute orale e screening su persone socialmente fragili con difficoltà di accesso alle cure, da attuare sui soggetti socialmente vulnerabili afferenti a percorsi di inclusione sociale. L’iniziativa è stata illustrata questa mattina all’Aquila, dall’assessore Piero Quaresimale, il quale ha spiegato che per la realizzazione del progetto verrà utilizzata una parte del Fondo Sociale regionale 2021 destinata agli interventi per “Innovazione e programmi speciali regionali”.

“L’obiettivo del progetto” ha spiegato Quaresimale, “è quello di effettuare uno screening della salute orale di popolazioni vulnerabili sociali mediante visita odontoiatrica e di generare di un database di incidenza delle patologie orali di interesse; la vulnerabilità sociale delle classi meno abbienti nel nostro paese costituisce un aggravio dello stato della salute orale della popolazione, che si traduce in un necessario maggiore impegno dell’intervento della sanità pubblica per la risoluzione della problematica”.

Il progetto presentato rappresenta un percorso di orientamento, formazione e istruzione finalizzati all’inclusione sociale e al superamento di situazioni di svantaggio che condizionano l’autonomia sociale del soggetto, con particolare riferimento all’acquisizione o al mantenimento e comunque alla valorizzazione di procedure domiciliari di cura dell’apparato stomatognatico. 

La salute orale secondo Quaresimale “riveste una natura multidimensionale che include il benessere fisico, psicologico, emotivo e la totalità del benessere sociale e in questa ottica si inserisce anche una ulteriore importante considerazione riguardo la possibilità di essere testimoni diretti di abusi su pazienti fragili sociali come donne e bambini: infatti il viso è tipicamente l’area dove più si notano le conseguenze di una presunta violenza e dunque anche gli odontoiatri, in grado di individuare piccole lesioni traumatiche al volto o ai denti, possono dare un contributo importante nella lotta contro la violenza”.

Il fenomeno della violenza maschile contro le donne ha una matrice di carattere sociale e culturale che richiede una posizione chiara di condanna e un’assunzione di responsabilità da parte del mondo istituzionale, oltre che di quello della società civile.

I destinatari del Progetto sono le persone afferenti ai centri antiviolenza, prese in carico dal Servizio Sociale Professionale o dai Servizi Sanitari competenti, secondo le proprie norme, regole, procedure, che fanno riferimento a percorsi e progetti di inclusione sociale poste in essere sul territorio regionale. Quindi tale approccio permetterà di capire anche il rapporto intrinseco tra qualità della vita e salute orale.

“Violenza e discriminazione potranno essere sconfitte soltanto quando uomini e donne avranno gli stessi diritti, doveri e opportunità” ha concluso Quaresimale.

E in quest’ottica, anche l’odontoiatra sarà in condizione di “intercettare” nelle pazienti, o nei pazienti più giovani e indifesi, segnali di violenza e di svolgere un ruolo decisivo, sempre nel rispetto dei vincoli posti dall’etica professionale.

Continua a leggere

Abruzzo

Asl Teramo, “Beach Covid free”: nuovo calendario di appuntamenti per il camper di vaccini e tamponi

Pubblicato

il

TERAMO – “Beach Covid-free”: nuovo calendario degli appuntamenti del camper attrezzato che offre alla popolazione di sottoporsi a vaccino e tampone sulla costa.  L’iniziativa della Asl di Teramo, varata il 2 luglio scorso, finora ha fatto registrare numeri di tutto rispetto: 5.750 vaccinazioni di cui 220 a turisti. Sono stati inoltre circa 900 i tamponi eseguiti, che hanno portato all’individuazione di tre positivi.

  “Visto il successo dell’iniziativa e il gran numero di richieste”, commenta il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia, “continueremo per buona parte del mese di agosto. Negli ultimi giorni, peraltro, abbiamo registrato un’inversione di tendenza: se prima inoculavamo soprattutto seconde dosi, adesso più della metà sono prime dosi, segno che stiamo recuperando fasce di popolazione finora non vaccinata. Registriamo inoltre con piacere la soddisfazione delle amministrazioni locali, con cui continua una proficua collaborazione”.

  Questi i posti in cui sosterà il camper della Asl dalle 16,30 alle 22,30: a Giulianova in piazza Dalmazia, a Tortoreto sul lungomare (rotonda Marconi), ad  Alba Adriatica alla Bambinopoli, a Martinsicuro il 20 sulla rotonda Las Palmas e a Villa Rosa il 28 sulla rotonda Filzi, a Silvi in piazza Fermi (più conosciuta come piazza Iris), a Roseto sul lungomare sud davanti al Palazzo del mare e a Pineto davanti al Palazzo polifunzionale in largo Fava.

Continua a leggere

Abruzzo

BPB, Zennaro: “Con chiusura filiali aree interne riduzione credito per famiglie e imprese”

Pubblicato

il

Antonio Zennaro ( deputato M5S) (Il Martino - ilmartino.it -)

TERAMO – “Se dovesse essere confermata, la chiusura imminente delle sei filiali in provincia di Teramo, ad Ancarano, Aprati, nel comune di Crognaleto, Canzano, Castelli, Castilenti e Tossicia, arriverebbe come una mannaia sul tessuto economico delle aree interne della provincia teramana. Una riduzione che peserà non poco sull’attività dei centri interessati, sull’accesso al credito per famiglie e imprese, sul turismo.” – dichiara il deputato della Lega Antonio Zennaro.

“Come Lega presenterò un’interrogazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze affinché, anche in considerazione del controllo esercitato da Mediocredito Centrale sulla Popolare di Bari, si avvii un’azione di confronto e dialogo tra i vertici MCC e BPB, le amministrazioni coinvolte, le istituzioni regionali e le parti sindacali, per convergere verso una strategia più attenta al problema del mantenimento dei presidi sul territorio, dell’accesso al credito, oltre che della tutela del capitale umano.”

“Sono aree che non possono rimanere scoperte dalla presenza di un istituto bancario e l’eventuale smantellamento delle filiali dovrebbe essere coordinato attraverso tempistiche che consentano, perlomeno,  di avere soluzioni già definite per il subentro di nuovi gruppi di credito. Auspico che si trovi una modalità sostenibile per non creare difficoltà a famiglie ed imprese locali”. – Conclude Zennaro.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy