fbpx
Connect with us

Pescara

Pescara: rapina all’ufficio postale, è caccia ai rapinatori

Pubblicato

il

PESCARA – La rapina è avvenuta ieri mattina, giovedì 29 aprile, presso l’ufficio postale in viale Luisa d’Annunzio. Da quanto appreso, due uomini con il volto occultato da mascherina e casco, avrebbero fatto irruzione, armati di pistola. I due si sarebbero impossessati di poche centinaia di euro contenuti in cassa e poi sarebbero fuggiti facendo perdere le proprie tracce. Sul posto la Polizia e la Scientifica che si è occupata dei rilevi. Le indagini proseguono.

Pescara

Incendio nella zona del porto a Pescara, a fuoco i ripari usati dai senzatetto

Pubblicato

il

Fiamme alte, fumo denso e aria irrespirabile ieri sera intorno alle 22 in via Andrea Doria a Pescara, nei pressi del lungofiume sud non lontano dal porto, dove si è sviluppato un incendio tra i rifugi nei quali i senzatetto trascorrono le notti.

PESCARA – Nuovo incendio a Pescara dopo quello che ha interessato l’area esterna ad una banca un paio di giorni fa, ma questa volta nella zona del porto e senza nessuna ipotesi relativa alla pista anarchica. Ad andare a fuoco ieri sera, mercoledì 1 febbraio, intorno alle 22, i ripari utilizzati dai senzatetto in via Andrea Doria, nella zona del lungofiume sud.

Fiamme alte, densa colonna di fumo visibile anche dalla zona Colli e aria irrespirabile in zona. I vigili del fuoco sono intervenuti con due squadre, un’autobotte ed un’autoscala. L’intervento per spegnere l’incendio in zona porta ha richiesto all’incirca un’ora. I pompieri hanno provveduto a domare le fiamme, mettere in sicurezza e bonificare l’area. Non si segnalano persone ferite, ustionate o intossicate.

Continua a leggere

Chieti

Balneari, venerdì confronto coi parlamentari abruzzesi sulle concessioni

Pubblicato

il

concessioni-spiagge-azzerate-via-a-gare-pubbliche-dal-2024

Il nodo Bolkestein al centro dell’incontro tra balneari e parlamentari abruzzesi in programma nella sede della CNA Abruzzo. Il discussione anche il Fondo integrato per la competitività.

PESCARA – I nodi legati alle principali emergenze della categoria, a cominciare dall’applicazione della “Direttiva Bolkestein” per le concessioni demaniali marittime, saranno al centro del confronto organizzato da CNA Balneari Abruzzo e in programma dopodomani mattina a Pescara con i parlamentari abruzzesi. All’appuntamento, che si terrà alle ore 10,30 nella sede della CNA in via Cetteo Ciglia 8, hanno assicurato la propria presenza i deputati Guerino Testa (Fratelli d’Italia), Luciano D’Alfonso (Pd) e Giulio Sottanelli (Azione); con loro sarà presente anche la senatrice Gabriella Di Girolamo (Movimento 5 Stelle).

Diversi gli interventi in programma durante il confronto tra balneari e parlamentari abruzzesi: previsti quello del coordinatore nazionale, Cristiano Tomei, che terrà la relazione introduttiva; della presidente nazionale Sabina Cardinali; dell’avvocato Ettore Nesi del Foro di Firenze. I lavori saranno aperti dal presidente della CNA Abruzzo, Savino Saraceni e dal direttore Graziano Di Costanzo, dopo i saluti del portavoce di CNA Balneari Abruzzo, Claudio Mille.

Nei giorni scorsi CNA Balneari era tornata a chiedere al governo la proroga delle attuali concessioni: «L’approssimarsi della data del 31 dicembre 2023 impone una proroga alla scadenza delle concessioni demaniali marittime, fluviali e lacuali. Tale proroga è necessaria per verificare il grado di disponibilità della risorsa spiagge: una verifica dalla quale non emergerà la necessità di riassegnare con evidenza pubblica le concessioni in essere, permettendo di conseguenza a 30mila imprese familiari di svolgere la propria attività, fare investimenti e continuare a mettere in campo l’attuale offerta turistica di qualità a livello internazionale». «La proroga – conclude in tal senso CNA Balneari – consentirebbe inoltre all’esecutivo di rinegoziare a livello europeo l’auspicata riforma del demanio».

Nel corso dell’incontro saranno anche illustrati i benefici che il mondo del turismo italiano – e dunque con loro anche le imprese balneari – potranno trarre dalle risorse previste dal Fondo integrato per la competitività delle imprese turistiche (FRI–Tur), reso operativo dal Ministero del Turismo, e previsto dal PNRR. A disposizione del settore ci sono ben un miliardo e 380 milioni di euro: il provvedimento favorirà, in chiave sostenibile e digitale, la riqualificazione di alberghi, agriturismi, stabilimenti balneari e termali, strutture ricettive all’aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale, consentendo alle nostre imprese di essere maggiormente competitive sui mercati turistici internazionali.

Continua a leggere

Pescara

Pescara, incendio in pieno centro: a fuoco i cassonetti di fronte ad una banca

Pubblicato

il

carabinieri-polizia-forze-dell'ordine-gazzella-volante

Alta colonna di fumo, aria irrespirabile fiamme altissime. Danneggiata la facciata e le vetrine dell’istituto, chiuso durante le operazioni di spegnimento dell’incendio, dopo che sono andati a fuoco i cassonetti di fronte alla banca, nella centralissima via Roma, a Pescara. Indagini in corso per stabilire se si sia trattato di un rogo di origine dolosa o meno. Non si esclude la matrice anarchica, in seguito alle proteste per la detenzione di Cospito.

PESCARA – Da un’isola ecologica situata in via Roma, non distante da corso Vittorio Emanuele, si sono levate fiamme altissime e una colonna di denso fumo. In breve, l’incendio che si è sviluppato dai cassonetti in pieno centro a Pescara, ha iniziato a lambire una banca situata nelle vicinanze, che ha riportato danni a facciata e vetrine.

L’incendio sviluppatosi in pieno centro a Pescara

L’istituto bancario è stato chiuso durante le operazioni di spegnimento delle fiamme da parte dei vigili del fuoco, mentre polizia, polizia locale e carabinieri si sono messi al lavoro per chiarire la dinamica che ha portato al rogo. Non si segnalano feriti.

Gli inquirenti vogliono capire se quello che si è sviluppato nei cassonetti di fronte ad una banca sia un incendio doloso o meno. non si esclude che possa essere collegato alle proteste relative alla detenzione di Alfredo Cospito al 41bis, messe in atto da una rete anarchica internazionale, ma nemmeno che possa essere stato il frutto di una tragica disattenzione da parte di qualcuno che magari ha gettato inavvertitamente materiale incandescente o un mozzicone di sigaretta.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.