fbpx
Connect with us

Pubbliredazionale

Il parere di Davide Ciampini: bene le prime riaperture, ora al lavoro per tornare gradualmente alla normalità

Published

on

il parere di Davide Ciampini dopo le riaperture

La prima settimana di zona gialla in quasi tutta la Penisola ha visto la ripresa delle attività all’aperto e la ripartenza per diverse attività commerciali. Tra le preoccupazioni di chi teme una nuova ondata di contagi e la voglia di tornare alla normalità, abbiamo raccolto il parere di Davide Ciampini, giovane esponente marchigiano della coalizione di centro destra.

Davide Ciampini, qual è il suo parere dopo la prima settimana di riaperture? E come valuta il mancato spostamento del coprifuoco?

Innanzitutto credo che vadano ricordate le cose positive fatte finora e che hanno permesso le prime riaperture. Cito giusto un paio di esempi: la scelta di sostituire il commissario Arcuri con il generale Figliuolo ed il potenziamento delle cure domiciliari al fine di alleggerire i posti letto ospedalieri e la riapertura serale dei ristoranti.

Per quanto riguarda il coprifuoco, comprendo il disagio dei cittadini e le giuste considerazioni fatte dell’opposizione. Tuttavia, ritengo che stiamo dando la giusta discontinuità rispetto al governo precedente. Confidiamo che già a maggio il coprifuoco possa essere rivisto e prolungato.

Teme una nuova ondata di contagi, chiusure e limitazioni? Cosa bisognerebbe fare per scongiurare questo pericolo

Il presidente Draghi ha definito l’ipotesi di un nuovo lockdown piuttosto remota. Proprio in questi giorni, grazie al generale Figliuolo, abbiamo raggiunto quota 500.000 mila vaccinazioni al giorno. In accordo con diversi studi scientifici, il Covid ha un incidenza maggiore sulle persone con più di 50 anni e sui soggetti con patologie pregresse. Mettiamo in salvo le categorie più fragili e torniamo gradualmente alla vita. Sempre nel rispetto delle regole e del buonsenso.

Cosa dovrebbe fare il Governo per agevolare l’imminente stagione turistica?

Imparare dagli errori del passato. Ricordo che l’estate scorsa il governo Conte permise ai cittadini di recarsi all’estero, erogando oltretutto diversi bonus. Credo che bisognerebbe fare in modo, appellandosi al buon senso, che le persone privilegino invece le mete nazionali per le vacanze. Comprendo la voglia di tornare alla vita, ma non possiamo permetterci di favorire la concorrenza estera andando a penalizzare il nostro turismo. Avremo modo e tempo di tornare a viaggiare fuori dalla nostra Italia.

Crede che quest’estate debbano essere prese misure che l’anno scorso sono mancate?

Sono convinto che la scorsa estate sia mancata una sola cosa: la gradualità con cui sono stati allentati i divieti. Siamo passati da due mesi di lockdown in cui non era permesso nemmeno fare una passeggiata, alla possibilità di andare all’estero. Condivido appieno la strategia del premier Draghi: apriamo con gradualità e buonsenso, ma facciamo in modo che queste riaperture siano poi irreversibili.

A livello locale come è stata gestita la situazione?

Direi egregiamente. Le Marche sono una delle prime regioni per vaccinati in Italia e, cosa che apprezzo molto, ha attivato l’assistenza domiciliare, evitando così affollamenti nei pronto soccorso. Sono convinto che la nostra Regione, per i prossimi 5 anni, sia in ottime mani.

Ancona

Inaugurato a Jesi “Il Baccio”, ristorante tipico marchigiano

Published

on

Inaugurazione Il Baccio

JESI – Si è tenuta lo scorso venerdì 25 marzo alle ore 12:00 in Piazza Baccio Pontelli, una conferenza stampa per l’inaugurazione del nuovo ristorante tipico “Il Baccio”. Il sole di primavera, questa volta non tradisce e “bacia” con un benaugurale benvenuto l’inaugurazione del nuovo ristorante che ha come obiettivo quello di differenziarsi dai locali già esistenti, per la proposta di un menù a base di prodotti tipici marchigiani.

Dopo anni di locali fortemente generalisti, Il Baccio, intende focalizzarsi esclusivamente sulle ricette marchigiane, ereditate dalla tradizione culinaria della nostra regione. Al perché di questa scelta ha risposto uno dei due soci del locale, Ibrahim Alì, giordano di origine, ma fortemente legato al nostro territorio: «sono titolare di un altro ristorante qui a Jesi e la qualità della cucina marchigiana mi ha sempre entusiasmato». Con questo progetto Alì, ha voluto «chiudere il cerchio. Le persone mi chiedevano un locale dove poter mangiare specialità del posto».

Questa è un’esigenza, non solo di chi viene da fuori, ma degli stessi jesini, dal momento che a Jesi mancava un locale legato al territorio. La cucina marchigiana tuttavia, esige che i piatti siano accompagnati da vini di ottima qualità. A questo ha pensato il noto barman Damiano Tamellin, anch’egli socio, jesino, molto conosciuto, perché per anni ha servito e fatto degustare vini in uno dei più importanti locali della cittadina di Federico Secondo.

«I piatti e le specialità gastronomiche che presentiamo, necessitano di essere accompagnati da vini di ottima qualità e nelle Marche ce ne sono tantissimi. La nostra carta dei vini – continua Tamellin – è ricca di proposte di micro aziende che sono in grado di esprimere parametri qualitativi elevati. Damiano, è uno jesino, doc, anche se il cognome tradisce le sue origini venete, di Soave per l’esattezza. Anche qui, in ogni caso, patria di un ottimo vino». Buon sangue…

La proposta de Il Baccio, non si limita solo al pranzo e alla cena, ma si allarga anche agli aperitivi, che tanto sono graditi al pubblico. Anche qui, tutto rigorosamente marchigiano.

Tutte le sere dalle ore 19,00 Il Baccio, proporrà aperitivi ed “apericene” a base di prodotti esclusivamente marchigiani e di altissima qualità.

Un brevissimo inciso, legato alla location, circondata dalle mura imponenti progettate dall’Architetto Baccio Pontelli, che rendono il locale unico per la forte suggestività della location.

In questo contesto si sono mossi i due bravissimi Architetti Moreno e Barbara Vallini, che hanno saputo sapientemente incastonare il non facile lavoro di arredo e design della location, rendendo unica la sensazione che si respira nei locali. Inutile ricordare che un buon progetto di design è destinato ad essere uno degli elementi principali che fanno la differenza.

Oggi le persone, hanno necessità non solo di degustare prodotti di qualità, ma di essere immersi in ambienti che completino l’esperienza sotto il profilo sensoriale ed in questo caso bisogna dire che gli Architetti sono perfettamente riusciti nell’intento.

Continue Reading

Abruzzo

Iseini Volley Alba Adriatica, OPEN DAY domenica 5 settembre per bambini e ragazzi

Published

on

ALBA ADRIATICA – L’Iseini volley Alba Adriatica per la giornata di Domenica 5 Settembre organizza presso il Palasport di Alba Adriatica dalle 15 alle 19 un OPEN DAY riservato a bambini, ragazzi e ragazze. Una giornata gratuita all’insegna del divertimento all’interno della quale sarà possibile usufruire di una prova gratuita, giochi di squadra e tanto altro.

La nostra società offre corsi di volley tenuti da tecnici FIPAV qualificati con esperienza pluriennale. Occorre presentarsi muniti di greenpass o tampone negativo svolto nelle 72 ore precedenti l’evento.

Continue Reading

Pubbliredazionale

Ciampini: “non esistono attività non essenziali, la politica rassicuri i cittadini”

Published

on

Davide Ciampini hair stylist e politico

Mentre si dibatte se stiamo vivendo ancora la seconda ondata, o se invece siamo stati investiti dalla terza, la pandemia non si ferma  e bisogna continuare a fare i conti con nuovi contagi e decessi. Ma anche con restrizioni e chiusure e sono tantissime le attività ormai in balia degli eventi. Davide Ciampini, giovane hair stylist e politico, fa qualche considerazione sulla situazione lavorativa di professionisti e giovani lavoratori.

La pandemia da Covid-19 non si arresta e mentre montano le polemiche relative ai ritardi delle consegne di vaccini, tutto il Paese continua a misurarsi con restrizioni, zone dai colori cangianti e chiusure. E le attività, già duramente provate da questo periodo, vivono nell’incertezza più totale. Tutta Italia si prepara al periodo di Pasqua in lockdown e le attività stagionali non sanno quando, e come, potranno aprire i battenti. Per analizzare nel dettaglio la precaria situazione lavorativa che stanno vivendo molti professionisti, abbiamo fatto qualche domanda a Davide Ciampini, giovane hair stylist, ma anche volto rampante della politica locale.

<<Mentre venivo qui ho incontrato un collega della mia zona. Mi ha parlato delle difficoltà economiche che sta avendo a causa delle chiusure –  esordisce lo stimato parrucchiere – Da tempo il nostro lavoro era già contingentato a causa dei protocolli Inail. Devo dire che tanti  sono già “alla canna del gas” e in molti tireranno giù la serranda. Certamente questa situazione è un grande assist per i parrucchieri cosiddetti “abusivi”. Non ho nulla contro di loro, tuttavia è bene chiarire molti protocolli igienico-sanitari, per forza di cose, non possono essere rispettati nelle case di chi lavora al nero. Oltre alla professionalità, non è garantita nemmeno la sicurezza del cliente e del lavoratore che eroga il servizi>>.

Lei è spesso a contatto con la gente di ogni età. Chi sta pagando lo scotto più grande?

“I miei figli sono sempre più spenti e privi di stimoli”. Questa frase mi ha scosso e toccato nel profondo e l’ho sentita da  una delle tante mamme preoccupate per i loro figli. Credo sia evidente che i più colpiti siano i giovani e in particolar modo gli adolescenti. Chiusi in casa e dietro il gelido schermo di un computer. La scuola è anche confronto, amicizie e perché no, anche trovare la propria fidanzatina o il proprio fidanzatino. Sono molto preoccupato dall’apatia che percepisco dai più giovani: inerzia, sfiducia e senso di impotenza. Sono queste le emozioni che provano i nostri ragazzi. Dobbiamo proteggerli e salvaguardarli.

Le restrizioni sono un disagio necessario per preservare la salute pubblica, o pensa che si sarebbe potuto fare diversamente?

In un primo momento credo che sia stata una scelta necessaria, quasi obbligatoria. Mi sembra evidente che la pandemia ci abbia preso alla sprovvista. Complici i tagli alla sanità apportati nel corso degli anni, il Covid ha fatto più danni di quanti avremmo mai immaginati. Tuttavia è trascorso più di  un anno e la strategia non è mai cambiata. Avrei messo al riparo le categorie più fragili, anziani ed immunodepressi i, e avrei consentito alle persone di lavorare e di vivere i loro anni più belli. Chiaramente con tutte le precauzioni e la massima prudenza nei confronti dei più deboli. Ritengo non vi sia alcuna gerarchia tra salute ed economico, tuttavia  è mia opinione  che difficilmente si può parlare di salute, dal punto di vista psicofisico,  senza un adeguato sostegno economico.

Cosa dovrebbe fare la politica, locale e nazionale, per supportare i cittadini?

Innanzitutto credo che debba tranquillizzare i propri cittadini. Sostengo convintamente che lo Stato, ancor prima degli aiuti economici, debba aiutare anche psicologicamente le persone. Il mio giudizio è estremamente critico rispetto alla comunicazione utilizzata per la narrazione del Covid. Non si tratta di raccontare un mondo parallelo, ma di rincuorare le persone, già preoccupate per la loro economia familiare e per la loro salute. In secondo luogo credo che le attività debbano essere sostenute e risarcite adeguatamente. Quella delle “attività non essenziali” è un a cattiveria bella e buona. Dietro ogni attività vi sono talvolta intere famiglie che con quell’attività ci vivono. Sui vaccini, considerati ad oggi l’unica soluzione possibile, credo debba essere mantenuta la massima libertà come previsto dalla nostra Costituzione.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.