fbpx
Connect with us

Macerata

Serie C, PlayOff. Stoico e storico Matelica: battuto il Cesena al 99°minuto

Published

on

CESENA – Uno stoico e storico Matelica espugna l’Orogel Stadium Dino Manuzzi La Fiorita di Cesena dopo cento minuti intensi e al cardiopalmo.

In doppio vantaggio fino a tre quarti di gara i biancorossi hanno subìto la rete del pareggio di Ardizzone al quinto minuto di recupero.

Sembrava tutto finito quando pochi secondi dopo Balestrero, con un incursione sulla sinistra, perforava la difesa romagnola e infilava il portiere avversario proprio sul suo palo.

Per il “miracoloso” Matelica si aprono le porte del terzo turno.

CAMPIONATO SERIE C, GIRONE “B”
II° TURNO PLAY-OFF

CESENA – MATELICA 2-3

CESENA (4-3-3): 33 Nardi; 16 Favale, 27 Gonnelli, 13 Ricci, 15 Ciofi (13’ st 10 Russini, 26’ st Sorrentino) 5 Steffè (37’ st Peterman), 4 Di Gennaro, 32 Capellini (13’ st 17 Ardizzone) ; 7 Zecca (37’ st 6 Zappella), 9 Caturano, 20 Bortolussi. A disposizione: 22 Benedettini, 36 Fabbri, 11 Munari, 18 Collocolo, 19 Nanni, 34 Lepri. Allenatore William Viali.
MATELICA (4-3-3): 28 Vitali; 14 Tofanari, 4 De Santis, 18 Magri, 3 Di Renzo; 19 Calcagni (26’ st 5 Bordo), 8 Pizzutelli (26’ st 30 Mbaye), 11 Balestrero; 7 Volpicelli (26’ st 29 Alberti) , 17 Moretti, 10 Leonetti. A disposizione: 1 Cardinali, 22 Martorel, 2 Fracassini, 6 Barbarossa, 16 Baraboglia, 21 Peroni, 23 Franchi, 24 Seminara, 27 Maurizii. Allenatore Gianluca Colavitto.
ARBITRO: Sig. Daniele Rutella della sezione di Enna.
ASSISTENTI: Sig. ri Rosario Caso della sezione di Nocera Inferiore e Mirco Carpi Melchiorre della sezione di Orvieto.
QUARTO UOMO: Sig. Alessandro Di Graci della sezione di Como.
RETI: 37’ pt Magri, 6’ st Calcagni, 24’ st Di Gennaro, 50’ st Ardizzone, 53’ st Balestrero.
NOTE: gara a porte chiuse; ospiti in divisa biancorossa, pantaloncini e calzettoni rossi e portiere verde; locali in divisa bianconera, pantaloncini neri e calzettoni bianchi e portiere giallo; corner 7-6; espulso al 43’ st Favale; ammoniti Mister Colavitto, Ardizzone, De Santis, Leonetti e Gonnelli; recupero 2’ pt, 7’ st.

Il Matelica espugna l’Orogel Stadiumsupera il turno battendo il Cesena e vola nella fase nazionale dei play off in programma domenica prossima.
Gara intensa e spettacolare, emozionante e al cardiopalmo fino all’ultimo secondo tra due formazioni giunte rispettivamente al settimo e all’ottavo posto della graduatoria finale, che hanno approcciato  con moduli e atteggiamenti speculari. Nel primo turno, il Matelica aveva superato nel derby marchigiano la Samb, mentre il Cesena il Mantova, prima di aspettare il colpaccio della Virtus Verona in casa della blasonata Triestina di tre giorni fa. Out Borrelli, Longo, Capanni, Maddaloni e Tonetto, deciso a non ripetere l’approccio soft avuto con i virgiliani, mister Viali si affidava in attacco alla premiata ditta Zecca – Caturano – Bortolussi, affidando le chiavi del centrocampo alla qualità di Di Gennaro. Pochi i correttivi operati al proprio undici da mister Colavitto: Magri confermato al posto dell’acciaccato Zigrossi al centro della difesa e Pizzutelli per Bordo in mediana unico cambio rispetto a dieci giorni fa.
Prima frazione arrembante da parte degli ospiti che non possono essere attendisti, dunque si ritrovano il pallino del gioco saldamente nelle mani con i padroni di casa ad agire di rimessa. La qualità degli avanti locali tiene in apprensione la retroguardia biancorossa quando chiamata in causa, ma è il Matelica a passare meritatamente in vantaggio al 37’ pt con la testa di Magri che svetta da calcio d’angolo. I ragazzi di Colavitto sfiorano il bis con l’esterno della rete beccato di Calcagni, ma è il Cesena ad andare vicinissimo al pari in pieno recupero. De Santis stende Caturano, dal dischetto si presenta Bortolussi. Vitali sventa e manda le squadre al riposo.
Nella ripresa, il Cesena incassa ancora, con il Matelica a trovare nuovamente il gol con la sassata dal limite di Calcagni, al secondo centro nei playoff. Mister Viali getta nella mischia Russini e Ardizzone per rivitalizzare l’inerzia del match. La mossa porta frutto visto che il Cavalluccio accorcia con Di Gennaro imbeccato in area da Bortolussi. Al 26’ st risponde con un triplo cambio Colvavitto: entrano Bordo, Mbaye e Alberti per ritrovare equilibrio e contrastare il ritorno dei padroni di casa nel finale. Il Cesena attacca a testa bassa ma al 43’ st, dopo essere rimasto in 10 per l’espulsione di Favale, con Di Gennaro rischia un clamoroso pari in due frangenti su cui si superano prima Vitali poi Tofanari. I padroni di casa trovano con Ardizzone la rete che sembrava chiudere il match quasi al fotofinish, ma una invenzione di Balestrero allo scadere del recupero regala al Matelica il prosieguo di un sogno.

La cronaca

Prima frazione
1’ pt Matelica subito in avanti guadagna il primo corner con Leonetti
7’ pt Zecca per Caturano para Vitali
12’ pt punizione di Pizzutelli, Nardi blocca la sfera poi rimane a terra infortunata
18’ pt Moretti taglia per Leonetti, Nardi salva ancora
23’ pt doppia occasione per Volpicelli, con il numero 7 biancorosso che due volte calcia alto
29’ pt sugli sviluppi di un corner Moretti di testa centra il palo
32’ pt De Santis salva su Caturano imbeccato da Zecca
35’ pt Gonnelli stende Moretti e becca un cartellino giallo
37’ pt GOL!! Dal calcio d’angolo svetta la testa di Magri per il vantaggio Matelica
39’ pt esterno della rete per Calcagni
46’ pt rigore per il Cesena, fallo di De Santis su Caturano
48’ pt Vitali neutralizza Bortolussi

Seconda frazione
6’ st GOL!! Raddoppia Calcagni dal limite
8’ st Magri salva in angolo ma sfiora l’autorete
24’ st GOL!! Accorcia il Cesena con Di Gennaro
43’ st espulso Favale
45’ st Vitali e Tofanari salvano su Di Gennaro
50’ st GOL!! Ardizzone riequilibra l’incontro
53’ st GOL!! Balestrero firma il blitz


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Ancona

Ancona, sgominata banda dello spaccio: riforniva tutta la costa marchigiana

Published

on

sgominata banda dello spaccio attiva sulla costa delle Marche

ANCONA – In seguito ad una lunga e dettagliata attività di indagine che ha permesso di identificarne i componenti e ricostruirne i movimenti, è stata sgominata una banda che si occupava dello spaccio sulla costa marchigiana, da Pesaro a San Benedetto del Tronto. Nove le persone che facevano parte del sodalizio criminale, cinque albanesi e quattro italiani, residenti tra Ancona, Pesaro, Urbino, Firenze e Pescara. La centrale nevralgica dell’intera operazione una serra di marijuana che è stata smantellata, ma la banda trattava anche cocaina.

Diverse le cessioni ingenti di stupefacente documentate dai carabinieri, avvenute in tutto il territorio marchigiano ma non solo: San Benedetto, Pesaro, Ancona, Senigallia, ma anche Pescara e Torino. Spaccio di etti o chilogrammi, sempre ascrivibili agli stessi membri della banda che si occupava di rifornire il mercato della costa marchigiana, ma non soltanto. L’attività doveva essere fiorente a giudicare dai sequestri: conti correnti, scooter, un furgone, ma anche 5 appartamenti, 4 rolex e 124 mila euro in contanti.

Tra i sequestri di stupefacenti ed altro materiale probatori invece, 1255 piante, più di 50 chili di marijuana, 3 di cocaina, 3,5 di hashish, ma anche una pistola clandestina e i proiettili.

Continue Reading

Macerata

Fiastra, scompare durante un giro in bici sui Sibillini: trovato morto

Published

on

FIASTRA – E’ stato trovato morto in serata in fondo ad un canalone a San Lorenzo al lago, nel territorio di Fiastra (Macerata) Michele Sensini, 47 anni, guida escursionistica, di cui si erano perse le tracce da oltre 24 ore. Il 47enne era andato a fare un giro in bici ieri pomeriggio intorno alle 16:30.

Come riporta l’Ansa, mon vedendolo rientrare e non riuscendo a mettersi in contatto con lui, la sua compagna ha lanciato l’allarme: le ricerche erano cominciate nel pomeriggio di oggi, condotte da vigili del fuoco, Soccorso alpino e carabinieri. La zona era stata sorvolata anche da un elicottero dell’Aeronautica militare. Le ricerche si erano concentrate in particolare nella zona di Fiastra, dove era stato visto l’ultima volta.

Sensini, in passato addetto stampa del Parco dei Monti Sibillini e attualmente del Comune di Fiastra, era una guida esperta e aveva organizzato varie escursioni nella zona, che conosceva perfettamente. L’uscita in bici era stata fatta per un sopralluogo in vista di un’altra escursione che stava preparando. Come riporta l’Ansa, sul posto per partecipare alle ricerche anche il fratello Mario, capo ufficio stampa del commissario alla ricostruzione post sisma Giovanni Legnini.

Continue Reading

Macerata

Condannato per spaccio, si consegna dopo tre mesi di latitanza

Published

on

MACERATA – In seguito ad un controllo eseguito durante un pattugliamento dai finanzieri della Tenenza di Porto Recanati, nel giugno del 2020 un soggetto già noto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di cocaina. Successivamente condannato per spaccio, da marzo era destinatario di un’ordine di carcerazione, ma si è consegnato solo nei giorni scorsi. Dopo tre mesi di latitanza infatti, si è presentato spontaneamente presso gli uffici della Squadra Mobile della Questura di Fermo, dove è stato tratto in arresto e condotto alla casa di reclusione.

Venne fermato mentre si trovava alla guida della sua auto e nel corso del controllo, spuntarono fuori 6 dosi di cocaina e qualche centinaio di euro in contanti. Questo ha portato le fiamme gialle ad approfondire i controlli e così, dopo aver ritrovato altro stupefacente nella sua abitazione, grazie al fiuto del cane antidroga Edir hanno scoperto cento grammi di cocaina purissima e quasi due mila euro in contanti celati in un nascondiglio, ricavato dietro il cruscotto.

Il Tribunale di Macerata ha emesso due sentenze. La prima nel dicembre del 2020, con una condanna a 3 anni di reclusione e al pagamento di una multa da 14 mila euro. La seconda, nell’ottobre del 2021, ha ridotto la pena a 11 mesi di reclusione e una multa da 3.500 euro. Lo scorso marzo, l’ordine di carcerazione, dopo che le sentenze sono divenute irrevocabili. Nei giorni scorsi infine, dopo tre mesi di latitanza, l’uomo condannato per spaccio si è consegnato spontaneamente per l’espiazione della pena.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.