fbpx
Connect with us

Cronaca

Civitanova: trovato morto in un pozzo l’anziano 93enne che era scomparso martedì

Pubblicato

il

CIVITANOVA MARCHE: È stato ritrovato ieri,dai Vigili del fuoco di Civitanova poco dopo mezzogiorno il corpo senza vita dell’uomo di 93 anni che era scomparso da casa Martedì alle prime luci dell’alba. Era sul fondo di un pozzo poco distante dalla sua abitazione in contrada San Savino, al confine tra i territori di Civitanova e Potenza Picena.L’anziano era uscito in pigiama senza avvertire nessuno e ha fatto perdere le sue tracce per diverse ore. L’allarme dei familiari hanno fatto scattare le ricerche,sono entrati in azione carabinieri e Vigili del Fuoco, che hanno perlustrato tutta la zona circostante con l’ausilio anche di un elicottero arrivato da Pescara fino al ritrovamento del cadavere. Gli inquirenti,indagano sull’accaduto e le cause della morte, e suoi ultimi attimi di vita dell’uomo.

Ancona

Ancona: cade dalla barca e perde molto sangue

Pubblicato

il

ANCONA: Lungo la spiagga del Passetto, sotto la piscina comunale,un 79enne del posto,mentre risaliva a bordo della sua barca, è scivolato e si è provocato una profonda ferita, iniziando a perdere molto sangue. Sul posto i soccorsi della Croce Gialla di Ancona che, con l’aiuto del gommone dei vigili del fuoco, lo hanno trasportato con un codice giallo avanzato all’ospedale regionale di Torrette. Durante il tragitto l’emorragia è stat bloccata per fortuna l’uomo non è in pericolo di vita. 

Continua a leggere

Abruzzo

Abruzzo: 5 arresti 20 denunce e 70 truffati

Pubblicato

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

PESCARA: E’ scattato l’arresto di 5 persone, la denuncia in stato di libertà di altre 20 ed il sequestro di beni per un valore di diverse centinaia di migliaia di euro provento di illecita attività. Gli indagati sono ritenuti responsabili di reati di associazione per delinquere, estorsione, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, danneggiamento e porto e detenzione abusiva di armi. L’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Pescara, ha permesso l’arresto per i mandanti e gli esecutori materiali degli attentati dinamitardi avvenuti a Città Sant’Angelo tra il 2018 ed il 2020 che trae origine sui danni di un imprenditore che, a partire dall’agosto 2018, ha subito una serie di gravi minacce seguite dall’incendio di un autocarro, l’esplosione di colpi d’arma da fuoco contro la propria autovettura nonché l’esplosione di un ordigno rudimentale sotto l’abitazione gravemente danneggiata. I Carabinieri hanno acquisito le immagini grazie sistema di videosorveglianza accertando che un uomo, dopo aver parcheggiato la propria auto nei pressi dell’abitazione della vittima, collocava l’ordigno e si dava alla fuga. Identificato l’uomo,un pregiudicato di origine pugliese e l’altro albanese,il quale,attraverso attività commerciali con le quali “riciclare” gli illeciti proventi delle attività delittuose i due gestivano gli affari sporchi. Una volta acquisite, le attività commerciali venivano date in gestione a prestanome, grazie ai quali l’organizzazione ha portato a compimento 70 truffe  a carico di imprenditori del pescarese, del teramano, delle Marche, dell’Umbria, dell’Emilia Romagna e della Lombardia, per un giro di affari di circa un milione di euro. Gran parte della merce provento dell’illecita attività, consistente in beni commerciali, autovetture di grossa cilindrata e merci di vario genere, in un capannone in provincia di Teramo per la successiva redistribuzione e commercializzazione in esercizi commerciali pescaresi, molti dei quali gestiti da associati, o all’estero ed in particolare in Albania (come nel caso delle autovetture). Le indagini,in più,, hanno permesso di identificare tutti i componenti del sodalizio che in alcuni casi avevano messo organizzato anche altri giri di “affari”.
Gli elementi indiziari gravi e numerosi, raccolti nel corso delle complesse indagini effettuate, hanno inoltre accertato la disponibilità del gruppo di armi e munizioni, sequestrate dai Carabinieri nel dicembre 2018 a Cerignola.

Continua a leggere

Abruzzo

Fossacesia: carabiniere fuori servizio salva due giovani caduti in acqua

Pubblicato

il

FOSSACESIA(CH):Ieri, nel pomeriggio, due giovani, alla foce del fiume Sangro, hanno rischiato il peggio in balìa della corrente,mentre erano intenti a pescare. All’improvviso, uno dei due cade in acqua ma la forte corrente lo spingeva a largo.Il ragazzo gridava l’ aiuto all’amico che si tuffa tentando di recuerarlo,ma anche lui si trova in difficoltà. Alcune persone hanno allertano il bagnino per far intervenire un’imbarcazione a soccorso. La barca guidata da un brigadiere dei carabinieri in servizio a Lanciano non in servizio,appena ricevuto il soccorso ha raggiunto i due giovani. Un doppio salvataggio dopo aver lanciato ai ragazzi il salvagente di salvataggio,il carabiniere li ha fatti salire a bordo. Entrambi i giovani stanno bene, non hanno riportato traumi.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy