fbpx
Connect with us

Abruzzo

Presentati i nuovi servizi e reparti dell’ospedale di Giulianova

Pubblicato

il

GIULIANOVA – Questa mattina, nella sala consiliare del Comune di Giulianova, si è tenuta una conferenza stampa per illustrare le novità che riguarderanno la riqualificazione dell’ospedale “Maria SS dello Splendore”.

Hanno preso parte all’incontro con i giornalisti l’onorevole Luigi D’Eramo Segretario regionale della Lega, il parlamentare Antonio Zennaro, il direttore generale della Asl di Teramo Maurizio Di Giosia, il dottor Paolo Calafiore, il consigliere regionale Simona Cardinali, il sindaco Jwan Costantini, il presidente del Consiglio Paolo Vasanella e l’assessore comunale Paolo Giorgini. 

Per l’ospedale di Giulianova l’azienda sanitaria locale propone un’organizzazione che consentirà, da un lato, la gestione ottimale dell’Emergenza-Urgenza con stabilizzazione e trattamento del paziente clinico e dall’altra la governante di tutti i bisogni sanitari della popolazione afferente. 

“L’organizzazione prevede tre steps con la riqualificazione della rete ospedaliera – dichiara il direttore Di Giosia – la riqualificazione dell’attività territoriale con incremento di servizi per la riduzione delle liste d’attesa e della mobilità passiva e l’elaborazione di un piano integrato di intervento sull’area “parco Cico Mendez” ed ex Ospizio Marino, da sottoporre al Comune di Giulianova per la valorizzazione dell’intera area, da poter investire sul presidio. L’ospedale giuliese serve un bacino d’utenza di circa 80.000 abitanti e per le sue peculiarità e la sua posizione riveste una notevole importanza nel riordino della rete ospedaliera della Asl di Teramo. Tutte le attività ospedaliere verranno concentrate sul lato est del presidio dove il Pronto soccorso, recentemente ampliato, ospiterà 5 posti letto di osservazione breve dedicati ai codici rossi, con possibilità di isolamento di pazienti affetti da patologie infettive. Inoltre il personale del ps di Giulianova sarà formato per acquisire specifiche competenze nell’ambito delle emergenze-urgenze pediatriche, grazi anche all’attivazione di un servizio di consulenza il telemedicina con il reparto di Pediatria di Teramo. Il reparto di Chirurgia diventa UOC (Unità Operativa Complessa) con un’Unità Semplice Dipartimentale di Day Surgery Aziendale. Ed ancora una UOS di Ortopedia e Traumatologia Articolare con una Unità Operativa Semplice di Ortogeriatria, in cui convivranno medici, ortopedici e geriatrici, integrata con il reparto Hub di Teramo. Avremo anche un’Unità Semplice di Anestesia e Rianimazione, un laboratorio analisi con relativo adeguamento dei locali UOS, Radiodiagnostica con relativo potenziamento ed implementazione di nuove strumentazioni, realizzazione del nuovo reparto di Medicina (UOC), mentre si sta verificando anche la possibilità di inserire nel presidio ospedaliero giuliese sedute di Oculistica con il dottor Paone, responsabile dellOculistica dell’ospedale di Atri”.

Il manager della Asl teramana Di Giosia ha anche evidenziato che la riorganizzazione della rete ospedaliera è stata strutturata in modo da essere attrattiva per le nuove generazioni professionali, consentendo di utilizzare gli operatori sanitari nei vari presidi ospedalieri, in base alle necessità e alle peculiarità professionali. Il direttore generale ha poi insistito sulla necessità di un ospedale di secondo livello nella città di Teramo. 

“Ringrazio l’assessore Nicoletta Verì e il direttore dell’azienda sanitaria regionale Pierluigi Cosenza per l’impegno che stanno portando avanti in merito all’organizzazione della nostra rete ospedaliera – dichiara l’onorevole D’Eramo – stiamo assistendo ad un notevole cambio di marcia rispetto al passato, dove la vecchia politica sanitaria ha letteralmente smantellato la sanità teramana. Un ringraziamento al direttore Di Giosia per l’impegno profuso in quest’opera di ristrutturazione ed il sindaco Costantini, primo cittadino appassionato ed attento alla difesa delle esigenze della propria comunità. La politica che oggi proponiamo è fatta di concretezza, ascolto e confronto con i cittadini. Ricordiamo la funzione strategica dell’ospedale giuliese soprattutto in estate, quando la città arriva a toccare punte di 600 mila presenze. Invitiamo anche gli avversari politici all’unità e alla collaborazione u tematiche vitali come la sanità e non ad attacchi, che seppur facenti parte del gioco politico, qualora si dimostrino strumentali risultano essere solo nocivi e a tratti isterici”. 

“La sanità non è un tema da colore politico, né può essere oggetto di superficiale propaganda – dichiara il parlamentare Zennaro – ma è necessario entrare nel dettaglio ed ascoltare le esigenze dei cittadini. Negli anni abbiamo assistito allo smantellamento della struttura sanitaria giuliese, che, un po’ alla volta è stata smembrata. Oggi, invece, ci troviamo a parlare di investimenti e riqualificazione dell’ospedale, come perfettamente illustrato dal direttore Di Giosia, che voglio ringraziare, unitamente al sindaco Costantini, per l’incessante impegno”. 

“La nostra azienda sanitaria vuole investire sulla dinamicità dell’ospedale di Giulianova – dichiara il dottor Calafiore – che vada a eliminare le liste d’attesa e la mobilità passiva, con l’intento di restituire ai cittadini una struttura sanitaria che sia pratica, veloce e sicura”.

“Siamo orgogliosi che la riqualificazione della rete ospedaliera regionale parta oggi da Giulianova – dichiara il sindaco Costantini – ascoltare il direttore Di Giosia illustrare tutte le novità previste per il nostro ospedale, una serie di reparti e servizi mai visti prima, è proprio il segnale di svolta e di rilancio del nostro nosocomio, che interagirà anche con l’università. E’ finita la politica dei tagli, con un cambio di rotta che ci presenta un’offerta sanitaria in evidente crescita”. 

Abruzzo

Covid-19, a Fossacesia sindaco dispone obbligo di mascherina all’aperto e riapertura centro vaccinale

Pubblicato

il

FOSSACESIA – Il Sindaco di Fossacesia ha partecipato oggi alla riunione svoltasi in videoconferenza del Comitato Salus et Spes convocata dal Prefetto di Chieti, Armando Forgione, per far fronte alla quarta ondata di diffusione del Covid 19 in Abruzzo. “Come sempre, il Prefetto Forgione ha confermato quanto sia alta la sua attenzione verso le nostre comunità – ha affermato il Sindaco Di Giuseppantonio -. Siamo in un momento delicato e bisogna mettere in campo tutte le armi a nostra disposizione per arginare la diffusione del virus. Alla luce di quanto emerso nel confronto che si è sviluppato nel corso della riunione del Comitato e dell’invito rivolto ai sindaci dal Direttore Generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael, ho emanato l’ordinanza con la quale, per tutto il periodo delle festività natalizie, a partire dal 1 dicembre e fino 9 gennaio 2022, entra in vigore l’uso della mascherina all’aperto nella fascia oraria che va dalle 9 del mattino alle ore 22 della sera e per il rispetto delle misure sanitarie anti contagio. Ad oggi, a Fossacesia, abbiamo 13 casi di persone colpite dal Covid – sottolinea il Sindaco Di Giuseppantonio -. Il prossimo 11 dicembre, abbiamo chiesto al Direttore Schael, che ringraziamo, la riapertura del centro vaccinale nella palestra di via Primo Maggio per permettere la vaccinazione dei cittadini di Fossacesia, Mozzagrogna ,Santa Maria Imbaro e Rocca San Giovanni. Nei prossimi giorni comunicheremo le date ufficiali. Anche questa è un’altra misura necessaria, scaturita dalla lettura del report diffuso dalla Asl2 Abruzzo, dal quale si evidenzia come al 28 novembre 2021 nella nostra città vi siano fasce d’età non ancora in linea con i dati regionali. Nello specifico, gli over 80 che risultano vaccinati con almeno una dose, tocca l’85,69%, mentre il 77,71% i giovani compresi tra i 12 e 19 anni. Dobbiamo quindi alzare la media per assicurare tanto le prime, le seconde e la somministrazione di terze dosi di vaccino così come ci è stato richiesto dal Prefetto Forgione e dal Direttore Generale della Asl, Schael. A giorni convocherò una riunione con i componenti della Giunta comunale, i Capigruppo consiliari, gli operatori sanitari ed il rappresentante del gruppo Comunale di Protezione, Civile Umberto Petrosemolo, il componente del Comitato Operativo Comunale, Paolo Accettura, per disporre l’organizzazione dell’hub di via Primo Maggio e per adottare altre eventuali misure di contrasto alla quarta ondata del virus. Da domani, 1 dicembre, metteremo in grado i cittadini di potersi prenotare sulla piattaforma di Poste Italiane, recandosi presso lo sportello del Segretariato sociale, al piano terra del Municipio in Via Marina 18. Colgo l’occasione per ringraziare Rosanna D’Aversa, Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Fossacesia, che comprende le scuole di Santa Maria Imbaro e Mozzagrogna, per il grande lavoro che sta svolgendo, assieme agli insegnanti, al personale scolastico , al responsabile della Sicurezza Maria Dolores Veronesi ed ai componenti del Consiglio d’Istituto ed al suo presidente , Carlo Luciani, per contrastare i contagi e per garantire il regolare svolgimento delle lezioni in presenza”.

Continua a leggere

Abruzzo

Pericolo slavine: chiusa la Castelli-Rigopiano

Pubblicato

il

TERAMO – Dal primo dicembre e fino a nuova disposizione viene chiusa la Castelli-Rigopiano (provinciale 37). Un provvedimento che viene assunto durante il periodo invernale per il pericolo di slavine: si tratta di una strada di alta montagna inserita in un contesto orografico che presenta delle criticità da un punto di vista della sicurezza a causa delle frequenti bufere di neve. Gli sbalzi di temperatura possono creare slavine e distacchi soprattutto nelle zone di Rocce di S. Michele, Fosso Gravone e Grotte di S. Leonardo. E’ il caso di ricordare che l’intero tratto fino a Rigopiano nel territorio pescarese è interessato da un progetto Masterlpan di 6 milioni di euro pensato proprio per eliminare queste criticità. Il soggetto attuatore è la Provincia di Pescara.

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus Abruzzo, dati aggiornati al 30 novembre: oggi 149 nuovi positivi e 140 guariti

Pubblicato

il

PESCARA – Sono 149 (di età compresa tra 3 e 86 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 87651.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 2 nuovi casi (si tratta di una 91enne della provincia dell’Aquila e di un 88enne della provincia di Pescara) e sale a 2591

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 80880 dimessi/guariti (+140 rispetto a ieri).  

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 4180* (+7 rispetto a ieri). 

*(nel totale sono ricompresi anche 646 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche)

104 pazienti (-5 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 9 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 4067 (+13 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 3431 tamponi molecolari (1581137 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 14704 test antigenici (1345380). 

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 0.82 per cento. 

Del totale dei casi positivi, 22326 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+52 rispetto a ieri), 22057 in provincia di Chieti (+46), 20807 in provincia di Pescara (+16), 21611 in provincia di Teramo (+33), 709 fuori regione (+2) e 141 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy